FilmUP.com > Forum > Attualità - La Sinistra vera si rafforza
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > La Sinistra vera si rafforza   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 Pagina successiva )
Autore La Sinistra vera si rafforza
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 07-02-2008 15:28  
quote:
In data 2008-02-07 14:28, sandrix81 scrive:
quote:
In data 2008-02-06 16:21, eltonjohn scrive:
Non lo so chi casca male sinceramente...

tu, te l'ho detto.
cazzo c'entrano i millenni di evoluzione col discorso delle pensioni? l'inps ha due milioni di anni di storia? "Un sessantenne di adesso non è un sessantenne di trent'anni fa" perché in mezzo ci sono stati diecimila anni di evoluzione?



Vedo che proprio non afferri.....ti do la mia benedizione intellettuale e mi congedo scuotendo il capo
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 07-02-2008 15:32  
quote:
In data 2008-02-07 14:33, badlands scrive:
cavolo elton,tuo babbo mi pare un medico tra gli orsi,pare quasi una cosa da film.ma tu sei davvero medico?a urbino?
ciao!


Ma che c'entra Urbino, io stò in Valmarecchia zona montana e boschiva per antonomasia. Ai tempi di mio padre le condizioni erano assai diverse da oggi (ti parlo di quando lui ha iniziato e cioè nei primi anni 60) e considerando che mio padre è originario della zone del Nerone...è stato quasi un salto di qualità!
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 07-02-2008 15:54  
quote:
In data 2008-02-06 20:52, badlands scrive:
dici di evitare paragoni inopportuni e poi metti me di fianco all'insegnante di mia figlia?ma hai presente che fanno in una scuola materna?
ciao!



per motivi familiari (mia madre insegna) ti posso dire di sapere che non è facile lavorare senza stress in una scuola materna.


_________________

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
badlands

Reg.: 01 Mag 2002
Messaggi: 14498
Da: urbania (PS)
Inviato: 07-02-2008 20:22  
boh,pure io per motivi familiari(mia sorella e mia cognata ci lavorano9,posso dire che c'è una vera lotta per prendere uno di quei posti.poi magari dipende dai bambini e dalle condizioni,ma di solito ci sono 20 bambini con due maestre,spesso aiutate dalle bidelle e ancor più spesso da malattie varie che colpiscono regolarmente i piccoli.certo,hai la responsabilità loro,ma a meno che non sei un pazzo che te ne esci dall'aula e li fai morire,da quel che ho visto è un lavoro molto relativamente stressante.
ciao!

  Visualizza il profilo di badlands  Invia un messaggio privato a badlands    Rispondi riportando il messaggio originario
badlands

Reg.: 01 Mag 2002
Messaggi: 14498
Da: urbania (PS)
Inviato: 07-02-2008 20:24  
quote:
In data 2008-02-07 15:32, eltonjohn scrive:
quote:
In data 2008-02-07 14:33, badlands scrive:
cavolo elton,tuo babbo mi pare un medico tra gli orsi,pare quasi una cosa da film.ma tu sei davvero medico?a urbino?
ciao!


Ma che c'entra Urbino, io stò in Valmarecchia zona montana e boschiva per antonomasia. Ai tempi di mio padre le condizioni erano assai diverse da oggi (ti parlo di quando lui ha iniziato e cioè nei primi anni 60) e considerando che mio padre è originario della zone del Nerone...è stato quasi un salto di qualità!




non era per provocarti,la mia era proprio una domanda.chessò,sei di novafeltria,fai il medico,hai detto che non lo fai a sassocorvaro,poteva essere benissimo urbino.
e fare un film su un medico di montagna di diversi decenni fa è uno dei miei tanti pallini
ciao!

  Visualizza il profilo di badlands  Invia un messaggio privato a badlands    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 07-02-2008 22:42  
quote:
In data 2008-02-07 20:24, badlands scrive:
quote:
In data 2008-02-07 15:32, eltonjohn scrive:
quote:
In data 2008-02-07 14:33, badlands scrive:
cavolo elton,tuo babbo mi pare un medico tra gli orsi,pare quasi una cosa da film.ma tu sei davvero medico?a urbino?
ciao!


Ma che c'entra Urbino, io stò in Valmarecchia zona montana e boschiva per antonomasia. Ai tempi di mio padre le condizioni erano assai diverse da oggi (ti parlo di quando lui ha iniziato e cioè nei primi anni 60) e considerando che mio padre è originario della zone del Nerone...è stato quasi un salto di qualità!




non era per provocarti,la mia era proprio una domanda.chessò,sei di novafeltria,fai il medico,hai detto che non lo fai a sassocorvaro,poteva essere benissimo urbino.
e fare un film su un medico di montagna di diversi decenni fa è uno dei miei tanti pallini
ciao!


Faccio il medico a Novafeltria, penso che mio padre ti potrebbe scrivere un'intera sceneggiatura..
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
badlands

Reg.: 01 Mag 2002
Messaggi: 14498
Da: urbania (PS)
Inviato: 07-02-2008 23:06  
nella mia ignoranza pensavo non aveste un ospedale li,ma vi appoggiaste a sassocorvaro
ciao!

  Visualizza il profilo di badlands  Invia un messaggio privato a badlands    Rispondi riportando il messaggio originario
Valparaiso

Reg.: 21 Lug 2007
Messaggi: 4447
Da: Napoli (es)
Inviato: 08-02-2008 00:37  
quote:
In data 2008-02-07 13:22, eltonjohn scrive:
quote:
In data 2008-02-06 21:18, Valparaiso scrive:
Come ha ben capito Polanski, Oliver Twist è un'opera che parla di oggi.
Ma comunque nessun operaio che voglia arrivare alla fine del mese non fa gli straordinari.
Ti faccio anche notare che l'Italia ha il record europeo di morti sul lavoro, quindi non sarà poi così ottimale la condizione operaia...



Ha anche il record europeo delle assenze sul lavoro per "malattia" e delle false invalidità.....fidati



Cose che non c'entrano molto con gli operai, ma mi pare abbiano molto più a che fare con altri settori e vicende.

  Visualizza il profilo di Valparaiso  Invia un messaggio privato a Valparaiso    Rispondi riportando il messaggio originario
Valparaiso

Reg.: 21 Lug 2007
Messaggi: 4447
Da: Napoli (es)
Inviato: 08-02-2008 01:43  
Per dire, se uno la mattina deve andare a Piazza Municipio, fare un po' di lavoro di ufficio, ogni tanto si va pure a prendere il caffè al bar, alle 4 sta a casa, secondo me lavorare fino a 65 non gli dispiace nemmeno più di tanto.
Ma a un operaio che lavora per pochi soldi in catena di montaggio, in un porto, in miniera (perché esiste anche la gente che lavora in miniera), arrivato a 60 anni la società potrebbe anche fare a meno di rompergli ulteriormente i coglioni...

  Visualizza il profilo di Valparaiso  Invia un messaggio privato a Valparaiso    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 08-02-2008 13:35  
quote:
In data 2008-02-08 01:43, Valparaiso scrive:
Per dire, se uno la mattina deve andare a Piazza Municipio, fare un po' di lavoro di ufficio, ogni tanto si va pure a prendere il caffè al bar, alle 4 sta a casa, secondo me lavorare fino a 65 non gli dispiace nemmeno più di tanto.
Ma a un operaio che lavora per pochi soldi in catena di montaggio, in un porto, in miniera (perché esiste anche la gente che lavora in miniera), arrivato a 60 anni la società potrebbe anche fare a meno di rompergli ulteriormente i coglioni...


Guarda che gli operai di oggi hanno dalla loro la tecnologia, l'ausilio di macchinari che consentono un notevole risparmio di fatica e logorio fisico, più andrà avanti l'automatizzazione e meno il lavoratore dovrà faticare fisicamente.
Te lo ribadisco....non siamo più ai tempi di OLIVER TWIST
(almeno in occidente)
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
Valparaiso

Reg.: 21 Lug 2007
Messaggi: 4447
Da: Napoli (es)
Inviato: 08-02-2008 13:37  
quote:
In data 2008-02-08 13:35, eltonjohn scrive:
quote:
In data 2008-02-08 01:43, Valparaiso scrive:
Per dire, se uno la mattina deve andare a Piazza Municipio, fare un po' di lavoro di ufficio, ogni tanto si va pure a prendere il caffè al bar, alle 4 sta a casa, secondo me lavorare fino a 65 non gli dispiace nemmeno più di tanto.
Ma a un operaio che lavora per pochi soldi in catena di montaggio, in un porto, in miniera (perché esiste anche la gente che lavora in miniera), arrivato a 60 anni la società potrebbe anche fare a meno di rompergli ulteriormente i coglioni...


Guarda che gli operai di oggi hanno dalla loro la tecnologia, l'ausilio di macchinari che consentono un notevole risparmio di fatica e logorio fisico, più andrà avanti l'automatizzazione e meno il lavoratore dovrà faticare fisicamente.
Te lo ribadisco....non siamo più ai tempi di OLIVER TWIST
(almeno in occidente)



Scusami ma come spieghi tutti gli incidenti sul lavoro? Che cosa è stato a separare così drammaticamente la tua strada da quella dei giornali e di qualsiasi fonte di informazione?

  Visualizza il profilo di Valparaiso  Invia un messaggio privato a Valparaiso    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 08-02-2008 13:42  
quote:
In data 2008-02-08 13:37, Valparaiso scrive:
quote:
In data 2008-02-08 13:35, eltonjohn scrive:
quote:
In data 2008-02-08 01:43, Valparaiso scrive:
Per dire, se uno la mattina deve andare a Piazza Municipio, fare un po' di lavoro di ufficio, ogni tanto si va pure a prendere il caffè al bar, alle 4 sta a casa, secondo me lavorare fino a 65 non gli dispiace nemmeno più di tanto.
Ma a un operaio che lavora per pochi soldi in catena di montaggio, in un porto, in miniera (perché esiste anche la gente che lavora in miniera), arrivato a 60 anni la società potrebbe anche fare a meno di rompergli ulteriormente i coglioni...


Guarda che gli operai di oggi hanno dalla loro la tecnologia, l'ausilio di macchinari che consentono un notevole risparmio di fatica e logorio fisico, più andrà avanti l'automatizzazione e meno il lavoratore dovrà faticare fisicamente.
Te lo ribadisco....non siamo più ai tempi di OLIVER TWIST
(almeno in occidente)



Scusami ma come spieghi tutti gli incidenti sul lavoro? Che cosa è stato a separare così drammaticamente la tua strada da quella dei giornali e di qualsiasi fonte di informazione?


Ma che cazzo c'entra...
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
Valparaiso

Reg.: 21 Lug 2007
Messaggi: 4447
Da: Napoli (es)
Inviato: 08-02-2008 14:09  
Elton, fin dall'800, le macchine nelle fabbriche ci sono sempre state. Ma non ci stanno per migliorare la condizione dei lavoratori, come dici tu.
Eppure fai il medico, che cazzo, ma come è possibilie che la gente che si ferisce in fabbrica la vedo io e non tu che dovresti averci a che fare per lavoro?
E poi gli operai non lavorano solo in fabbrica. Tutti i poveracci, spesso stranieri, che vengono trovati morti per strada, perché magari sono caduti da un'impalcatura in un cantiere illegale?
E i morti della Thyssen, del porto di Marghera, della Fiat di Melfi, dell'Ilva di Taranto ti sembrano un segnale di grandi condizioni del lavoro?


  Visualizza il profilo di Valparaiso  Invia un messaggio privato a Valparaiso    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 08-02-2008 17:11  
quote:
In data 2008-02-08 14:09, Valparaiso scrive:
Elton, fin dall'800, le macchine nelle fabbriche ci sono sempre state. Ma non ci stanno per migliorare la condizione dei lavoratori, come dici tu.
Eppure fai il medico, che cazzo, ma come è possibilie che la gente che si ferisce in fabbrica la vedo io e non tu che dovresti averci a che fare per lavoro?
E poi gli operai non lavorano solo in fabbrica. Tutti i poveracci, spesso stranieri, che vengono trovati morti per strada, perché magari sono caduti da un'impalcatura in un cantiere illegale?
E i morti della Thyssen, del porto di Marghera, della Fiat di Melfi, dell'Ilva di Taranto ti sembrano un segnale di grandi condizioni del lavoro?




Questo è un discorso che non riguarda il logorio cronico nell'ambiente di lavoro ma bensì la sicurezza nel luogo di lavoro, che è un argomento diverso e certamente più che meritevole di attenzione e dibattimento.
Tutti i luoghi di lavoro sono pericolosi e fonte di incidenti anche mortali non solo le fabbriche e i cantieri, anche la nostra confortevole casetta è un dedalo di insidie ed ogni anno il numero di incidenti domestici (anche mortali) ai danni soprattutto di casalinghe si sprecano.
Anche in ospedale medici ed infermieri possono farsi male: lo scoppio di una bombola di 02, beccarsi epatite C o Hiv per una puntura accidentale con una siriga infetta, venire aggrediti da un degente in preda a un delirio, prendersi un'infezione respiratoria perchè gli impianti di ventilazione sono lordi.
Come vedi non ci sono solo gli operai in prima linea...
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
Valparaiso

Reg.: 21 Lug 2007
Messaggi: 4447
Da: Napoli (es)
Inviato: 08-02-2008 17:22  
quote:
In data 2008-02-08 17:11, eltonjohn scrive:
quote:
In data 2008-02-08 14:09, Valparaiso scrive:
Elton, fin dall'800, le macchine nelle fabbriche ci sono sempre state. Ma non ci stanno per migliorare la condizione dei lavoratori, come dici tu.
Eppure fai il medico, che cazzo, ma come è possibilie che la gente che si ferisce in fabbrica la vedo io e non tu che dovresti averci a che fare per lavoro?
E poi gli operai non lavorano solo in fabbrica. Tutti i poveracci, spesso stranieri, che vengono trovati morti per strada, perché magari sono caduti da un'impalcatura in un cantiere illegale?
E i morti della Thyssen, del porto di Marghera, della Fiat di Melfi, dell'Ilva di Taranto ti sembrano un segnale di grandi condizioni del lavoro?




Questo è un discorso che non riguarda il logorio cronico nell'ambiente di lavoro ma bensì la sicurezza nel luogo di lavoro, che è un argomento diverso e certamente più che meritevole di attenzione e dibattimento.
Tutti i luoghi di lavoro sono pericolosi e fonte di incidenti anche mortali non solo le fabbriche e i cantieri, anche la nostra confortevole casetta è un dedalo di insidie ed ogni anno il numero di incidenti domestici (anche mortali) ai danni soprattutto di casalinghe si sprecano.
Anche in ospedale medici ed infermieri possono farsi male: lo scoppio di una bombola di 02, beccarsi epatite C o Hiv per una puntura accidentale con una siriga infetta, venire aggrediti da un degente in preda a un delirio, prendersi un'infezione respiratoria perchè gli impianti di ventilazione sono lordi.
Come vedi non ci sono solo gli operai in prima linea...



Se analizzi i casi che ti ho indicato, vedrai che nel caso degli operai si tratta di un rischio molto più connesso alle condizioni del lavoro in sé stesse.
I tizi che si infilano in cunicoli nelle stive delle navi fanno un genere di lavoro che è molto differente da quello di un medico o di un impiegato. E sono direttamente a contatto con sostanze a cui può essere esposto anche un medico, ma in genere con livelli di precauzione ben inferiori.
Non tralasciamo poi la differenza di retribuzione...


  Visualizza il profilo di Valparaiso  Invia un messaggio privato a Valparaiso    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 Pagina successiva )
  
0.238742 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: