Leonardo.it

FilmUP.com > Recensioni > Ammore e malavita
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Ammore e malavita

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Rosanna Donato06 settembre 2017Voto: 7.0
 

  • Foto dal film Ammore e malavita
  • Foto dal film Ammore e malavita
  • Foto dal film Ammore e malavita
  • Foto dal film Ammore e malavita
  • Foto dal film Ammore e malavita
  • Foto dal film Ammore e malavita
In Concorso alla 74a Mostra d’Arte del Cinema di Venezia, “Ammore e Malavita” dei Manetti Bros. rappresenta una sorta di novità per il cinema nostrano presentato ad un Festival internazionale, trattandosi di un musical. Ambientato a Napoli e interpretato tra i tanti da Claudia Gerini, Carlo Buccirosso, Giampaolo Morelli e Serena Rossi, il film vede protagonista Ciro. Quest’ultimo è un temuto killer che, insieme a Rosario, è una delle due “tigri” al servizio di don Vincenzo e della sua astuta moglie, donna Maria. Fatima è una sognatrice, una giovane infermiera. Due mondi in apparenza così distanti, ma destinati a incontrarsi, di nuovo. Una notte Fatima si trova nel posto sbagliato al momento sbagliato: a Ciro, infatti, viene dato l’incarico di sbarazzarsi di quella ragazza che ha visto troppo, ma le cose non andranno come previsto quando si troveranno faccia a faccia.
La commedia musicale dei Manetti Bros. è in linea con lo stile adottato nel loro precedente film “Song’e Napoli”, anche se in questo caso i due registi hanno voluto osare ancora di più. Divertente e vicino ai film di genere, è in grado di indirizzare il pubblico verso alcune riflessioni sociali, nonostante talvolta risulti fin troppo prolisso. È bene ricordare che i due registi non hanno mai abbandonato i linguaggi tipici del cinema popolare, ma anzi ne hanno fatto la loro forza, o almeno ci hanno provato. In “Ammore e Malavita”, infatti, il risultato finale è apparso esageratamente sopra le righe, anche se l’ambientazione - Napoli - è adatta al registro da loro utilizzato. Definito il “La La Land italiano”, il film musicale prende ispirazione dal più celebre musical del 1978, “Grease”. Ottime, studiate nei dettagli ed esilaranti le coreografie (azzeccano tempi e ritmi) ballate da tutti i personaggi presenti nella pellicola, a partire da Claudia Gerini, la donna del boss, e Serena Rossi, la giovane innamorata. Si nota, infatti, un buon affiatamento tra i membri del cast, sia durante le scene meno dinamiche o comunque poco incisive - nel film sono anche presenti lunghi dialoghi e scene d’azione, che si alternano con le musiche, le cui parole sono state riscritte appositamente per “Ammore e Malavita” - sia per quanto riguarda la parte più creativa, quella cantata e ballata.
A colpire in particolare modo è l’inizio del lungometraggio dei Manetti Bros., di quello che sarebbe potuto essere un capolavoro se solo potessimo basarci soltanto sulle prime scene. Se da una parte la trama è interessante (se non altro perché è qualcosa di nuovo nel cinema italiano) e i registi delineano una realtà ben definita, dall’altra emergono molti difetti a livello di regia: non è chiaro, infatti, il motivo per cui i Manetti abbiano intenzionalmente deciso di puntare all’eccesso, mostrando scene a dir poco grottesche e per nulla necessarie, o meglio, che potevano essere sviluppate in maniera più sobria. Eppure, nonostante questo, la pellicola colpisce l’occhio e il cuore del pubblico, che ride, ne resta affascinato e si emoziona con i protagonisti della storia, tutti perfettamente in parte e credibili, ma soprattutto divertenti. L’emozione che potrebbe raggiungere lo spettatore è anche merito della sublime colonna sonora, che vanta anche la presenza di una cover di “What a feeling” (“Flashdance”).
“Ammore e Malavita” è un buon prodotto, realizzato in chiave “dark”, che manca però di un maggior rigore e cinismo. Da notare è anche la mancanza parziale di un vero e proprio equilibrio tra gli elementi che compongono la pellicola musicale, come se i registi avessero messo troppa carne al fuoco e si fossero persi tra i vari generi: dal kitsch televisivo e dialettale alla sceneggiata napoletana, dal crime movie al musical.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Nico, 1988 | Loving Vincent | Raffaello - Il principe delle Arti | Kong: Skull Island (NO 3D) | La vita in comune | Paddington 2 | Seven Sisters | Cattivissimo me 3 (NO 3D) | Una Donna Fantastica | Il mio Godard | Ogni tuo respiro | Vittoria e Abdul | Mazinga Z - Infinity | Star Wars: Il Risveglio della Forza (NO 3D) | Nut Job 2: Tutto molto divertente | La ruota delle meraviglie | In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi | Finché c'è prosecco c'è speranza | Una doppia verità | Happy End | La Tenerezza | My Little Pony: Il Film | Assassinio sull'Orient Express (V.O.) | Noi Siamo Tutto | Il Premio | Capitan Mutanda: Il film (NO 3D) | La battaglia dei sessi (V.O.) | Blade Runner 2049 (NO 3D) | L'ordine delle cose | Rosso Istanbul | La fuga | Amori che non sanno stare al mondo | Gatta Cenerentola | Il domani tra di noi | Nut Job - Operazione Noccioline (NO 3D) | Ammore e malavita | Revolution - La Nuova Arte per un Mondo Nuovo | Lion - La strada verso casa | La lucida follia di Marco Ferreri | L'altra metà della storia | La scoperta dell'alba | Star Wars: Gli ultimi Jedi (NO 3D) | Madre! | Ritorno in Borgogna | Gifted - Il dono del talento | Gli sdraiati | L'inganno | The Void - Il vuoto | Glory - Non c'è tempo per gli onesti | Super vacanze di Natale | Bad Moms 2 - Mamme molto più cattive | La ragazza nella nebbia | Star Wars: Gli ultimi Jedi | Manifesto (V.O.) | Walk with Me | Personal Shopper | L'arte viva di Julian Schnabel | Detroit (V.O.) | L'Insulto | Moda Mia | My Name Is Emily | Suburbicon (V.O.) | Aspettando il Re | Transamerica | L'intrusa | La signora dello zoo di Varsavia | Mr. Ove | Silence | Good Time | La botta grossa | Poveri ma ricchissimi | Valerian e La città dei Mille Pianeti (NO 3D) | Il colore nascosto delle cose | Paterson | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | Due sotto il burqa | Justice League (NO 3D) | Suburbicon | Gramigna | Due sotto il burqa (V.O.) | The Startup - Accendi il tuo futuro | Thor: Ragnarok (NO 3D) | Le energie invisibili - Da Milano a Roma in cammino | Loveless | Gli eroi del Natale | Caccia al tesoro | Veleno | Bosch - Il giardino dei sogni | L'equilibrio | Borg McEnroe | Anime nere | Star Wars: Gli ultimi Jedi (V.O.) | Natale da Chef | Il Gruffalò & Gruffalò e la sua Piccolina | Egon Schiele: Death and the Maiden | Assassinio sull'Orient Express | Non uno di meno | The Square | Gomorra 3 - La serie | Sami Blood | Interceptor | Manifesto | Il palazzo del Viceré | The Place | The Teacher | La battaglia dei sessi | Tutto quello che vuoi | Vite al Centro | Detroit | Moonlight | Mistero a Crooked House | The Big Sick - Il matrimonio si può evitare, l'amore no | L'incredibile vita di Norman | Terapia di coppia per amanti | La forma della voce | Il diritto di contare | Auguri per la tua morte | Flatliners - Linea mortale | Dunkirk | Life, Animated | Lasciati Andare | Smetto quando voglio - Ad Honorem | Daddy's Home 2 | Io sono Li | La ruota delle meraviglie (V.O.) | 50 Primavere | Il Grande Dittatore |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per The Greatest Showman (2017), un film di Michael Gracey con Zendaya, Hugh Jackman, Michelle Williams.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2016 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: