FilmUP.com > Forum > Attualità - Ticket sull'aborto
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Ticket sull'aborto   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 )
Autore Ticket sull'aborto
Hellboy

Reg.: 22 Ago 2003
Messaggi: 4287
Da: Rio Bo (es)
Inviato: 14-08-2004 20:12  
quote:
In data 2004-08-14 19:25, Julian scrive:
Si può anche incazzars..a me è capitato
spesso:non è bello un forum in cui ci
scambiamo complimenti e basta.Però neanche
dare del coglione a uno che non conosci..





non dimenticare che ci sono stati e ci sono nick che cercano e vogliono solo la baruffa!

_________________

  Visualizza il profilo di Hellboy  Invia un messaggio privato a Hellboy    Rispondi riportando il messaggio originario
fassbinder

Reg.: 29 Ago 2003
Messaggi: 1335
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 14-08-2004 22:30  
quote:
In data 2004-08-12 17:14, ipergiorg scrive:
Siccome sono un po' pigro riporto questo articolo (o meglio la parte che condivido in toto)

Dalle nostre parti si paga tutto meno l'aborto

di Vittorio Feltri - Immagino che la stragrande maggioranza degli italiani, e dei nostri lettori, sia stata indotta a equivocare anche in questa circostanza, male informata e stordita da commenti e reazioni isteriche ad una proposta che invece è di buon senso. Mi riferisco all'aborto e alla legge 194 che lo regola Occorre riassumere. Alcuni giorni orsono il senatore (di Forza Italia) Antonio Gentile suggerisce di introdurre il ticket per le donne che si sottopongono (nelle strutture pubbliche) a interruzione volontaria della maternità. Non tutte, si badi bene, ma soltanto le habitué, ossia le recidive. Dice Gentile. Siccome può capitare a tutti di sbagliare, se una ragazza scopre di essere gravida e non è in condizioni (psicologiche, ambientali, economiche) di tenersi il bambino, ha diritto all'aborto gratuito. Che qualcuno, ad esempio i cattolici (ma non solo), considera omicidio, ma pazienza: esiste da anni una norma approvata dal Parlamento che lo legittima, pertanto non è reato, punto e amen.

Il senatore forzista non discute di principi. Non chiede di revisionare la legge nella sostanza; si limita a mettere i puntini sulle "i". Posto che la interruzione della maternità entro i primi tre mesi è lecita (pur con tanti se), qualora però una donna abbia già usufruito del Servizio sanitario nazionale allo scopo di non diventare mamma, e si trovi nella necessità di usufruirne una seconda volta, è opportuno contribuisca alle spese nella misura del 50 per cento. Banalizzando, il ragionamento è: la prima si perdona, la seconda si perdona a metà. E la terza? Si bastona.
Non la signorina o la signora, per carità, ma il suo portafogli la cui sensibilità è quasi sempre maggiore rispetto a quella del groppone. A fini educativi, è più efficace una punizione pecuniaria di una punizione fisica peraltro impensabile in una civiltà come la nostra, al momento non ancora completamente islam i z z at a . Qualcosa bisogna fare. Nel 2003 gli aborti nel Paese sono stati 132 mila e rotti, meno in confronto al passato (dal 1982 a oggi si è registrato un calo del 44 per cento). Tuttavia non sono pochi e l'idea di disincentivare la pratica (2000 euro ciascuna) non è peregrina, specialmente se si calcola che un terzo riguarda donne recidive, alla seconda, alla terza o addirittura alla quarta operazione. A parte la questione morale (in questa sede non interessa), se si eliminassero le recidive, si otterrebbe ogni anno un risparmio di 120 miliardi di lire fuori corso. Denaro nostro, della collettività, sottratto al Servizio sanitario pur bisognevole di fondi per curare ammalati gravi. Si obietterà: una gravidanza indesiderata (o insostenibile) è equiparabile a una malattia grave. Giusto. Però, converrete, la gravidanza non è difficilissimo prevenirla. Sono in commercio, e a prezzi accessibili, vari contraccettivi: il profilattico, la pillola, la spirale, il diaframma e il famoso bicchiere d'acqua, magnifico sostitutivo del canonico rapporto.

L'educazione sessuale, è vero, non è entrata in pieno nel costume; ma è altrettanto vero che fare l'amore senza tenere conto delle conseguenze non è mai uscito dal campionario delle abitudini ir responsabili. Non per ignoranza, poiché tutti sanno che facendolo si rischia il pancione, bensì per imbecillità maschile quanto femminile.
Non si comprende per quale motivo i quattrini da noi consegnati all'erario debbano servire per "riparare" alla sbadataggine cretina di certe coppie, fisse o precarie o occasionali, le quali all'atto di unirsi in amplessi più o meno soddisfacenti a tutto pensano, tranne ai guai cui vanno incontro senza caricarsi dei probabili costi. Cari ragazzi e ragazze, desiderate continuare a infischiarvene degli esserini che concepite e sopprimete? Non possediamo armi per impedirvelo, però non pretendiate di farlo sempre gratis. Ve lo lasciamo fare gratis una volta, semigratis la seconda; la terza no, saldare la parcella tocca a voi in nome di dio, anzi, in nome della decenza.
Che c'è di stravagante in questo discorso? Nulla. ..omissis.... Ah, dimenticavo un dettaglio: il ticket si paga su tutto, eccetto l'aborto.





Ogni volta che lo rileggo è sempre più agghiacciante !!!

[ Questo messaggio è stato modificato da: fassbinder il 14-08-2004 alle 22:31 ]

  Visualizza il profilo di fassbinder  Invia un messaggio privato a fassbinder    Rispondi riportando il messaggio originario
ginestra


Reg.: 02 Mag 2003
Messaggi: 8862
Da: San Nicola la Strada (CE)
Inviato: 14-08-2004 23:12  
Buon ferragosto a tutti, allora.Fass, quella canzoncina è la mia preferita, vogliamo uccidere tutti?
_________________
E tu, lenta ginestra,che di selve odorate queste campagne dispogliate adorni, anche tu presto alla crudel possanza soccomberai del sotterraneo foco, che ritornando al loco già noto, stenderà l'avaro lembo su tue molli foreste.......

  Visualizza il profilo di ginestra  Invia un messaggio privato a ginestra  Email ginestra    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 )
  
0.115736 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: