FilmUP.com > Recensioni > Almost Dead
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Almost Dead

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Rosanna Donato28 novembre 2017Voto: 6.5
 

  • Foto dal film Almost Dead
  • Foto dal film Almost Dead
  • Foto dal film Almost Dead
  • Foto dal film Almost Dead
  • Foto dal film Almost Dead
  • Foto dal film Almost Dead
Nell’immaginario collettivo è difficile di questi tempi pensare che un horror “italiano” possa colpire davvero il pubblico, e in diversi modi, ma il regista Giorgio Bruno è riuscito a realizzare un’opera di respiro internazionale ben collaudata in tutte le sue componenti: “Almost Dead”. La pellicola vede protagonista Hope (il nome si rivelerà adatto alla situazione in cui si troverà coinvolta), una donna che, dopo un grave incidente automobilistico, si ritrova da sola in un bosco. Non ha idea di cosa sia successo, la sua memoria è stata compromessa, ma ben presto si renderà conto di trovarsi di fronte ad un’apocalisse zombie, dove un antidoto potrebbe essere l’unica soluzione perché non diventi anche lei come gran parte della popolazione.

Giorgio Bruno dirige in modo egregio Aylin Prandi (Hope Walsh), protagonista indiscussa dello zombie-movie. Lo fa attraverso una varietà di inquadrature che mirano a creare una maggiore dose di suspense nel pubblico e a far emergere le emozioni provate da Hope nel corso della narrazione. Il film è caratterizzato da un ritmo narrativo incalzante, che permette di mantenere l’attenzione dello spettatore per tutta la sua durata. Questo, non solo grazie alle scelte stilistiche di Bruno, ma anche per la tensione (talvolta eclissata dalla banalità dei fatti) che quest’ultimo è stato in grado di creare. “Almost Dead” si avvale di una sceneggiatura minimale, che trova spazio quasi interamente solo attraverso un cellulare, quello di Hope. Quest’ultima riesce a mettersi in contatto con la sorella, anche sua collega di lavoro, la quale le spiega quanto accaduto, omettendo però alcuni particolari di estrema rilevanza. Perché è iniziata la rivolta? Cos’è e dove si trova l’antidoto? Tutte domande le cui risposte verranno date man mano che si prosegue con la narrazione. Al di là di ciò, però, “Almost Dead” presenta anche degli aspetti negativi: la presenza di stereotipi del genere horror, come il luogo isolato, l’epidemia che prende forma, l’aspetto degli zombie, un antidoto come ultima speranza nel momento in cui la protagonista rischia la vita. Tutti elementi che, a quanto pare, per i registi non dovrebbero mai mancare, e forse hanno ragione quando si parla di zombie-movie.

Non manca quindi la banalità nella pellicola di Giorgio Bruno, che si accompagna spesso ad una prevedibilità evidente. Eppure, nonostante ciò, il film riesce nell’intento di intrattenere il suo pubblico. Forse proprio perché presenta tutte le caratteristiche tipiche del thriller, anche se di horror ha ben poco. Non vi sono scene che portano un possibile spettatore a saltare sulla sedia e, quando sembrano esserci, la tensione viene smorzata dalla sua prevedibilità.
Certo, non sai sempre cosa potrebbe succedere di lì a poco, ma sai quando aspettarti qualcosa. Da elogiare è invece la fotografia nitida, composta di tonalità scure e fredde, che creano un’atmosfera decisamente cupa, come d’altronde vuole il genere di appartenenza. Il regista non ha voluto dare troppa importanza agli effetti speciali, ma la costruzione cinematografica degli zombie è di buon livello. È difficile intrattenere il pubblico quando la storia di svolge quasi del tutto in un unico ambiente, ricordando così il film “Buried - Sepolto”. Se in quest’ultima pellicola il protagonista è chiuso in una bara sotto terra con l’unica compagnia del cellulare, in “Almost Dead” la donna resta per tutto il tempo (o quasi) dentro un’auto per evitare di essere morsa da uno zombie. Ad entrambi, tra l’altro, aspetta un destino beffardo, che sarà rivelato solo nell’amaro finale. È quello che cerca di fare sin dall’inizio: evitare l’epidemia. Ma non sempre ciò che si vuole è possibile. Colpisce inoltre l’attenzione al dettaglio per quanto riguarda ambienti, personaggi e dialoghi.
Non spicca invece per la sua bravura Aylin Prandi, molto espressiva nei momenti intensi, ma poco credibile nelle scene in cui il dialogo la fa da padrone. Infine, il tema su cui poggia l’intero lungometraggio di Bruno è il classismo che caratterizza la società odierna, dove solo i benestanti meriterebbero l’antidoto per salvarsi, mentre tutti gli altri sarebbero destinati a morire.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
The Reunion | A Ciambra | L'ape Maia - Le olimpiadi di miele | First Man - Il primo uomo (V.O.) | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (V.O.) | Widows - Eredità criminale (V.O.) | In guerra (V.O.) | Opera senza autore | A Private War | Alpha - Un'amicizia forte come la vita | I segreti di Wind River | Ride (di Jacopo Rondinelli) | Il maestro di violino | Red Land (Rosso Istria) | Lontano da qui | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | Macchine mortali | Bohemian Rhapsody (V.O.) | The Children Act - Il verdetto | Il Grinch | Zanna Bianca (NO 3D) | Tutti lo sanno | Tre volti | Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza | Una storia senza nome | Senza lasciare traccia | Lazzaro Felice | Corpo e anima | Michelangelo - Infinito | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (NO 3D) | Macchine mortali (NO 3D) | Il complicato mondo di Nathalie | Fiore ribelle | La vendetta di un uomo tranquillo | 2001: Odissea nello spazio | The Wife - Vivere nell'ombra | Roma (V.O.) | Troppa grazia | Lucky | Se son rose | La strada di Levi | Johnny English colpisce ancora | Bohemian Rhapsody | La donna elettrica | Santiago, Italia | Tonya | Styx | A Star Is Born | Le Fidèle | I Villani | Quasi nemici - L'importante è avere ragione | Omicidio al Cairo | Widows - Eredità criminale | First Man - Il primo uomo | Baffo & Biscotto - Missione Spaziale | Menocchio | Il Banchiere Anarchico | Angel face | Halloween | Sulle sue spalle (V.O.) | Non dimenticarmi | Hell Fest | Ora e sempre riprendiamoci la vita | Il mistero della casa del tempo | Lo schiaccianoci e i quattro regni (NO 3D) | Morto tra una settimana... o ti ridiamo i soldi | Charley Thompson | Ti presento Sofia | Colette (V.O.) | Born into Brothels | Cosa fai a Capodanno? | Il dubbio - Un caso di coscienza | L'appartamento | Gli Incredibili 2 (NO 3D) | Ovunque proteggimi | Il castello di vetro | La casa delle bambole - Ghostland | Non ci resta che vincere | Isabelle | Colette | Il testimone invisibile | La fuitina sbagliata | Questione di cuore | Isis, tomorrow. The lost souls of Mosul | Conta su di me | Chesil Beach - Il segreto di una notte | Alpha - Un'amicizia forte come la vita (NO 3D) | Come un gatto in tangenziale | Robin Hood - L'origine della leggenda | Summer | Euforia | Un nemico che ti vuole bene | Verso un altrove | Un piccolo favore | Hotel Gagarin | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | Il Grinch (NO 3D) | Ride | In guerra | Il mio nome e' Khan | Un giorno all'improvviso | L'uomo che rubò Banksy | Conversazione su Tiresia | La Casa dei Libri | Richard - Missione Africa | Conversazioni Atomiche | Sulle sue spalle | Papa Francesco - Un uomo di parola | In viaggio con Adele | La Strega Rossella e Bastoncino | Up&Down - Un film normale | La prima pietra | Roma | L'altra metà della storia | Mary Shelley - Un amore immortale (V.O.) | Il vizio della speranza |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Mowgli - Il Figlio della Giungla (2019), un film di Andy Serkis con Rohan Chand, Matthew Rhys,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: