FilmUP.com > Forum > Attualità - la pedofilia
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > la pedofilia   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 Pagina successiva )
Autore la pedofilia
rossydepp

Reg.: 12 Giu 2006
Messaggi: 2709
Da: Siena (SI)
Inviato: 21-06-2006 16:25  
quote:
In data 2004-09-15 16:21, ipergiorg scrive:
è uno di quei crimini per cui desidero fortemente la reintroduzione della pena di morte in italia.




Purtroppo ci vorrebbe.
_________________
E' assurdo dice la ragione.E' infelicità dice il calcolo.Non è che dolore dice la paura.E' vano dice il giudizio.E' ridicolo!dice l'orgoglio.E' avventato dice la presunzione.E' impossibile dice l'esperienza.E' quel che è dice l'amore.

  Visualizza il profilo di rossydepp  Invia un messaggio privato a rossydepp  Email rossydepp    Rispondi riportando il messaggio originario
Logan71

Reg.: 16 Ott 2005
Messaggi: 3331
Da: TERRACINA (LT)
Inviato: 21-06-2006 16:31  
rischio di ripetermi...riscrivo quanto detto in passato...

Il termine pedofilia deriva dal greco pais (fanciullo/a) e filos (amante). Indica l'attrazione sessuale da parte di persone adulte verso i bambini; di diverso significato, ma correlato, il termine pederastia. Nell'accezione più comune, il termine si discosta dal significato prettamente sintattico e viene usato per indicare chi abusa sessualmente di un bambino.

Si calcola che il 90% di quanti commettano un atto di abuso verso i bambini per tendenze pedofile, abbia subito un'analoga violenza nell'infanzia. Un dato di questo genere rende difficile legiferare in materia: da un lato evidenzia la gravità del danno subito dal bambino (e quindi della colpa del reo), dall'altro lascia intuire la difficoltà di stabilire capacità di intendere e di volere del reo in quanto è possibile che sia affetto da turbe psichiche (o raptus improvvisi) a causa di violenze subite nell'infanzia.

Affermare che nel 90% viene commessa la violenza non è giuridicamente sufficiente a stabilire un nesso causa-effetto fra la violenza subita nell'infanzia e quella commessa, tale da discolpare il reo, ma lascia pensare che si tratti quasi di una sorta di automatismo.

Sigmund Freud si accorse in numerose sedute di psicanalisi che i ricordi che il metodo dell'associazione libera faceva riafforare a coscienza nei suoi pazienti, non erano plausibilmente veri.

Spesso si trattava di fantasie erotiche infantili mai realmente vissute che erano un prodotto dell'inconscio, come i sogni. Freud spiegò queste fantasie coll'esistenza di una sessualità infantile e di istinti che l'educazione insegna presto al bambino a reprimere.

La rimozione esercitata su questi istinti consente loro di affiorare a coscienza solo con lo sforzo dell'associazione libera, non nelle occasioni quotidiane. La loro presenza crea un desiderio che in qualche modo deve essere appagato.

Se si esercita una rimozione, si ha un sintomo nevrotico come può essere una fantasia che potebbe non emergere mai a coscienza, pur esistendo nella mente a insaputa del soggetto.

Di norma, il desiderio si manifesterà nel sogno dove la rimozione si attenua; se però è particolarmente forte e resistente alla rimozione, darà luogo anche a sogni ad "occhi aperti". Freud giustificò la sessualità infantile come un istinto forte in grado di dare luogo a sogni "ad occhi aperti", a fantasie che il paziente ricorda con nitidezza (più di fatti vissuti) e che insiste di aver vissuto; precisò anche che non si tratta di un desiderio sessuale o, peggio, incestuoso del bambino nei confronti dei genitori, ma di un vago desiderio di piacere che non ha ancora trovato un preciso oggetto sul quale concentrarsi.

La forza di questa sessualità infantile deriverebbe proprio dal fatto che il bambino non conosce ancora le occasioni di piacere che la vita potrà dargli e il suo istinto-forza vitale non è ancora frammentato su una molteplicità di oggetti materiali(come nell'adulto), rimane soltanto una tendenza al piacere. D'altra parte il super-io del bambino non è ancora abbastanza forte da controllare ogni suo istinto, da essere "padrone di sè". Perciò, è "normale" riscontrare sintomi nevrotici in bambini sani; il rafforzamento della personalità avviene più tardi con la rimozione del complesso di Edipo (o di Elettra) e la reazione seguente che è la comparsa del pudore (intorno ai 14 anni).

Le accuse di pedofilia talora rivolte da bambini minorenni nei confronti dei genitori potrebbero rientrare in "sogni ad occhi aperti", fantasie dovute a un istinto infantile vago e forte e ad una personalità ancora naturalmente debole. La tesi di Sigmund Freud e della figlia Anne Freud (che parlò più esplicitamente di queste fantasie infantili) è stata a volte portata come prova nei tribunali per smentire accuse di pedofilia.

Freud affermò che i traumi infantili in generale sono inguaribili e lasciano ferite che non rimarginano più.

Negli USA ha destato polemiche la decisione di alcuni stati di rendere pubblica la fedina penale dei pedofili e di quanti si sono macchiati di reati a sfondo sessuale. Il dibattito cerca di bilanciare il diritto alla privacy dei criminali e delle loro famiglie con la sicurezza degli altri minori
(e su questo mi potrei anche sentire filoamericano).

Ma ridurre il tutto a una "mera" malattia, disturbo, disfunzione...è solo una giustificazione...arriverei anche a accogliere favorevolmente una "castrazione chimica"...anche perchè ci sono stati quelli che hanno detto...castratemi sennò quando esco lo rifaccio.
Un conto comunque è il pedofilo da manuale di psichiatria e un conto è il porco maiale schifosoe vizioso (nel senso spregiativo della parola) che oltre a soddisfare i suoi bassi, infimi istinti e "voglie", ci lucra, sfrutta e massifica questa abberrazione...questo è altro,è un mostro vero e proprio e proprio contro questi che la legge dovrebbe essere severissima.

Numerosi sacerdoti e alti prelati del clero cattolico e protestante, in America e in Europa, sono stati soggetti di denunce penali da parte di vittime di abusi sessuali. Il diritto canonico prevede una normativa apposita che teoricamente dovrebbe essere segreta; la parte di codice canonico interessata non è pubblicata insieme al resto delle leggi della Chiesa.

È previsto l'insediamento nella diocesi interessata di un tribunale ad hoc presieduto dal vescovo e composto di soli sacerdoti esperti di diritto canonico (non di avvocati rotali laici). Le sedute sono a porte chiuse e gli atti del processo secretati. Quando s'insedia il tribunale, da Roma arriva la normativa che per questo motivo è reperibile senza gravi difficoltà.

Il secondo grado "di appello" è presso l'ex-Santo Uffizio a Roma. Nel caso di confessione o provata colpevolezza, è previsto il trasferimento del sacerdote/prelato ad altra parrocchia o, nei casi più conclamati, ad altra mansione non sacerdotale, che equivale a una sospensione a divinis, evitata formalmente.

Il principio che informa la legislazione è l'indipendenza del diritto canonico da quello penale degli Stati in cui è compiuto il reato: il tribunale non ha il diritto e normalmente non chiede al colpevole di denunciarsi (costituirsi) e subire anche un processo da parte dello Stato.

Gli Stati laici riconoscono in base allo stesso principio l'autonomia del diritto canonico come la legittimità del segreto confessionale e non sottopongono a processo quanti(sacerdoti e vescovi)erano a conoscenza di pedofilia o altri reati penali e non li hanno denunciati.

Analogamente chi ha commesso l'atto di pedofilia, non subirà ulteriori sanzioni per aver subito un processo canonico, senza essersi costituito presso l'autorità statale. Nè lo Stato pretende provvedimenti nei confronti del reo da parte dell'autorità ecclesiastica nel caso in cui abbiamo confermato in via definitiva (con sentenza di Cassazione) l'esistenza del reato e della colpa.

Per la dottrina la pedofilia è un peccato mortale, che tuttavia può essere perdonato con il sacramento della confessione, senza l'obbligo di istruire un tribunale ecclesiastico. Ciò rende scarsa l'informazione all'interno delle stesse diocesi e difficile il controllo da parte degli alti prelati su simili situazioni.

La legge italiana punisce la pedofilia con il carcere a regime duro secondo il regime previsto dall'art.41/bis. Ormai da 10 anni, viene periodicamente riproposto il tema della castrazione chimica, un trattamento farmacologico che dovrebbe dissuadere il pedofilo da recidive eliminando la libido connessa all'atto violento.

L'organizzazione mondiale della sanità classifica la pedofilia fra le malattie senza escludere una responsabilità penale nell'atto.

Ma questo a mio avviso...per certe tipologie di pedofili, che sono la stragrande maggioranza a mio avviso (il pedofilo da Manuale di Freud è piuttosto raro) non basta...

E il discorso ora ridiventa generale...la giustizia (soprattutto italiana) dovrebbe darci la CERTEZZA DELLA PENA e per questa tipologia ignobile di reati e per altre di pari gravità, nessun attenuante, nessuno sconto, nessuna amnistia.


E dire che sono un garantista...ma non per questi tipi di reati.


_________________
Sono il migliore in quello che faccio...ma quello che faccio a volte non è sempre piacevole...Snikt!
Né l’Uomo Ragno né Rocky, né Rambo ne affini farebbero ciò che faccio per i miei bambini, SONO UN EROE!
Io li odio i Nazisti dell'Illinois!

  Visualizza il profilo di Logan71  Invia un messaggio privato a Logan71    Rispondi riportando il messaggio originario
Futurist

Reg.: 30 Giu 2005
Messaggi: 1290
Da: firenze (FI)
Inviato: 22-06-2006 02:47  
quote:
In data 2006-06-21 16:31, Logan71 scrive:
Spesso si trattava di fantasie erotiche infantili mai realmente vissute che erano un prodotto dell'inconscio, come i sogni. Freud spiegò queste fantasie coll'esistenza di una sessualità infantile e di istinti che l'educazione insegna presto al bambino a reprimere.


Ma detta così sembra che i pedofili abbiano ragione. Perchè se i bambini hanno una sessualità che se repressa provoca disturbi psichici allora tanto meglio alimentarla.
A me piuttosto mi sembra gravissima la violenza praticata dai pedofili, perchè quella si che fa male ai bambini, non certo la vista di un corpo nudo, come un frate mi diceva lamentandosi che il David di Michelangelo col pipino al vento può disturbare la psiche di un bambino che lo vede... ma per favore.
Ho come l'impressione, ma mi sbaglierò, che su questi argomenti si estremizzi troppo. I pedofili veri, i mostri, i violenti, quelli che hanno un disturbo mentale, non mi sembrano più numerosi dei serial killer, o delle madri che sopprimono i loro neonati, e certamente vanno puniti con rigore inflessibile. Ma non si può certo mettere su questo stesso piano un padre un po' fricchettone che fa il bagno nel mare nudo insieme al figlio, come se questo procurasse un danno reale a qualcuno o qualcosa, perchè è questo il punto. Se uno non danneggia nessuno allora si può dire che sia colpevole di qualcosa? E bisogna verificare che un minorenne che abbia un attività sessuale di qualunque livello ne soffra e poi crescendo diventi un adulto problematico e disadattato, altrimenti di cosa stiamo parlando? Per esempio gli omosessuali non possono adottare bambini (eccetto in pochi stati) perchè tutti sono convinti che crescere con due genitori dello stesso sesso sia disturbante... ma mica è vero... è molto più disturbante la famiglia cattolica media dove il padre stressato delle coscrizioni del buon costume torna a casa, si ubriaca, schiaffeggia la moglie, sculaccia il figlio e poi esce e va a puttane...
Io quindi non mi sento di dire che la pedofilia sia una violenza a priori, nè che la pedofilia produca necessariamente un danno, nè che quindi chiunque debba essere condannato o sia giusto che sia condannato. Bisogna fare discernimento. La nostra è una società sessofoba ma il sesso non ha niente di osceno o di malvagio a meno che non si trasformi in una violenza. Altrimenti tutte quelle tribù con gli aborigeni che vivono completamente nudi con i genitali dei parenti sempre sott'occhio, con i bambini che assistono ai rapporti sessuali dei genitori, dovrebbero essere tutti dei deviati mentali? Non credo proprio. Ma non c'è neanche bisogno di scomodare gli aborigeni, prendiamo esempio dalle nostre radici profonde. Gli etruschi tanto per cominciare praticavano l'incesto con i figli come attività educativa, i greci prediligevano i rapporti gay, gli egizi avevano il viziaccio di sposarsi le sorelle, i romani erano pure scambisti... poi arrivarono gli ebrei che distrussero Sodoma, tutti diventarono sporcaccini agli occhi di Dio e dall'avvento delle religioni semitiche il mondo conosciuto venne ripulito dal sesso libero, ed infatti poco dopo la civiltà piombò nel medioevo. Si salvarono in parte gli orientali, ed infatti ancora oggi, nonostante i missionari gesuiti, nonostante le pressioni culturali pesantissime, i giapponesi riescono ad infilare scene erotiche nei cartoni animati, che naturalmente in italia vengono censurate, riportandoci al discorso iniziale, ma è giusto vietare qualcosa che non fa niente di male, che anzi può essere un momento importante per un bambino per comprendere la sessualità, che comunque la racconti la chiesa esiste e fa parte dell'uomo?
Quanto meno io ci ho meditato su questo tema, l'opinine pubblica decisamente no.

[ Questo messaggio è stato modificato da: Futurist il 22-06-2006 alle 02:51 ]

  Visualizza il profilo di Futurist  Invia un messaggio privato a Futurist    Rispondi riportando il messaggio originario
ipergiorg

Reg.: 08 Giu 2004
Messaggi: 10143
Da: CARBONERA (TV)
Inviato: 22-06-2006 09:19  
Scusa Futurist, sul caso del padre fricchettone che fa il bagno nudo col figlio al mare avresti anche ragione in linea teorica. Ma non riesco proprio a capire il perchè di un tale gesto: tutti sanno che è una cosa "sconveniente" e allora perchè diamine esporre se stessi e il proprio figlio ad una situazione complicata?
Il sospetto che quell'episodio innocuo sia il preludio ad una situazione più grave ne viene ulteriormente rafforzato.
_________________
Spock: We must acknowledge once and for all that the purpose of diplomacy is to prolong a crisis.

  Visualizza il profilo di ipergiorg  Invia un messaggio privato a ipergiorg  Vai al sito web di ipergiorg    Rispondi riportando il messaggio originario
RICHMOND

Reg.: 03 Mag 2003
Messaggi: 13088
Da: genova (GE)
Inviato: 22-06-2006 09:23  
quote:
In data 2006-04-25 14:01, Lollina scrive:
Ieri ho visto su LE IENE un servizio molto interessante sulla pedofilia.
In poche parole hanno ingaggiato una persona ad avere contatti con un pedofilo (spacciandosi anch'esso per uno di loro)... hanno filmato i dialoghi tra i due e devo dire che ho ancora la pelle d'oca per le cose che ho sentito.
Questo pedofilo si era trasferito da poco in Cambogia, dove il traffico del sesso minorile è molto frequente (rispetto in Europa) e dove riesce ad essere ancora una cosa "normale" per i cambogiani.
In questi paesi orientali le madri (avete capito bene! le MADRI!) sono solite vendere la sessualità dei propri figli a porci schifosi. Sono bambine, bambini che vanno dai 6 ai 15 anni (i 15enni sono già visti come "troppo grandi") che si prostituiscono, frequentano locali, dove sono soliti trovarsi delle bestie schifose che osano abusare di questi bambini.
E' un vero e proprio businness in questi paesi, invasi da una completa ignoranza.
Ritornando in particolare alla figura di questo pedofilo addescato (che ora per fortuna è in carcere), non oso credere alle cose dette da lui.
Per questa persona, abusare di bambini e bambine (perchè non solo andava a letto con ragazzine, ma anche con ragazzini) è una cosa assolutamente normale!! Ma ve ne rendete conto!!!!?? E per lui siamo NOI italiani a ROMPERE I COXXXXXI, in quanto in Italia c'è maggior controllo sulla pedofilia.
Raccontava episodi che fan rabbrividire... al solo pensiero di queste piccole creature, che lui chiama "tatine" (bambine per l'appunto), che devono continuamente subire violenze e abusi, al solo scopo di soddisfare le perversione malate di queste bestie. E lui si portava in casa la madre e la figlia (dai 6 ai 12 anni, non ricordo)... la madre la metteva a fare i lavori di casa e la figlia... beh avete capito bene.

Poi vediamo al telegiornale il caso dei ROM che "vendono" i propri bambini ai pedofili, per pochi soldi. E allora io penso: dev'essere un comportamenteo tipico delle bestie e delle persone ignoranti.




Che schifo.Comunque io no sono pe la pensa di morte, nemmeno in questi casi.
Piuttosto trovo più sensato il linciaggio, giuro.
_________________
L'amico Fritz diceva che un film che ha bisogno di essere commentato, non è un buon film . Forse, nella sua somma chiaroveggenza, gli erano apparsi in sogno i miei post.

  Visualizza il profilo di RICHMOND  Invia un messaggio privato a RICHMOND  Email RICHMOND  Vai al sito web di RICHMOND    Rispondi riportando il messaggio originario
Futurist

Reg.: 30 Giu 2005
Messaggi: 1290
Da: firenze (FI)
Inviato: 22-06-2006 12:09  
quote:
In data 2006-06-22 09:19, ipergiorg scrive:
Scusa Futurist, sul caso del padre fricchettone che fa il bagno nudo col figlio al mare avresti anche ragione in linea teorica. Ma non riesco proprio a capire il perchè di un tale gesto: tutti sanno che è una cosa "sconveniente" e allora perchè diamine esporre se stessi e il proprio figlio ad una situazione complicata?
Il sospetto che quell'episodio innocuo sia il preludio ad una situazione più grave ne viene ulteriormente rafforzato.




Non vorrei essere frainteso. Non ho detto che lo farei (anche perche è una cosa che per l'educazione che ho ricevuto mi appare morbosa e anche un pò schifosa), ho detto che non mi sembra una cosa così grave nel caso uno con una cultura da figlio dei fiori lo faccia. E la situazione non è detto debba diventare più grave. Come ho già detto si estremizza. Ci si scandalizza per un nulla.
Basta vedere tutto quello che è successo e continua a succedere al partito pedofilo olandese, come a tutti quelli che pensano che sia opportuno trattare prima o poi in modo serio questi argomenti, per vedere che forse c'è una paranoia ingiustificata.

[ Questo messaggio è stato modificato da: Futurist il 22-06-2006 alle 12:11 ]

  Visualizza il profilo di Futurist  Invia un messaggio privato a Futurist    Rispondi riportando il messaggio originario
Julian

Reg.: 27 Gen 2003
Messaggi: 6177
Da: Erbusco (BS)
Inviato: 22-06-2006 12:56  
No Lolli...non è un comportamento tipico delle bestie o delle persone ignoranti, se ti riferisci alle madri che "vendono" i propri figli. E' purtroppo un comportamento tipico di chi muore di fame. E' disgustoso che accada.. per noi è una cosa ripugnante. Ma se è una pratica tanto diffusa, vuol dire che:
1) C'è un casino di gente che fa sesso con bambini. Un mese fa vidi alle iene un servizio dedicato a Fortaleza (Brasile), in cui si vedevano decine di ragazze (fra i 10 ed i 14-15 ann) prostituirsi davanti alle discoteche per poter dar da mangiare ai fratellini. Ovviamente, le ragazze segnalarono come la stragrande maggioranza dei clienti fossero europei ed in special modo italiani (sulla cinquatina e sposati, di solito).
2) Che putroppo diventa un sistema per sopravvivere. Io sono disgustato da questi comportamenti, ma permettetemi di essere disgustato anche da chi pone queste persone in condizione di comportarsi in tal modo.
E' facile parlare con la pancia piena, ricordatevelo sempre. Sarebbe sufficiente garantire condizioni di vita decenti a queste persone, e pratiche di questo tipo scomparirebbero quasi del tutto. Del resto queste cose accadevano anche in Italia nei decenni passati, non è questione di cultura.

In ogni caso io sono a favore dell' ergastolo e della castrazione chimica, ma mai della pena di morte, per mille motivi, tanto umani quanto di coerenza.
_________________
Se nulla capivo, qui tu finalmente
nulla lasciavi germogliare sulla brulla,
paradossale, tra noi terra infondata,
dove sono i leoni, ammattiti e marroni
lasciando immaginare
la sposa occidentale.

  Visualizza il profilo di Julian  Invia un messaggio privato a Julian    Rispondi riportando il messaggio originario
Kermunos

Reg.: 19 Nov 2004
Messaggi: 2306
Da: Gorizia (GO)
Inviato: 24-06-2006 14:28  
Sempre agomenti leggeri.
Umanamente provo una certa difficoltà a relazionarmi con la pedofilia. A quanto pare è una malattia, ma in tempi antichi anche dalle nostre parti era una pratica comune avere rapporti bambini e bambine. Ci si sposava con ragazzine di appena 12 anni...
Non so si si può curare ma so che c'è chi malato no è ed è solo un pezzo di merda. Molti pedofili sanno di esserlo ma provano rabbia e vergogna per esserlo e passano la vita senza muovere un dito, mantenendo l'attrazione per i fanciulli ad un livello puramente platonico.
Non nascondo che personalmente dovessi sorprenderne uno nell'atto di o sapere con certezza che qualcuno è un pedofelio che "consuma", lo massacrerei di botte. Non sono per la pena di morte come atto di governo, ma per il linciaggio si.


_________________
"Fortunatamente io rispetto un regime di droghe piuttosto rigido, per mantenere la mente diciamo... flessibile"

"Questo non é il Vietnam. E' FilmUp, ci sono delle regole"

  Visualizza il profilo di Kermunos  Invia un messaggio privato a Kermunos  Email Kermunos     Rispondi riportando il messaggio originario
Julian

Reg.: 27 Gen 2003
Messaggi: 6177
Da: Erbusco (BS)
Inviato: 25-06-2006 14:14  
Ah bè certo il linciaggio è una pratica molto più civile e democratica. Ma che discorsi sono?
_________________
Se nulla capivo, qui tu finalmente
nulla lasciavi germogliare sulla brulla,
paradossale, tra noi terra infondata,
dove sono i leoni, ammattiti e marroni
lasciando immaginare
la sposa occidentale.

  Visualizza il profilo di Julian  Invia un messaggio privato a Julian    Rispondi riportando il messaggio originario
Kermunos

Reg.: 19 Nov 2004
Messaggi: 2306
Da: Gorizia (GO)
Inviato: 25-06-2006 20:11  
quote:
In data 2006-06-25 14:14, Julian scrive:
Ah bè certo il linciaggio è una pratica molto più civile e democratica. Ma che discorsi sono?


Julian, per quello che mi riguarda è un discorso molto delicato. La mia natura mi ha portato a scoprirmi la persona più calma e tranquilla possibile, in due occasioni mi sono preso due longhi in faccia e non ho reagito per non peggiorare le cose. Ho valutato sul momento il dafarsi. Ma umanamente, se mi trovassi di fronte a qualcuno reo di aver violentato un bambino, lo lascerei su una sedia a rotelle. So che reagirei così perchè mi conosco molto bene. Come ho avuto modo dire nel precedente post, esistono pedofili e pedofili. Davvero, non credo riuscirei a trattenermi da fare molto, ma molto male a qualcuno capace di consumare, e specifico CONSUMARE, atti del genere.
E una posizione estremamente radicale, lo so, ma emotivamente ed umnamente non tollero simili gesti.


_________________
"Se devo andare dove piove merda, devo sapere da che parte soffia il vento".

"Ci sono solo due persone di cui mi fido: una sono io, l'altra non sei tu!".

"Le scuse sono come i buchi del culo...tutti ne hanno uno!".

[ Questo messaggio è stato modificato da: Kermunos il 25-06-2006 alle 20:12 ]

  Visualizza il profilo di Kermunos  Invia un messaggio privato a Kermunos  Email Kermunos     Rispondi riportando il messaggio originario
RICHMOND

Reg.: 03 Mag 2003
Messaggi: 13088
Da: genova (GE)
Inviato: 26-06-2006 09:25  
quote:
In data 2006-06-25 14:14, Julian scrive:
Ah bè certo il linciaggio è una pratica molto più civile e democratica. Ma che discorsi sono?




No. Nn è una preatica piùcivile e dempcratica. E' sicuramente più barbara della pena di morte...ma solo all'apparenza. lapena dimorte di si pone comeil "rimedio" dello Stato. E' lo Stato ad avere l'ulimaarola. nessuno s prende la briga di uccidere. Lo fa lo Stato per noi. E'una mancanza di responsabilità assurda.
Nonsi sta dicendo che illinciaggio sia più civile, ma semplicemete meno ipocrita e forse unpo'piùcomprensibile. Manon credo che lui sia a favore (comenonlo sono io) nemmeno del linciaggio.
_________________
L'amico Fritz diceva che un film che ha bisogno di essere commentato, non è un buon film . Forse, nella sua somma chiaroveggenza, gli erano apparsi in sogno i miei post.

  Visualizza il profilo di RICHMOND  Invia un messaggio privato a RICHMOND  Email RICHMOND  Vai al sito web di RICHMOND    Rispondi riportando il messaggio originario
Julian

Reg.: 27 Gen 2003
Messaggi: 6177
Da: Erbusco (BS)
Inviato: 26-06-2006 09:32  
Io sono contrario alla pena di morte ed in genere anche alle pene detentive, se non per i reati più gravi.
Sul fatto che lo Stato si arroghi in diritto di uccidere senza che nessuno glielo abbia attribuito esplicitamente con me sfondi una porta aperta.
Proprio per questo ed a maggior ragione non posso tollerare che si parli di linciaggio. Sono d'accordo sullo'oscenità del delitto ( la pedofilia) e sulla sua gravità. Ma non si può regeredire al Medioevo...se legittimiamo una cosa del genere, cosa può impedirci di farci giustizia da soli in ogni occasione? Si legittimerebbe rapporti personali e sociali di tipo mafioso, sarebbe la fine della tanto decantata democrazia occidentale.
_________________
Se nulla capivo, qui tu finalmente
nulla lasciavi germogliare sulla brulla,
paradossale, tra noi terra infondata,
dove sono i leoni, ammattiti e marroni
lasciando immaginare
la sposa occidentale.

  Visualizza il profilo di Julian  Invia un messaggio privato a Julian    Rispondi riportando il messaggio originario
RICHMOND

Reg.: 03 Mag 2003
Messaggi: 13088
Da: genova (GE)
Inviato: 26-06-2006 09:41  
quote:
In data 2006-06-26 09:32, Julian scrive:
Io sono contrario alla pena di morte ed in genere anche alle pene detentive, se non per i reati più gravi.






quote:
In data 2006-06-26 09:32, Julian scrive:

Sul fatto che lo Stato si arroghi in diritto di uccidere senza che nessuno glielo abbia attribuito esplicitamente con me sfondi una porta aperta.
Proprio per questo ed a maggior ragione non posso tollerare che si parli di linciaggio. Sono d'accordo sullo'oscenità del delitto ( la pedofilia) e sulla sua gravità. Ma non si può regeredire al Medioevo...se legittimiamo una cosa del genere, cosa può impedirci di farci giustizia da soli in ogni occasione? Si legittimerebbe rapporti personali e sociali di tipo mafioso, sarebbe la fine della tanto decantata democrazia occidentale.




Su questo sono daccordo. Infatti -ripeto -non sono a favore del linciaggio. Semplicemente, trovando (come hai detto tu) aberrante la pena di morte, tra le due cose "posso capire" di più il linciaggio. E' diverso dal dire che lo sostengo vivamente come rimedio al crimine.
_________________
L'amico Fritz diceva che un film che ha bisogno di essere commentato, non è un buon film . Forse, nella sua somma chiaroveggenza, gli erano apparsi in sogno i miei post.

  Visualizza il profilo di RICHMOND  Invia un messaggio privato a RICHMOND  Email RICHMOND  Vai al sito web di RICHMOND    Rispondi riportando il messaggio originario
Julian

Reg.: 27 Gen 2003
Messaggi: 6177
Da: Erbusco (BS)
Inviato: 26-06-2006 10:59  
Sono contrario alle pene detentive per buona parte dei reati, perchè oggi in carcere ci vanno i tossicodipendenti o gli autori di piccoli crimini in attesa di processo.
Il sistema carcerario è al collasso ma i criminali più pericolosi in carcere non ci vanno. Trovo che questo sia aberrante.
_________________
Se nulla capivo, qui tu finalmente
nulla lasciavi germogliare sulla brulla,
paradossale, tra noi terra infondata,
dove sono i leoni, ammattiti e marroni
lasciando immaginare
la sposa occidentale.

  Visualizza il profilo di Julian  Invia un messaggio privato a Julian    Rispondi riportando il messaggio originario
RICHMOND

Reg.: 03 Mag 2003
Messaggi: 13088
Da: genova (GE)
Inviato: 26-06-2006 11:02  
quote:
In data 2006-06-26 10:59, Julian scrive:
Sono contrario alle pene detentive per buona parte dei reati, perchè oggi in carcere ci vanno i tossicodipendenti o gli autori di piccoli crimini in attesa di processo.
Il sistema carcerario è al collasso ma i criminali più pericolosi in carcere non ci vanno. Trovo che questo sia aberrante.




ma in quale altro modo tenteresti di risolvere la microcriminalità?
_________________
L'amico Fritz diceva che un film che ha bisogno di essere commentato, non è un buon film . Forse, nella sua somma chiaroveggenza, gli erano apparsi in sogno i miei post.

  Visualizza il profilo di RICHMOND  Invia un messaggio privato a RICHMOND  Email RICHMOND  Vai al sito web di RICHMOND    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 Pagina successiva )
  
0.224680 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: