Leonardo.it


Avatar
Si dice che d’ora in poi nella storia del cinema si parlerà di un "ante-Avatar" e di un "post-Avatar". Di certo quasi tutte le storie possibilmente immaginabili sono state raccontate sul grande schermo (se si parla di linee portanti della narrazione), quindi la definizione di apertura ("post e ante Avatar") può riferirsi ad un solo aspetto: quello tecnico. La tecnologia con cui è stato realizzato "Avatar" è già un punto di partenza di tanti film del presente e lo sarà sempre più per quelli del futuro, così come lo sono stati la trilogia di "Il signore degli anelli" (2001) e "Jurassic Park" (1993). Se vi dicessimo che la novità è il 3D potreste obiettare che è già da tempo che arrivano film su grande schermo arricchiti da questo rinnovato formato. La ragione però è che, nonostante Cameron sia stato con "Avatar" il primo regista a lavorare sul nuovo 3D, mentre realizzava il suo film le scoperte tecniche sono state così frequenti e così qualitativamente alte, che ha preferito rimandarne l’uscita per renderlo visivamente più affascinante di quanto già non fosse. Dalla scrittura della sceneggiatura all’uscita di "Avatar" sono passati tredici anni e nel frattempo molte produzioni hanno utilizzato gli studi fatti dalla troupe di Cameron per realizzare film con meno pretese, ma sempre in 3D. Cameron è un ambizioso, quando vinse undici Oscar per "Titanic" (record sia di statuette che di incassi della storia del cinema) disse "Sono il re del mondo". Presuntuoso? Senza dubbio. Ma ben vengano i presuntuosi quando spingono più in là i limiti dell’arte. Cameron è stato uno dei primi registi, assieme a Peter Jackson e Robert Zemeckis, a lavorare sulla "performance capture" (la tecnica che cattura, attraverso dei sensori, le espressioni del viso di un attore e le riporta su di un personaggio virtuale, come Gollum o le figure di "Polar express" ad esempio) e il risultato è che oggi come oggi non ci sono più limiti ai movimenti della macchina da presa o alle azioni di un attore. Tutto è possibile, ogni scenografia è ricreabile e la si può indagare in lungo e in largo. Certo, servono i soldi, ma per Hollywood questo non è un problema, anche perché il lavoro da apripista fatto da Cameron abbasserà i costi futuri di chi vorrà investire in queste tecnologie.
"Avatar" nasce da queste premesse e non solo. Così come lo spettatore è invitato a indossare gli occhialetti ed entrare in un nuovo tipo di cinema, così la storia raccontata ha al suo centro il viaggio di un uomo dentro un nuovo mondo d’immagini e colori. Il marine dell’esercito che comanda a distanza un "Avatar", ovvero un umanoide tale e quale alle figure che abitano il pianeta di Pandora, compie un analogo percorso a quello dello spettatore con le lenti davanti gli occhi. Insomma, Cameron non si limita a utilizzare la tecnologia, ma la racconta. Il bello è che allo stesso tempo la trama da lui narrata è più che mai vicina al mito del buon selvaggio: il progresso portato dagli umani è identificato con il male. I buoni sono invece i neo-indiani Na’-vi, creature in pace con quella natura da cui traggono forza e benessere. Spettacolo, dramma, avventura, patriottismo, fantascienza e fantasy: dentro "Avatar" c’è un po’ di tutto, persino un finale alla "Shrek". Forse la lunghezza è eccessiva per un racconto che scopre ben presto le proprie carte, ma la capacità di Cameron di immaginare e ricreare non solo un intero mondo e le sue creature, merita qualche minuto in più anche di semplice osservazione. Ne paga l’aspetto emozionale della pellicola: si entra in Pandora, ma non nei suoi personaggi, almeno non fino in fondo. Non si può però pretendere tutto: per fortuna il cinema ha ancora margini per migliorare sé stesso e non è detto che debbano essere per forza in 3D.

La frase: "Io ti vedo".

Andrea D'Addio

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
The Teacher | Dunkirk | Cars 3 (NO 3D) | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | Madre! | Un profilo per due | Café Society | It | Il palazzo del Viceré | Blade Runner - The Final Cut | Walk with Me | Prendimi e portami via | L'uomo dai mille volti | Nemiche per la pelle | La Tenerezza | Lego Ninjago Il Film | Una doppia verità | Parigi o cara | Barry Seal - Una storia americana | Una famiglia | L'altra metà della storia | Kingsman - Il cerchio d'oro (NO 3D) | 7 minuti | Cattivissimo me 3 (NO 3D) | L'uomo di neve | Il grande sonno | Codice Criminale | Sieranevada | Civiltà perduta | Ritorno in Borgogna | Appuntamento al parco (V.O.) | In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi | Ammore e malavita | Manchester by the Sea | Sicilian Ghost Story | 120 battiti al minuto | Appuntamento al parco | Blade Runner 2049 (NO 3D) | Vita da giungla: alla riscossa! - Il film | Lady Macbeth | Il viaggio di Fanny | Mal di pietre | Lo and Behold - Internet: il futuro è oggi | La battaglia dei sessi | Le cose che verranno - L'avenir | Koudelka fotografa la Terra Santa | Monster Family | Yo-Yo Ma e i musicisti della via della seta - The Music Of Strangers | Nico, 1988 | L'inganno | Chi m'ha visto | It (V.O.) | Human Flow | L'incredibile vita di Norman | Adorabile nemica | L'infanzia di un capo | Una Donna Fantastica | Renegades - Commando d'assalto | Scappa - Get Out | Brutti e cattivi | Sognare è Vivere | Glory - Non c'è tempo per gli onesti | Amore e inganni | L'appartamento (V.O.) | Noi Siamo Tutto | L'equilibrio | The Whispering Star (V.O.) | Lasciati Andare | Dove non ho mai abitato | Emoji - Accendi le Emozioni | Jackie | L'inganno (V.O.) | Parliamo delle mie donne | The Circle | Easy - Un viaggio facile facile | Arrival (V.O.) | Tutto quello che vuoi | Lego Ninjago Il Film (NO 3D) | Made in China Napoletano | Blade Runner 2049 | Il cliente | Lion - La strada verso casa | Silence | Veleno | Emoji - Accendi le Emozioni (NO 3D) | Nonno scatenato | Valerian e La città dei Mille Pianeti (NO 3D) | Blade Runner 2049 (V.O.) | LEGO Batman Il Film (NO 3D) | Loving | Blow-up | Gatta Cenerentola | Nemesi | L'ordine delle cose | Nove lune e mezza | Moglie e marito | Miss Sloane - Giochi di potere | Come ti ammazzo il bodyguard | Aspettando il Re | Kong: Skull Island (NO 3D) | Quello che so di lei | Safari | La fratellanza | Cuori Puri | PIIGS- Ovvero come imparai a preoccuparmi e a combattere l'austerity | Il colore nascosto delle cose | A Ciambra | Jukai - La foresta dei suicidi | L'intrusa | Departures | Anime nere | 40 sono i nuovi 20 | Veleni | L'uomo di neve (V.O.) | La vita in comune | Fortunata |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Il Refettorio: Miracolo a Milano (2016), un film di Peter Svatek con Massimo Bottura, ,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2016 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: