FilmUP.com > Forum > Attualità - Diario
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Diario   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 Pagina successiva )
Autore Diario
clagle01

Reg.: 18 Set 2003
Messaggi: 1566
Da: Lissone (MI)
Inviato: 16-03-2004 08:54  
Jamal Zougam, uno dei marocchini arrestati nell'inchiesta sulle stragi di Madrid, è stato riconosciuto da un passeggero che viaggiava su uno dei treni coinvolti negli attentati. Secondo la radio Cadena Ser - che ha riferito del riconoscimento, citando fonti della polizia - il testimone ha detto agli investigatori di avere visto Zougam in uno dei vagoni. Stando alle stesse fonti, altre testimoni hanno riconosciuto, in fotografia, due presunti terroristi ricercati dalla Polizia per le stragi.

Jamal Zougam, 30 anni, sarebbe una vecchia conoscenza degli investigatori. Compare infatti anche nei registri giudiziari della Francia, mentre dal Marocco fonti di polizia che chiedono di mantenere l'anonimato fanno sapere che "queste tre persone, Jamal Zougam, Mohamed Bekkali e Mohammed Chaoui sono da prendere sul serio e sono elementi registrati come fortemente sospetti dai servizi segreti marocchini".

Un documento giudiziario fa in particolare il nome di Zougam a proposito di una rogatoria internazionale, nella quale si indagava del presunto reclutamento da parte sua di un francese convertito all'Islam, David Courtailler, di 28 anni, in una moschea di Madrid, nel novembre 1998. Courtailler comparirà dopodomani in tribunale a Parigi per rispondere dell'accusa di associazione a delinquere per scopi terroristici. E' inoltre convinzione della polizia spagnola che i responsabili delle stragi appartengano allo stesso gruppo fondamentalista degli attentati di Casablanca del 16 maggio 2003.

Oggi, intanto, Josè Luis Rodriguez Zapatero, leader del Partito socialista spagnolo vincitore delle elezioni di ieri, in una conferenza stampa ha anticipato i punti essenziali della sua politica futura. In cima alla lista, il ritiro delle truppe spagnole dall'Iraq entro il 30 giugno nel caso non arrivi sulla missione una chiara copertura da parte delle Nazioni Unite. Un annuncio che la Casa Bianca non deve aver gradito affatto, ma che non ha impedito a Bush di telefonare a Zapatero per congratularsi con lui per la vittoria. Accelerazione per l'adozione della Costituzione europea, rafforzamento dell'Europa unita come garanzia di stabilità e rapporti di buon vicinato con il Marocco sono le altre priorità elencate dall'esponente del Psoe.




_________________
Nulla accade per caso.....

  Visualizza il profilo di clagle01  Invia un messaggio privato a clagle01  Email clagle01  Vai al sito web di clagle01     Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 16-03-2004 10:00  
VIVO PER MIRACOLO BAMBINO-STAFFETTA CON ZAINO ESPLOSIVO
TEL AVIV - Un bambino palestinese di 10 anni, Abdallah Kurian, originario di Nablus, e' vivo per miracolo, al termine di una giornata spaventosa che non dimentichera' mai.
Secondo fonti dei servizi di sicurezza israeliani, citati dalla Tv commerciale Canale 10, un esponente di Tanzim - un gruppo paramilitare legato ad Al Fatah - lo ha convinto a trasportare uno zainetto attraverso un posto di blocco istituito dall'esercito israeliano a Hawara, alla periferia di Nablus, in Cisgiordania.

Dentro - affermano le fonti israeliane - era nascosto un corpetto esplosivo pronto per l'uso, di un peso compreso fra sette e dieci chilogrammi. Era stato potenziato come di consueto con bulloni e viti ed era stato collegato a un telefono cellulare. Al primo squillo, la bomba sarebbe esplosa. Ma agli occhi di una soldatessa del posto di blocco, quello zaino - di aspetto normalissimo - aveva qualcosa di strano. Sembrava piu' pesante del consueto e aveva uno strano filo elettrico che spuntava.
''Quando la soldatessa ha chiesto ad Abdallah di avvicinarsi, lui ha tentato una fuga'', ha spiegato alla radio militare un colonnello dei paracadutisti israeliani che ha assistito alla scena. ''Il bambino e' stato bloccato. Una sola occhiata e' bastata per comprendere il pericolo imminente''. Mentre le ispezioni erano in corso il telefono ha squillato. Attorno, c'e' stato un attimo di panico. Ma per un guasto, l' ordigno non e' esploso. Il posto di blocco e' stato subito evacuato e la bomba e' stata fatta brillare dagli artificieri.
Secondo fonti della sicurezza israeliana, e' dunque possibile che il bambino fosse seguito da distanza dal suo mandante. Quando questi ha notato che l'ordigno era stato scoperto, non ha esitato a comporre il numero del cellulare, ben sapendo che cosi' facendo avrebbe ucciso non solo i soldati israeliani, ma anche la piccola staffetta palestinese. L'agghiacciante episodio non e' stato ancora commentato da parte palestinese.

Nel corso dell'interrogatorio, Abdallah ha detto che ignorava il contenuto dello zainetto. Ha aggiunto che gli era stato promesso un compenso pecuniario. A quanto pare, ha anche descritto l'uomo che lo aveva mandato in missione, il quale viene adesso ricercato dall'esercito israeliano. Abdallah e' stato quindi riconsegnato ai genitori.
''Non ci stupiamo piu' di niente'', ha commentato l'ufficiale dei paracadutisti. ''In passato, i terroristi hanno affidato ordigni anche a donne incinte, e a una madre di sette figli. I nostri posti di blocco sono spesso criticati: ma se non ci fossero - ha concluso - quegli ordigni esploderebbero di sicuro in Israele''.



_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 17-03-2004 11:27  
La Spagna annuncia il ritiro delle sue truppe dall'Iraq

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Schneider

Reg.: 09 Gen 2004
Messaggi: 186
Da: Castenedolo (BS)
Inviato: 17-03-2004 11:53  
Madrid: un algerino possibile mandante delle stragi

  Visualizza il profilo di Schneider  Invia un messaggio privato a Schneider    Rispondi riportando il messaggio originario
Schneider

Reg.: 09 Gen 2004
Messaggi: 186
Da: Castenedolo (BS)
Inviato: 17-03-2004 12:04  
BANCA D'ITALIA / IL BOLLETTINO ECONOMICO

  Visualizza il profilo di Schneider  Invia un messaggio privato a Schneider    Rispondi riportando il messaggio originario
xander77

Reg.: 12 Ott 2002
Messaggi: 2521
Da: re (RE)
Inviato: 17-03-2004 14:50  
Stragi Madrid: gruppo giornalisti, fummo imbeccati su Eta
(ANSA) - MADRID,16 MAR - Un gruppo di corrispondenti esteri in Spagna ha inviato una lettera di protesta: 'fummo imbeccati da ministero informazione per pista Eta'. E oggi dalla tv tedesca Ard giunge anche la notizia che le autorita' spagnole avrebbero fornito alla polizia tedesca informazioni false sulla natura dell'esplosivo al fine di avvalorare il sospetto sulla responsabilita' dell'Eta per gli attentati dell'11 marzo.
2004-03-16 - 22:10:00



_________________
"Quando sarò grande non leggerò i giornali e non voterò. Così potrò lagnarmi che il governo non mi rappresenta. Poi quando tutto andrà a scatafascio, potrò dire che il sistema non funziona e giustificare la mia antica mancanza di partecipazione"

  Visualizza il profilo di xander77  Invia un messaggio privato a xander77    Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 18-03-2004 00:37  
Esplode albergo a Bagdad
ventotto morti e 45 feriti
Probabilmente si è trattato di un'autobomba
Fra i feriti anche alcuni civili americani



BAGDAD - Ventotto morti e quarantacinque feriti. Questo il bilancio, non ancora definitivo, di un'esplosione che ha devastato il Mount Lebanon Hotel, nel quartiere di Karrada, al centro di Bagdad. Un attacco compiuto con un razzo o forse, più verosimilmente, con un'autobomba, ipotesi questa suffragata dall'ampio cratere che si è aperto davanti all'edificio smembrato.

Un boato violentissimo, che ha ha mandato in frantumi i vetri degli edifici a un chilometro di distanza. Distrutta anche una clinica a poca distanza dall'hotel, danneggiata anche la sede della tv araba Al Jazeera, a poche centinaia di metri. A testimonare la potenza dell'ordigno, oltre alla devastazione resta, davanti alle rovine dell'albergo, un cratere di tre metri per sette.

Subito dopo l'esplosione è divampato un violento incendio e si è levata un'alta colonna di fumo nero. Automezzi e alberi hanno continuato a bruciare per ore dopo l'attacco. Dalle macerie infuocate sono stati estratti corpi mutilati, coperti di sangue, ustionati. Una bambina è stata estratta viva, ma in gravissime condizioni. Fra i feriti, anche alcuni civili americani, secondo quanto hanno riferito i soldati Usa, giunti a portare i soccorsi, con centinaia di agenti iracheni e personale medico.

Il Mount Lebanon era un piccolo albergo, frequentato da arabi e iracheni, che non disponeva dei sistemi di protezione e sicurezza di cui sono dotati gli hotel che ospitano gli occidentali. Ed era a poca distanza dalla piazza Paradiso, resa famosa perché ospitava la grande statua di Saddam Hussein, abbattuta dagli americani appena entrati in città, il 9 aprile. Vicino ci sono i grandi alberghi, Sheraton e Palestine, abitati da giornalisti e stranieri, blindati da forti misure di sicurezza.



"Ho sentito il boato e mi sono messo a correre lungo a strada, ed ho visto tanti, tanti morti - ha detto un testimone iracheno, Raad Abdul Karim -, c'erano anche alcuni bambini fra le vittime. Il quartiere - ha spiegato l'uomo - è popolato sopratutto da sciiti, sunniti e cudi, famiglie normali. Non capisco perché sia accaduto".

L'esplosione è avvenuta a soli tre giorni dal primo anniversario dallo scoppio della guerra in Iraq. Ed è la più violenta verificatasi nella capitale irachena dal 9 marzo, quando tre kamikaze uccisero settantuno persone vicino alla moschea di Kadhimiya.



_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
misterx76

Reg.: 12 Gen 2004
Messaggi: 2312
Da: carsoli (AQ)
Inviato: 18-03-2004 16:22  
Lazio-Juve, grave tifoso ferito
Ricoverato in rianimazione, recisa l'arteria femorale
(ANSA) - ROMA, 18 MAR - E' grave Daniele Di Pasquale, il tifoso juventino di 22 anni, accoltellato assieme al fratello gemello Luca ieri sera dopo Lazio-Juventus. Il giovane e' ricoverato in prognosi riservata nel reparto rianimazione dell'ospedale San Giacomo, per una coltellata che gli ha troncato l'arteria femorale. Il fratello Luca ha una prognosi di 7-8 giorni. I due vivono a L'Aquila. All'uscita dello stadio, di fronte ad una rivendita di panini sono stati circondati dai tifosi laziali che li hanno aggrediti.

_________________
...due volte già cadeste senza cavarne frutto, badate un 3° fulmine vi annienterà del tutto!!!

  Visualizza il profilo di misterx76  Invia un messaggio privato a misterx76    Rispondi riportando il messaggio originario
Schneider

Reg.: 09 Gen 2004
Messaggi: 186
Da: Castenedolo (BS)
Inviato: 22-03-2004 10:12  
Ucciso il leader spirituale di Hamas

  Visualizza il profilo di Schneider  Invia un messaggio privato a Schneider    Rispondi riportando il messaggio originario
clagle01

Reg.: 18 Set 2003
Messaggi: 1566
Da: Lissone (MI)
Inviato: 22-03-2004 10:35  
Lazio-Roma, derby sospeso
gravi incidenti all'Olimpico
Il derby si ferma per le pressioni degli ultrà e una falsa notizia: "E' morto un bimbo". Scontri vicino allo stadio. Prefetto e questore: "Piano preordinato". Nove arresti e 11 denunce.
Bar Sport|Il video

non ho parole,solo 9 arresti,questa è l'Italia....
_________________
Nulla accade per caso.....

  Visualizza il profilo di clagle01  Invia un messaggio privato a clagle01  Email clagle01  Vai al sito web di clagle01     Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 23-03-2004 08:50  
22/03/2004 22:00



GAZA - Le cinque sono passate da pochi minuti a Gaza, fuori e' ancora buio, quando lo sceicco Ahmad Yassin esce dalla moschea del quartiere di Sabra, a due passi da casa, dopo la preghiera del mattino.
Paraplegico dall'eta' di 12 anni, il capo di Hamas si muove in sedia a rotelle. Con lui ci sono come sempre le due guardie del corpo. All'improvviso dal cielo giunge un ronzio: tre elicotteri israeliani, spuntati dal nulla, appaiono, minacciosi.
In rapida sequenza tre missili colpiscono lo sceicco e le sue guardie del corpo. Il terzo uccide altre cinque persone uscite di corsa dalla moschea per cercare di soccorrere il capo di Hamas dopo le prime due esplosioni. Fra i feriti anche due figli dello sceicco.
Per Yassin, probabilmente l'uomo piu' odiato dagli israeliani, perche' capo del movimento che ha ucciso centinaia di civili negli attentati kamikaze degli ultimi anni, non c'e' piu' nulla da fare. E il Medio Oriente di nuovo sprofonda nella bufera, mentre da tutto il mondo arrivano parole di condanna per la 'esecuzione mirata' decisa da Israele.
L'uccisione di Yassin non e' giunta del tutto imprevista. Lo sceicco era sfuggito per miracolo l'anno scorso a un precedente tentativo israeliano di eliminarlo. Dopo l'attentato kamikaze contro il porto di Ashdod di due domeniche fa, costato la vita a dieci civili israeliani ma che avrebbe potuto avere effetti devastanti per la popolazione della citta' se fosse stato colpito un deposito di bromo, il governo israeliano aveva deciso di adottare il pugno di ferro contro Hamas. Il premier Ariel Sharon aveva dato ordine all'esercito di colpire ai vertici appunto Hamas, e la Jihad islamica, i gruppi fondamentalisti impiantati soprattutto a Gaza e responsabili della maggior parte degli attentati kamikaze contro la popolazione dello Stato ebraico. Molti pero' dubitavano che Israele avrebbe preso il rischio di colpire lo stesso Yassin, per l'impatto che la sua morte avrebbe potuto avere sul mondo musulmano.
Ma Sharon, che ha seguito personalmente minuto per minuto la 'esecuzione mirata' di Yassin, non ha avuto dubbi. ''E' diritto del popolo ebreo colpire chi si alza per colpirlo'', ha detto il premier israeliano poche ore dopo l'esecuzione di Yassin, elogiando le forze militari per il successo dell'operazione.
''Lo Stato di Israele questa mattina ha colpito il capo piu' importante dei terroristi assassini palestinesi'', ha affermato.
Yassin - lo sceicco che invento' dieci anni fa gli attentati dei ''martiri'' (i kamikaze) contro Israele - ''era il bin Laden dei palestinesi'', ha accusato poco dopo il ministro della difesa Shaul Mofaz. ''Yassin era un leader terrorista, le cui mani erano sporche del sangue di centinaia di israeliani: la guerra contro Hamas continuera''', ha aggiunto Mofaz.
La notizia della morte di Yassin si e' diffusa velocissima nei territori palestinesi e nel mondo arabo, provocando reazioni di condanna e di rivolta, manifestazioni spontanee.
Il leader dell'Autorita' nazionale palestinese (Anp) Yasser Arafat ha convocato una riunione straordinaria del governo, condannando l'uccisione dello sceicco come ''un crimine barbaro'' che ''ha superato ogni limite''. Il premier Abu Ala ha avvertito che la morte di Yassin puo' ''spalancare la porta al caos''. L'Anp ha decretato tre giorni di lutto nazionale nei Territori. A Gaza e in diverse citta' della Cisgiordania giovani palestinesi hanno attaccato a sassate le forze israeliane: negli scontri, tre palestinesi sono stati uccisi a Khan Yudes, nel sud della Striscia di Gaza, fra cui un ragazzo di 13 anni. Un altro palestinese e' morto a Nablus. Una sommossa e' scoppiata fra i detenuti palestinesi nel carcere di Ketziot, nel deserto israeliano, sedata con fatica dalla polizia carceraria.
A Ramat Gan, nel cuore di Tel Aviv, un palestinese appena giunto dai Territori si e' scagliato con una scure contro i passanti israeliani, ferendone tre prima di essere arrestato.
VOGLIAMO LA TESTA DI SHARON - Intanto da Gaza i gruppi armati palestinesi hanno lanciato proclami di vendetta. ''Vogliamo la testa di Sharon'', ha annunciato il braccio armato di Hamas, le brigate Ezzedin Al Qassam. ''La guerra contro Israele ora e' iniziata'', ha avvertito il leader di Hamas Abdel Aziz Rantisi, considerato uno dei possibili successori di Yassin.
Vendetta e' stata annunciata anche dalle Brigate Al Aqsa, vicine a Al Fatah di Yasser Arafat, e dalla Jihad Islamica. E vendetta hanno chiesto a gran voce a Gaza le decine di migliaia di persone, 200.000 secondo alcune stime, che verso mezzogiorno hanno partecipato ai funerali dello sceicco. Intanto, dal mondo sono giunte dichiarazioni di condanna per l'uccisione di Yassin.
Parole durissime hanno usato i dirigenti arabi e musulmani, dichiarazioni di condanna sono venute dall'Ue, da diversi paesi europei, fra cui l'Italia. Gli Stati Uniti non hanno condannato l'uccisione di Yassin - ricordando che Hamas e' considerata un movimento terrorista anche da Usa e Ue - ma hanno preso le distanze, con Condoleeza Rice, dal metodo usato da Israele.
Poco dopo l'uccisione di Yassin, lo Stato ebraico ha preso misure di massima allerta nel timore di attentati kamikaze di vendetta annunciati dai gruppi armati palestinesi. Tutti i valichi con Gaza e la Cisgiordania sono stati chiusi, forze di polizia presidiano tutti gli obiettivi sensibili, edifici pubblici, scuole, centri commerciali, mentre molta gente, nella strada, nonostante il paese sia da tempo abituato al terrorismo, afferma di avere questa volta davvero paura.






_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 24-03-2004 12:26  

24/03/2004 11:56


L'UE CONDANNA MICROSOFT, MULTA-RECORD DA 497 MLN DI EURO
(ANSA) - BRUXELLES - La Commissione Ue ha oggi formalmente condannato Microsoft per abuso di posizione dominante. Lo riferisce un comunicato ufficiale dell'eurogoverno in cui si confermano l'obbligo per il colosso Usa di fornire una versione di Windows senza Media Player e di condividere informazioni riservate con i concorrenti nel settore dei server di fascia bassa.
La Commissione Ue ha inoltre condannato Microsoft al pagamento di una multa record da 497 milioni di euro, la piu' alta sanzione mai inflitta dall'Antitrust europeo.

Dopo oltre cinque anni di indagini, si legge nella nota diffusa oggi dall'eurogoverno, la Commissione europea ha deciso di condannare il colosso americano dell'informatica per ''abuso di posizione dominante''.
''La decisione odierna - ha commentato in una nota il commissario Ue per la concorrenza e responsabile dell'inchiesta Mario Monti - ripristina le condizioni per una concorrenza leale nel mercato interessato e stabilisce un chiaro principio per la condotta futura di una societa' con una cosi' forte posizione dominante''.

Bruxelles accusa Microsoft di aver deliberatamente soffocato la concorrenza nel mercato dei server di fascia bassa, rifiutandosi di fornire le informazioni necessarie per permettere ai concorrenti di competere sullo stesso livello. In modo analogo, il colosso Usa ha violato la concorrenza ''legando'' il programma multimediale Windows Media Player al sistema operativo Windows presente su oltre nove pc su dieci.

''Visto che tali comportamenti illegali sono ancora in corso - si legge nel comunicato - la Commissione ha ordinato che siano rivelati ai concorrenti, entro 120 giorni, le interfacce necessarie affinche' i loro prodotti possano essere i grado di 'dialogare' con l'onnipresente sistema operativo Windows''.
Per quanto concerne Media Player, inoltre, ''Microsoft e' obbligata entro 90 giorni ad offrire ai produttori di Pc (o nel caso di vendita diretta, agli utenti finali) una versione del suo sistema operativo Windows senza Media Player''.






_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
clagle01

Reg.: 18 Set 2003
Messaggi: 1566
Da: Lissone (MI)
Inviato: 26-03-2004 18:04  

Sei in: Home | Ultim'oraIngrandisci carattere: A | A | A
Palermo, 26 mar 2004 - 17:42

Anche in arabo il sito web del Comune


Il sito dell'Amministrazione comunale di Palermo (www.comune.palermo.it) da oggi può essere consultato anche in lingua araba, oltre che in inglese e francese, già in rete da marzo dello scorso anno. "Essendo Palermo nel cuore del Mediterraneo ed in stretta relazione con i Paesi che vi si affacciano ho ritenuto essenziale sin dal mio insediamento - dice il sindaco Diego Cammarata - che il nostro sito venisse aperto in questa lingua, parlata dalle popolazioni di ventidue Paesi.


Chissà dove finiremo !!!!!!
_________________
Nulla accade per caso.....

  Visualizza il profilo di clagle01  Invia un messaggio privato a clagle01  Email clagle01  Vai al sito web di clagle01     Rispondi riportando il messaggio originario
xander77

Reg.: 12 Ott 2002
Messaggi: 2521
Da: re (RE)
Inviato: 26-03-2004 19:12  
Corriere della Sera:

Diverse le materie «esclusive» regionali previste dal provvedimento
Devolution: sì del Senato. La sinistra lascia l'aula
Approvata in prima lettura la riscrittura della Costituzione. Fini: Il Senato delle regioni a Milano? E' una sciocchezza
ROMA - Via libera del Senato alla riforma della Costituzione. Il testo approvato in prima lettura dovrà ora passare alla Camera per essere sottoposto ad una seconda lettura di entrambi i rami del Parlamento a tre mesi di distanza dalla prima. Tra gli altri articoli l'aula di Palazzo Madama ha approvato l'articolo 33 del ddl di riforma costituzionale che affida alle Regioni «potestà legislativa
esclusiva» in tema di scuola, sanità e polizia locale. Per protesta l'opposizione ha deciso di abbandonare l'aula.

COSA SI PREVEDE - L'articolo sostituisce il quarto comma dell'articolo 117 della Costituzione e prevede che spetti «alle Regioni la potestà legislativa esclusiva» nelle seguenti materie:
- assistenza e organizzazione sanitaria
- organizzazione scolastica, gestione degli istituti scolastici e di formazione, salva l'autonomia delle istituzioni scolastiche
- la definizione della parte dei programmi scolastici e formativi di interesse specifico della Regione
- polizia locale e ogni altra materia non espressamente riservata alla legislazione dello Stato.
- in un altro articolo si prevede la possibilità di dar vita a nuove regioni con una procedura semplificata rispetto a quella attuale. Le nuove regioni dovranno avere almeno 1 milione di abitanti e potranno essere istituite con un referendum destinato ai soli cittadini dei territori interessati. Le nuove regole resteranno in vigore per i cinque anni successivi all'approvazione definitiva delle riforme. Con queste regole diventa possibile per la Romagna staccarsi dall'Emilia e diventare regione autonoma.


MODIFICHE COSTITUZIONALI - Inoltre, le disposizioni si applicheranno alle Regioni a statuto speciale e alle province autonome di Trento e Bolzano «esclusivamente ove prevedano forme di autonomia più ampie rispetto a quelle di cui esse già dispongono, secondo i rispettivi statuti di autonomia e le relative norme di attuazione». L'articolo prevede, infine, che il primo comma dell'articolo 117 della Costituzione sia sostituito dal seguente: «La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonchè dei vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario».

LA PROTESTA - Il capogruppo dei Ds Gavino Angius ha annunciato la defezione delle opposizioni che hanno lasciato l'Aula del Senato mentre si stava esaminando il ddl. Una protesta contro l'approvazione della devolution che «rappresenta una rottura dell'unità nazionale».

FINI: SCIOCCHEZZA SENATO A MILANO - È una «clamorosa sciocchezza» l'ipotesi che Milano possa essere sede del Senato delle Regioni: lo ha affermato il vicepresidente del consiglio, Gianfranco Fini, rispondendo a Milano alle domande dei giornalisti circa la riforma sulla devoluzione approvata oggi al Senato. «La sede della Camera e del Senato - ha sottolineato Fini - è la capitale d'Italia».


_________________
what have I done in my life ? Is this the end when two worlds collide ?

[ Questo messaggio è stato modificato da: xander77 il 26-03-2004 alle 19:13 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: xander77 il 26-03-2004 alle 19:14 ]

  Visualizza il profilo di xander77  Invia un messaggio privato a xander77    Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 30-03-2004 01:15  
Georgia: tutti i seggi al partito del presidente
Ancora alle urne dopo l'annullamento delle elezioni dello scorso novembre e la rivolta che porta all'esilio Shevardnaze

Il presidente Saakashvili al voto (AP)
TBILISI - La coalizione del presidente georgiano Mikhail Saakashvili ha vinto le elezioni legislative ottenendo tutti i seggi parlamentari. Nessuno dei 16 altri partiti ha raggiunto la soglia del 7% necessaria per entrare in parlamento, secondo un exit poll diffuso dalla rete televisiva Roustavi-2. Il Movimento nazionale-Blocco dei democraticì ha ottenuto il 78,6% dei voti.
Il voto è stato segnato da «serie irregolarità» nella regione autonoma dell'Ajaria secondo il capo della commissione elettorale centrale Chiaberachvili, il quale ha aggiunto che le irregolarità «sono pesanti a sufficienza per avere un impatto sui risultati generali a livello dell'intero Paese».
La Georgia è andata di nuovo alle urne dopo che le elezioni di novembre, da molti ritenute irregolari, avevano innescato una protesta popolare guidata dallo stesso Saakashvili che portò alla destituzione del presidente Eduard Shevardnaze.

_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 Pagina successiva )
  
0.208004 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: