Borat - Studio Culturale sull’America a beneficio della gloriosa nazione del Kazakistan
Il comico inglese di origini ebraiche Sacha Baron Cohen riprende il reporter del Kazachstan già protagonista di molti sketch nel suo "Da Ali G show" per costruire una narrativa coerente intorno a questa figura fanciullesca, sboccata e molto scorretta politicamente. Così vediamo Borat intraprendere un viaggio verso gli Stati Uniti a seguito di un finanziamento del suo Ministero degli esteri per conoscere la cultura del più grande paese del mondo. Il suo viaggio prende una brusca deviazione nel momento in cui il baffuto kazako si innamora perdutamente di Pamela Anderson, mettendosi in testa di sposarla.

Il film di Cohen (diretto da Larry Charles, già regista di serie televisive come Seinfeld e Curb your enthusiasm) riprende grosso modo la struttura delle gag televisive. Borat si spaccia come autore di reportage per il suo paese, giustificando così la presenza della telecamera, svolgendo una funzione di smascheramento delle convenzioni statunitensi e di un politically correct fittizio che nasconde i germi di un razzismo sempre presente. Borat si finge antisemita, misogino ed omofobo per provocare reazioni genuine da parte dei suoi inconsapevoli bersagli. Genuine quanto imbarazzanti. Così domandando ad un negoziante di armi al dettaglio quale sia l'arma più adatta per uccidere un ebreo il commesso risponde imbarazzato "bah, direi una nove millimetri o una calibro quarantacinque!". Altro momento forse addirittura pericoloso è quello in cui Borat canta un inno kazako completamente di fantasia sull'inno statunitense... in Texas, correndo il rischio di essere linciato. Nel suo sistema linguistico Borat usa inoltre una lingua molto lontana dal kazako o dal russo, seconda lingua ufficiale di questa nazione. All'inizio dei collegamenti usa parole polacche storpiate, come "Chenquye" per dire "Grazie" o i corrispondenti di "Buongiorno" e "Come stai". Molte scritte in cirillico sembrano parole messe a caso, ma in realtà corrispondono a un codice. Una delle scritte opportunamente decodificate recita "L'ebreo Borat in America" (Gid Borat v Amerike). Anche nella colonna sonora notiamo simili contaminazioni, ad esempio nell'uso della canzone "Erdelegi" di Goran Bregovic.

Anche se l'inizio è fulminante, fatto di battute e situazioni irresistibili, come per molte altre pellicole nate da spunti televisivi, Borat non riesce a mantenere il ritmo per tutta la durata del film. Anche se indubbiamente vi sono dei significati di natura politica o sociale probabilmente non vale la pena di scavare troppo la superficie alla ricerca di chissà quale spaccato della società statunitense. Comunque un film godibile e spregiudicato, che non mancherà di fare irritare nuovamente il governo kazako, che nel 2005 aveva sospeso il sito internet: www.borat.kz.

La curiosità: Le scene ambientate in Kazachstan sono ambientate in Romania.

La frase: "Sosteniamo la vostra guerra di terrore!".

Mauro Corso

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
La diseducazione di Cameron Post | Spider-Man: Far From Home (NO 3D) | A Star Is Born | Men in Black: International | Aquaman (NO 3D) | Hotel Artemis | L'ospite | Aladdin (NO 3D) | BlacKkKlansman | Goldstone - Dove i mondi si scontrano | La legge del desiderio | Dolor y Gloria | Avengers: Endgame (NO 3D) | Edison - L'uomo che Illuminò il Mondo | Men in Black: International (V.O.) | L'ultima ora (V.O.) | Troppa grazia | Santiago, Italia | Una giusta causa | American Animals | La tartaruga rossa | La conseguenza | Beautiful Boy | Pets 2: Vita da animali (NO 3D) | Roma | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (NO 3D) | Il Re Leone (V.O.) | I fratelli Sisters | Il ritratto negato | X-Men: Dark Phoenix (NO 3D) | Boy Erased - Vite cancellate | Kin | The Nest - Il nido | Due amici | La donna elettrica | L'amour flou - Come separarsi e restare amici | Il grande salto | Tesnota | Fast & Furious - Hobbs & Shaw | Il Padre d'Italia | In viaggio con Adele | Bangla | The Quake - Il terremoto del secolo | La rivincita delle sfigate | The deep | Il primo re | Il Re Leone (NO 3D) | Annabelle 3 | Il traditore | Charlie says | Peterloo (V.O.) | Domani è un altro giorno | Quasi nemici - L'importante è avere ragione | Ma cosa ci dice il cervello | Domino | Il colpevole - The Guilty | Tutti Pazzi a Tel Aviv | Crawl - Intrappolati | Il mangiatore di pietre | After | I ponti di Madison County | Nevermind | La donna dello scrittore | Il Corriere - The Mule | Green book | Diamantino - Il calciatore più forte del mondo | Shelter - Addio all'Eden | I morti non muoiono (V.O.) | Cafarnao - Caos e miracoli | La prima vacanza non si scorda mai | Sangue nella bocca | Copia originale | Selfie | Spider-Man: Homecoming (NO 3D) | I morti non muoiono | City of Lies - L'ora della verità | Toy Story 4 (NO 3D) | Scappo a casa | Solo cose belle | Il Re Leone | Submergence | Il Signor Diavolo | On air - Storia di un successo | Bohemian Rhapsody | 10 giorni senza mamma | Birba - Micio combinaguai | Rocketman | L'uomo che comprò la luna | Men in Black: International (NO 3D) | La profezia dell'armadillo | Wolf Call - Minaccia in alto mare | Pallottole in libertà | Dolcissime | Isabelle - L'ultima evocazione | Il professore e il pazzo | Jules e Jim (V.O.) | Nureyev - The White Crow | Momenti di trascurabile felicità | Sir - Cenerentola a Mumbai | Cold war | Serenity - L'isola dell'inganno | L'uomo fedele | Pop Black Posta |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Il Sole è anche una Stella (2019), un film di Ry Russo-Young con Yara Shahidi, Anais Lee, Charles Melton.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: