FilmUP.com > Forum > Attualità - L'errore della sinistra italiana
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > L'errore della sinistra italiana   
Vai alla pagina ( 1 | 2 | 3 | 4 | 5 Pagina successiva )
Autore L'errore della sinistra italiana
Julian

Reg.: 27 Gen 2003
Messaggi: 6177
Da: Erbusco (BS)
Inviato: 27-01-2004 19:47  
E' l'anti-berlusconismo.La nostra inutile
e stupida sinistra non fa altro che attaccare presonalmente il berlusca(cmq uno
dei massimi mafiosi italiani..lui e tutta
la maggioranza)e non pensa a tutelare gli
interessi della classe che dovrebbe rappresentare,cioè i lavoratori!Il problema
dell'Italia è berlusconi,poi chissenefrega
se stanno liberalizzando il mercato del lavoro.La sinistra fa quasi schifo come
la destra

  Visualizza il profilo di Julian  Invia un messaggio privato a Julian    Rispondi riportando il messaggio originario
misterx76

Reg.: 12 Gen 2004
Messaggi: 2312
Da: carsoli (AQ)
Inviato: 27-01-2004 19:55  
Bertinotti lo dice da 10 anni!!!
_________________
...due volte già cadeste senza cavarne frutto, badate un 3° fulmine vi annienterà del tutto!!!

  Visualizza il profilo di misterx76  Invia un messaggio privato a misterx76    Rispondi riportando il messaggio originario
Marxetto

Reg.: 21 Ott 2002
Messaggi: 3954
Da: Milano (MI)
Inviato: 27-01-2004 20:11  
quote:
In data 2004-01-27 19:55, misterx76 scrive:
Bertinotti lo dice da 10 anni!!!



Ma commette sempre l'errore di allearcisi.Credo che sia chiaro a tutti che molto probabilmente il Centro Sinistra vincerà le prossime politiche.Ma dopo?Che accadrà?Temo che con questi presupposti,con questi uomini al comando(pressapoco gli stessi del '96 a quanto si dice)ci ritroveremo di nuovo a fare i conti con una sinistra snaturata e servizievole.Incapace di controbattere Confindustria,e semplicemente nello scomodo ruolo di cuscinetto,di modo da evitare eccessivi contrasti sociali coi sindacati(che già tutt'oggi latitano).Il rischio è sempre lì,adesso come allora.Il Centro Sinistra per quanto mi riguarda non ha alcun futuro,con quest'assetto.La sinistra moderata italiana dovrebbe uscirne e cominciare a intraprendere un proprio percorso,con i Verdi,con Rifondazione.Ma ci vogliono idee nuove,forti dosi di auto-critica.Il bipolarismo è uno specchio per le allodole.Un'alternanza politica decisamente troppo similare a quella americana,dove le distanze sul piano programmatico sono soltanto apparenti,ma nel concreto in pratica non esistono,se non nel modo più o meno "aggressivo" di metter mano a certi temi.Quel che manca nella politica italiana(ma non solo come già detto)è proprio questo,una diversa prospettiva del mondo,che non sia necessariamente di stampo ideologico,ma quantomeno in termini di ideali,interessi e differenti categorie da tutelare.Solo in questo senso la politica assume un significato,altrimenti parliamo di "gestione dell'esistente".Questa non è democrazia.
_________________

  Visualizza il profilo di Marxetto  Invia un messaggio privato a Marxetto  Vai al sito web di Marxetto     Rispondi riportando il messaggio originario
andros

Reg.: 30 Nov 2003
Messaggi: 1837
Da: Catania (CT)
Inviato: 28-01-2004 10:50  
Hai detto bene, Julian, condivido quasi tutto ciò che hai scritto, ma voglio sottolineare il motivo per cui la sinistra non ha vinto le scorse politiche, e, molto probabilmente non vincerà neanche le prossime! Perché, invece di allearsi tra loro e proporre un proprio programma politico, i leader dei singoli partiti della sinistra amano pestarsi i piedi a vicenda, per fare i capi (se avete visto quel capolavoro che è i cento passi, capirete a che cosa mi riferisco) e finiscono sempre e comunque per demonizzare l'avversario in maniera fine a sé stessa! Inoltre, non capisco come si possa definire comunista uno che veste Hugo Boss e viaggia su BMW! Parlo di Bertinotti! Me lo definireste un politico serio? Veramente, se è questa l'alternativa alla destra, per chi dovrei votare? Non posso certo sprecare il mio diritto di voto con l'astensionismo!
_________________
Italian Online Movie Awards

  Visualizza il profilo di andros  Invia un messaggio privato a andros  Email andros    Rispondi riportando il messaggio originario
clagle01

Reg.: 18 Set 2003
Messaggi: 1566
Da: Lissone (MI)
Inviato: 28-01-2004 11:13  
quote:
In data 2004-01-27 20:11, Marxetto scrive:
quote:
In data 2004-01-27 19:55, misterx76 scrive:
Bertinotti lo dice da 10 anni!!!



Ma commette sempre l'errore di allearcisi.Credo che sia chiaro a tutti che molto probabilmente il Centro Sinistra vincerà le prossime politiche.Ma dopo?Che accadrà?Temo che con questi presupposti,con questi uomini al comando(pressapoco gli stessi del '96 a quanto si dice)ci ritroveremo di nuovo a fare i conti con una sinistra snaturata e servizievole.Incapace di controbattere Confindustria,e semplicemente nello scomodo ruolo di cuscinetto,di modo da evitare eccessivi contrasti sociali coi sindacati(che già tutt'oggi latitano).Il rischio è sempre lì,adesso come allora.Il Centro Sinistra per quanto mi riguarda non ha alcun futuro,con quest'assetto.La sinistra moderata italiana dovrebbe uscirne e cominciare a intraprendere un proprio percorso,con i Verdi,con Rifondazione.Ma ci vogliono idee nuove,forti dosi di auto-critica.Il bipolarismo è uno specchio per le allodole.Un'alternanza politica decisamente troppo similare a quella americana,dove le distanze sul piano programmatico sono soltanto apparenti,ma nel concreto in pratica non esistono,se non nel modo più o meno "aggressivo" di metter mano a certi temi.Quel che manca nella politica italiana(ma non solo come già detto)è proprio questo,una diversa prospettiva del mondo,che non sia necessariamente di stampo ideologico,ma quantomeno in termini di ideali,interessi e differenti categorie da tutelare.Solo in questo senso la politica assume un significato,altrimenti parliamo di "gestione dell'esistente".Questa non è democrazia.


concordo pienamente
_________________
Nulla accade per caso.....

  Visualizza il profilo di clagle01  Invia un messaggio privato a clagle01  Email clagle01  Vai al sito web di clagle01     Rispondi riportando il messaggio originario
mariano

Reg.: 01 Nov 2003
Messaggi: 2282
Da: san remo (IM)
Inviato: 30-01-2004 19:48  
il problema della sinistra è che come unico punto coeerente ha l'antiberlusconismo.
d'altronde il nostro oggi è figlio della storia, e la storia ci insegna che almeno qui in italia la sinistra tutta ha sempre patito un conflitto interno che la lacerava inellutabilmente (il povero moro ne fu l'agnello sacrificale) ed oggi con il bipolarismo,con il post-tangentopoli,il post-craxi o come cavolo si vuole chiamare la nostra politica nulla è cambiato da ieri con questa sinistra che si rifiuta di rileggere la memoria storica e con questa destra che ce la vuole insegnare senza adiruttura leggerla.
_________________
Io accetto il caos, non so se il caos accetta me.

  Visualizza il profilo di mariano  Invia un messaggio privato a mariano    Rispondi riportando il messaggio originario
pibedeoro

Reg.: 26 Giu 2003
Messaggi: 1866
Da: Carrara (MS)
Inviato: 01-02-2004 04:52  
quote:
In data 2004-01-27 19:47, Julian scrive:
E' l'anti-berlusconismo.La nostra inutile
e stupida sinistra non fa altro che attaccare presonalmente il berlusca(cmq uno
dei massimi mafiosi italiani..lui e tutta
la maggioranza)e non pensa a tutelare gli
interessi della classe che dovrebbe rappresentare,cioè i lavoratori!Il problema
dell'Italia è berlusconi,poi chissenefrega
se stanno liberalizzando il mercato del lavoro.La sinistra fa quasi schifo come
la destra



Bravo...
Concordo pienamente, vorrei solo far notare che in questo stesso forum i cosidetti "di sinistra" attaccano Berlusconi senza rendersi conto del resto, Berlusconi è una "creatura della sinistra" nel senso notate bene nel 94 è andato al potere 2 mesi dopo aver fondato un partito (cosa mai successa in uno stato decente) sono riusciti a buttarlo giù con l'aiuto della Lega e poi hanno governato per 6 anni, dal 95 fino al 2001 mi pare...
Hanno fatto talmente tanti danni che a queste elezioni è stato votato (la coalizione ovviamente) dalla maggioranza assoluta... Per questo continuo a dire che non è tanto Berlusconi quanto l'inconsistenza della sinistra che ci ha portato purtroppo a 5 anni di Berlusconi...
_________________
Non può piovere per sempre

  Visualizza il profilo di pibedeoro  Invia un messaggio privato a pibedeoro  Email pibedeoro    Rispondi riportando il messaggio originario
Julian

Reg.: 27 Gen 2003
Messaggi: 6177
Da: Erbusco (BS)
Inviato: 01-02-2004 19:33  
In ogni paese ci sono truffe,mazzette..
ma noi siamo veramente il top..e riusciamo
a mandare al potere un imprenditore indagato
per reati che ha commesso nella quasi totalità,(1 sua azienda è stata condannata
per contatti e collaborazione con associazione mafiosa),uno che prende tutti
per il culo nei suoi discorsi(studiati
da esperti di marketing),fatti di slogan
commerciali,uno che accusa tutti di essere
comunisti quando Marx probabilmente non
l'ha mai letto...
E la sinistra riesce ad essere peggio di lui,è scandaloso..

  Visualizza il profilo di Julian  Invia un messaggio privato a Julian    Rispondi riportando il messaggio originario
misterx76

Reg.: 12 Gen 2004
Messaggi: 2312
Da: carsoli (AQ)
Inviato: 02-02-2004 04:11  
quote:
In data 2004-01-28 10:50, andros scrive:
Inoltre, non capisco come si possa definire comunista uno che veste Hugo Boss e viaggia su BMW! Parlo di Bertinotti!




[quote][i]

Essere comunisti non significa andare in giro mal vestito o su di un utilitaria sgangherata! Essere comunisti significa difendere i diritti della classe operaia, contadina insomma difendere i diritti del proletariato. Bertinotti almeno ha tentato di far abbassare le ore lavorative a 35 la settimana, cosa che comporterebbe un aumento non indifferente dei posti di lavoro, ha tentato di ripristinare la scala mobile, cosa che ci difenderebbe dall'aumento indiscriminato dei prezzi, ha tentato di far inserire la tassa patrimoniale, si è battuto per far equiparare i salari italiani al livello europeo, ha marciato accanto ai matalmeccanici, agli omosessuali, agli allevatori,agli extra comunitari etc... ,si è battuto in favore degli indios del Chapas, dei Curdi, dei Palestinesi e via dicendo.
Se non hai i suoi stessi ideali puoi avere da ridire su Bertinotti e su i suoi programmi politici ma non puoi affermare che non sia un politico serio solo perché veste firmato o perché guida una Bmw questa è superficialità. Del resto come cantava Pietrangeli " Del resto mia cara di che si stupisce anche l'operaio vuole il figlio dottore
e pensi che ambiente ne puo' venir fuori non c'e' piu' morale contessa.
"
Siamo seri per favore!!!

_________________
Creaste en mi una nueva ilusión
me recordaste que existe el amor
y aunque perdida estuvo mi alma
no volveras junto a mi

[ Questo messaggio è stato modificato da: misterx76 il 02-02-2004 alle 04:11 ]

  Visualizza il profilo di misterx76  Invia un messaggio privato a misterx76    Rispondi riportando il messaggio originario
pibedeoro

Reg.: 26 Giu 2003
Messaggi: 1866
Da: Carrara (MS)
Inviato: 02-02-2004 09:36  
Il discorso che Bertinotti parli di comunismo dalla sua Bmw oppure un D'Alema ancora peggio che ci parla dalla sua barca sono discorsi da una parte sensati, dall'altra lasciano il tempo che trovano...
Il problema della sinistra non è la barca o la BMW ma le poche idee che circolano, i troppi partiti che vanno da Mastella a Bertinotti che per idee non andranno mai d'accordo...
_________________
Non può piovere per sempre

  Visualizza il profilo di pibedeoro  Invia un messaggio privato a pibedeoro  Email pibedeoro    Rispondi riportando il messaggio originario
andros

Reg.: 30 Nov 2003
Messaggi: 1837
Da: Catania (CT)
Inviato: 02-02-2004 10:46  
[quote]In data 2004-02-02 04:11, misterx76 scrive:
quote:
In data 2004-01-28 10:50, andros scrive:
Inoltre, non capisco come si possa definire comunista uno che veste Hugo Boss e viaggia su BMW! Parlo di Bertinotti!




quote:
[i]

Essere comunisti non significa andare in giro mal vestito o su di un utilitaria sgangherata! Essere comunisti significa difendere i diritti della classe operaia, contadina insomma difendere i diritti del proletariato. Bertinotti almeno ha tentato di far abbassare le ore lavorative a 35 la settimana, cosa che comporterebbe un aumento non indifferente dei posti di lavoro, ha tentato di ripristinare la scala mobile, cosa che ci difenderebbe dall'aumento indiscriminato dei prezzi, ha tentato di far inserire la tassa patrimoniale, si è battuto per far equiparare i salari italiani al livello europeo, ha marciato accanto ai matalmeccanici, agli omosessuali, agli allevatori,agli extra comunitari etc... ,si è battuto in favore degli indios del Chapas, dei Curdi, dei Palestinesi e via dicendo.
Se non hai i suoi stessi ideali puoi avere da ridire su Bertinotti e su i suoi programmi politici ma non puoi affermare che non sia un politico serio solo perché veste firmato o perché guida una Bmw questa è superficialità. Del resto come cantava Pietrangeli " Del resto mia cara di che si stupisce anche l'operaio vuole il figlio dottore
e pensi che ambiente ne puo' venir fuori non c'e' piu' morale contessa.
"
Siamo seri per favore!!!

_________________
Creaste en mi una nueva ilusión
me recordaste que existe el amor
y aunque perdida estuvo mi alma
no volveras junto a mi

[ Questo messaggio è stato modificato da: misterx76 il 02-02-2004 alle 04:11 ]




Beh, certo, ognuno ha i suoi parametri di giudizio, eppure, forse ciò che non ti è chiaro, a mio avviso, è il significato della parola comunismo: "sistema politico, economico e sociale fondato sull'abolizione di ogni forma di proprietà privata e dello sfruttamento dell'uomo sull'uomo, mediante la collettivizzazione dei beni e dei mezzi di produzione e la distribuzione dei prodotti secondo i bisogni di ciascuno".
Questa è la definizione secondo la lingua italiana e, perdonami, ma non c'è scritto niente del tipo "è fatta eccezione per i politici, i quali sono liberi di avviare le PROPRIE attività economiche, perché la loro funzione è paragonabile a quella dei sofisti o degli avvocati, che non sono obbligati a credere negli ideali che portano avanti, ma si fungono da mezzi e rappresentano gli interessi di una classe sociale"! Il che, invece, è proprio ciò che accade alla sinistra italiana, che non ha come obiettivo il raggiungimento di un'uguaglianza (che sarebbe proprio l'obiettivo di quell'ideale politico e sociale, del quale loro si permettono di aggettivarsi) ma difendono solo gli interessi di una classe sociale, laddove, nel comunismo non dovrebbero esistere classi sociali! Allora, quello che mi domando è: sono io privo di serietà o tu e loro, che avete perso di vista l'ideale comunista e che vi spacciate per comunisti, ma, a mio avviso, avete perso di vista il significato di questa parola...

_________________
Gwynovier: "Frank, che stai facendo?"
Frank: "che cosa sto facendo?...ti sto giudicando in silenzio!"


[ Questo messaggio è stato modificato da: andros il 02-02-2004 alle 10:48 ]

  Visualizza il profilo di andros  Invia un messaggio privato a andros  Email andros    Rispondi riportando il messaggio originario
misterx76

Reg.: 12 Gen 2004
Messaggi: 2312
Da: carsoli (AQ)
Inviato: 02-02-2004 11:11  
Beh, certo, ognuno ha i suoi parametri di giudizio, eppure, forse ciò che non ti è chiaro, a mio avviso, è il significato della parola comunismo: "sistema politico, economico e sociale fondato sull'abolizione di ogni forma di proprietà privata e dello sfruttamento dell'uomo sull'uomo, mediante la collettivizzazione dei beni e dei mezzi di produzione e la distribuzione dei prodotti secondo i bisogni di ciascuno".
Questa è la definizione secondo la lingua italiana e, perdonami, ma non c'è scritto niente del tipo "è fatta eccezione per i politici, i quali sono liberi di avviare le PROPRIE attività economiche, perché la loro funzione è paragonabile a quella dei sofisti o degli avvocati, che non sono obbligati a credere negli ideali che portano avanti, ma si fungono da mezzi e rappresentano gli interessi di una classe sociale"! Il che, invece, è proprio ciò che accade alla sinistra italiana, che non ha come obiettivo il raggiungimento di un'uguaglianza (che sarebbe proprio l'obiettivo di quell'ideale politico e sociale, del quale loro si permettono di aggettivarsi) ma difendono solo gli interessi di una classe sociale, laddove, nel comunismo non dovrebbero esistere classi sociali! Allora, quello che mi domando è: sono io privo di serietà o tu e loro, che avete perso di vista l'ideale comunista e che vi spacciate per comunisti, ma, a mio avviso, avete perso di vista il significato di questa parola...

_________________
Gwynovier: "Frank, che stai facendo?"
Frank: "che cosa sto facendo?...ti sto giudicando in silenzio!"


[ Questo messaggio è stato modificato da: andros il 02-02-2004 alle 10:48 ]
[/quote]

Il Comunismo in se e per se è un utopia e non può funzionare è impossibile ci hanno provato in Russia, a Cuba, in Cina, in Romania e in quasi tutta l'europa dell'est ed ha (purtroppo) fallito. E Rifondazione ha preso le distanze da quel tipo di comunismo in un congresso di qualche anno fà, sostituendo addirittura L'internazionale con Imagine di Lennnon come inno del partito. Cmq io ti ripeto che l'abito non fà il monaco.
Per il resto un Socialismo alla Lula sarebbe l'ideale ma in "questo benedetto e assurdo bel paese" per dirlo alla Gucccini non è praticabile. Poi se volete continuare a votare un miscuglio di EX P.S.I. ex D.C. ed ex P.C.I che in comune hanno solo l'attacamento alla poltrona fate pure ma poi non lamentatevi se tra 2 anni le cose non cambiano, neanche con Prodi al governo.

_________________
Creaste en mi una nueva ilusión
me recordaste que existe el amor
y aunque perdida estuvo mi alma
no volveras junto a mi

[ Questo messaggio è stato modificato da: misterx76 il 02-02-2004 alle 11:13 ]

  Visualizza il profilo di misterx76  Invia un messaggio privato a misterx76    Rispondi riportando il messaggio originario
andros

Reg.: 30 Nov 2003
Messaggi: 1837
Da: Catania (CT)
Inviato: 02-02-2004 11:17  
Guarda, di certo non cambieranno neanche con Bertinotti, un fantoccio messo lì a rubare soldi come tutti i politici! Temo sempre di più il momento in cui dovrò andare a votare, mi angoscia il solo pensiero!
_________________
Italian Online Movie Awards

  Visualizza il profilo di andros  Invia un messaggio privato a andros  Email andros    Rispondi riportando il messaggio originario
misterx76

Reg.: 12 Gen 2004
Messaggi: 2312
Da: carsoli (AQ)
Inviato: 02-02-2004 11:31  
quote:
In data 2004-02-02 11:17, andros scrive:
Guarda, di certo non cambieranno neanche con Bertinotti, un fantoccio messo lì a rubare soldi come tutti i politici! Temo sempre di più il momento in cui dovrò andare a votare, mi angoscia il solo pensiero!




Che non sia Togliatti o Berlinguer è chiaro a tutti ma in questa politica il mio voto lo dò al meno peggio ed a quello che più si avviccina ai miei ideali. E se tra qualche anno lavoreremo 7 ore al giorno ed i nostri stipendi sarano al livello dei Francesi o dei Tedeschi ricordati di questo topic.

P.S. Cmq adesso la priorità assoluta è quella di togliere il nano di Arcore da quella poltrona.
_________________
...due volte già cadeste senza cavarne frutto, badate un 3° fulmine vi annienterà del tutto!!!

  Visualizza il profilo di misterx76  Invia un messaggio privato a misterx76    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 02-02-2004 22:21  
Lo sapevo ! Il discorso più interessante è sugli abiti di Bertinotti!!

Finchè ci manterremo s questi livelli di superficialità non potremo poi stupirci di avere una classe politica mediocre:direi che è perfettamente consona al cervello dell'elettore medio...assolutamente innocuo.

Io credo che la politica non sia fatta di pettegezzi. I parlamentari durante il loro mandato prendono delle decisioni che riguardano tutti noi cittadini.
Io credo che se un politico ,al momento di decidere del coinvolgimento italiano in una guerra voti NO,credo che questo politico abbia la mia stima. Bertinotti per me potrebbe viaggiare anche con 50 limousine,non mi potrebbe toccare la cosa.

Le cose importanti sono ben altre. Se un politico ,davanti ai rapporti di Amnesty International sulle torture a freddo da parte della polizia dichiara che è tutto regolare e che non si è mai verificato nulla,credo che questa sia una cosa che faccia riflettere.

Certo mi rendo conto che il sistema parli solo di queste puttanate(gli abiti di Bertinotti eccetera) e che il cerebloleso cittadino italiano di riflesso scimmiotti quello che subisce dai media senza procedere oltre.

I voti in parlamento sulle guerre o sulla distribuzione di armi ai paesi che violano i diritti umani forse dovrebbero essere criteri un filino più importanti della coerenza tra abbigliamento e ideali di un politico o sul dibattito sulle sue scarpe.

Chi vota per le destre sa che da il suo consenso ad ogni azione militare di guerra.

Di che cos'altro si dovrebbe discutere?
Dei vestiti di Bertinotti?
Certo sappiamo tutti che i politici di sinistra sono simpatici come delle merde. In confronto Berlusconi,che è un astuto e ottimo venditore della sua immagine,è di una simpatia esilarante.

Forse bisognerebbe soffermarsi su altre questioni,come quando si nega che siano state perpetrate delle atroci violenze su dei cittadini qualsiasi,o quando si afferma che Mussolini non ha mai ucciso nessuno,o quando si da il proprio voto favorevole all'abolizione del rapporto annuale sulle esportazioni di armi delle banche verso paesi ignoti o quando si afferma che le violazioni dei diritti umani in Cecenia sono un'invenzione della stampa. Potrei andare avanti fino a notte,sono tutte teorie di Berlusconi,capo di una coalizione.
Certo sono tutti temi noiosissimi e di nessun rilievo immagino....meglio gli abiti di Bertinotti e una bella telenovela su cui disquisire...che desolazione.



[ Questo messaggio è stato modificato da: Quilty il 03-02-2004 alle 10:54 ]

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( 1 | 2 | 3 | 4 | 5 Pagina successiva )
  
0.237889 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: