FilmUP.com > Forum > Attualità - Ora basta!
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Ora basta!   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 )
Autore Ora basta!
Pier78

Reg.: 05 Feb 2004
Messaggi: 296
Da: Vigevano (PV)
Inviato: 19-02-2004 01:44  
A quanto pare i genitori hanno "preso" i soldi di Marco per evitare di lasciargli liquidi da spendere con il fantomatico pusher...
Non li hanno "rubati"...
E il fatto che fossero in vacanza, cosa centra???
_________________
Visitate www.invigevano.it

  Visualizza il profilo di Pier78  Invia un messaggio privato a Pier78     Rispondi riportando il messaggio originario
aralis

Reg.: 18 Ott 2003
Messaggi: 3151
Da: bolzano (BZ)
Inviato: 19-02-2004 09:55  
quote:
In data 2004-02-18 19:37, Julian scrive:
quote:
In data 2004-02-18 10:30, aralis scrive:
quote:
In data 2004-02-18 00:08, ginestra scrive:
D'accordo il silenzio su questa penosa vicenda, d'accordo lo schifo per tanto blaterare, d'accordo con la stima e l'affetto per questo campione, ma questo non mi esime dal rimanere stupita dalla reazione che ha avuto la madre, oggi, in chiesa.Urlava come una matta contro i paparazzi e i giornalisti.Secondo me, per quanto indignata e distrutta, non è stato un atteggiamento consono ad un luogo sacro e davanti alla bara del figlio.Boh, anche di fronte al dolore si reagisce con dignità e riserbo.Scusatemi ma questa cosa la dovevo proprio dire.



Sono proprio d'accordo, sono rimasta anche io molto stupita, a vedere come urlava in chiesa. Almeno per rispetto verso il figlio, poteva evitare quelle piazzate, al limite potevano esigere una cerimonia privata, senza stampa e pubblico. Lo fanno in tanti, potevano farlo anche loro. Io credo che un genitore, se muore un figlio così, si senta in colpa, a torto o a ragione, e allora, nella disperazione, forse ha voluto scaricare la rabbia contro altri, ma non era il luogo giusto e neanche il momento giusto.
La settimana scorsa sono stata alla cremazione di un amico, di 38 anni,lì la moglie ha voluto leggere un saluto pubblico al marito, ma sono cose anche quelle che mettono a disagio, perchè piangeva e non riusciva a leggere. Dovrebbero rimanere nel privato,queste cose, non fatte in pubblico.


Non me la sento di criticare una donna per
la sua reazione pubblica di fronte a quelle
persone che prima hanno dipinto suo figlio
come un dio e poi l'hanno massacrato per
anni....e alla fine hanno speculato anche sulla sua morte perchè fa
audience.Provate a perdere un figlio..e
vergongnatevi per quel che avete scritto
sulla madre..nel momento di maggior dolore
di tutta la sua vita non credo dovesse
preoccuparsi di far bella figura in pubblico



Io non mi vergogno proprio per niente, se tu leggessi bene, prima di rispondere,
avresti visto che ho scritto che è normale che una si senta disperata e che odi tutti, ma che si può semplicemente chiedere di tenere lontane tutte le persone non gradite, ovviamente anche i giornalisti che fanno gli sciacalli. Perchè, per rispetto di un morto, specialmente di un figlio, rabbia e odio si dovrebbero riservare ad altri luoghi, non a una chiesa. E te lo dico da atea.
_________________

  Visualizza il profilo di aralis  Invia un messaggio privato a aralis    Rispondi riportando il messaggio originario
Julian

Reg.: 27 Gen 2003
Messaggi: 6177
Da: Erbusco (BS)
Inviato: 19-02-2004 10:04  
quote:
In data 2004-02-19 09:55, aralis scrive:
quote:
In data 2004-02-18 19:37, Julian scrive:
quote:
In data 2004-02-18 10:30, aralis scrive:
quote:
In data 2004-02-18 00:08, ginestra scrive:
D'accordo il silenzio su questa penosa vicenda, d'accordo lo schifo per tanto blaterare, d'accordo con la stima e l'affetto per questo campione, ma questo non mi esime dal rimanere stupita dalla reazione che ha avuto la madre, oggi, in chiesa.Urlava come una matta contro i paparazzi e i giornalisti.Secondo me, per quanto indignata e distrutta, non è stato un atteggiamento consono ad un luogo sacro e davanti alla bara del figlio.Boh, anche di fronte al dolore si reagisce con dignità e riserbo.Scusatemi ma questa cosa la dovevo proprio dire.



Sono proprio d'accordo, sono rimasta anche io molto stupita, a vedere come urlava in chiesa. Almeno per rispetto verso il figlio, poteva evitare quelle piazzate, al limite potevano esigere una cerimonia privata, senza stampa e pubblico. Lo fanno in tanti, potevano farlo anche loro. Io credo che un genitore, se muore un figlio così, si senta in colpa, a torto o a ragione, e allora, nella disperazione, forse ha voluto scaricare la rabbia contro altri, ma non era il luogo giusto e neanche il momento giusto.
La settimana scorsa sono stata alla cremazione di un amico, di 38 anni,lì la moglie ha voluto leggere un saluto pubblico al marito, ma sono cose anche quelle che mettono a disagio, perchè piangeva e non riusciva a leggere. Dovrebbero rimanere nel privato,queste cose, non fatte in pubblico.


Non me la sento di criticare una donna per
la sua reazione pubblica di fronte a quelle
persone che prima hanno dipinto suo figlio
come un dio e poi l'hanno massacrato per
anni....e alla fine hanno speculato anche sulla sua morte perchè fa
audience.Provate a perdere un figlio..e
vergongnatevi per quel che avete scritto
sulla madre..nel momento di maggior dolore
di tutta la sua vita non credo dovesse
preoccuparsi di far bella figura in pubblico



Io non mi vergogno proprio per niente, se tu leggessi bene, prima di rispondere,
avresti visto che ho scritto che è normale che una si senta disperata e che odi tutti, ma che si può semplicemente chiedere di tenere lontane tutte le persone non gradite, ovviamente anche i giornalisti che fanno gli sciacalli. Perchè, per rispetto di un morto, specialmente di un figlio, rabbia e odio si dovrebbero riservare ad altri luoghi, non a una chiesa. E te lo dico da atea.



Innanzitutto mi scuso per averti detto di vergognarti..
cmq anche io sono ateo e credo che il rispetto dei morti sia fondamentale,ma credo
anche che se la madre di Pantani in quei
momenti,accecata dal dolore,dal rimorso,
dall'odio per chi ha forse contribuito ad
uccidere suo figlio,non si è comportata
secondo bon-ton,non è nostro diritto farle
la morale

  Visualizza il profilo di Julian  Invia un messaggio privato a Julian    Rispondi riportando il messaggio originario
aralis

Reg.: 18 Ott 2003
Messaggi: 3151
Da: bolzano (BZ)
Inviato: 19-02-2004 10:06  
quote:
In data 2004-02-18 19:46, Dinox187 scrive:
Voglio solo dirti che la madre e il padre di pantani hanno preso tutti i suoi soldi e li hannno usati per farsi la bella vita, e poi quando stava morendo loro erano in vacanza in grecia !


Questa che scrivi è proprio una grande scocchezza. Essere il curatore di un patrimonio non vuol dire rubare i soldi a qualcuno, vuol dire curare i suoi interessi perchè quel qualcuno non è più in grado di farlo per motivi psichici. E' un giudice che lo stabilisce, dopo aver ricevuto perizie mediche che attestano la situazione.
Io credo che una coppia di una certa età, che probabilmente ha lavorato tutta una vita, possa permettersi di andare a fare una vacanza in Grecia o da altre parti senza rubare niente a nessuno,immagino abbiano anche un loro piccolo patrimonio, dopo anni di lavoro.
Il fatto che fossero in vacanza quando è successo non può essere considerata una colpa, gestire e sopportare una persona malata di testa ( perchè di questo si tratta) porta a delle situazioni limite, per cui qualche genitore ha bisogno anche di uscire un attimo dalla tensione, altrimenti scoppia.

  Visualizza il profilo di aralis  Invia un messaggio privato a aralis    Rispondi riportando il messaggio originario
Jakkma

Reg.: 07 Mag 2003
Messaggi: 1168
Da: Busto Arsizio (VA)
Inviato: 19-02-2004 10:57  
Sono d'accordo con Aralis: il fatto che fossero in vacanza non c'entra un caxxo. Il problema è che, forse, Marco non riusciva più a gestire la sua vita. Non è il primo che crolla per vari motivi (stress, tensione, pressioni, anche umiliazioni e guai di vario genere). Non so: forse sarebbe andata così anche se i genitori fossero stati a casa.
_________________
La storia è maestra, ma nessuno impara quasi mai niente. -Marco Travaglio-
L'indipendenza è una bella cosa; purtroppo, non ci sono uomini liberi. -Peter Gomez-

  Visualizza il profilo di Jakkma  Invia un messaggio privato a Jakkma    Rispondi riportando il messaggio originario
RICHMOND

Reg.: 03 Mag 2003
Messaggi: 13088
Da: genova (GE)
Inviato: 19-02-2004 16:13  
Per favore, kiedo a tutti voi di smettere di discutere su questo topic.
basta accusare la famiglia di marco pantani!
Ora abbiamo parlato anke troppo!
_________________
L'amico Fritz diceva che un film che ha bisogno di essere commentato, non è un buon film . Forse, nella sua somma chiaroveggenza, gli erano apparsi in sogno i miei post.

  Visualizza il profilo di RICHMOND  Invia un messaggio privato a RICHMOND  Email RICHMOND  Vai al sito web di RICHMOND    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 )
  
0.116828 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: