HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Alì ha gli occhi azzurri











Il documentario del 2009 "Fratelli d’Italia" di Claudio Giovannesi ora diventa un film, in cui però solo il terzo capitolo dell’opera è preso in considerazione dal regista. L’amore proibito ed ostacolato del sedicenne egiziano nato a Roma, Nader Sarhan, catturano l’attenzione e il cuore di Giovannesi, che racconta l’integrazione dal punto di vista degli immigrati e al tempo stesso osserva i conflitti interiori degli adolescenti di periferia, che devono fare i conti con se stessi e con due culture a volte diametralmente opposte.
"Alì ha gli occhi azzurri", in concorso alla 7° edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, è una storia toccante, commovente e delicata con vene di lirismo che richiamano alla memoria i versi del poeta, giornalista, regista, sceneggiatore, attore, paroliere e scrittore Pier Paolo Pasolini (Bologna, 1922 – Roma, 1975) cui è appunto ispirato il film. Il vate italiano, infatti, nella poesia "Profezia" del 1964 racconta le vicende del mondo contemporaneo, l’avvento di una società multiculturale e lo fa con sicurezza e lucidità. Sono questi gli elementi, è questo lo spirito che Giovannesi cerca di cogliere e far suo in questo lungometraggio, anche se in parte se ne discosta evitando descrizioni con forti accenti estetici, anzi cerca il realismo più crudo, ispirandosi al vissuto dello stesso protagonista e dei suoi amici. Come ha spiegato lo stesso Nader Sarhan: "C'é molto della mia realtà in questo film. Da ragazzo portavo davvero le lenti a contatto azzurre e questo, per sembrare italiano. Oggi invece sono fiero di essere egiziano. […] Mia madre è contraria al fatto che io stia con una italiana ed io, allo stesso tempo, non accetto che mia sorella stia con un italiano. In questo sono arabo". Attraverso le fotografie di Daniele Ciprì, il regista cerca di catturare la realtà e le sensazioni e così rinuncia alla luce artificiale e alle accortezze scenografiche per mostrare la "crudezza" del mondo che circonda questo giovane, che si ribella ai genitori e cerca di mediare fra due culture, quella italiana e quella araba. Sono raccontati sette giorni della sua vita, dalla scuola frequentata da molti figli di immigrati ad Ostia ai locali dove i ragazzi vanno per marinare lo studio, ma proprio in uno di questi vagabondaggi Alì si trova coinvolto in un qualcosa ben più grande di lui. Vuole affermare se stesso, dimostrare di essere già grande e capace di scegliere la propria vita, ma non si rende conto di come questo suo atto di ribellione lo stia portando verso un baratro oscuro fatto di delinquenza e di solitudine. Alì accetta solo in parte la sua cultura egiziana, la sua religione musulmana e cerca di contrastare gli ordini, i precetti familiari e culturali e lo fa portando delle lenti azzurre in modo da potersi vedere più italiano.
L’incanto però dura poco e l’amore per una ragazza italiana scatena in lui un contrasto violento, diventa una voce che grida contro il mondo la sua disperazione, ma è un grido inconscio e sordo, non riesce a rendersi conto ancora di cosa comportano le sue azioni e dunque si perde, sgretolandosi lentamente, così come lo stesso film, che nella sua parte finale sembra disintegrarsi totalmente. "Alì ha gli occhi azzurri" si trasforma in un viaggio di formazione alla ricerca di se stessi, un’avventura che dura sette giorni che denuncia, anche se sommessamente, la crisi di valori e lo smarrimento dovuto non solo all’adolescenza, ma soprattutto allo scontro fra generazioni e culture diverse. Da qui la scelta di Giovannesi di avere una telecamera mobile che cambia angolazione in base ai movimenti dei personaggi, per imprimere e sottolineare i loro stati d’animo. E’ come un inseguimento scandito dalla luce e dall’ombra, dal giorno e dalla notte, alla ricerca di se stessi... un cammino che si conclude esattamente il settimo giorno, un riferimento decisamente escatologico.

La frase:
- "Come si fa a lasciare un figlio fuori casa, so’ proprio arabi"
- "Perché tu che sei?"
- "So’ italiano".

a cura di Federica Di Bartolo

Scrivi la tua recensione!



FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
L'esorcismo di Hannah Grace | Ricomincio da me | L'Insulto | Maria, Regina di Scozia | Parlami di te | La notte è piccola per noi - Director's Cut | Gloria Bell | Manifesto (V.O.) | The Vanishing - Il Mistero del Faro | Sara e Marti - Il Film | Widows - Eredità criminale | Vengo anch'io | Nessun Uomo è un'Isola | Il professore cambia scuola | 7 uomini a mollo | Boy Erased - Vite cancellate (V.O.) | La douleur | Domani è un altro giorno | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità | Il colpevole - The Guilty | Lontano da qui | Il testimone invisibile | Suspiria | Ultimo tango a Parigi | Rex - Un Cucciolo a Palazzo | Opera senza autore | Dragon Ball Super: Broly - Il Film | Vice - L'uomo nell'ombra | Captain Marvel | La promessa dell'alba | Boy Erased - Vite cancellate | La donna elettrica | Free Solo (V.O.) | La paranza dei bambini | Non sposate le mie figlie! | La favorita (V.O.) | L'incredibile viaggio del Fachiro | Modalità aereo | Klimt e Schiele - Eros e Psiche | Dove bisogna stare | Cocaine - La vera storia di White Boy Rick | Detective per caso | Il carillon | Free Solo | BlacKkKlansman | Bohemian Rhapsody | In viaggio con Adele | Colette | Gloria Bell (V.O.) | Il primo re | Diabolik sono io | La Casa di Jack (V.O.) | Alexander McQueen - Il genio della moda | Green book | Dragon Trainer - Il Mondo Nascosto (NO 3D) | Escape Room (V.O.) | La favorita | La Casa di Jack | Saremo giovani e bellissimi | Mia e il Leone Bianco | Sofia | Nelle tue mani | Notti magiche | L'agenzia dei bugiardi | Il gioco delle coppie | Non sposate le mie figlie 2 (V.O.) | Jules e Jim (V.O.) | Spider-Man: Un Nuovo Universo (NO 3D) | Escobar - Il fascino del male | Le nostre battaglie | Visages villages | Kusama: Infinity | Il Sole Sulla Pelle | Il Corriere - The Mule (V.O.) | La mia seconda volta | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | I villeggianti (V.O.) | Ognuno ha diritto di amare - Touch Me Not | Tonya | Pearl Harbor | Jules e Jim | Gli equilibristi | Asterix e il Segreto della Pozione Magica | Tutti lo sanno | Se la strada potesse parlare | City of Lies - L'ora della verità | Ancora auguri per la tua morte | Mountain | Un valzer tra gli scaffali | Suspiria (V.O.) | La melodie | Il Corriere - The Mule | Tutti in piedi | Old Man & the Gun | Non sposate le mie figlie 2 | Alita: Angelo della battaglia (NO 3D) | Mamma + Mamma | Santiago, Italia | Momenti di trascurabile felicità | La casa delle bambole - Ghostland | Un viaggio a quattro zampe | La fuga | Canova | Westwood: Punk, Icon, Activist | Ascensore per il patibolo | Green book (V.O.) | Auguri per la tua morte | I villeggianti | 9 dita | Croce e Delizia | Wunderkammer - Le stanze della meraviglia | Crucifixion - Il Male è Stato Invocato | Ben Is Back | The Lego Movie 2: Una Nuova Avventura (NO 3D) | C'era una volta il Principe Azzurro | Escape Room | 10 giorni senza mamma | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | Captain Marvel (V.O.) | Copia originale (V.O.) | Il coraggio della verità | Cold war | Tuo, Simon | UP | Captain Marvel (NO 3D) | Sofia (V.O.) | Cosa dirà la gente | Transfert | Copia originale | In the Same Boat | Non ci resta che il crimine | Roma | C'è tempo | Vice - L'uomo nell'ombra (V.O.) | Roma (V.O.) | Un uomo tranquillo |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per A un metro da te (2019), un film di Justin Baldoni con Cole Sprouse, Haley Lu Richardson, Claire Forlani.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: