FilmUP.com > Recensioni > Bohemian Rhapsody
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Bohemian Rhapsody

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Francesco Lomuscio20 novembre 2018Voto: 8.0
 

  • Foto dal film Bohemian Rhapsody
  • Foto dal film Bohemian Rhapsody
  • Foto dal film Bohemian Rhapsody
  • Foto dal film Bohemian Rhapsody
  • Foto dal film Bohemian Rhapsody
  • Foto dal film Bohemian Rhapsody
I titoli di coda scorrono sulle note di “Don’t stop me now”, mentre è “Somebody to love” ad accompagnare quelli di testa, con l’immediata entrata in scena di colui che, all’anagrafe Farrokh Bulsara e scomparso nel 1991 a soli quarantacinque anni, il mondo delle note ricorderà sempre come Freddie Mercury.
Colui di cui seguiamo la ricostruzione in finzione della vita a partire dalla Londra del 1970, prima ancora di vederlo fare conoscenza con il batterista Roger Taylor e il chitarrista Brian May, ovvero il Ben Hardy di “Mary Shelley – Un amore immortale” e un Gwilym Lee da candidatura all’Oscar quanto il protagonista Rami Malek, camaleontico nel rievocare la fisicità del carismatico frontman di quella che, con l’aggiunta del bassista John Deacon qui dalle fattezze di Joe Mazzello, è divenuta la band dei Queen.

Del resto, tra un Aidan Gillen nei panni del John Reid già manager di Elton John e un irriconoscibile Mike Myers in quelli dell’immaginario discografico Ray Foster, che non manca di aprire con il quartetto una accesa e contrastante discussione relativa a quanto un pezzo atipico e fuori dagli schemi come “Bohemian rhapsody” possa trasformarsi in un successo, è un cast decisamente lodevole a popolare le oltre due ore e dieci di visione in cui, oltretutto, Lucy Boynton incarna la Mary Austin alla quale Mercury dedicò “Love of my life”.
Perché, man mano che viene posto in evidenza il suo attaccamento nei confronti dei gatti e che si approda all’emersione dello spettro dell’AIDS, è in maniera progressiva che l’omosessualità dell’indimenticato Freddie esce allo scoperto, tra più o meno burrascoso rapporto con il manager personale Paul Prenter e l’amicizia (e non solo) di Jim Hutton, rispettivamente interpretati da Allen Leech e Aaron McCusker.
Tutti eventi che, al timone di regia, l’x-meniano Bryan Singer gestisce a dovere nello sfruttare, contemporaneamente, il ricco campionario musicale queeniano, dalla “Fat bottomed girls” che scandisce le immagini del tour negli Stati Uniti alla “Another one bites the dust” atta ad introdurre il periodo della discesa nella droga, nei vizi e nel vortice degli amanti gay occasionali.
Senza dimenticare “Under pressure”, la complicata realizzazione dell’album “A night at the Opera”, l’esibizione al Madison Square Garden di “We will rock you”, pezzo che apprendiamo essere stato pensato per far cantare gli spettatori, e una frecciatina all’America, paese definito di puritani in pubblico e depravati in privato quando si rifiuta di mandare in onda il videoclip di “I want to break free”.
Fino alla trascinante coda conclusiva della ricostruzione del Live Aid, a metà anni Ottanta, dinanzi alla quale, in mezzo a “Radio Ga Ga” e “We are the champions”, risulta decisamente difficile non sprofondare nella commozione nella consapevolezza di aver assistito al coinvolgente resoconto in fotogrammi di un uomo di successo che, come nella maggior parte dei casi accade, rimaneva senza nessuno attorno, circondato quasi sempre e in maniera esclusiva da chi intendeva sfruttarne la popolarità.

A tal proposito, non poco emblematica è la breve inquadratura in cui gli occhiali a specchio, rappresentazione, in un certo senso, della ricchezza raggiunta dalla sua figura, ne riflettono l’immagine completamente solo.
Inquadratura che, insieme all’ottimo montaggio di John Ottman, rientra, senza dubbio, tra i validi elementi che bastano a convincerci di avere per le mani uno dei più riusciti lavori singeriani, nonché uno dei migliori biopic musicali di sempre.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
7 uomini a mollo | Il mio Capolavoro | Green book | Spider-Man: Un Nuovo Universo (NO 3D) | Aquaman | Dove bisogna stare | Finché c'è prosecco c'è speranza | Chi scriverà la nostra storia | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità (V.O.) | Dragon Trainer - Il Mondo Nascosto | L'incredibile viaggio del Fachiro | La prima pietra | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (NO 3D) | Roma (V.O.) | Opera senza autore | Sex Cowboys | Alita: Angelo della battaglia | Toro scatenato | Ti presento Sofia | Ognuno ha diritto di amare - Touch Me Not | Una storia senza nome | Westwood: Punk, Icon, Activist | Le nostre battaglie | Alita: Angelo della battaglia (NO 3D) | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | Il complicato mondo di Nathalie | Una notte di 12 anni | Nel corso del tempo | The Children Act - Il verdetto | Il gioco delle coppie | La favorita (V.O.) | La vita in un attimo | Alita: Angelo della battaglia (V.O.) | Il filo nascosto | Creed II | Capri-Revolution | Mia e il Leone Bianco | La Casa Sul Mare | Chesil Beach - Il segreto di una notte | Se la strada potesse parlare (V.O.) | Maria, Regina di Scozia | L'agenzia dei bugiardi | La donna elettrica | A Star Is Born | L'economia della felicità | La vita in un attimo (V.O.) | Vice - L'uomo nell'ombra | Disobedience | Il primo re | Mountain | Maria, Regina di Scozia (V.O.) | Bohemian Rhapsody | Euforia | 9 dita | Roma | Leonardo - Cinquecento | Tonya | Non ci resta che il crimine | A Casa Tutti Bene | Gli uccelli | Un'Avventura | Mathera - L'Ascolto dei Sassi | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità | L'esorcismo di Hannah Grace | Ladri di biciclette | Museo - Folle Rapina A Città Del Messico | Il ritorno di Mary Poppins | Conta su di me | Ride (di Jacopo Rondinelli) | Poesia senza fine | Mamma + Mamma | Ben Is Back | La ragazza dei tulipani | 10 giorni senza mamma | Tre volti | Bumblebee (NO 3D) | Senza lasciare traccia | Lontano da qui | Io non sono qui | Non ci resta che vincere | Lo Schiaccianoci - Royal Opera House | Se la strada potesse parlare | Un Affare di Famiglia | Old Man & the Gun | Colette | Toglimi un dubbio | Quasi nemici - L'importante è avere ragione | Santiago, Italia | I nomi del signor Sulcic | Green book (V.O.) | L'Albero tra le Trincee | BlacKkKlansman | Benvenuti a Marwen | Nelle tue mani | Ricomincio da me | The Reunion | Libero (V.O.) | Il professore cambia scuola | Il testimone invisibile | Abracadabra | Il Corriere - The Mule | Summer | L'apparizione | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | Il Corriere - The Mule (V.O.) | La terra buona | Un valzer tra gli scaffali | Soldado | Sergio e Sergej - Il professore e il cosmonauta | Notti magiche | La casa di famiglia | Dragon Trainer - Il Mondo Nascosto (NO 3D) | In viaggio con Adele | Ralph Spacca Internet (NO 3D) | La donna dello scrittore | Dogman | Degas - Passione e Perfezione | City of Lies - L'ora della verità | Glass | Crucifixion - Il Male è Stato Invocato | La douleur | The Gandhi Murder | Tutti lo sanno | Il gioco delle coppie (V.O.) | First Man - Il primo uomo | Suspiria | Rex - Un Cucciolo a Palazzo | Don Chisciotte - ROH 18/19 | La paranza dei bambini | Morto tra una settimana... o ti ridiamo i soldi | Compromessi sposi | Remi | Ex-Otago - Siamo come Genova | Ognuno ha diritto di amare - Touch Me Not (V.O.) | La favorita | Copperman | Cold war |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per La notte è piccola per noi - Director's Cut (2018), un film di Gianfrancesco Lazotti con Michela Andreozzi, Francesca Antonelli, Cristiana Capotondi.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: