FilmUP.com > Forum > Attualità - Referendum Elettorale... ANDATE A FIRMARE
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Referendum Elettorale... ANDATE A FIRMARE   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 )
Autore Referendum Elettorale... ANDATE A FIRMARE
Maresca

Reg.: 12 Mar 2007
Messaggi: 2111
Da: Siviglia (es)
Inviato: 12-07-2007 22:12  
Ma più che altro ciò di cui ci si dovrebbe sincerare è di avere un sistema elettorale che non ricada nella pura perversione, caso che purtroppo è quello del nostro porcellum.
E gli aspetti che rendono il nostro un sitema elettorale orrendo non verrebbero minimamente intaccati da un'eventuale successo di questi referendum. Ciò che andrebbe fatto, e con una certa urgenza, e scegliere subito una qualsiasi delle leggi elettorali vigenti all'estero, ricopiarla e farla approvare dal Parlamento, perché quella che abbiamo ora, al Senato, non ha nessuna possibilità di funzionare, e questo è un fatto che mette seriamente a rischio la tenuta delle istituzioni democratiche. Andrebbe anche risolto il problema delle liste bloccate, che sono una cosa indecente, e non verrebbero toccate dai referendum in discussione.
Tra l'altro pare che già tra i partiti stia prevalendo l'orientamento di mantenere proprio le liste bloccate, cosa abbastanza scandalosa, visto che è un aspetto della legge che è sempre stato universamente condannato...
Io penso che il proporzionale con sbarramento al 5%, alla tedesca, sia il sistema più adatto alla struttura politico-culturale del paese, ma anche il doppio turno alla francese è un ottimo sistema.
L'essenziale è evitare il maggioritario puro in vigore nei paesi anglosassoni, un sistema fortemente antidemocratico, che rende difficilissimo l'emergere di formazioni politiche nuove, come si può vedere dalle difficoltà che incontra il partito liberaldemocratico in Inghilterra, e consente a un partito col 35% dei voti di governare con una larga maggioranza, dando ben poca voce in capitolo a un partito che ha appena il 3% dei voti. Questo tipo di meccanismo deprime la partecipazione e tende a rendere la politica sorda alle istanze popolari.
Fermo restando che la crisi della democrazia permane in tutti i Paesi occidentali, e a risolverla non saranno certo marchingegni elettorali inventati per scavalcare i problemi.



[ Questo messaggio è stato modificato da: Maresca il 12-07-2007 alle 22:21 ]

  Visualizza il profilo di Maresca  Invia un messaggio privato a Maresca    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 12-07-2007 23:19  
quote:
In data 2007-07-12 22:12, Maresca scrive:
perché quella che abbiamo ora, al Senato, non ha nessuna possibilità di funzionare, e questo è un fatto che mette seriamente a rischio la tenuta delle istituzioni democratiche.

Fermo restando che la crisi della democrazia permane in tutti i Paesi occidentali.
[ Questo messaggio è stato modificato da: Maresca il 12-07-2007 alle 22:21 ]



infatti la legge l'ha studiata per quello scopo berlusconi: che è un antidemocratico per eccellenza. tutto, pur di bloccare gli avversari o metterli in condizioni di ingovernabilità.

in Italia è forse più forte che in altri Paesi l'emergenza democratica.

e per i partitoni di centro che vogliono riformulare lo scenario politico a scapito di altri partiti autonomi e per la subordinazione della politica che conta a lobby capitaliste che con i loro interessi ostacolano pluralismo della concorrenza, progresso socio-economico e quindi un vero stato sociale.

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 )
  
0.119903 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: