FilmUP.com > Forum > Attualità - Guerre attualmente in corso
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Guerre attualmente in corso   
Vai alla pagina ( 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 Pagina successiva )
Autore Guerre attualmente in corso
MikesAngel
ex "MissRigth"

Reg.: 09 Gen 2002
Messaggi: 7725
Da: Firenze (FI)
Inviato: 16-10-2003 11:29  
Visto che in più di un anno che sono iscritta non lo ha mai fatto nessuno lo faccio io.
Queste sono le guerre attualmente in corso nel mondo. Da quelle di serie A a quelle di serie B fino a quelle di serie Z.
Lo scopo di questo topic??? Capire il perchè la stragrande maggioranza di esse sono opportunamente ignorate da tutti.
Perchè nessuna bandiera ha sventolato per loro? Perchè nessun corteo a sfilato per loro, ma soprattutto PERCHE' nessuno parla di loro?
TUTTI siamo contro la guerre giusto?
Ma siamo contro la GUERRA (di turno politicamente utile)? o le GUERRE ( intese come risoluzioni inaccettabili qualunque sia la motivazioni che le ha scatenate)?
Vi esorto PER UNA VOLTA ad essere sinceri e a lasciare da parte la politica e l'ipocrisia che ci accompagna tutti compresa la sottoscritta, e a fare un'analisi del perchè ci si scandalizza solo a comando o solo di determinate guerre.
Questo è il testo da me raccolto:

Non solo Iraq. Nel mondo sono in corso decine di altri conflitti - il sito www.warnews.it ne enumera 36, altre fonti ne contano. fino a 50 - e pochissimi rispondono ai criteri classici della Guerra, come la raccontano i vecchi manuali di strategia militare. Si combattono perlopiù all'interno di un unico Stato, spesso con le rimanenze di arsenali dismessi dalle grandi potenze - niente missili hi-tech più o meno intelligenti, bensì machete, kalashnikov e vecchi tank - ma anche con metodi apertamente terroristici come sequestri, autobombe e agguati kamikaze. Le chiamano guerre dimenticate o conflitti striscianti. Oppure, in termini tecnici “a bassa Intensità”, anche se provocano milioni di morti, al 90% civili. Le abbiamo suddivise, semplificando, in gruppi tematici. Con un'avvertenza: dietro le motivazioni ideologiche, separatiste o, religiose c'è quasi - sempre la lotta per il controllo di una risorsa economica, sia essa i diamanti dell'Angola, la coca della Colombia o il petrolio del Sudan.

INTERNAZIONALI
In teoria dovrebbero essere queste le guerre classiche, quelle combattute fra due o più Stati. generalmente confinanti. In realtà soltanto il conflitto fra Eritrea ed Etiopia - conelusosi nel2000 con un fragile accordo, di pace e una frontiera imbottita di mine - ricade a pieno titolo in questa categoria. Decisamente meno convenzionale è l'interminabile crisi fra Israele ed Autonomia Palestinese, con la molteplicità dei suoi fronti e lo stillicidio di attentati, ritorsioni, e morti civili. In questo gruppo rientrano anche le “guerre di polizia internazionale” lanciate da Washington e dai suoi alleati sia in Afghanistan, contro il regime talebano e il terrorismo di Al Qaeda, sia in Iraq. Un caso a sé è la “guerra mondiale afficatia” che ha visto combattersi sul territorio della Repubblica democratica del Congo gli eserciti di ben cinque Paesi vicini (Angola, Namibia, Zimbabwe, Uganda e Ruanda): alla firma degli accordi di pace nel dicembre 2002 si contavano 2,8 milioni di vittime. E il massacro continua, come dimostrano le ultime notizie.

CIVILI
In Africa si tratta, perlopiù, di lotte fra clan rivali che si risolvono con accordi di pace spesso molto precari. E' successo in Sierra Leone, dove nell’ultimo anno l'Onu è riuscita a disarmare parzialmente il Fronte rivoluzionario unito, famigerato per la pratica delle amputazioni di gambe, braccia, orecchie e naso, e in Congo Brazzaville pochi giorni fa con un’intesa accettata anche,dai ribelli “Ninja”. In Angola, che dall'indipendenza nel 1975 non aveva conosciuto un solo giorno di pace, il cessate il fuoco fra il governo di Luanda e i ribelli dell'Unita è stato decretato nell’aprile del 2002 (il tragico “saldo” è di 1 milione di morti e 4 milioni di profughi), ma il conflitto continua nella provincia di Cabinda. Si combatte ancora feroce­mente in Liberia la più antica repubblica d'Africa oggi governata con il terrore da Charles Taylor. E si combatte, sporadicamente, in Costa d'Avorio dopo l'insurrezione militare del settembre scorso che ha costretto il presidente Gbagbo a formare un governo di unità nazionale. Nella Repubblica Centrafriacana si è appena insediato con un golpe il generale “ribelle” Francois Bozizé dopo mesi di scontri intorno alla capitale Bangui. È in Colombia la guerra civile più “antica” della storia, contemporanea: da 39 anni le Farc, di ideologia marxista/leninista, combattono il governo di Bogotà senza disdegnare l'alleanza tattica con i narcotrafficanti. Un conflitto complicato dai massacri compiuti dagli squadroni paramilitari di estrema destra. E le stragi restano all'ordine del giorno in Algeria (gli estremisti islamici hanno ucciso almeno 100.000 persone dal 1992). In Nepal una “guerra del popolo” è stata lanciata dal Partito comunista/maoista contro la monarchia costituzionale. Infine la Birmania: il Paese è allo sbando, sconvolto da 50 anni di conflitti interni sia. etnici sia politici. La nuova, giunta militare, insediatasi nel 1988 dopo la feroce repressione delle manifestazioni per la democrazia, continua a tenere in carcere decine di oppositori politici e a reprimere nel sangue i movinienti indipendentisti delle etnie Karen e Shan.

SEPARATISTE
In continuo aumento. Si va dagli ormai storici conflitti europei – in Irlanda del Nord il processo di pace è ormai avviato anche se alcune frange dell'Ira non hanno aderito al cessate il fuoco, nei Paesi Baschi spagnoli l'Eta sembra invece aver. Definitivamente scelto il terrorismo – alla devastante invasione russa in Cecenia, 150 mila morti dal 1999, con il conseguente risveglio di un sanguinario terrorismo indipendentista. Per arrivare alle rivendicazioni armate in angoli sperduti come l'Aceh, regno nel Nord dellisola di Sumatra, o la Papuasia occidentale, che rivendicano l'indipendenza dall’Indonesia; la regioneidiCasamance nel Senegal mendionale, infestata di mine anti-uomo; o l’Abkhazia nell’ex repubblica sovietica della Georgia. Il più alto numero di movimenti separatisti è in India (il più antico, in Nagaland) mentre il popolo curdo, 30 milioni di persone, non smette di lottare per il riconosci mento del Kurdistan che si estende in Turchia, Iraq, Iran, Armenia e Siria.

ETNICO TRIBALI
Sono concentrate quasi tutte in Africa. Dall’Uganda - dove sono costretti a combattere 10 mila bambini - al Ruanda e Burundi, teatro dei periodici genocidi fra le etnie Hutu e Tutsi. Dalla Somalia, devastata da una faida fra clan che neppure l'intervento dei marines e dell'Onu è riuscito a fermare, alla Nigeria attraversata da fortissime tensioni fra le etnie Ibo, cristiano-animisti, gli Hausa-Fulani, musulmani, e, gli Yoruba, metà cristiani e metà musulmani. Resta latente il conflitto nel Chiapas messicano: il subcomandante Marcos non combatte più e parla sempre meno, il governo non ha mai voluto riconoscere le rivendicazioni degli indigeni. A rischio resta anche la Macedonia che ha trovato un fragile equilibrio fra la maggioranza slavo-macedone e la consistente minoranza albanese concentrata nel Nord.

RELIGIOSE
Le più feroci. L'esercito del Sudan, dove vige la legge islamica, è responsabile di innumerevoli massacri di civili anche con armi chimiche, nei villaggi del Sud cristiano-animista dove operano i ribelli dello Spla. Fino ad oggi si contano un milione e mezzo di morti dal 15 ottobre è in vigore un cessate il fuoco. Guerre ancora aperte in Asia: nell'isola di Mindanao, musulmana, contro il governo cristiano delle Filippine, (le trattative di pace avviate nel 1987 sono state subito respinte dalla fazione estremista di Abu Sayaf vicina ad Al Qaeda); a Sri Lanka, tra i guerriglieri Tamil (indù) e la maggioranza cingalese (buddista) e anche tra i cristiani e i musulmani dell'arcipelago indonesiano delle Molucche. La situazione più pericolosa è in Kashmir, a maggioranza musulmana, dove è attivo un forte movimento armato che rivendica l'Indipendenza dall'India. Dal 1948 India e Pakistan si contendono con le armi la regione e i combattimenti sulla linea di confine continuano senza sosta.

Tratto da FRONTI DIMENTICATI

Una curiosità quante ne conoscevate???
A voi la parola

  Visualizza il profilo di MikesAngel  Invia un messaggio privato a MikesAngel    Rispondi riportando il messaggio originario
pibedeoro

Reg.: 26 Giu 2003
Messaggi: 1866
Da: Carrara (MS)
Inviato: 16-10-2003 11:35  
Io una risposta ce l'avrei ma verrei poi attaccato da molti in questo forum che avendo il paraocchi guardano in una soladirezione...
Cmq concordo sul tuodiscorso esul fatto che non ho visto un no-global, o un pacifista manifestare per queste guerre...
_________________
Non può piovere per sempre

  Visualizza il profilo di pibedeoro  Invia un messaggio privato a pibedeoro  Email pibedeoro    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 16-10-2003 11:48  
quote:
In data 2003-10-16 11:35, pibedeoro scrive:
Io una risposta ce l'avrei ma verrei poi attaccato da molti in questo forum che avendo il paraocchi guardano in una soladirezione...
Cmq concordo sul tuodiscorso esul fatto che non ho visto un no-global, o un pacifista manifestare per queste guerre...




Se dobbiamo fare un discorso serio ben venga, a patto di non sentire certe idiozie.

Visto che in questo post si allude scioccamente ad una malafede o una faziosità nelle manifestazioni pacifiste, potrei constatare che non ho mai visto una manifestazione di Forza Italia, AN, Lega, Udc e tutte le destre contro nessun tipo di guerra, nè quelle solite tantomeno quelle elencate in questo topic.
Che discorsi senza senso

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
pibedeoro

Reg.: 26 Giu 2003
Messaggi: 1866
Da: Carrara (MS)
Inviato: 16-10-2003 11:54  
quote:
In data 2003-10-16 11:48, Quilty scrive:
quote:
In data 2003-10-16 11:35, pibedeoro scrive:


Se dobbiamo fare un discorso serio ben venga, a patto di non sentire certe idiozie.
Visto che in questo post si allude scioccamente ad una malafede o una faziosità nelle manifestazioni pacifiste, potrei constatare che non ho mai visto una manifestazione di Forza Italia, AN, Lega, Udc e tutte le destre contro nessun tipo di guerra, nè quelle solite tantomeno quelle elencate in questo topic.
Che discorsi senza senso



Come al solito, ma allora non impari mai qua si stà solo parlando del fatto che certe guerre vengono dimenticate casualmente... non di politica... per una volta potresti fare un discorso senza tirarci dentro Berlusconi o Fini non è difficile se ci provi...
_________________
Non può piovere per sempre

  Visualizza il profilo di pibedeoro  Invia un messaggio privato a pibedeoro  Email pibedeoro    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 16-10-2003 11:59  
Ma finiscila.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
pibedeoro

Reg.: 26 Giu 2003
Messaggi: 1866
Da: Carrara (MS)
Inviato: 16-10-2003 12:00  
Speravo in qualcosa di più da una tua risposta... Quinty...
_________________
Non può piovere per sempre

  Visualizza il profilo di pibedeoro  Invia un messaggio privato a pibedeoro  Email pibedeoro    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 16-10-2003 12:00  
Certo ma non la do sicuramente a queste tue baggianate.
_________________
E' una storia che è successa ieri, ma io so che è domani.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
MikesAngel
ex "MissRigth"

Reg.: 09 Gen 2002
Messaggi: 7725
Da: Firenze (FI)
Inviato: 16-10-2003 12:04  
Ragazzi allora non ci siamo proprio capiti eh??

Quilty io non alludo: CONSTATO, smentiscimi sarò felice di fare ammenda.
Concordo pienamente con te con il fatto che le destre non hanno mai sfilato contro le guerre, chi mi volesse smentire può farlo farò ammenda, vedi sopra.

Vogliamo rispondere invece di tergiversare in politichese?
_________________
"... ' fanculo a quelli che credono di capire un film, quando invece si fermano solo ad alcuni aspetti tecnici, credendo di essere dei grandi cineasti..."

  Visualizza il profilo di MikesAngel  Invia un messaggio privato a MikesAngel    Rispondi riportando il messaggio originario
pibedeoro

Reg.: 26 Giu 2003
Messaggi: 1866
Da: Carrara (MS)
Inviato: 16-10-2003 12:06  
quote:
In data 2003-10-16 12:04, MikesAngel scrive:
Ragazzi allora non ci siamo proprio capiti eh??

Quilty io non alludo: CONSTATO, smentiscimi sarò felice di fare ammenda.
Concordo pienamente con te con il fatto che le destre non hanno mai sfilato contro le guerre, chi mi volesse smentire può farlo farò ammenda, vedi sopra.

Vogliamo rispondere invece di tergiversare in politichese?



Ma è quello che ho detto io, che bello per una volta qualcuno che mi appoggia...
_________________
Non può piovere per sempre

  Visualizza il profilo di pibedeoro  Invia un messaggio privato a pibedeoro  Email pibedeoro    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 16-10-2003 12:16  
Secondo me la risposta è che manifestiamo il nostro disappunto per certe guerre e non per altre non per questioni strumentali (come mi sembra tu la veda) ma fondamentalmente perchè ci sono guerre che ci riguardano più da vicino e altre meno.

Io concordo sul fatto che bisogna essere sempre contro tutte le guerre,penso che chiunque sia d'accordo.

Ammetterai anche tu che tra una guerra in Angola e una in Kossovo (o Iraq) dove noi italiani siamo chiamati direttamente in causa ,in quanto membri della NATO, e dobbiamo prestare le basi da cui partono aerei che sganciano bombe,c'è una bella differenza.

C'è differenza in termine di partecipazione attiva. In Angola noi italiani non ci siamo, per bombardare i serbi abbiamo concesso (coi voti del Parlamento esclusi i Verdi e Rifondazione Comunista) le basi e lo spazio aereo.

Mi sembra logico che la gente non ci stia. Se non si possono evitare le guerre nel mondo, almeno non si facciano con la nostra partecipazione. Non in nostro nome.

E questo è un dovere di qualunque cittadino onesto, almeno dire No alle guerre che ci vedono coinvolti, e manifestare il nostro disappunto.

Questo non significa che non interessino tutti gli altri conflitti o che solo alcuni vengano usati in modo strumentale per attaccare certe fazioni politiche.
Del resto anche i media non parlano di tutte queste guerre ma solo di quelle che ci vedono coinvolti.


  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
MikesAngel
ex "MissRigth"

Reg.: 09 Gen 2002
Messaggi: 7725
Da: Firenze (FI)
Inviato: 16-10-2003 12:25  
Ok capisco il fatto che siamo portati a dare più peso a guerre che ci coinvolgono da vicino, ma mi sembra un discorso un pò superficiale ed egoista, ( non è un attacco a te io sono la prima della lista).
Non possiamo infervorarci solo quando quando il nostro prezioso orticello è in pericolo, o chiamato in causa dalle scelte politiche di turno, per appoggiare o non appoggiare i conflitti, altrimenti siamo uguali a quelli che attaccano per salvaguardare i propri interessi economici, insomma siamo un pò ipocriti non credi?
Cioè mi spiego i bambini muoiono anche nella altre guerre è un nostro dovere incazzarci e protestare, come sarebbe un dovere degli organi preposti informare a dovere anche sull'Angola.
_________________
"... ' fanculo a quelli che credono di capire un film, quando invece si fermano solo ad alcuni aspetti tecnici, credendo di essere dei grandi cineasti..."

  Visualizza il profilo di MikesAngel  Invia un messaggio privato a MikesAngel    Rispondi riportando il messaggio originario
xander77

Reg.: 12 Ott 2002
Messaggi: 2521
Da: re (RE)
Inviato: 16-10-2003 12:36  

Cioè mi spiego i bambini muoiono anche nella altre guerre è un nostro dovere incazzarci e protestare, come sarebbe un dovere degli organi preposti informare a dovere anche sull'Angola.

[/quote]
E qui casca l'asino Mikes! Esistono associazioni ( aderenti ai vari social forum) che da anni sono impegnate attivamente nelle zone "calde" del mondo, ma non hanno visibilità, non se ne parla. E' dura da digerire ma se i media non fanno diventare le guerre che tu elenchi notizie, queste guerre è come se non esistessero.
_________________
"Quando sarò grande non leggerò i giornali e non voterò. Così potrò lagnarmi che il governo non mi rappresenta. Poi quando tutto andrà a scatafascio, potrò dire che il sistema non funziona e giustificare la mia antica mancanza di partecipazione"

  Visualizza il profilo di xander77  Invia un messaggio privato a xander77    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 16-10-2003 12:45  
Il discorso è questo: perchè io cittadino italiano devo dare il consenso a vedere il mio territorio usato da caccia bombardieri che spargono morte?

Io non li voglio. E questo mi fa incazzare.
Non voglio essere complice delle loro guerre.

Intanto rifiuto le mie guerre, perchè bene o male anche l'Italia ha dato il suo contributo, nel suo piccolo, alle guerre recenti,contribuendo in vario modo.

E questo non dovrebbe essere un elemento da disprezzare o tacciare come comportamento superficiale o egoista.

Io manifestante comincio a dire NO alle mie guerre.
Non trovi che sarebbe ancora più ipocrita manifestare contro la guerra in Angola quando non si è fatto nulla per impedire che l'Italia scendesse in campo come membro NATO contro nazioni poverissime?

Quindi, prima guardiamo a cosa facciamo noi in casa nostra.
Poi manifestiamo per le altre guerre, quelle che non ci vedono protagonisti.

Si è svolta domenica una manifestazione per la pace(e quindi contro tutte le guerre)e questo dovresti rilevarlo.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
MikesAngel
ex "MissRigth"

Reg.: 09 Gen 2002
Messaggi: 7725
Da: Firenze (FI)
Inviato: 16-10-2003 12:45  
Che ci siano associazione e/o missionari che si occupano di questo lo sapeva anche l'asino ( cioè io)
La mia domanda si rivolgeva a me te e tutti quelli che sono la stramaggioranza, che parlano e si incazzano solo per poche guerre ma non per tutte, questo è lo scopo del topic: PARLANE, ma soprattutto capire il perchè non se ne parla, anche tra noi.
Parto dal basso dall'uomo della strada, molti saranno indottrinati dai media come dice Quilty, ma gli altri?
Tu per esempio perchè non ne hai mai parlato nei topic precedenti? Perchè non ti è mai venuto in mente di parlarne?
Perchè non hai tirato fuori i nomi delle associazioni? Perchè le associazioni rimagono nell'ombra
PERCHE'???

Attenzione voglio solo capire non cominciamo aprenderla sul personale ok?
_________________
"... ' fanculo a quelli che credono di capire un film, quando invece si fermano solo ad alcuni aspetti tecnici, credendo di essere dei grandi cineasti..."

  Visualizza il profilo di MikesAngel  Invia un messaggio privato a MikesAngel    Rispondi riportando il messaggio originario
MikesAngel
ex "MissRigth"

Reg.: 09 Gen 2002
Messaggi: 7725
Da: Firenze (FI)
Inviato: 16-10-2003 12:49  
quote:
Io manifestante comincio a dire NO alle mie guerre.
Non trovi che sarebbe ancora più ipocrita manifestare contro la guerra in Angola quando non si è fatto nulla per impedire che l'Italia scendesse in campo come membro NATO contro nazioni poverissime?


bisognerebbe farlo per entrambi non solo per le nostre guerre


quote:
Si è svolta domenica una manifestazione per la pace(e quindi contro tutte le guerre)e questo dovresti rilevarlo


Ti riferisci a quella di Perugia?
Hai fatto bene a rilevarlo.
_________________
"... ' fanculo a quelli che credono di capire un film, quando invece si fermano solo ad alcuni aspetti tecnici, credendo di essere dei grandi cineasti..."

  Visualizza il profilo di MikesAngel  Invia un messaggio privato a MikesAngel    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 Pagina successiva )
  
0.236869 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: