HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

11 minut











Che il grande colpo ti faccia saltare occhi e orecchie, in ottanta minuti, ad incastro. Basta così.
Perché il ritorno alla regia del maestro Jerzy Skolimowski, a cinque anni da Essential Killing, pone già alle radici le basi di una detonazione annunciata, suggerisce (o urla) che dal primo secondo all'ultimo il meccanismo non si arresterà, come a dichiarare preventivamente che conviene lasciarsi travolgere senza troppi pensieri, senza stare a puntare il dito nella speranza di poter dettare o dilatare i tempi.
La trama è una tela intrisa di prospettivismo: l'idea, che non è certo nuova (come se fosse il caso di porsi il problema dell'originalità), è quella di offrire un ventaglio di vicende apparentemente scollegate, delimitandole in un arco temporale ben preciso (questi fatali undici minuti) e puntando ad irrobustirne la tensione narrativa fino ad un deragliamento finale che tenga insieme tutti i fili proposti (un deragliamento che paradossalmente dovrebbe fungere da stazione o da approdo sicuro più che da incidente).
Così si spazia da pornostar e produttori maiali a gelosia coniugale e tradimenti, da corse disperate in ambulanza a pedofili riabilitati socialmente alla vendita di hot dog, tutto in funzione di un fine più alto: la scrittura e la realizzazione è quasi di servizio ad un sistema (azzardato, sempre e comunque) che mira non tanto all'intrattenimento nudo e crudo, anche perché è difficile credere che a Skolimowski importi, bensì a produrre un tonfo così assordante da aprire un varco, uno spaccato, una breccia alla fortezza del nostro personale, sconfinato solipsismo.
Così abbiamo scoperto che al maestro polacco il determinismo piace proprio in tutto e per tutto, è quasi un fil rouge che guida lo spettatore attraverso un mondo di grigiume in cui le pulsioni, se esistono, non sono che consequenzialmente votate alla strage. Ed ecco il centro della riflessione: l'idea madre che fa esplodere la pellicola (in tutti i sensi, perché in ogni suo aspetto, anche sonoro, è proprio prepotente) è che tutta l'estetica del nostro mondo possa essere ricondotta al crollo, alla caduta o più precisamente alla catastrofe.
Il film sembra indicare che tutta la grande macchina umana, tutto il grande giocattolo urbano e sociale che ospita quotidianamente le vite di tutti noi, sia un'invenzione che deve necessariamente inglobare in sé l'idea della propria distruzione o auto-distruzione.
La nota forse stonata è che Skolimowki getta qua e là, senza la dovuta convinzione (forse a ragion veduta) le esche di una forza pseudo-occulta superiore a cui spera abbocchino un po' tutti. Ma il complottismo scientifico o la deriva mistica non hanno granché da spartire con il muscoloso labirinto che in “11 Minut” viene costruito.
Ed è vero, come si è vociferato a più riprese dopo le anteprime stampa, che i personaggi e le loro vicende personali hanno toni grotteschi e poco sviluppati (per farla breve non esiste alcun tipo di introspezione, i loro mondi interiori sono azzoppati, tutto per favorire il tecnicismo ad effetto) ma sembra altrettanto evidente che l'autore non abbia vissuto la questione come un problema e che il film non senta affatto la mancanza di drammucci da camera.
In fondo, come si può esigere della poesia da un lavoro che va proprio ad illustrarne la totale assenza? Come ci si può aspettare ascesi da una bomba ad orologeria? Quando scade il tempo, quando passano gli undici minuti, salta in aria tutto e basta. Anche questa è una forma di ricerca estetica, più attuale che mai. Interrogare Heiner Müller per conferma.

La frase:
- "In quel punto c'era una porta"
- "Quale porta?"
- "La porta d'uscita".

a cura di Riccardo Favaro

Scrivi la tua recensione!



FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Midway | Una canzone per mio padre | Un valzer tra gli scaffali | Drive me Home | Gli uomini d'oro | Light of My Life | Burning - L'Amore Brucia | Grazie a Dio | The Irishman | Lou Von Salomé | Cetto c'è senzadubbiamente | L'ufficiale e la spia | Nureyev - The White Crow | L'uomo che uccise Don Chisciotte | Martin Eden | Miserere | In her shoes - Se fossi lei | La Famosa Invasione degli Orsi in Sicilia | Citizen Rosi | Sulla mia pelle | La famiglia Addams (NO 3D) | Daitona | Il mio profilo migliore | L'uomo fedele | Come se non ci fosse un domani | Aspromonte - La terra degli ultimi | Stanlio e Ollio | Doctor Sleep | L'uomo che comprò la luna | Maleficent - Signora del Male (NO 3D) | IRA | Le ragazze di Wall Street - Business Is Business | Il ritratto negato | Light of My Life (V.O.) | Il colpo del cane | Motherless Brooklyn - I Segreti di una Città | Tutti i ricordi di Claire | Bernini | I morti non muoiono | Parasite (V.O.) | Le Mans '66 - La grande sfida | La donna che visse due volte | Solo cose belle | Psicomagia - Un'arte per guarire | La Belle Époque | Gloria Bell | La fattoria dei nostri sogni | Il cielo sopra Berlino | Storia di un Matrimonio | Depeche Mode: Spirits In The Forest | The Irishman (V.O.) | La Belle Époque (V.O.) | Yesterday (V.O.) | L'ufficiale e la spia (V.O.) | Gemini Man (V.O.) | The Bra - Il reggipetto | L'uomo del labirinto | L'età giovane (V.O.) | La vita invisibile di Eurídice Gusmão | La Scomparsa di mia Madre | Countdown | Il Sindaco del Rione Sanità | La rosa bianca - Sophie Scholl | Brave ragazze | Le ragazze di Wall Street - Business Is Business (V.O.) | Il campione | Antropocene - L'epoca umana | Ad Astra | Storia di un Matrimonio (V.O.) | Le verità | Grandi bugie tra amici | Ploi | Downton Abbey (V.O.) | Finchè morte non ci separi | Troppa grazia | Le Mans '66 - La grande sfida (V.O.) | Downton Abbey | Joker (V.O.) | Aquile randagie | Mio fratello rincorre i dinosauri | Motherless Brooklyn - I Segreti di una Città (V.O.) | Joker | Il Piccolo Yeti | Yuli - Danza e libertà | E Poi c'è Katherine | Parasite | Green book | Terminator: Destino Oscuro | Yesterday | Tutto il mio folle amore | L'età giovane | C'era una volta...a Hollywood (V.O.) | Jesus Rolls - Quintana è tornato | Ailo - Un'avventura tra i ghiacci | Pupazzi alla Riscossa - UglyDolls | Sono Solo Fantasmi | Zombieland - Doppio Colpo (V.O.) | C'era una volta...a Hollywood | Il giorno più bello del mondo | Zombieland - Doppio Colpo | La donna che visse due volte (V.O.) | Cafarnao - Caos e miracoli | Attraverso i miei occhi | I migliori anni della nostra vita | Deep - Un'avventura in fondo al mare | Pepe Mujica, una vita suprema | Sherlock Jr. vs. The Kid |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Un Giorno di Pioggia a New York (2019), un film di Woody Allen con Timothée Chalamet, Elle Fanning, Selena Gomez.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: