FilmUP.com > Recensioni > Ammore e malavita
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Ammore e malavita

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Rosanna Donato06 settembre 2017Voto: 7.0
 

  • Foto dal film Ammore e malavita
  • Foto dal film Ammore e malavita
  • Foto dal film Ammore e malavita
  • Foto dal film Ammore e malavita
  • Foto dal film Ammore e malavita
  • Foto dal film Ammore e malavita
In Concorso alla 74a Mostra d’Arte del Cinema di Venezia, “Ammore e Malavita” dei Manetti Bros. rappresenta una sorta di novità per il cinema nostrano presentato ad un Festival internazionale, trattandosi di un musical. Ambientato a Napoli e interpretato tra i tanti da Claudia Gerini, Carlo Buccirosso, Giampaolo Morelli e Serena Rossi, il film vede protagonista Ciro. Quest’ultimo è un temuto killer che, insieme a Rosario, è una delle due “tigri” al servizio di don Vincenzo e della sua astuta moglie, donna Maria. Fatima è una sognatrice, una giovane infermiera. Due mondi in apparenza così distanti, ma destinati a incontrarsi, di nuovo. Una notte Fatima si trova nel posto sbagliato al momento sbagliato: a Ciro, infatti, viene dato l’incarico di sbarazzarsi di quella ragazza che ha visto troppo, ma le cose non andranno come previsto quando si troveranno faccia a faccia.
La commedia musicale dei Manetti Bros. è in linea con lo stile adottato nel loro precedente film “Song’e Napoli”, anche se in questo caso i due registi hanno voluto osare ancora di più. Divertente e vicino ai film di genere, è in grado di indirizzare il pubblico verso alcune riflessioni sociali, nonostante talvolta risulti fin troppo prolisso. È bene ricordare che i due registi non hanno mai abbandonato i linguaggi tipici del cinema popolare, ma anzi ne hanno fatto la loro forza, o almeno ci hanno provato. In “Ammore e Malavita”, infatti, il risultato finale è apparso esageratamente sopra le righe, anche se l’ambientazione - Napoli - è adatta al registro da loro utilizzato. Definito il “La La Land italiano”, il film musicale prende ispirazione dal più celebre musical del 1978, “Grease”. Ottime, studiate nei dettagli ed esilaranti le coreografie (azzeccano tempi e ritmi) ballate da tutti i personaggi presenti nella pellicola, a partire da Claudia Gerini, la donna del boss, e Serena Rossi, la giovane innamorata. Si nota, infatti, un buon affiatamento tra i membri del cast, sia durante le scene meno dinamiche o comunque poco incisive - nel film sono anche presenti lunghi dialoghi e scene d’azione, che si alternano con le musiche, le cui parole sono state riscritte appositamente per “Ammore e Malavita” - sia per quanto riguarda la parte più creativa, quella cantata e ballata.
A colpire in particolare modo è l’inizio del lungometraggio dei Manetti Bros., di quello che sarebbe potuto essere un capolavoro se solo potessimo basarci soltanto sulle prime scene. Se da una parte la trama è interessante (se non altro perché è qualcosa di nuovo nel cinema italiano) e i registi delineano una realtà ben definita, dall’altra emergono molti difetti a livello di regia: non è chiaro, infatti, il motivo per cui i Manetti abbiano intenzionalmente deciso di puntare all’eccesso, mostrando scene a dir poco grottesche e per nulla necessarie, o meglio, che potevano essere sviluppate in maniera più sobria. Eppure, nonostante questo, la pellicola colpisce l’occhio e il cuore del pubblico, che ride, ne resta affascinato e si emoziona con i protagonisti della storia, tutti perfettamente in parte e credibili, ma soprattutto divertenti. L’emozione che potrebbe raggiungere lo spettatore è anche merito della sublime colonna sonora, che vanta anche la presenza di una cover di “What a feeling” (“Flashdance”).
“Ammore e Malavita” è un buon prodotto, realizzato in chiave “dark”, che manca però di un maggior rigore e cinismo. Da notare è anche la mancanza parziale di un vero e proprio equilibrio tra gli elementi che compongono la pellicola musicale, come se i registi avessero messo troppa carne al fuoco e si fossero persi tra i vari generi: dal kitsch televisivo e dialettale alla sceneggiata napoletana, dal crime movie al musical.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Red Land (Rosso Istria) | Bohemian Rhapsody | Vice - L'uomo nell'ombra | Glass (V.O.) | Non ci resta che vincere | La signora dello zoo di Varsavia | Lontano da qui | Summer | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità (V.O.) | Spider-Man: Un Nuovo Universo (NO 3D) | Chesil Beach - Il segreto di una notte | Green book | La diseducazione di Cameron Post | The Children Act - Il verdetto | Una notte di 12 anni (V.O.) | Mia e il Leone Bianco | Un Affare di Famiglia | Glass | Separati ma non troppo | Widows - Eredità criminale | La profezia dell'armadillo | Lazzaro Felice | Gli Invisibili | Attenti al gorilla | Away from her - Lontano da lei | First Man - Il primo uomo | Notti magiche | Una notte di 12 anni | Il cerchio | A Star Is Born | BlacKkKlansman | Euforia | Santiago, Italia | Una storia senza nome | Mary Shelley - Un amore immortale | Michelangelo - Infinito | Tutti in piedi | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | Il vizio della speranza | Bumblebee (NO 3D) | City of Lies - L'ora della verità | Lo schiaccianoci e i quattro regni (NO 3D) | Mountain | Bohemian Rhapsody - Sing along | Ricomincio da me | Voglio mangiare il tuo pancreas | 1945 | Nelle tue mani | La donna elettrica (V.O.) | 1938 - Diversi | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (NO 3D) | Cold war | 7 uomini a mollo | Non ci resta che piangere | La douleur | Roma | Suspiria | Colette | Il mio Capolavoro | Tutti lo sanno | Il Grinch (NO 3D) | Old Man & the Gun (V.O.) | Il saluto - La storia che nessuno ha mai raccontato | Disobedience | Moschettieri del Re - La penultima missione | Old Man & the Gun | La Befana vien di notte | Troppa grazia | Mathera - L'Ascolto dei Sassi | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità | Tonya | Ralph Spacca Internet (NO 3D) | Ralph Spacca Internet | Un piccolo favore | Aquaman | Non ci indurre in tentazione | Museo - Folle Rapina A Città Del Messico | M.i.a. - La cattiva ragazza della musica | Il maestro di violino | The Wife - Vivere nell'ombra | Il gioco delle coppie | Lady Bird | Un sacchetto di biglie | Non ci resta che il crimine | Quasi nemici - L'importante è avere ragione | Cold war (V.O.) | Aquaman (NO 3D) | Robin Hood - L'origine della leggenda | Ben Is Back | Suspiria (1977) | Maria, Regina di Scozia | Io sono Tempesta | Exit Through the Gift Shop | Bohemian Rhapsody (V.O.) | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | Ti presento Sofia | Benvenuti a Marwen | Il ritorno di Mary Poppins | Alpha - Un'amicizia forte come la vita (NO 3D) | Il complicato mondo di Nathalie | La melodie | Gli uccelli | Capri-Revolution | Roma (V.O.) | In guerra | La donna elettrica | Vice - L'uomo nell'ombra (V.O.) | Suspiria (V.O.) | Tre volti | Il testimone invisibile | Il gioco delle coppie (V.O.) | La donna dello scrittore | Suburbicon | Maria, Regina di Scozia (V.O.) | La douleur (V.O.) | Un marito a metà | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (V.O.) | Dove bisogna stare | Banksy Does New York | A Beautiful Day | L'agenzia dei bugiardi | La Strega Rossella e Bastoncino | Amici come prima | La favorita (V.O.) | Senza lasciare traccia |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per La notte è piccola per noi - Director's Cut (2018), un film di Gianfrancesco Lazotti con Michela Andreozzi, Francesca Antonelli, Cristiana Capotondi.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: