FilmUP.com > Forum > Attualità - Mussolini uomo era peggio o meglio dell'uomo politico?
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Mussolini uomo era peggio o meglio dell'uomo politico?   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 Pagina successiva )
Autore Mussolini uomo era peggio o meglio dell'uomo politico?
ginestra


Reg.: 02 Mag 2003
Messaggi: 8862
Da: San Nicola la Strada (CE)
Inviato: 17-01-2005 14:59  
quote:
In data 2005-01-17 13:56, greenday2 scrive:
quote:
In data 2005-01-16 18:07, ginestra scrive:
quote:
In data 2005-01-15 17:10, greenday2 scrive:
Direi che ho trovato molto piu interessante il libro scritto dal figlio (legittimo) del Duce, ossia ROmano Mussolini.
Cmq cercare di dare una rappresentazione di una persona facendo leva su un unico episodio(fatto tra l'altro nemmeno cosi scabroso, se lo si guarda con occhio obiettivo), sia alquanto inutile al fine di una ricostruzione storica sensata ed obiettiva.




Ricostruzione storica? E chi ha parlato di questo? Lasciamolo fare a chi ha tutte le competenze!





Ma tu non sei un insegnate scusa??



Grazie per avermi dato tanta importanza, ma l'insegnante non è uno storico, scusa.Si limita a trasmettere quello che ha incamerato, ne discute, analizza ma da qui a ricostruire la figura storica di Mussolini, credo che sia un audace passo.Io volevo, in questa sede, soltanto commentare la sua figura di uomo, tralasciando per un momento la politica, anche perché l'argomento "duce" mi pare sia stato abbastanza sviscerato da noi, dalla telvisione, dai giornali e dai libri, insieme a quello su Hitler.Pare che la storia contemporanea si racchiuda soltanto in queste due terribili figure.Quando vedo i documentari storici e loro che "comiziano" con le facce feroci e sommamente truci, mi chiedo, ma li prendevano i tranquillanti?
Hitler si abbuffava di ansiolitici e stimolanti, di Benito non so.
_________________
E tu, lenta ginestra,che di selve odorate queste campagne dispogliate adorni, anche tu presto alla crudel possanza soccomberai del sotterraneo foco, che ritornando al loco già noto, stenderà l'avaro lembo su tue molli foreste.......

  Visualizza il profilo di ginestra  Invia un messaggio privato a ginestra  Email ginestra    Rispondi riportando il messaggio originario
greenday2

Reg.: 02 Lug 2004
Messaggi: 1074
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 17-01-2005 16:32  
quote:
In data 2005-01-17 14:59, ginestra scrive:
quote:
In data 2005-01-17 13:56, greenday2 scrive:
quote:
In data 2005-01-16 18:07, ginestra scrive:
quote:
In data 2005-01-15 17:10, greenday2 scrive:










Ma tu non sei un insegnate scusa??



Grazie per avermi dato tanta importanza, ma l'insegnante non è uno storico, scusa.Si limita a trasmettere quello che ha incamerato, ne discute, analizza ma da qui a ricostruire la figura storica di Mussolini, credo che sia un audace passo.Io volevo, in questa sede, soltanto commentare la sua figura di uomo, tralasciando per un momento la politica, anche perché l'argomento "duce" mi pare sia stato abbastanza sviscerato da noi, dalla telvisione, dai giornali e dai libri, insieme a quello su Hitler.Pare che la storia contemporanea si racchiuda soltanto in queste due terribili figure.Quando vedo i documentari storici e loro che "comiziano" con le facce feroci e sommamente truci, mi chiedo, ma li prendevano i tranquillanti?
Hitler si abbuffava di ansiolitici e stimolanti, di Benito non so.




Scusa e da dove hai incamerato la storia che insegni??? Dai racconti del nonno partigiano??
Oddio e poi mi stupisco perchè l'istruzione italiana sta andando a rotoli!!!
Cmq la espressioni facciali del Duce, unite alla sua abilissima capacità oratoria, era uno dei cavalli della propaganda fascista. E questo lo dico, lasciando da parte ogni commento politico/storico. Sto parlando semplicemente di comunicazione ed oratoria

  Visualizza il profilo di greenday2  Invia un messaggio privato a greenday2    Rispondi riportando il messaggio originario
ginestra


Reg.: 02 Mag 2003
Messaggi: 8862
Da: San Nicola la Strada (CE)
Inviato: 17-01-2005 17:09  
Era semplicemente tronfio, io lo vedo così, tu lo vedi colì.
_________________
E tu, lenta ginestra,che di selve odorate queste campagne dispogliate adorni, anche tu presto alla crudel possanza soccomberai del sotterraneo foco, che ritornando al loco già noto, stenderà l'avaro lembo su tue molli foreste.......

  Visualizza il profilo di ginestra  Invia un messaggio privato a ginestra  Email ginestra    Rispondi riportando il messaggio originario
ginestra


Reg.: 02 Mag 2003
Messaggi: 8862
Da: San Nicola la Strada (CE)
Inviato: 17-01-2005 17:20  
Scusa e da dove hai incamerato la storia che insegni??? Dai racconti del nonno partigiano??
Oddio e poi mi stupisco perchè l'istruzione italiana sta andando a rotoli!!!

Mi pare che tu stia esagerando sui giudizi della preparazione culturale mia e di qualcun altro qui dentro.Ti posso solo dire che mi informo costantemente, mi aggiorno di continuo; oltre ai libri, esistono delle bellissime trasmissioni sulla storia, su qualsiasi canale tu voglia, la 7, rai tre e perché no rete 4.Anzi, è alquanto necessario seguire su canali di informazione diversi, proprio per ascoltare le varie campane.Non si finisce mai di imparare e non è una frase fatta, quindi comincia tu per primo a seguire trasmissioni di quel tipo.
In quanto al nonno partigiano,che tu stai beffando, ti assicuro che la storia, come diceva il grande Manzoni,la fanno soprattutto gli anonimi, quelli che non compaiono nei libri, i soldati, la gente,quelli che vanno a morire, mentre il capo si dimena a buttar fuori altisonanti parole, che poco riscontro spesso hanno con la realtà.
Mio nonno, per tua informazione era un mresciallo di finanza,ha fatto la guerra ed è morto per le ferite riportate dai maltrattamenti dei tedeschi, anche lui era uno dei tanti eroi sconosciuti che la storia non ricorderà mai ma che ha pagato con la vita la scelleratezza di due fanatici.


_________________
E tu, lenta ginestra,che di selve odorate queste campagne dispogliate adorni, anche tu presto alla crudel possanza soccomberai del sotterraneo foco, che ritornando al loco già noto, stenderà l'avaro lembo su tue molli foreste.......

[ Questo messaggio è stato modificato da: ginestra il 17-01-2005 alle 17:22 ]

  Visualizza il profilo di ginestra  Invia un messaggio privato a ginestra  Email ginestra    Rispondi riportando il messaggio originario
greenday2

Reg.: 02 Lug 2004
Messaggi: 1074
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 17-01-2005 18:14  
quote:
[i]In data 2005-01-17 17:20,

Mi pare che tu stia esagerando sui giudizi della preparazione culturale mia e di qualcun altro qui dentro.Ti posso solo dire che mi informo costantemente, mi aggiorno di continuo; oltre ai libri, esistono delle bellissime trasmissioni sulla storia, su qualsiasi canale tu voglia, la 7, rai tre e perché no rete 4.Anzi, è alquanto necessario seguire su canali di informazione diversi, proprio per ascoltare le varie campane.Non si finisce mai di imparare e non è una frase fatta, quindi comincia tu per primo a seguire trasmissioni di quel tipo.
In quanto al nonno partigiano,che tu stai beffando, ti assicuro che la storia, come diceva il grande Manzoni,la fanno soprattutto gli anonimi, quelli che non compaiono nei libri, i soldati, la gente,quelli che vanno a morire, mentre il capo si dimena a buttar fuori altisonanti parole, che poco riscontro spesso hanno con la realtà.
Mio nonno, per tua informazione era un mresciallo di finanza,ha fatto la guerra ed è morto per le ferite riportate dai maltrattamenti dei tedeschi, anche lui era uno dei tanti eroi sconosciuti che la storia non ricorderà mai ma che ha pagato con la vita la scelleratezza di due fanatici.


[ Questo messaggio è stato modificato da: ginestra il 17-01-2005 alle 17:22 ]



Gia visti tutti quanti i documentari sul fascismo, nazismo, seconda guerra mondiale etc. non solo sulle 3 reti da te citate (il piu interessante e' cmq "Correva l'anno...."), quindi non credere di cogliermi in castagna su questo punto!
La storia la fanno gli anonimi? Senza dubbio anche, ma sarebbe meglio dire che la fanno gli "anonimi vincitori!" Quanti soldati repubblichini han dato la loro vita in nome di un idea? Quanti italiani senza nome son finiti in una fossa comune in Istria perchè colpevoli di essere italiani?
O quei 70000 morti in Russia grazie ad un nostro ministro degli esteri (Togliatti) che ha preferito "mettere a tacere" le atrocità che venivano commesse nella madre russia? Oppure tutte quelle persone/preti CIVILI uccisi dai partigiani solo perchè la pensavano in diverso modo?
Guarda...potrei andare avanti all'infinito!
La storia ha varie sfaccettature, ma queste sfaccettature vanno raccontate tutte! Non solo quelle dei vincitori

  Visualizza il profilo di greenday2  Invia un messaggio privato a greenday2    Rispondi riportando il messaggio originario
RICHMOND

Reg.: 03 Mag 2003
Messaggi: 13088
Da: genova (GE)
Inviato: 18-01-2005 11:35  
quote:
In data 2005-01-15 16:36, ginestra scrive:
Tv:Grande Storia, segreto Mussolini
Si parlera' di relazione clandestina tra Duce e Ida Dalser
(ANSA) - ROMA, 12 GEN - Riparte 'La Grande storia' in prima serata, da venerdi' alle 21 su Raitre con 4 nuovi episodi, primo dei quali 'Il segreto di Mussolini'. Verra' raccontata per la prima volta in tv la storia del primogenito di Mussolini, Benito Albino Bernardi, nato nel 1915 dalla relazione dell'allora giovane direttore del quotidiano socialista L'Avanti con Ida Dalser. Mussolini era gia' sposato con Rachele e la figlia Edda era gia' nata. L'inchiesta di Fabrizio Laurenti e Gianfranco Norelli.
--------------------------------------------------------------------------------
Io l'ho visto questo segreto, ieri sera, e, con tutta sincerità, se prima avevo molte riserve nei confronti del duce, il velo è caduto del tutto ad ascoltare questa penosa quanto squallida storia della sua vita intima.Che avesse avuto chissà quanti amori, non ci scandalizza né ci meraviglia, gli uomini potenti son sempre ambiti dalle donne, pur se esaltati e pieni di sé; quello che fa veramente accapponare la pelle sono i risvolti e le pesanti conseguenze che la signora Dalser dovette subire, per aver avuto la sfortuna di incontralo.
Da quella relazione nacque un figlio, Benito Albino, riconosciuto si dal padre ma non amato e mai contattato.La signora che non voleva starsene al suo posto e in silenzio, fu perseguitata da Mussolini e infine rinchiusa in manicomio, dove morì dopo vari tentativi di fuga e richieste di aiuto alla sua famiglia.Aiuto che non le fu dato per ovvie ragioni incombenti e avallate dal fatto che Mussolini era ormai Presidente del Consiglio e in furiosa e mitologica ascesa verso il potere.
Il bambino fu presto strappato alla madre,mandato in un collegio di Barnabiti, affidato poi ad un dottore complice,volente o nolente del duce,avviato più tardi alla carriera militare.Egli si trovava in Cina, quando gli fu recapitata una lettera in cui si annunziava la morte della madre, in realtà la donna era ancora viva, ma il ritorno in patria del ragazzo fu voluto per un disegno, che se non fu preordinato fu certamente sviluppato e pensato nel tempo.Il giovane che manifestava chiari segni di disagio psichico,dati i trascorsi infelici e le persecuzioni subite, fu rinchiuso in manicomio,dove morì all'età di ventisei anni, seguendo lo stesso atroce destino della madre.Ambedue furono sepolti in una fossa comune.
Dopo la fine della guerra, la famiglia Dalser chiese che giustizia fosse fatta, ma, dopo esser stato avviato un raffazzonato processo, il caso fu chiuso con la chiara clausola che i complici della vicenda non fossero perseguibili per legge.Tutto ciò è chiuso negli archivi, se la storia è venuta fuori lo dobbiamo a gente coraggiosa, come qualche giornalista che ha certosinamente ricomposto questo nero mosaico.
Vi giuro che alla fine del documentario sono rimasta, a dir poco, furiosa e nauseata.Alla fine ho pensato che la "Nemesi storica" non è poi così leggenda e sapete a cosa mi riferisco: tutto , nella vita,si paga.




_________________
E tu, lenta ginestra,che di selve odorate queste campagne dispogliate adorni, anche tu presto alla crudel possanza soccomberai del sotterraneo foco, che ritornando al loco già noto, stenderà l'avaro lembo su tue molli foreste.......

[ Questo messaggio è stato modificato da: ginestra il 15-01-2005 alle 16:37 ]



e tu credia tutto quello che si dice in tv?
_________________
L'amico Fritz diceva che un film che ha bisogno di essere commentato, non è un buon film . Forse, nella sua somma chiaroveggenza, gli erano apparsi in sogno i miei post.

  Visualizza il profilo di RICHMOND  Invia un messaggio privato a RICHMOND  Email RICHMOND  Vai al sito web di RICHMOND    Rispondi riportando il messaggio originario
madpierrot

Reg.: 08 Mag 2004
Messaggi: 851
Da: Pista Uno (es)
Inviato: 18-01-2005 12:32  
quote:
In data 2005-01-18 11:35, RICHMOND scrive:
quote:
In data 2005-01-15 16:36, ginestra scrive:
Tv:Grande Storia, segreto Mussolini
Si parlera' di relazione clandestina tra Duce e Ida Dalser
(ANSA) - ROMA, 12 GEN - Riparte 'La Grande storia' in prima serata, da venerdi' alle 21 su Raitre con 4 nuovi episodi, primo dei quali 'Il segreto di Mussolini'. Verra' raccontata per la prima volta in tv la storia del primogenito di Mussolini, Benito Albino Bernardi, nato nel 1915 dalla relazione dell'allora giovane direttore del quotidiano socialista L'Avanti con Ida Dalser. Mussolini era gia' sposato con Rachele e la figlia Edda era gia' nata. L'inchiesta di Fabrizio Laurenti e Gianfranco Norelli.
--------------------------------------------------------------------------------
Io l'ho visto questo segreto, ieri sera, e, con tutta sincerità, se prima avevo molte riserve nei confronti del duce, il velo è caduto del tutto ad ascoltare questa penosa quanto squallida storia della sua vita intima.Che avesse avuto chissà quanti amori, non ci scandalizza né ci meraviglia, gli uomini potenti son sempre ambiti dalle donne, pur se esaltati e pieni di sé; quello che fa veramente accapponare la pelle sono i risvolti e le pesanti conseguenze che la signora Dalser dovette subire, per aver avuto la sfortuna di incontralo.
Da quella relazione nacque un figlio, Benito Albino, riconosciuto si dal padre ma non amato e mai contattato.La signora che non voleva starsene al suo posto e in silenzio, fu perseguitata da Mussolini e infine rinchiusa in manicomio, dove morì dopo vari tentativi di fuga e richieste di aiuto alla sua famiglia.Aiuto che non le fu dato per ovvie ragioni incombenti e avallate dal fatto che Mussolini era ormai Presidente del Consiglio e in furiosa e mitologica ascesa verso il potere.
Il bambino fu presto strappato alla madre,mandato in un collegio di Barnabiti, affidato poi ad un dottore complice,volente o nolente del duce,avviato più tardi alla carriera militare.Egli si trovava in Cina, quando gli fu recapitata una lettera in cui si annunziava la morte della madre, in realtà la donna era ancora viva, ma il ritorno in patria del ragazzo fu voluto per un disegno, che se non fu preordinato fu certamente sviluppato e pensato nel tempo.Il giovane che manifestava chiari segni di disagio psichico,dati i trascorsi infelici e le persecuzioni subite, fu rinchiuso in manicomio,dove morì all'età di ventisei anni, seguendo lo stesso atroce destino della madre.Ambedue furono sepolti in una fossa comune.
Dopo la fine della guerra, la famiglia Dalser chiese che giustizia fosse fatta, ma, dopo esser stato avviato un raffazzonato processo, il caso fu chiuso con la chiara clausola che i complici della vicenda non fossero perseguibili per legge.Tutto ciò è chiuso negli archivi, se la storia è venuta fuori lo dobbiamo a gente coraggiosa, come qualche giornalista che ha certosinamente ricomposto questo nero mosaico.
Vi giuro che alla fine del documentario sono rimasta, a dir poco, furiosa e nauseata.Alla fine ho pensato che la "Nemesi storica" non è poi così leggenda e sapete a cosa mi riferisco: tutto , nella vita,si paga.




_________________
E tu, lenta ginestra,che di selve odorate queste campagne dispogliate adorni, anche tu presto alla crudel possanza soccomberai del sotterraneo foco, che ritornando al loco già noto, stenderà l'avaro lembo su tue molli foreste.......

[ Questo messaggio è stato modificato da: ginestra il 15-01-2005 alle 16:37 ]



e tu credia tutto quello che si dice in tv?



Risposta noiosissima.
Vedi, essendo il sopracitato basato su documenti storici e testimonianze, c'è ben poco da fare.
_________________
"La via da percorrere non è facile né sicura, ma deve essere percorsa e lo sarà"

  Visualizza il profilo di madpierrot  Invia un messaggio privato a madpierrot    Rispondi riportando il messaggio originario
RICHMOND

Reg.: 03 Mag 2003
Messaggi: 13088
Da: genova (GE)
Inviato: 18-01-2005 12:49  
quote:
In data 2005-01-18 12:32, madpierrot scrive:
quote:
In data 2005-01-18 11:35, RICHMOND scrive:
quote:
In data 2005-01-15 16:36, ginestra scrive:
Tv:Grande Storia, segreto Mussolini
Si parlera' di relazione clandestina tra Duce e Ida Dalser
(ANSA) - ROMA, 12 GEN - Riparte 'La Grande storia' in prima serata, da venerdi' alle 21 su Raitre con 4 nuovi episodi, primo dei quali 'Il segreto di Mussolini'. Verra' raccontata per la prima volta in tv la storia del primogenito di Mussolini, Benito Albino Bernardi, nato nel 1915 dalla relazione dell'allora giovane direttore del quotidiano socialista L'Avanti con Ida Dalser. Mussolini era gia' sposato con Rachele e la figlia Edda era gia' nata. L'inchiesta di Fabrizio Laurenti e Gianfranco Norelli.
--------------------------------------------------------------------------------
Io l'ho visto questo segreto, ieri sera, e, con tutta sincerità, se prima avevo molte riserve nei confronti del duce, il velo è caduto del tutto ad ascoltare questa penosa quanto squallida storia della sua vita intima.Che avesse avuto chissà quanti amori, non ci scandalizza né ci meraviglia, gli uomini potenti son sempre ambiti dalle donne, pur se esaltati e pieni di sé; quello che fa veramente accapponare la pelle sono i risvolti e le pesanti conseguenze che la signora Dalser dovette subire, per aver avuto la sfortuna di incontralo.
Da quella relazione nacque un figlio, Benito Albino, riconosciuto si dal padre ma non amato e mai contattato.La signora che non voleva starsene al suo posto e in silenzio, fu perseguitata da Mussolini e infine rinchiusa in manicomio, dove morì dopo vari tentativi di fuga e richieste di aiuto alla sua famiglia.Aiuto che non le fu dato per ovvie ragioni incombenti e avallate dal fatto che Mussolini era ormai Presidente del Consiglio e in furiosa e mitologica ascesa verso il potere.
Il bambino fu presto strappato alla madre,mandato in un collegio di Barnabiti, affidato poi ad un dottore complice,volente o nolente del duce,avviato più tardi alla carriera militare.Egli si trovava in Cina, quando gli fu recapitata una lettera in cui si annunziava la morte della madre, in realtà la donna era ancora viva, ma il ritorno in patria del ragazzo fu voluto per un disegno, che se non fu preordinato fu certamente sviluppato e pensato nel tempo.Il giovane che manifestava chiari segni di disagio psichico,dati i trascorsi infelici e le persecuzioni subite, fu rinchiuso in manicomio,dove morì all'età di ventisei anni, seguendo lo stesso atroce destino della madre.Ambedue furono sepolti in una fossa comune.
Dopo la fine della guerra, la famiglia Dalser chiese che giustizia fosse fatta, ma, dopo esser stato avviato un raffazzonato processo, il caso fu chiuso con la chiara clausola che i complici della vicenda non fossero perseguibili per legge.Tutto ciò è chiuso negli archivi, se la storia è venuta fuori lo dobbiamo a gente coraggiosa, come qualche giornalista che ha certosinamente ricomposto questo nero mosaico.
Vi giuro che alla fine del documentario sono rimasta, a dir poco, furiosa e nauseata.Alla fine ho pensato che la "Nemesi storica" non è poi così leggenda e sapete a cosa mi riferisco: tutto , nella vita,si paga.




_________________
E tu, lenta ginestra,che di selve odorate queste campagne dispogliate adorni, anche tu presto alla crudel possanza soccomberai del sotterraneo foco, che ritornando al loco già noto, stenderà l'avaro lembo su tue molli foreste.......

[ Questo messaggio è stato modificato da: ginestra il 15-01-2005 alle 16:37 ]



e tu credia tutto quello che si dice in tv?



Risposta noiosissima.
Vedi, essendo il sopracitato basato su documenti storici e testimonianze, c'è ben poco da fare.




si lo so.
Anche i morti del comunismo rientrerebbero nei documenti storici, ma...caso strano...nessuno li tira mai fuori. E ci sia aggrappa ai figli illegittimi e alle cronache rosa nella politica per nascondere certi fatti "storici"....


Con questo non voglio difdendere il duce, ma è l'ipocrisia che mi fa incazzare.
Perchè i comunisti continuano a parlare di hitler e mussolini e non guardano un po' in casa loro?

Mi aspetto un'altra noiosissima risposta.
_________________
L'amico Fritz diceva che un film che ha bisogno di essere commentato, non è un buon film . Forse, nella sua somma chiaroveggenza, gli erano apparsi in sogno i miei post.

  Visualizza il profilo di RICHMOND  Invia un messaggio privato a RICHMOND  Email RICHMOND  Vai al sito web di RICHMOND    Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 18-01-2005 13:19  
questo mediatico dualismo fascismo/comunismo è il sintomo di quanto siamo ignoranti e di quanto non ci vada di approfoindire. Veramente non riesco a capire anche lontamente dove possa portare.
_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
madpierrot

Reg.: 08 Mag 2004
Messaggi: 851
Da: Pista Uno (es)
Inviato: 18-01-2005 13:28  
quote:
In data 2005-01-18 12:49, RICHMOND scrive:
quote:
In data 2005-01-18 12:32, madpierrot scrive:
quote:
In data 2005-01-18 11:35, RICHMOND scrive:
quote:
In data 2005-01-15 16:36, ginestra scrive:
Tv:Grande Storia, segreto Mussolini
Si parlera' di relazione clandestina tra Duce e Ida Dalser
(ANSA) - ROMA, 12 GEN - Riparte 'La Grande storia' in prima serata, da venerdi' alle 21 su Raitre con 4 nuovi episodi, primo dei quali 'Il segreto di Mussolini'. Verra' raccontata per la prima volta in tv la storia del primogenito di Mussolini, Benito Albino Bernardi, nato nel 1915 dalla relazione dell'allora giovane direttore del quotidiano socialista L'Avanti con Ida Dalser. Mussolini era gia' sposato con Rachele e la figlia Edda era gia' nata. L'inchiesta di Fabrizio Laurenti e Gianfranco Norelli.
--------------------------------------------------------------------------------
Io l'ho visto questo segreto, ieri sera, e, con tutta sincerità, se prima avevo molte riserve nei confronti del duce, il velo è caduto del tutto ad ascoltare questa penosa quanto squallida storia della sua vita intima.Che avesse avuto chissà quanti amori, non ci scandalizza né ci meraviglia, gli uomini potenti son sempre ambiti dalle donne, pur se esaltati e pieni di sé; quello che fa veramente accapponare la pelle sono i risvolti e le pesanti conseguenze che la signora Dalser dovette subire, per aver avuto la sfortuna di incontralo.
Da quella relazione nacque un figlio, Benito Albino, riconosciuto si dal padre ma non amato e mai contattato.La signora che non voleva starsene al suo posto e in silenzio, fu perseguitata da Mussolini e infine rinchiusa in manicomio, dove morì dopo vari tentativi di fuga e richieste di aiuto alla sua famiglia.Aiuto che non le fu dato per ovvie ragioni incombenti e avallate dal fatto che Mussolini era ormai Presidente del Consiglio e in furiosa e mitologica ascesa verso il potere.
Il bambino fu presto strappato alla madre,mandato in un collegio di Barnabiti, affidato poi ad un dottore complice,volente o nolente del duce,avviato più tardi alla carriera militare.Egli si trovava in Cina, quando gli fu recapitata una lettera in cui si annunziava la morte della madre, in realtà la donna era ancora viva, ma il ritorno in patria del ragazzo fu voluto per un disegno, che se non fu preordinato fu certamente sviluppato e pensato nel tempo.Il giovane che manifestava chiari segni di disagio psichico,dati i trascorsi infelici e le persecuzioni subite, fu rinchiuso in manicomio,dove morì all'età di ventisei anni, seguendo lo stesso atroce destino della madre.Ambedue furono sepolti in una fossa comune.
Dopo la fine della guerra, la famiglia Dalser chiese che giustizia fosse fatta, ma, dopo esser stato avviato un raffazzonato processo, il caso fu chiuso con la chiara clausola che i complici della vicenda non fossero perseguibili per legge.Tutto ciò è chiuso negli archivi, se la storia è venuta fuori lo dobbiamo a gente coraggiosa, come qualche giornalista che ha certosinamente ricomposto questo nero mosaico.
Vi giuro che alla fine del documentario sono rimasta, a dir poco, furiosa e nauseata.Alla fine ho pensato che la "Nemesi storica" non è poi così leggenda e sapete a cosa mi riferisco: tutto , nella vita,si paga.




_________________
E tu, lenta ginestra,che di selve odorate queste campagne dispogliate adorni, anche tu presto alla crudel possanza soccomberai del sotterraneo foco, che ritornando al loco già noto, stenderà l'avaro lembo su tue molli foreste.......

[ Questo messaggio è stato modificato da: ginestra il 15-01-2005 alle 16:37 ]



e tu credia tutto quello che si dice in tv?



Risposta noiosissima.
Vedi, essendo il sopracitato basato su documenti storici e testimonianze, c'è ben poco da fare.




si lo so.
Anche i morti del comunismo rientrerebbero nei documenti storici, ma...caso strano...nessuno li tira mai fuori. E ci sia aggrappa ai figli illegittimi e alle cronache rosa nella politica per nascondere certi fatti "storici"....


Con questo non voglio difdendere il duce, ma è l'ipocrisia che mi fa incazzare.
Perchè i comunisti continuano a parlare di hitler e mussolini e non guardano un po' in casa loro?

Mi aspetto un'altra noiosissima risposta.



E infatti questa tua replica puntualmente lo è.
Chi nega i morti del comunismo? Ancora con questo lamento inutile? C'è pieno di libri sull'argomento e qualche tempo fa sempre la Grande Storia di Rai 3 ha dedicato una bella puntata agli italiani prigionieri in Russia.

Però almeno, grazie a te ho scoperto che il documentario su Benito Albino è stato prodotto da Diliberto e Cossutta con contributi del partito comunista cinese e che internare un figlio e una moglie in manicomio fino a farli crepare, rientra nelle notizie da cronaca rosa: una scopata andata male.

_________________
[url=http://www.anl.org.uk/campaigns.htm]

[ Questo messaggio è stato modificato da: madpierrot il 18-01-2005 alle 13:29 ]

  Visualizza il profilo di madpierrot  Invia un messaggio privato a madpierrot    Rispondi riportando il messaggio originario
madpierrot

Reg.: 08 Mag 2004
Messaggi: 851
Da: Pista Uno (es)
Inviato: 18-01-2005 13:56  
quote:
In data 2005-01-16 14:10, greenday2 scrive:
quote:
In data 2005-01-16 11:51, madpierrot scrive:
quote:
In data 2005-01-16 02:20, greenday2 scrive:
quote:
In data 2005-01-15 20:48, madpierrot scrive:







Credi sul serio che me ne freghi qualcosa?
Perdi tempo. Le mie motivazioni ormai le cosnosci già.
Il mio giudizio non cambia affatto: un delinquente, un buffone. Un uomo di merda.

P.S.: quando dici che non sei nelle condizioni vuol dire che alla sezione sotto casa non ti hanno ancora dato direttive o ciclostili sull'argomento?

Stop. http://www.uaf.org.uk/

[ Questo messaggio è stato modificato da: madpierrot il 16-01-2005 alle 12:00 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: madpierrot il 16-01-2005 alle 12:02 ]



Ma non ne avevo dubbi! Mi hai gia dimostrato in un altro post la tua scarsa preparazione storica (tra l'altro non sei ancora riuscito a dimostrarmi il fatto della democrazia...ma hai fatto bene ad uscirtene con gli insulti, era la tua unica via di scampo) e i tuoi ancor piu scarsi orizzonti.
E come perla finale mi hai postato il fatto della casa reale inglese....un nuovo segno che mi dimostra quanto tu non sia preparato in storia contemporanea.




Domanda: ti consideri democratico? La democrazia per te è una cosa importante?
_________________
"La via da percorrere non è facile né sicura, ma deve essere percorsa e lo sarà"

  Visualizza il profilo di madpierrot  Invia un messaggio privato a madpierrot    Rispondi riportando il messaggio originario
greenday2

Reg.: 02 Lug 2004
Messaggi: 1074
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 18-01-2005 14:15  
Cosa c'entra scusa?

  Visualizza il profilo di greenday2  Invia un messaggio privato a greenday2    Rispondi riportando il messaggio originario
ginestra


Reg.: 02 Mag 2003
Messaggi: 8862
Da: San Nicola la Strada (CE)
Inviato: 18-01-2005 15:53  
Al solito, si esce dal seminato,mi pare di aver già detto che volevo discutere sull'uomo e non sullo statista.Magari l'argomentazione sarebbe potuta scivolare sui diritti delle donne, che a quei tempi erano inesistenti, invece no, riemerge ancora la voglia di parlar di politica e dell'eterno dualismo rosso-nero.
_________________
E tu, lenta ginestra,che di selve odorate queste campagne dispogliate adorni, anche tu presto alla crudel possanza soccomberai del sotterraneo foco, che ritornando al loco già noto, stenderà l'avaro lembo su tue molli foreste.......

  Visualizza il profilo di ginestra  Invia un messaggio privato a ginestra  Email ginestra    Rispondi riportando il messaggio originario
greenday2

Reg.: 02 Lug 2004
Messaggi: 1074
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 18-01-2005 16:55  
quote:
In data 2005-01-18 13:28, madpierrot scrive:


Però almeno, grazie a te ho scoperto che il documentario su Benito Albino è stato prodotto da Diliberto e Cossutta con contributi del partito comunista cinese e che internare un figlio e una moglie in manicomio fino a farli crepare, rientra nelle notizie da cronaca rosa: una scopata andata male.

_________________
[url=http://www.anl.org.uk/campaigns.htm]

[ Questo messaggio è stato modificato da: madpierrot il 18-01-2005 alle 13:29 ]



Diliberto e Cossutta...due grandi storici proprio eh??? Nonchè parecchio obiettivi in maniera vero???!!!
Che schifo....

  Visualizza il profilo di greenday2  Invia un messaggio privato a greenday2    Rispondi riportando il messaggio originario
madpierrot

Reg.: 08 Mag 2004
Messaggi: 851
Da: Pista Uno (es)
Inviato: 18-01-2005 17:56  
quote:
In data 2005-01-18 14:15, greenday2 scrive:
Cosa c'entra scusa?


Considerala una mia curiosità.
Allora?
_________________
"La via da percorrere non è facile né sicura, ma deve essere percorsa e lo sarà"

  Visualizza il profilo di madpierrot  Invia un messaggio privato a madpierrot    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 Pagina successiva )
  
0.219581 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: