FilmUP.com > Forum > Attualità - RATZINGER PAPA!
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > RATZINGER PAPA!   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 Pagina successiva )
Autore RATZINGER PAPA!
ipergiorg

Reg.: 08 Giu 2004
Messaggi: 10143
Da: CARBONERA (TV)
Inviato: 25-04-2005 14:57  
quote:
In data 2005-04-25 14:51, Hamish scrive:
quote:
In data 2005-04-25 13:24, Hellboy scrive:
torno su un punto.
se la salvezza è DENTRO la CHIESA, non ACCANTO alla CHIESA...come vengono classificati quei c.d. cattolici "non praticanti" che sono almeno la meta' di chi si professa cattolico?

se la chiesa e la bibbia dicono di SANTIFICARE LE FESTE, queste persone che non vanno mai a messa o ci vanno quando gli gira, cioè poco, li si considera dentro, accanto o fuori la chiesa???
infrangono senza dubbio un comandamento.

la rigidità non porta lontano, allontana e basta.



Molte persone tacciano la Chiesa di rigidità solo perchè non viene incontro ai propri interessi.Mi sipego meglio:tutti quelli che si professano "cattolici non praticanti" (vi prego qualcuno mi spieghi che significa!!) dicono di non andare a messa perchè i sermoni annoiano,perchè Dio è ovunque etc.Ma quante di quelle persone che dicono così poi leggono da sole il Vangelo?Nessuna o quasi...Tutti quelli che non si confessano mai lo giustificano dicendo che non vedono per quale motivo devono andare a raccontare i fatti loro ad un prete quando loro parlano direttamente con Dio.Forse però non conoscono il passo del Vangelo dove Gesù stesso parlando agli apostoli dice più o meno così:"andate,io vi mando come pecore in mezzo ai lupi:a chi rimetterete i peccati saranno rimessi,a chi non li rimetterete resteranno non rimessi...".Alcuni dicono che certe cose non stanno scritte nei Vangeli quindi sono solo un esempio della volontà egemone della Chiesa e quindi perchè le si dovrebbe rispettare?Ma,a parte il fatto che in tre anni di predicazione Gesù non poteva e non voleva specificare tutto per filo e per segno ma limitarsi a fissare i principi base a cui ispirarsi per costruire poi la sua Chiesa,vorrei dire a queste stesse persone che dicono di non credere in ciò che non sta scritto nei Vangeli di seguire allora letteralmente i Vangeli e vedere quanto è più difficile!!!

Certo,la Chiesa deve essere al passo coi tempi,ma non può per questo stravolgere i suoi principi base!!La Chiesa non potrà mai dire si ad aborto,eutanasia e pena di morte,è contro ogni suo principio e questo a costo di essere tacciata di arretratezza!
Anzi,alla Chiesa converrebbe dire di si,avrebbe senz'altro più fedeli di quanti ne ha adesso!Il problema è che la Chiesa è nata per diffondere la parola di Dio sulla terra e non per assecondare le voglie degli uomini!!
La legge di Dio (per chi ci crede) non ha le stessa scappatoie della legge degli uomini.La Chiesa non obbliga nessuno a seguire i suoi insegnamenti.Chi vuole lo fa,chi non vuole non lo fa.E mi meraviglia come siano proprio coloro che si professano atei ad attaccare così duramente la Chiesa su certi punti.La mia domanda è:se siete atei,che cacchio vi frega?!Non siete obbligati a seguire i principi cristiani e quindi perchè li attaccate.Chi vuole divorziare divorzia,che vuole abortire abortisce eppure è sempre tutta colpa della Chiesa...Mi chiedo perchè poi queste stesse persone non spendono una sola parola contro l'islam ad esempio che su questi temi è ancora più rigido...E non solo l'islam radicale,amche l'islam moderato.Perchè a parlar male dell'islam si è degli intolleranti,mentre a parlar male della Chiesa si dà solo libero sfogo alla propria libertà di espressione?
Tu dici che la metà di coloro che si definiscono cattolici non vanno a messa e questo è vero.Ma se uno veramente crede in Dio costa così tanto spendere un ora della propria settimana per andare in Chiesa?E poi perchè le stesse persone a Pasqua e a Natale affollano le Chiese?Che senso ha andare a messa 2 volte l'anno?Personalemente a questo punto apprezzo di più chi non ci va mai...

Detto questo vorrei specificare che è lungi da me l'idea di voler fare la predica o la morale a qualcuno.Io mi definisco cristiano cattolico,ma non sono sicuramente il migliore dei cristiani,anzi!!




Complimenti grande intervevnto.

  Visualizza il profilo di ipergiorg  Invia un messaggio privato a ipergiorg  Vai al sito web di ipergiorg    Rispondi riportando il messaggio originario
Hamish

Reg.: 21 Mag 2004
Messaggi: 8354
Da: Marigliano (NA)
Inviato: 25-04-2005 14:58  
quote:
In data 2005-04-25 14:45, ipergiorg scrive:
quote:
In data 2005-04-25 11:36, Hamish scrive:
Basta saper leggere.




... solo quello che fa comodo, certo.

Non capisco,spiegati meglio please...
_________________
IO DIFENDO LA COSTITUZIONE. FIRMATE.

  Visualizza il profilo di Hamish  Invia un messaggio privato a Hamish    Rispondi riportando il messaggio originario
Hellboy

Reg.: 22 Ago 2003
Messaggi: 4287
Da: Rio Bo (es)
Inviato: 25-04-2005 20:41  
Tu dici che la metà di coloro che si definiscono cattolici non vanno a messa e questo è vero.Ma se uno veramente crede in Dio costa così tanto spendere un ora della propria settimana per andare in Chiesa?E poi perchè le stesse persone a Pasqua e a Natale affollano le Chiese?Che senso ha andare a messa 2 volte l'anno?Personalemente a questo punto apprezzo di più chi non ci va mai...

Detto questo vorrei specificare che è lungi da me l'idea di voler fare la predica o la morale a qualcuno.Io mi definisco cristiano cattolico,ma non sono sicuramente il migliore dei cristiani,anzi!


infatti, ma la domanda è e rimane: questi pseudocattolici, o cattolici di comodo (loro), per la Chiesa sono parte del "gregge" o no?

io per la Chiesa , essendo battezzato e cresimato, sono un cattolico.
in effetti non lo sono perche' non vado a messa coscientemente e volutamente per mia scelta, non per pigrizia.

quindi mi considero fuori dalla chiesa.
ma il pigro è una pecorella smarrita ?
o è out?

il non confessarsi al prete poi rende costui un protestante (senza sapere di esserlo).
come la mettiamo?

insomma per me il cattolico credente è colui che osserva tutte le regole della chiesa e non solo alcune, e quando e come fa comodo.


_________________

  Visualizza il profilo di Hellboy  Invia un messaggio privato a Hellboy    Rispondi riportando il messaggio originario
Hellboy

Reg.: 22 Ago 2003
Messaggi: 4287
Da: Rio Bo (es)
Inviato: 25-04-2005 20:47  
ma mi sembra che siamo tutti d'accordo nel dire che il termine cattolico NON PRATICANTE è una contraddizione in termini!


quello che vorrei tentare di sapere è come vengono considerate queste persone dalla chiesa ufficiale.
_________________

  Visualizza il profilo di Hellboy  Invia un messaggio privato a Hellboy    Rispondi riportando il messaggio originario
mariano

Reg.: 01 Nov 2003
Messaggi: 2282
Da: san remo (IM)
Inviato: 25-04-2005 23:02  
quote:
In data 2005-04-25 14:54, ipergiorg scrive:
quote:
In data 2005-04-24 15:49, mariano scrive:

mosè mise a morte un israelita perchè raccolse della lega nel giorno di sabato.
gesù si mise in mezzo tra una folla inferocita dalle proprie convinzioni e tra una donna sola con le spalle al muro.
nulla è + esempificativo di ciò.

i cristiani sono semitici e gli israeliti e i musulmani sono fratelli, perchè entrambi figli di abramo.

abramo generò prima ismaele con agar, la schiava egiziana che poi a sua volta generò le 12 tribù dell'islam.

e abramo generò poi isacco con sara, sua moglie, che generò poi a sua volta esaù e giacobbe e giacobbe diede inzio con il suo seme alle 12 tribù di israele.

ecco perchè si dice che ebrei, cristiani e musulmani venerano il medesimo Dio.




grande coerenza non c'è dubbio. Ti sei per caso accorto che solo il Cristianesimo fa di Gesù la figura centrale mentre per le altre due religioni è un profeta o un apostata? Come fai in un primo momento ad affermare che bisogna interpretare il Vecchio testamento attraverso le parole di Gesù (figlio di Dio e lui stesso Dio) e in un secondo momento a scordarti della centralità della figura del Cristo nella religione cristiana?



ma caro mio nn c'è mica solo gesù nella religione cristiana ma anzi un'intera tradizione secolare che è quella semitica.
lo stesso gesù era un giudeo figlio di davide che predicava in gerusalemme, appresso i piedi del tempio di salomone, ai figli di isarele, nella loro parola e nella loro tradizione.
poi il tuo era un discorso angoscioso e inquietante perchè intendevi dire che la verità sta unicamente nella tua religione e nn nella comunanza o nella comprensione dell' uomo.
Dominus jesus, insomma;
un discorso a metà tra l'arianesimo e l'isterismo dei testimoni di geova...

per quanto riguarda il discorso sulla pena di morte tu nn hai affatto citato la pur grottesca storia della Chiesa ma l'antico testamento e la legge mosaica, facendo poi un casino al limite dell'inconcepibile.

la tua citazione della Storia della Chiesa è solo conseguente (addirittura hai detto che mosè deve essere l'esempio della nostra società , quando probabilmente di lui hai solo conosciuto la raffigurazione in qualche polpettone pseudo-biblico), aggiungendo che in un futuro prossimo speri che essa cambi prospettiva in quistione come fortunamente ha già fatto in passato.

ciauz fracazza.

_________________
Io accetto il caos, non so se il caos accetta me.

  Visualizza il profilo di mariano  Invia un messaggio privato a mariano    Rispondi riportando il messaggio originario
mariano

Reg.: 01 Nov 2003
Messaggi: 2282
Da: san remo (IM)
Inviato: 25-04-2005 23:09  
quote:
In data 2005-04-25 20:41, Hellboy scrive:
Tu dici che la metà di coloro che si definiscono cattolici non vanno a messa e questo è vero.Ma se uno veramente crede in Dio costa così tanto spendere un ora della propria settimana per andare in Chiesa?E poi perchè le stesse persone a Pasqua e a Natale affollano le Chiese?Che senso ha andare a messa 2 volte l'anno?Personalemente a questo punto apprezzo di più chi non ci va mai...

Detto questo vorrei specificare che è lungi da me l'idea di voler fare la predica o la morale a qualcuno.Io mi definisco cristiano cattolico,ma non sono sicuramente il migliore dei cristiani,anzi!


infatti, ma la domanda è e rimane: questi pseudocattolici, o cattolici di comodo (loro), per la Chiesa sono parte del "gregge" o no?

io per la Chiesa , essendo battezzato e cresimato, sono un cattolico.
in effetti non lo sono perche' non vado a messa coscientemente e volutamente per mia scelta, non per pigrizia.

quindi mi considero fuori dalla chiesa.
ma il pigro è una pecorella smarrita ?
o è out?

il non confessarsi al prete poi rende costui un protestante (senza sapere di esserlo).
come la mettiamo?

insomma per me il cattolico credente è colui che osserva tutte le regole della chiesa e non solo alcune, e quando e come fa comodo.






in effetti quello di hamish è un discorso umanamente contraddittorio.

umano perchè lui è un verace cattolico, che crede e sa quello che fa e per ciò merita rispetto e condivisione.

contraddittorio perchè io personalmente nn capisco se lui se la "prenda" più con gli atei incaparbti nella loro convinzione di superiorità oppure con la forma amorfe e astratta dell'universo cattolico oggi.



_________________
Io accetto il caos, non so se il caos accetta me.

  Visualizza il profilo di mariano  Invia un messaggio privato a mariano    Rispondi riportando il messaggio originario
Hamish

Reg.: 21 Mag 2004
Messaggi: 8354
Da: Marigliano (NA)
Inviato: 25-04-2005 23:22  
quote:
In data 2005-04-25 23:09, mariano scrive:
quote:
In data 2005-04-25 20:41, Hellboy scrive:
Tu dici che la metà di coloro che si definiscono cattolici non vanno a messa e questo è vero.Ma se uno veramente crede in Dio costa così tanto spendere un ora della propria settimana per andare in Chiesa?E poi perchè le stesse persone a Pasqua e a Natale affollano le Chiese?Che senso ha andare a messa 2 volte l'anno?Personalemente a questo punto apprezzo di più chi non ci va mai...

Detto questo vorrei specificare che è lungi da me l'idea di voler fare la predica o la morale a qualcuno.Io mi definisco cristiano cattolico,ma non sono sicuramente il migliore dei cristiani,anzi!


infatti, ma la domanda è e rimane: questi pseudocattolici, o cattolici di comodo (loro), per la Chiesa sono parte del "gregge" o no?

io per la Chiesa , essendo battezzato e cresimato, sono un cattolico.
in effetti non lo sono perche' non vado a messa coscientemente e volutamente per mia scelta, non per pigrizia.

quindi mi considero fuori dalla chiesa.
ma il pigro è una pecorella smarrita ?
o è out?

il non confessarsi al prete poi rende costui un protestante (senza sapere di esserlo).
come la mettiamo?

insomma per me il cattolico credente è colui che osserva tutte le regole della chiesa e non solo alcune, e quando e come fa comodo.






in effetti quello di hamish è un discorso umanamente contraddittorio.

umano perchè lui è un verace cattolico, che crede e sa quello che fa e per ciò merita rispetto e condivisione.

contraddittorio perchè io personalmente nn capisco se lui se la "prenda" più con gli atei incaparbti nella loro convinzione di superiorità oppure con la forma amorfe e astratta dell'universo cattolico oggi.





No,no io non me la prendo con nessuno.Ho cercato solo di dire la mia su certi temi che erano stati posti e su certi usi strumentali che vengono fatti dei valori cattolici.Non me la prendo con nessuno per il semplice motivo che non mi gioverebbe a niente,nel senso che io credo fermamente nelle mie convinzioni per cui non possono darmi fastidio nè quelli che tu chiami "gli atei incaparbiti nella loro convinzione di superiorità",nè quelli che io chiamo gli "pseudocattolici".La fede è una cosa molto profonda e personale ed io così la vivo.Ecco,forse l'unica cosa che mi dà un pò fastidio è l'ipocrisia.
_________________
IO DIFENDO LA COSTITUZIONE. FIRMATE.

  Visualizza il profilo di Hamish  Invia un messaggio privato a Hamish    Rispondi riportando il messaggio originario
utopia


Reg.: 29 Mag 2004
Messaggi: 14557
Da: Smaramaust (NA)
Inviato: 25-04-2005 23:29  
Sta di fatto che io non capisco perche' le persone che si definiscono atee vogliano darne prova attraverso citazioni dagli atti degli apostoli, passi della Bibbia, versetti etc etc... Per me è estremamente insignificante la cosa: se io non credo nella reincarnazione (per esempio) che mi frega di mostrare agli altri quanta la so lunga sulla cosa? A volte credo si sfiori il ridicolo, sinceramente.
_________________
Tutto dipende da dove vuoi andare... Non importa che strada prendi!

Happiness only real when shared.

  Visualizza il profilo di utopia  Invia un messaggio privato a utopia  Vai al sito web di utopia    Rispondi riportando il messaggio originario
Hamish

Reg.: 21 Mag 2004
Messaggi: 8354
Da: Marigliano (NA)
Inviato: 25-04-2005 23:36  
quote:
In data 2005-04-25 20:41, Hellboy scrive:


infatti, ma la domanda è e rimane: questi pseudocattolici, o cattolici di comodo (loro), per la Chiesa sono parte del "gregge" o no?

io per la Chiesa , essendo battezzato e cresimato, sono un cattolico.
in effetti non lo sono perche' non vado a messa coscientemente e volutamente per mia scelta, non per pigrizia.

quindi mi considero fuori dalla chiesa.
ma il pigro è una pecorella smarrita ?
o è out?

il non confessarsi al prete poi rende costui un protestante (senza sapere di esserlo).
come la mettiamo?

insomma per me il cattolico credente è colui che osserva tutte le regole della chiesa e non solo alcune, e quando e come fa comodo.




Certo che per la Chiesa sono tutti parte del gregge!!Anzi,sono forse più importanti quelli che non credono o non hanno una vera fede!Ma questo mi sembra ovvio.Leggendo i Vangeli appare chiarissimo."C'è più festa in cielo per un peccatore che si converte che per 100 giusti in quanto tali".La parabola del figliol prodigo poi credo che la conoscono tutti.Del resto una delle critiche maggiori che furono mosse a Gesù a suo tempo fu quella di essere troppo "vicino" ai peccatori.Egli parlava,discuteva e mangiava con loro.E le critiche non gli furono mosse solo da coloro che lo osteggiavano,ma anche da quelli che gli erano più vicino come i suoi stessi discepoli o addirittura da Giovanni Battista che addirittura gli manda a dire:"Sei tu il Messia,o dobbiamo aspettarne un altro?"E Gesù mica se la prende o lo maledice,anzi dice pubblicamente:"In verità vi dico che tra i nati di donna non ve ne è uno più grande di Giovanni il Battista",poi aggiungi che egli è venuto proprio per i peccatori,non per i giusti.

La Chiesa considera tutti parte del gregge:cattolici,protestanti,musulmani,ebreibuddisti,indù e atei semplicemente perchè sono TUTTI figli di Dio e non esistono figli "migliori" e figli "peggiori".
_________________
IO DIFENDO LA COSTITUZIONE. FIRMATE.

  Visualizza il profilo di Hamish  Invia un messaggio privato a Hamish    Rispondi riportando il messaggio originario
ginestra


Reg.: 02 Mag 2003
Messaggi: 8862
Da: San Nicola la Strada (CE)
Inviato: 25-04-2005 23:37  
Esistono cattolici cristiani perfetti e cattolici cristiani imperfetti, gli atei, gli agnostici,gli increduli, ognuno di essi cerca di accontentare le esigenze della propria spiritualità.Personalmente non me la sento di giudicare nessuno,anche perché l'umanità ha mille sfaccettature, c'è l'ateo che si prodiga in maniera sublime per il prossimo come c'è colui che si reputa cristiano ma non gliene può fregar di meno dell'altrui persona, come esiste quello che segue alla lettera gli insegnamenti di Gesù e ama veramente il prossimo come lui stesso.E' anche vero che non esistono mezze misure come l'andare a Messa due volte all'anno, per sentirsi in pace con la propria coscienza, ma è un altro discorso.La religione è un fenomeno spirituale troppo intimo per cercare di catalogarlo come vorremmo secondo i canoni dettati soltanto dalle sacre Scritture.Ognuno, poi, ha di Dio una personale visione,chi lo teme e quindi lo considera un Essere superiore severo e giudice, chi lo ritiene troppo buono perché possa essere pronto a punire chi pecca,senza possibilità di riscatto.Ma chi può saperlo? Forse, nella sua infinita bontà, un domani non permetterà nemmeno che esista un inferno eterno, giacché quello che viviamo in terra è già la copia di esso, e questo dovrebbe aprirci le porte del cielo, senza indugi.Chissà.
_________________
E tu, lenta ginestra,che di selve odorate queste campagne dispogliate adorni, anche tu presto alla crudel possanza soccomberai del sotterraneo foco, che ritornando al loco già noto, stenderà l'avaro lembo su tue molli foreste.......

  Visualizza il profilo di ginestra  Invia un messaggio privato a ginestra  Email ginestra    Rispondi riportando il messaggio originario
ipergiorg

Reg.: 08 Giu 2004
Messaggi: 10143
Da: CARBONERA (TV)
Inviato: 26-04-2005 09:49  
quote:
In data 2005-04-25 23:02, mariano scrive:

poi il tuo era un discorso angoscioso e inquietante perchè intendevi dire che la verità sta unicamente nella tua religione e nn nella comunanza o nella comprensione dell' uomo.
Dominus jesus, insomma;
un discorso a metà tra l'arianesimo e l'isterismo dei testimoni di geova...


la tua citazione della Storia della Chiesa è solo conseguente (addirittura hai detto che mosè deve essere l'esempio della nostra società , quando probabilmente di lui hai solo conosciuto la raffigurazione in qualche polpettone pseudo-biblico), aggiungendo che in un futuro prossimo speri che essa cambi prospettiva in quistione come fortunamente ha già fatto in passato.

ciauz fracazza.





non ho affatto detto che la verità sta nella mia religione. Ho detto che sta in una religione o in nessuna. Non certo in più una. E' una questione di semplice logica.


  Visualizza il profilo di ipergiorg  Invia un messaggio privato a ipergiorg  Vai al sito web di ipergiorg    Rispondi riportando il messaggio originario
Hamish

Reg.: 21 Mag 2004
Messaggi: 8354
Da: Marigliano (NA)
Inviato: 26-04-2005 09:55  
quote:
In data 2005-04-25 23:37, ginestra scrive:
Personalmente non me la sento di giudicare nessuno,anche perché l'umanità ha mille sfaccettature, c'è l'ateo che si prodiga in maniera sublime per il prossimo come c'è colui che si reputa cristiano ma non gliene può fregar di meno dell'altrui persona, come esiste quello che segue alla lettera gli insegnamenti di Gesù e ama veramente il prossimo come lui stesso.E' anche vero che non esistono mezze misure come l'andare a Messa due volte all'anno, per sentirsi in pace con la propria coscienza, ma è un altro discorso.La religione è un fenomeno spirituale troppo intimo per cercare di catalogarlo come vorremmo secondo i canoni dettati soltanto dalle sacre Scritture.Ognuno, poi, ha di Dio una personale visione,chi lo teme e quindi lo considera un Essere superiore severo e giudice, chi lo ritiene troppo buono perché possa essere pronto a punire chi pecca,senza possibilità di riscatto.

Condivido!
_________________
IO DIFENDO LA COSTITUZIONE. FIRMATE.

  Visualizza il profilo di Hamish  Invia un messaggio privato a Hamish    Rispondi riportando il messaggio originario
Hellboy

Reg.: 22 Ago 2003
Messaggi: 4287
Da: Rio Bo (es)
Inviato: 26-04-2005 16:26  
La Chiesa considera tutti parte del gregge:cattolici,protestanti,musulmani,ebreibuddisti,indù e atei semplicemente perchè sono TUTTI figli di Dio e non esistono figli "migliori" e figli "peggiori".


Hamish ti ringrazio perche' hai dato una risposta diretta al mio quesito e devo dire che ottenere risposte non è molto facile, ne' qui, ne' altrove.

pero' questa è una tua opinione , che coincide con quello che anch'io penso dovrebbe essere la direttiva della chiesa ufficiale.

ma anni fa parlando con un prete, non l'ultimo arrivato, alle mie domande rispose così:
solo chi è cattolico puo' salvarsi.
mia domanda : ma se uno è nato in Cina ed è buddista è dannato?
risposta : solo se ha avuto l'opportunita' di conoscere la chiesta di Cristo e non si è convertito.
domanda : ma se questa opportunita' non l'ha mai potuta avere?
risposta : se ha vissuto come avrebbe vissuto un buon cristiano ha la salvezza eterna.

da cio' se ne deduce che chi ha potuito scegliere ..... e per qualsiasi motivo ha aderito ad altri credi, non rientra - secondo quanto mi disse questo prelato - nella Chiesa cristiana.



_________________

  Visualizza il profilo di Hellboy  Invia un messaggio privato a Hellboy    Rispondi riportando il messaggio originario
Tenenbaum

Reg.: 29 Dic 2003
Messaggi: 10848
Da: cagliari (CA)
Inviato: 26-04-2005 16:30  
a me risulta il contrario

i non cattolici verranno accolti nel regno dei cieli

i preti sono persone con idee differenti
nonostante tutto possono sostenere idee contrastanti
_________________
For relaxing times make it Suntory time

  Visualizza il profilo di Tenenbaum  Invia un messaggio privato a Tenenbaum  Email Tenenbaum    Rispondi riportando il messaggio originario
Hamish

Reg.: 21 Mag 2004
Messaggi: 8354
Da: Marigliano (NA)
Inviato: 26-04-2005 16:49  
quote:
In data 2005-04-26 16:26, Hellboy scrive:
La Chiesa considera tutti parte del gregge:cattolici,protestanti,musulmani,ebreibuddisti,indù e atei semplicemente perchè sono TUTTI figli di Dio e non esistono figli "migliori" e figli "peggiori".


Hamish ti ringrazio perche' hai dato una risposta diretta al mio quesito e devo dire che ottenere risposte non è molto facile, ne' qui, ne' altrove.

pero' questa è una tua opinione , che coincide con quello che anch'io penso dovrebbe essere la direttiva della chiesa ufficiale.

ma anni fa parlando con un prete, non l'ultimo arrivato, alle mie domande rispose così:
solo chi è cattolico puo' salvarsi.
mia domanda : ma se uno è nato in Cina ed è buddista è dannato?
risposta : solo se ha avuto l'opportunita' di conoscere la chiesta di Cristo e non si è convertito.
domanda : ma se questa opportunita' non l'ha mai potuta avere?
risposta : se ha vissuto come avrebbe vissuto un buon cristiano ha la salvezza eterna.

da cio' se ne deduce che chi ha potuito scegliere ..... e per qualsiasi motivo ha aderito ad altri credi, non rientra - secondo quanto mi disse questo prelato - nella Chiesa cristiana.





Si,ma vedi quello che dice un singolo prete non può essere preso ad esempio di come la pensa la Chiesa riguardo materie così complesse.Se fosse come dice quel prete allora come mai Giovanni Paolo II invitava tutti gli anni rappresentanti di TUTTE le religioni a pregare per la pace?Perchè incontrava così spesso questi leader?Perchè sarebbe entrato in una Moschea e in una Sinagoga?Perchè chiamava gli ebrei "i nostri fratelli maggiori"?

Poi certo,è logico che la Chiesa ritenga che sia importante battezzarsi e seguire gli esempi di Cristo,non si può pretendere altrimenti.

Personalmente io non condivido quelli che pretendono di sapere come Dio giudicherà un musulmano o un ebreo etc.Mi sembra anche alquanto arrogante.Ci sono persone che appartengono ad altre religioni che sono molto più "cristiani" (nel senso di seguaci degli insegnamenti di Cristo) di molti cristiani "ufficiali",me compreso.Faccio un esempio:Gandhi.Egli conosceva Cristo e i Vangeli,lo ammirava tantissimo,lo apprezzava senz'altro,fuori la porta di casa sua egli aveva appeso "Il discorso della Montagna" di Gesù e lo leggeva tutte le mattine perchè diceva che lo aiutava tantissimo ad essere umile.Lui,un induista convinto!!!Tutti noi sappiamo quello che ha fatto Gandhi e come lo ha fatto.E quanto è stato migliore lui di tutti noi?Ora,mi riesce un pò difficile pensare che certe persone sono praticamente "condannate" in partenza.Spetta solo a Dio giudicare,non agli uomini.

Posso farti una domanda?Come mai ti poni tutti questi dubbi,tu che dici di essere ateo?Non vuole assolutamente essere una provocazione o una battuta,te lo chiedo per semplice curiosità,ma se non vuoi rispondermi perchè la ritieni una domanda personale non ci sono problemi!
_________________
IO DIFENDO LA COSTITUZIONE. FIRMATE.

  Visualizza il profilo di Hamish  Invia un messaggio privato a Hamish    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 Pagina successiva )
  
0.570082 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: