FilmUP.com > Forum > Attualità - I media = la fabbrica del consenso. Un mondo alla MATRIX
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > I media = la fabbrica del consenso. Un mondo alla MATRIX   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 Pagina successiva )
Autore I media = la fabbrica del consenso. Un mondo alla MATRIX
caiomario
ex "Shady87"

Reg.: 04 Lug 2003
Messaggi: 2527
Da: Verona (VR)
Inviato: 06-12-2003 12:40  
macchè troppi sforzi......

sei tu che continui a copiare e incollare interventi dall'unità....e mi stufo..sei patetico e monotono...

  Visualizza il profilo di caiomario  Invia un messaggio privato a caiomario  Vai al sito web di caiomario     Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 06-12-2003 12:46  
ehi genio,qui non ci sono interventi dell'Unità. Sei fuori fase.Ripigliati.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 06-12-2003 15:24  
quote:
In data 2003-12-05 20:49, caiomario scrive:
quilty fammi un favore.....scrivi meno papiri...mi stufo dopo 3 righe.....sei troppo rindondante.....




Che utilità hanno invece questo e il sempre tuo post successivo?
Nessuna.
Non c'è nessun obbliog di lettura, se lo fai commenta ciò che ci è scritto, oppure non dire niente, ma questa è solo provocazione.
_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
caiomario
ex "Shady87"

Reg.: 04 Lug 2003
Messaggi: 2527
Da: Verona (VR)
Inviato: 06-12-2003 18:12  
quote:
In data 2003-12-06 15:24, gatsby scrive:
quote:
In data 2003-12-05 20:49, caiomario scrive:
quilty fammi un favore.....scrivi meno papiri...mi stufo dopo 3 righe.....sei troppo rindondante.....




Che utilità hanno invece questo e il sempre tuo post successivo?
Nessuna.
Non c'è nessun obbliog di lettura, se lo fai commenta ciò che ci è scritto, oppure non dire niente, ma questa è solo provocazione.



gli ho osservato che deve essere più vario.....ci credo che poi tutti dicono che ha ragione....ci si stufa a leggere....e si dice ..ssisiisisisi
_________________
E un'altra volta son costretto ad aspettare che mi passi il sole
e' ormai svanito come nelle eclissi perche' gli incubi sono gli stessi
mi dico un altro, un altro giorno ancora questa situazione dura ormai da troppo e non migliora affatto
aspe

  Visualizza il profilo di caiomario  Invia un messaggio privato a caiomario  Vai al sito web di caiomario     Rispondi riportando il messaggio originario
Julian

Reg.: 27 Gen 2003
Messaggi: 6177
Da: Erbusco (BS)
Inviato: 21-12-2003 15:16  
Di recente un importante membro
del governo Usa ha affermato a chiare lettere che la politica estera al "popolo"
va spiegata come fosse una specie film d'avventura con i buoni e i cattivi..o un reality show come quelli oggi
tanto di moda..perchè il popolo non può capirla.E' troppo lontano dai meccanismi
che la determinano.E che la Tv serve
proprio a questo.

  Visualizza il profilo di Julian  Invia un messaggio privato a Julian    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 05-04-2004 16:36  
Il nostro sistema dei media è quindi non più attendibile di una Pravda russa o delle tv di Saddam Hussein.

La differenza sta solo nel modello.
Se è ben più facile individuare nei regimi con censura ufficiale un modello di propaganda e di informazione poco credibile,molto più difficile è vedere altrettanto nel meccanismo dei nostri media.

Eppure non vi è molta differenza.
Le notizie le detta la pubblicità e la pubblicità persegue i suoi interessi di profitto che asservono un'elite dominante che rappresenta l'1% della popolazione.
Questo mondo dell'informazione mobilita l'opinione pubblica e indirizza il suo pensiero per sostenere e difendere gli interessi particolari di queste società multinazionali.

Il libro che dimostra matematicamente tutto questo si intitola La fabbrica del consenso, di Noam Chomsky,il linguista americano.
Ne riporto qui il capitolo introduttivo,sottolineato in blu.
Ne scriverò un pezzo alla volta,per questioni di tempo.
Il resto del libro è la dimostrazione matematica di quanto qui espresso tramite un'analisi puntigliosa dei media.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 05-04-2004 16:48  
In questo libro ci proponiamo di delineare un "modello di propaganda" e di applicarlo all'attività dei mass media operanti negli Stati Uniti. Questo proposito rispecchia la nostra convinzione, frutto di molti anni di studio sul funzionamento dei media, che da un lato essi servono a mobilitare l'appoggio della gente agli interessi particolari che dominano lo stato e l'attività privata e dell'altro che spesso il modo migliore per comprendere , a volte con chiarezza cristallina e in profondità, le loro scelte, le loro enfasi e le loro omissioni è quello di analizzarli in questi termini.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 05-04-2004 16:49  
Forse questa tesi è ovvia. Ma il postulato democratico è che i media sono indipendenti e hanno il compito di scoprire e di riferire la verità , non già di presentare il mondo come i potenti desiderano che venga recepito. I responsabili dei media affermano che le loro scelte sul terreno dell'informazione sono frutto di criteri imparziali, professionali e oggettivi e sono confortati in questa loro pretesa dalla comunità intellettuale. Ma se i potenti sono in gradi di fissare le premesse del discorso, di decidere che cosa la popolazione in generale deve poter vedere, sentire e meditare, e di "dirigere" l'opinione pubblica mediante regolari campagne di propaganda, il modello tipico di come il sistema deve funzionare è in netto contrasto con la realtà.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Tenenbaum

Reg.: 29 Dic 2003
Messaggi: 10848
Da: cagliari (CA)
Inviato: 05-04-2004 17:01  
quote:
In data 2004-04-05 16:36, Quilty scrive:
Il nostro sistema dei media è quindi non più attendibile di una Pravda russa o delle tv di Saddam Hussein.




QUESTO SIGNIFICA SPUTARE SUL PIATTO DOVE SI MANGIA.

Siccome in Italia il sig. Berlusconi controlla le menti degli italiani (io infatti ogni notte prima di andare a letto mi inginocchio davanti al mio altarino con la sua raffigurazione e lo ringrazio) vorrei che vengano elencate le fonti con cui controlla le nostre menti.

_________________
For relaxing times make it Suntory time

  Visualizza il profilo di Tenenbaum  Invia un messaggio privato a Tenenbaum  Email Tenenbaum    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 05-04-2004 17:51  
Questo non è affatto sputare sul piatto che si mangia ma analizzare le cose da un punto di vista concreto, tangibile e non ideologico.

Questo sistema di propaganda simile ad un regime dittatoriale ma differente solo nel modello funziona in tutto il mondo occidentale quindi non ha senso tirare in ballo solo Berlusconi.
Mi fa piacere che tu non abbia letto nulla di quanto scritto precedentemente,poichè se l'avessi fatto ti saresti reso conto del contrario.

Questo dimostra l'efficacia della propaganda dei media, poichè non viene mai messo in discussione il fatto che i nostri media siano parziali nonostante questo sia facilmente provabile e provato anche da un ragazzino.

Del resto la tua critica non si basa sui concetti che ho espresso in precedenza, ma su un postulato ideologico che non prende nemmeno in considerazione i fatti riportati.


  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 05-04-2004 18:01  
L'importanza tutta speciale della propaganda in quella che Walter Lippman chiama "la costruzione del consenso" è stata riconosciuta da tempo dagli autori che si occupano di opinione pubblica,propaganda e requisiti politici dell'ordine sociale.Lippman stesso, che scriveva agli inizi degli anni venti, sosteneva che la propaganda era già diventata un normale strumento di governo della popolazione e stava conseguendo livelli di sofisticazione e di importanza continuamente crescenti.Noi non sosteniamo che i mass media facciano solo questo, ma crediamo che la funzione della propaganda rappresenti un aspetto molto importante del loro servizio complessivo. Nei primi capitoli illustriamo il modello della propaganda ,descrivendo le forze che inducono i mass media a giocare un ruolo propagandistico , i processi mediante i quali tali forze li portano a schierarsi e quindi a diventare parziali e le modalità di scelta delle informazioni che ne conseguono.Nei capitoli successivi cerchiamo di dimostrare l'applicabilità del modello della propaganda alle effettive prestazioni dei media.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
clagle01

Reg.: 18 Set 2003
Messaggi: 1566
Da: Lissone (MI)
Inviato: 05-04-2004 18:21  
ho letto attentamente ciò che ha detto Quilty(l'ha letto anche l'avvocato dove lavoro),possiamo essere d'accordo ma basta,non voglio più sentire il nome di Berlusconi!!!!!!!!!!
_________________
Nulla accade per caso.....

  Visualizza il profilo di clagle01  Invia un messaggio privato a clagle01  Email clagle01  Vai al sito web di clagle01     Rispondi riportando il messaggio originario
Tenenbaum

Reg.: 29 Dic 2003
Messaggi: 10848
Da: cagliari (CA)
Inviato: 05-04-2004 18:41  
quote:
In data 2004-04-05 17:51, Quilty scrive:
Questo non è affatto sputare sul piatto che si mangia ma analizzare le cose da un punto di vista concreto, tangibile e non ideologico.

Questo sistema di propaganda simile ad un regime dittatoriale ma differente solo nel modello funziona in tutto il mondo occidentale quindi non ha senso tirare in ballo solo Berlusconi.
Mi fa piacere che tu non abbia letto nulla di quanto scritto precedentemente,poichè se l'avessi fatto ti saresti reso conto del contrario.

Questo dimostra l'efficacia della propaganda dei media, poichè non viene mai messo in discussione il fatto che i nostri media siano parziali nonostante questo sia facilmente provabile e provato anche da un ragazzino.

Del resto la tua critica non si basa sui concetti che ho espresso in precedenza, ma su un postulato ideologico che non prende nemmeno in considerazione i fatti riportati.





QUESTO E' SPUTTARE SUL PIATTO DOVE SI MANGIA 2 - LA VENDEMMIA

che i media siano parziali è naturale e necessario; è inutile a priori discuterne.
non esiste l'imparzialità.
è il raffronto "Pravda russa o delle tv di Saddam Hussein" che è del tutto fuori luogo.

In secondo luogo, ribadisco, analizziamo il caso Italia a noi più conosciuto.
Concretizziamo quello che hai scritto.
Elenco fonti di controllo delle menti.....

e poi ho letto tutto, non ho tempo di scrivere.
_________________
For relaxing times make it Suntory time

  Visualizza il profilo di Tenenbaum  Invia un messaggio privato a Tenenbaum  Email Tenenbaum    Rispondi riportando il messaggio originario
Hellboy

Reg.: 22 Ago 2003
Messaggi: 4287
Da: Rio Bo (es)
Inviato: 05-04-2004 18:43  
Prendiamo quindi come valida una cifra stimata attorno all'80%.
L'80% degli elettori,al momento del voto, e quindi al momento di stabilire la politica del proprio governo,ha in testa l'opinione che si è formato tramite i suddetti mass media.


Su questo punto dissento!
Se cosi' fosse , oggi in Italia, Berlusconi stravinmcerebbe le prossime elezioni.
Cosa possibile, anche se poco probabile.
In ogni caso non con una percentuale bulgara di quell'entita'!

Io non credo al popolo bue, o almeno credo nello spirito critico di tante..ma tante persone.

_________________

  Visualizza il profilo di Hellboy  Invia un messaggio privato a Hellboy    Rispondi riportando il messaggio originario
Tenenbaum

Reg.: 29 Dic 2003
Messaggi: 10848
Da: cagliari (CA)
Inviato: 05-04-2004 18:44  
quote:
In data 2003-11-29 00:11, Quilty scrive:
E' evidente che l'elettore forma il suo giudizio in base alle informazioni che riceve.

Queste informazioni provengono nell' 80% dei casi dalle televisioni,dai quotidiani e dalle riviste periodiche specializzate.
Il cittadino medio forma la sua opinione tramite quelli che vengono definiti mass media.

E' difficile che il comune studente,la casalinga,l'operaio,il tassista, l'artigiano si procurino altre fonti di informazione diverse dai giornali o dai telegiornali.

Prendiamo quindi come valida una cifra stimata attorno all'80%.
L'80% degli elettori,al momento del voto, e quindi al momento di stabilire la politica del proprio governo,ha in testa l'opinione che si è formato tramite i suddetti mass media.
Un restante 20% si è spinto oltre,leggendo saggi ,libri,comprando insomma materiale reperibile nelle librerie;oppure informandosi tramite internet su siti di informazione diversi dai soliti noti media.



[ Questo messaggio è stato modificato da: Quilty il 29-11-2003 alle 10:56 ]



si deve aggiungere che quel 20% a sua volta legge approfondimenti nella maggior parte dei casi molto più parziali di quelli di cui normalmente si usufruisce contribuendo ad aumentare la distorsione dei fatti.
_________________
For relaxing times make it Suntory time

  Visualizza il profilo di Tenenbaum  Invia un messaggio privato a Tenenbaum  Email Tenenbaum    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 Pagina successiva )
  
0.218249 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: