FilmUP.com > Forum > Attualità - Diario
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Diario   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 Pagina successiva )
Autore Diario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 03-01-2004 12:52  
AEREO CHARTER CADE IN EGITTO, TUTTI MORTI IN PASSEGGERI
IL CAIRO - Un aereo carico di turisti francesi che avevano trascorso le vacanze nella localita' balneare egiziana Sharm el Sheikh si e' inabissato stamane nel Mar Rosso a pochi minuti dal decollo.
L'aereo charter della compagnia egiziana Flash Air, precipitato a pochi chilometri da Sharm el Sheikh, aveva a bordo 148 persone, tra cui 135 turisti francesi e sei membri dell'equipaggio. Non vi sono superstiti, hanno riferito fonti dell'aeroporto del Cairo.
''L'aereo ha avuto probabilmente un incidente'' secondo quanto ha dichiarato un funzionario del ministero dei trasporti citato dall'agenzia egiziana Mena. L'aereo preveniente da Sharm el Sheikh e' scomparso improvvisamente dai radar dei controllori di volo. Poco dopo e' venuta la conferma del suo inabissamento nelle acque del Mar Rosso. Resti del velivolo sono stati trovati a circa 15 chilometri di distanza dalla localita' balneare.
L'aereo charter era giunto poche ore prima dell'incidente a Sharm el Sheick proveniente da Venezia con a bordo un gruppo di turisti italiani. L'incidente e' avvenuto due minuti dopo il decollo del volo successivo per Parigi, dove l'aereo era atteso per le 9 di stamattina all'aeroporto Charles de Gaulle. Il ministero francese degli Esteri si sta intanto mobilitando, attraverso i suoi servizi consolari in Egitto per le operazioni di soccorso e per determinare le circostanze della tragedia.
03/01/2004 10:12




_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 07-01-2004 11:25  
PACCHI BOMBA: BUSTA ESPLODE IN UFFICIO UE POETTERING
BRUXELLES - Una busta contentente un libro e' esplosa questa mattina in uno degli uffici all'Europarlamento a Bruxelles del capogruppo del Ppe Hans Gert Poettering. Secondo quanto riferiscono fonti dell'Europarlamento non ci sono feriti.
La busta piccola e di color marrone, spiegano le fonti, e' stata aperta da una assistente dell'europarlamentare questa mattina. Subito dopo l'apertura c'e' stata una fiammata, che non ha causato danni rilevanti.
Il presidente del gruppo del Ppe, ha riferito la portavoce Katrin Ruhrmann, e' ''scioccato dall'episodio e ora attende l'avvio delle indagini''. Poettering non e' attualmente a Bruxelles e fara' rientro nella capitale belga in serata.
Il pacco bomba era stato imbucato a Bologna il 22 dicembre. Lo precisa l'agenzia 'Belga' citando fonti ufficiali dell'Europarlamento.

DUE O TRE SPEDITI A PARLAMENTO EUROPEO - Due o tre pacchi-bomba sono stati recapitati al Parlamento europeo. I plichi, che non sono esplosi, risultano tutti spediti da Bologna il 22 dicembre. Uno di essi, attualmente al vaglio delle forze di sicurezza del Parlamento europeo e del Belgio che operano congiuntamente, risulta indirizzato all'europarlamentare del Ppe Jose' Ignacio Salafranca. Lo ha riferito il portavoce del gruppo del Ppe Robert Fitzhenry precisando che la busta non e' stata aperta ed ha il timbro postale di Bologna.
05/01/2004 13:04




_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
mortimer

Reg.: 21 Dic 2003
Messaggi: 782
Da: sinalunga (SI)
Inviato: 13-01-2004 14:57  
Striscia la notizia accusa Bonolis perchè nel suo programma,Domenica in ha invitato una medium che secondo quelli di Striscia approfittano del dolore della gente.

11/01/04

Bonolis alla fine di Domenica in dice alcune cose ma all'ultimo dice a Ricci:
Di fare un passo indietro e di vergognarsi.

12/01/04

Quelli di striscia dicono che loro non fanno un passo indietro e non hanno niente da vergognarsi.

Questo è tutto.
_________________
Da un grande potere...derivano grandi responsabilità

Spider-man

  Visualizza il profilo di mortimer  Invia un messaggio privato a mortimer    Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 14-01-2004 14:38  
TERRORISMO: CATTURATI DA POLIZIA BR ALGRANATI E FALESSI
ROMA - I brigatisti Rita Algranati e Maurizio Falessi sono stati catturati dalla polizia di Roma. I due sono in Questura negli uffici della Digos.
I due latitanti sono stati catturati all' aeroporto del Cairo. L' operazione e' stata condotta dagli investigatori romani con la collaborazione dei servizi di sicurezza italiana e della polizia egiziana. Algranati e Falessi avevano documenti falsi e anche una somma di denaro e non hanno opposto resistenza quando gli agenti di polizia egiziani li hanno bloccati in aeroporto.

I due brigatisti non si sono dichiarati prigionieri politici. Algranati e Falessi, pur in possesso di falsi documenti hanno subito dichiarato le loro generalita' alla polizia italiana, che ha agito in collaborazione con i colleghi del Sisde e con la polizia di frontiera egiziana.
Le indagini della Digos di Roma e dei servizi di sicurezza era cominciata alcuni mesi fa con pedinamenti, intercettazioni telefoniche, lavoro sui tabulati delle chiamate fatte e ricevute da parenti e amici dei due latitanti.
Algranati e Falessi sono stati localizzati in Egitto e da allora gli investigatori li hanno tenuti costantemente sotto controllo. Quando si e' avuta la sensazione che i due stessero per trasferirsi altrove, gli investigatori italiani hanno chiesto la collaborazione della polizia di frontiera del Cairo che ha fermato i due nello scalo aereo.

Rita Algranati, 46 anni compiuti proprio due giorni fa, e' la moglie di Alessio Casimirri, uno dei latitanti storici dell' eversione, rifugiato in Nicaragua, ritenuto uno dei sequestratori dello statista democristiano. Algranati, il 12 gennaio, e' stata condannata all'ergastolo nel processo Moro Ter ed e' considerata una figura storica di primo piano delle Br. Tra i fatti piu' importanti di cui e' accusata, gli omicidi del giudice Riccardo Palma, responsabile dell'edilizia carceraria (febbraio 1978); del consigliere provinciale di Roma della Dc Italo Schettini (1979); del generale Antonio Varisco (13 luglio 1979) e dell'assalto alla sede della Dc in piazza Nicosia, a Roma (3 maggio 1979), nella quale vennero uccisi due agenti di polizia.
Maurizio Falessi, considerato uno dei militanti delle Ucc e accusato di associazione sovversiva e partecipazione a banda armata, comincio' nel Cococen (Comitato comunista Centocelle), una struttura da cui nacque il Movimento Politico Resistenza Offensiva (Mpro) considerato ''struttura di lancio verso le Br''. Nel Cococen furono attivi anche Antonio Savasta, Germano Maccari e Bruno Seghetti.
14/01/2004 14:23



_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 25-01-2004 14:09  
Milano 13:47, 13:48
Estrema destra, un inno targato Mussolini-Mussolini

C'è anche un inno nuovo di zecca targato Mussolini-Mussolini per la campagna elettorale che il listono della estrema destra guidato dalla nipote del Duce si appresta a fare. Lo ha annunciato oggi a Milano, davanti a Milano una platea ricolma di bandiere nere e saluti romani, la stessa Alessandra Mussolini. L'inno - "L'orgoglio di essere italiani" - è stato scritto da lei stessa per il testo e da suo padre Romano, noto musicista jazz, per la musica.
Dopo la manifestazinioe di ieri a Napoli, la Mussolini ha presentato la sua assoziazione Amici del tricolore anche a Milano, in una manifestazione al Teatro San Babila, strapieno. Accanto a lei anche anche esponenti di Libertà di Azione, Forza Nuova, Fiamma Tricolore e Fronte Nazionale che si stanno riunendo attorno alla nuova aggregazione.

"Siamo l'unica vera alternativa alla destra di Fini che ha rinnegato il proprio passato e i propri valori - ha detto Mussolini - Riuniremo di nuovo sogni, utopie, avendo al primo punto gli interessi della gente e dello stato sociale". (red)


_________________
E' una storia che è successa ieri, ma io so che è domani.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 25-01-2004 17:55  
WASHINGTON - "Le armi di distruzione di massa in Iraq non esistono, perciò mi dimetto". Con questa affermazione sbalorditiva David Kay, il capo della missione statunitense incaricata di scoprire le armi proibite di Saddam, dopo dieci mesi di ricerche ha lasciato il suo posto.


SI DIMETTE CAPO DELLE RICERCHE DELLA CIA: le armi di distruzione di massa non esistono

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 29-01-2004 12:04  
29/01/2004 10:47


ATTENTATO SU BUS A GERUSALEMME, UN'ALTRA STRAGE
GERUSALEMME - Almeno otto morti e 40 feriti: questo il primo bilancio della esplosione avvenuta stamane nel centro di Gerusalemme, secondo le stime dei soccorritori. Una decina dei feriti sono in condizioni molto gravi. A quanto pare al numero delle vittime va aggiunto un altro morto: il kamikaze palestinese che - secondo la polizia - si e' fatto esplodere nella parte centrale dell'automezzo. Sotto alla carlinga ci sono corpi che devono essere ancora estratti. Secondo una stazione televisiva araba, l'attentato e' stato compiuto da una donna-kamikaze. La notizia non ha ancora conferma. L'autobus e' esploso all'incrocio fra le vie Gaza e Arlozorov, nel rione Rehavia di Gerusalemme. In linea d'aria, il luogo dell'attentato di trova a poche centinaia metri dalla residenza ufficiale del premier Ariel Sharon
_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 05-02-2004 10:45  
Muore per cancro militare reduce dalle missioni nei Balcani. La causa è l'uranio impoverito utilizzato dall'esercito del bene nella lotta contro il male.

Articolo


_________________
E' una storia che è successa ieri, ma io so che è domani.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 05-02-2004 15:36  
Armi proibite e "abbagli " della Cia
Un errore costato 15 mila morti

Bush,troppi morti per un "errore"

di Massimo Fini

Se non riguardasse una tragedia sarebbe esilarante questo balletto angloamericano sulle "armi di distruzione di massa",con le inchieste ordinate da Blair e Bush (ma,per quest' ultimo,con risultati che,s'intende,arriveranno dopo le elezioni),le accuse ai servizi segreti di aver fornito informazioni sbagliate o distorte,i comici semipentimenti di Colin Powell,la "colomba" che un anno fa aveva presentato su queste armi un rapporto all'Onu che aveva definito "basato su fatti e su una intelligence solida" e che invece era stato costruito con i piedi,tanto che una dozzina di pagine ,parto degli inglesi,erano risultate fotocopiate da una tesi di laurea.

Il balletto è grottesco perchè gli americani sapevano benissimo che quelle armi Saddam non le aveva.

E' vero che,a metà degli anni 80,gliele avevano date loro in funzione antikhomeinista,ma dopo la prima guerra del Golfo l'Iraq era stato sottoposto a una strettissima sorveglianza,c'erano due vaste "no flying zone" a nord e sud del paese dove gli aerei iracheni non potevano volare ma quelli americani sì e potenti satelliti spia sorvolavano notte e giorno tutto il territorio,per cui se quelle armi Saddam le avesse conservate ,invece di esaurirle,col beneplacito Usa,sulla pelle degli iraniani e dei curdi,non avrebbero potuto sfuggire.

Inoltre erano stati inviati appositamente degli ispettori Onu,in buona parte americani,che,dopo mesi ,non avevano trovato nulla. E' evidente quindi che le "armi di distruzione di massa" erano state un pretesto per attaccare l'Iraq che,indebolito e controllato com'era,non poteva costuituire una minaccia per nessuno ,per tutt'altre ragioni.

Ma adesso c'è la necessità di giustificare il proprio operato davanti alle rispettive opinioni pubblichde e al mondo. E allora si dice:"ci siamo sbagliati".

Ci siamo sbagliati? Ma questo errore è costato la vita a 15 mila civili iracheni,secondo le stime più prudenziali,a 55 mila secondo Medact,un'associazione di medici inglesi che opera sul campo,a 520 americani e a un centinaio di soldati alleati,fra cui diciassette italiani.

E non siamo che all'inizio. Si può passar oltre impunemente dicendo,quasi con noncuranza,"ci siamo sbagliati",come se si trattasse di un errore di grammatica?

Il resto del Carlino La Nazione il Giorno
giovedì 5 febbraio 2004

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 06-02-2004 23:17  
Un attentato dinamitardo, forse suicida, in una vettura del metro' al centro di Mosca, ha provocato decine di morti e oltre 100 feriti e il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto a tutto il mondo di unirsi nella guerra contro il terrorismo, 'questa peste del XXI secolo'.
Le fonti ufficiali parlano di almeno 30 morti e 70 feriti, mentre secondo fonti ospedaliere e dei soccorritori i morti sarebbero almeno 40 e forse 50 mentre numerosi feriti versano in gravi condizioni.
L'esplosione e' avvenuta alle 08:40 (06:40 italiane) in un'ora di punta, devastando la seconda vettura del convoglio in corsa dove si trovavano circa 1.500 persone. Inizialmente, anche sulla base del denso fumo levatosi dal treno, si era parlato di un incendio sviluppatosi dopo l'esplosione, ma testimoni oculari hanno detto che non ci sarebbero state fiamme.
Il presidente Vladimir Putin, subito informato, ha detto che solo un'alleanza con le altre nazioni caucasiche e con il resto del mondo puo' consentire una vittoria contro il terrorismo.
Secondo il portavoce della polizia Kirill Mazurin non v'e' dubbio che si sia trattato di un attentato terroristico ma non si conferma ufficialmente l'ipotesi, avanzata da alcune fonti della polizia, secondo cui si sarebbe trattato di un'azione kamikaze. Secondo l'Fsb i terroristi suicidi sarebbero addestrati da Al Qaida e da altre organizzaizoni internazionali.
Questo attentato e' l'ennesimo nella capitale dopo che la guerriglia cecena aveva annunciato lo scorso anno l'estensione della guerra a tutto il territorio della Federazione di fronte al rifiuto delle autorita' russe a qualsiasi negoziato di pace con i ribelli e di fronte a quello che viene definito ''il genocidio del popolo ceceno''.
06/02/2004 21:00



_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 08-02-2004 15:01  
Il segretario dell'associazione nazionale dei magistrati: "Si rischia una deriva fascista"
_________________
E' una storia che è successa ieri, ma io so che è domani.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 10-02-2004 16:14  
Sondaggi: Forza Italia perde il primato

Casa delle libertà in flessione nei sondaggi elettorali. Faticano soprattutto Forza Italia e An, mentre appaiono in crescita Lega e, in misura minore, Udc.
E’ quanto emerge dagli ultimi sondaggi elettorali in possesso ai partiti del centrodestra.
Sondaggi che, soprattutto, indicano un’importante novità: per la prima volta Forza Italia perderebbe il primato dei consensi degli italiani e verrebbe superata dai ds.
Secondo la ultime rivelazioni Forza Italia passerebbe dal 25,2% dell ultime politiche a circa il 21%. E verrebbe superata dai ds che si attesterebbero al di sopra del 22%. (Tuttavia occorre dire che secondo Berlusconi i reali consensi del suo movimento oscillerebbero tra il 22 e il 26%).
Male anche An in discesa dal 12,5 all’8 e con una perdita secca di un quarto del proprio elettorato. Segno che la svolta di Fini non è stata apprezzata dallo zoccolo duro del tradizionale elettorato.
La politica della strenua difesa del federalismo sembra invece premiare la Lega. Infatti il partito di Bossi è in crescita netta e dal 3,9 per cento passerebbe a circa il 6. In aumento, ma di poco, i consensi dell’Udc.
Perchè questi risultati? Secondo gli analisti del centrodestra giunto a metà mandato il governo paga lo scotto inevitabile di una crisi economica globale della quale non si vede ancora l'esito certo. Molti altri governi nel mondo sono nella stessa situazione, dagli Usa alla Gran Bretagna alla Germania al Giappone.
Ma c'è anche il prezzo di alcune promesse elettorali fatte e non mantenute. Tra queste soprattutto la mancata riduzione delle tasse; la liberalizzazione di una parte del mercato del lavoro, che gli interessati percepiscono come precarizzazione; l'incertezza sulle pensioni e anche una discreta campagna ostile di buona parte della stampa su riforme buone che invece sono state avviate, a cominciare dalla scuola.



9 Feb 2004
Il Giornale.it

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 10-02-2004 21:35  
Armi di distruzione di massa.
Il "presidente di guerra" ammette gli errori.

Bush:Non ho mentito ma le informazioni erano sbagliate

dall'inviato Giampaolo Pioli

NEW YORK- Ha avuto coraggio. Non ha avuto troppo successo. Se George Bush cercava col faccia a faccia di domenica mattina in TV a "Meet the press" di rialzare le quotazioni in calo,forse dovrà aspettare la cattura di Bin Laden prima che questo avvenga.

L'appuntamento era rischioso perchè "senza rete" e con domande "dure" sulla "credibilità" ritenuta da sempre uno dei suoi punti di forza. Il presidente americano non ha fatto gaffe,ha difeso la scelta di attaccare Saddam "con le informazioni che mi erano state fornite" ,ma ha ammesso per la prima volta che le notizie dell'intelligence accumulate sulle "armi di distruzione di massa" sono risultate sbagliate. Il suo compito era difficile. Doveva spiegare che la "razionalità della guerra era cambiata". Quando l'intervistatore Tim Russert gli ha chiesto con garbo se fosse valsa la pena davvero perdere 529 soldati americani visto che le armi di distruzione di massa non ci sono , Bush ha ripetuto "Sì ,i nostri soldati non sono morti invano perchè Saddam era una persona pericolosa e anche se non aveva le armi aveva però la capacità e l'intenzione di costruirle...per poi magari farle finire nelle mani dei terroristi". Quasi a gelare le giustificazioni del presidente,sono arrivate le parole dell'ex capo degli ispettori dell'onu Hans Blix. "L'affermazione che armi di distruzione di massa potevano essere usate entro 45 minuti dall'ordine impartito da Saddam-ha detto Blix senza accusare direttamente Bush e Blair di aver mentito- sono state usate per drammatizzare la situazione,come fanno i mercanti che cercano di esagerare l'importanza della merce che hanno...Dai leader dell'occidente penso ci si aspetti qualche cosa in più. Un po' più di sincerità..." e non giova certo alla "credibilità" la notizia che i servizi segreti inglesi e americani hanno spiato nel 2003 i membri incerti del consiglio di sicurezza dell'Onu per scoprire in anticipo quale sarebbe stato il loro voto sull'azione di forza che l'America voleva a tutti i costi. Impacciato e spesso teso,il presidente è sempre rimasto sulla difensiva e ha finito con parlare solo alla "sua America",vale a dire a quella "mezza America" conservatrice e religiosa che gli è rimasta(i sondaggi lo danno sempre battibile a novembre)perchè il paese dopo le bugie sulla guerra in Iraq ha dissolto completamente la solidarietà patriottica dell'11 settembre e si trova esattamente spaccato come nel 2000. "Sono un presidente di guerra e non ho mentito" ha continuato a ripetere Bush. "Ci sono tante teorie su che fine hanno fatto le armi di distruzione di massa. Forse sono state davvero distrutte o possono essere finite in un altro paese:lo scopriremo". Il presidente ametricano è stato molto netto sul rischio di veder uscire dalle urne irachene una repubblica islamica estremista. "Non succederà-ha detto- la strada verso la democrazia è caotica-...anche in America c'è voluto molto tempo".

9 febbraio 2004

Il Giorno la Nazione Il Resto del Carlino

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 13-02-2004 12:53  



Al soldato George W.


MICHAEL MOORE

GCaro Mr. Bush, razie per averci fatto vedere la parziale illeggibile fotocopia di una busta paga (o qualsiasi altra cosa fosse) relativa a qualche giorno di servizio nella Guardia nazionale. Adesso sappiamo che non solo non ha mai adempiuto al suo dovere, ma è stato anche pagato per del lavoro che non ha mai svolto. Ha incassato quegli assegni? Non è che sarebbe, come dire, illegale?

Vedere come la stampa abbia chiesto in maniera aggressiva dei chiarimenti al suo portavoce - rifiutando di accettare inganni e insabbiamenti - è stato uno spettacolo da ricordare, qualcosa che non abbiamo mai visto da quando lei è in carica.

Più di un giornalista ha fatto notare come quei pezzi di carta che il suo portavoce ha mostrato non significhino niente. Anche se non sono fasulli, essere stati pagati non significa necessariamente che lei abbia prestato servizio.

Come ha detto all'Ap il colonello in pensione Dan Smith, un veterano con 26 anni di servizio: «Le buste paga non significano niente se non che sei dentro o fuori. Non registrano nemmeno che tipo di mansione è stata svolta perché le buste paga - ha detto Smith - riportano solamente a quale unità si è stati assegnati e il salario maturato in un determinato periodo».

Mr. Bush, lei si sta probabilmente chiedendo perché mai questa storia non voglia morire. Lei forse ha creduto che dopo essermi fatto maltrattare da Peter Jennings in quel dibattito sulla Abc per aver sussurrato quella parolina con la «d», tutta la questione si sarebbe sciolta come neve al sole. Purtroppo la sua «diserzione» non se n'è andata e questo è il perché: lei ha mandato, negli ultimi 11 mesi, un numero incalcolabile di nostre figlie e figli della Guardia nazionale a morire.

Lo ha fatto ingannando i loro genitori e la nazione con delle bugie sulle armi di distruzione di massa e sui legami tra quello sbruffone di Saddam e al Qaeda. Li ha mandati verso una guerra senza fine per riempire le tasche dei suoi amici della Halliburton e delle società petrolifere. E ha avuto anche l'audacia - per la gioia delle telecamere dell'agenzia pubblicitaria che curerà la campagna per sua la rielezione - di presentarsi con una tuta da pilota su una portaerei dove campeggiava la scritta «Missione compiuta».

Questo è quello che rende tutta questa la faccenda sulla sua assenza ingiustificata così spregevole e fa disgustare tutti quei familiari dilaniati dal dolore. Il fatto che avesse evitato il servizio di leva non era poi così importante durante le elezioni del 2000 perché il paese non era in guerra. Trovarsi nel 2004 incastrati in una palude di morte rende tutta la sua fiction militaresca e il suo costume da ragazzo volante molto rilevanti.

Lei non ha ancora risposto alle domande sul suo «servizio» alla Guardia nazionale. Provo a ripetergliele nella maniera più semplice possibile (tutte basate su informazioni raccolte sull'agenzia Ap e sul Boston Globe):

1. Come ha fatto a passare davanti a 500 persone per entrare nella Texas National Air Guard in modo da evitare di andare in Vietnam? Quali telefonate ha fatto suo padre (all'epoca deputato texano al Congresso americano) per garantirle il posto?

2. Perché è stato lasciato a terra (con divieto di volare) nel luglio del 1972? Perché aveva paura di sottoporsi ad un esame? L'ha sostenuto ed è andato male, oppure non l'ha sostenuto affatto? Era un test delle urine? I registri dimostrano che la Guardia nazionale ha speso anni e soldi per insegnarle a volare, dopodiché lei non ha più volato per loro. Perché?

3. Mi può presentare una persona in grado di affermare che lei prestava servizio nella Guardia nazionale nell'anno in cui i suoi superiori in Texas affermano che lei non c'era? Perché non è stato in grado di portare nessuno che era in servizio con lei in Alabama? Perché non una sola persona si è fatta avanti?

4. Può dirci cosa ha fatto quando dice di essersi presentato per il servizio in Alabama? Quali erano le sue mansioni? Era a terra, che cosa ha dovuto fare al posto di volare?

5. Dove sono i registri con il suo nome e numero di servizio per ognuno dei weekend di leva? Aaron Brown sulla Cnn ci ha fatto vedere come, quando era nella riserva, fosse costretto a firmare ogni volta che veniva convocato e il suo ospite del Washington Post ha confermato sostenendo, inoltre, che ci dovrebbero essere «quattro copie di quel registro» negli archivi di diverse agenzie. Può chiedere a quelle agenzie di rendere pubblici quei registri?

6. Se è stato effettivamente pagato mentre bigiava, consentirà al fisco di pubblicare la sua dichiarazione dei redditi nel periodo 1972-1973?

7. Come ha fatto a congedarsi con onore? Quali fili sono stati tirati? Chi ha fatto le telefonate?

Guardi, mi dispiace averla coinvolta in tutto questo. Stavo scherzando quando ho detto di volere un dibattito tra il generale e il disertore. Non avevo idea di cosa avrebbe comportato. E invece eccola qui, a dover soffrire alla trasmissione di Tim Russert sotto il fuoco delle domande, e uscirsene con stravaganti affermazioni tipo «Sono un presidente di guerra!» Probabilmente lei ci crede, o vuole che noi lo crediamo. Gli americani non hanno mai mandato a casa il comandante in capo durante una guerra. Credo che questa sia la sua speranza. Le serve una guerra.

Ma a noi no. E nemmeno alle nostre truppe nella Guardia nazionale. Perché non ne esce pulito adesso? Siamo gente che perdona, e anche se non potrà tornare alla Casa bianca ci troverà comunque grati per quel poco di verità che ci ha dato. Risponda alle domande, chieda scusa alla nazione, e riporti a casa i nostri ragazzi.

Suo,

Michael Moore

(traduzione di Emanuele Piano)

Il Manifesto
13 febbraio 2004

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 19-02-2004 12:52  
19/2/04
Roma, 12:40
Fassino: intollerabile premier che non accetta il confronto

Il segretario Ds, Piero Fassino, in un'intervista all'Espresso ha invitato il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ad accettare il confronto con i leader dell'opposizione. Riferendosi al monologo di Berlusconi a Porta a Porta Fassino ha definito "intollerabile un premier che rifiuta il confronto" e ha aggiunto: "Sfido fin d'ora Berlusconi: invece di raccontarci un paese che non c'è, venga a confrontarsi con noi. Sono pronto ad un faccia a faccia in qualsiasi momento"

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 Pagina successiva )
  
0.062534 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: