FilmUP.com > Forum > Attualità - soldati in irak
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > soldati in irak   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 Pagina successiva )
Autore soldati in irak
nikita86

Reg.: 16 Feb 2005
Messaggi: 15
Da: albenga (SV)
Inviato: 17-02-2005 20:16  
quote:
In data 2005-02-17 00:06, greenday2 scrive:
quote:
In data 2005-02-16 23:17, nikita86 scrive:
come mai tutti sti soldati vanno a morire in irak,a combatere in una guerra che non è neanche loro?...come mai non si muove un dito per questa giornalista che hanno preso?

io non ho nulla contro i soldati italiani,dico solo che non è giusto che vanno a morire in irak per una guerra che non è loro...dico che non vale la pena morire cosi...solo questo intendevo...

Perchè il senso del dovere e' ben presente nei soldati italiani. Tra l'altro non mi risulta che i nostri soldati, siano mai stati "in guerra" (vietato dalla costituzione tra l'altro), bensì cercano di aiutare il popolo iracheno a trovare la via della pace e della democrazia.
Chi sostiene il contrario, mi indichi anche solo un frangente in cui i militari italiani, abbiano sparato anche solo un colpo "per offesa" (quindi non per difesa) contro un iracheno (oddio, in realtà ha il 20% di possibilità di essere iracheno).

Ma poi chi ti ha detto che non stanno facendo nulla per la Sgrena? Ti pare che un operazione cosi delicata, la sbandierino ai quattro venti?

Non e' mica il calcio minuto per minuto


  Visualizza il profilo di nikita86  Invia un messaggio privato a nikita86    Rispondi riportando il messaggio originario
nikita86

Reg.: 16 Feb 2005
Messaggi: 15
Da: albenga (SV)
Inviato: 17-02-2005 20:28  
berlusconi cerca di slecchinare bush per quello che manda i nostri soldati in guerra....a lui non frega niente della pace ...frega solo dei soldi...è inutile che fa il dispiaciuto per quelli che sono morti..

  Visualizza il profilo di nikita86  Invia un messaggio privato a nikita86    Rispondi riportando il messaggio originario
SirZappal

Reg.: 28 Dic 2004
Messaggi: 128
Da: Albenga (SV)
Inviato: 17-02-2005 20:47  
Qualcuno ha visto Farenheit 9/11? Perché dopo tutta la polemica di parte dei telegiornali, vi assicuro che vedere questo film-documentario fa davvero bene.
Non voglio parlare tanto del film, quanto di quello che sta realmente accadendo in Irak, perché questa guerra non ha senso.
Non è neanche una guerra, è solo un capriccio Americano, capriccio a cui noi Italiani ci siamo aggrappati subito, tanto per farci amici la "Nazione più potente del Mondo".
E' appropriata la domanda -Perché mandiamo i soldati in Irak?- e molti dovrebbero porsela, senza però pensare cose del tipo -perché questi uomini sanno cosa sia la democrazia e ci credono veramente-, perché non sono là per democrazia, non venitemi a raccontare la solita storia...
_________________
"Without silence there can be no music"

  Visualizza il profilo di SirZappal  Invia un messaggio privato a SirZappal    Rispondi riportando il messaggio originario
Ipsedixit

Reg.: 10 Gen 2005
Messaggi: 702
Da: Potenza (PZ)
Inviato: 18-02-2005 00:44  
quote:
In data 2005-02-17 20:11, Buttercup scrive:
quote:
In data 2005-02-17 17:27, greenday2 scrive:
quote:
In data 2005-02-17 15:34, Buttercup scrive:
quote:
In data 2005-02-17 07:55, Ipsedixit scrive:










Dai, mi rincuora che in Italia non siano tutti come te. Piccola consolazione, ma almeno consolazione!

Son queste parole, che mi fan gridare ancor piu forte VIVA L'ITALIA!!! e le gesta dei nostri eroi mi fanno sentire ORGOGLIOSO DI ESSERE ITALIANO!

Alla faccia dei pingui politicanti e degli esseri beceri come l'individuo qua sopra.



E invece a me rattrista che la maggioranza degli italiani,buffoni pagliacci come l'individuo qui sopra,abbia mandato al governo l'individuo che ha pensato,o meglio,si è accodato alla "missione di pace"in Iraq.
E sono sti stronzi che hanno contribuito a far diventare l'Italia la burletta dell'Europa e forse del mondo.
Grida VIVA L'ITALIA quanto vuoi, poverello, sei lo scemo del villaggio.
E me la prendo sì,coi militari,già,non è che un ragazzino in naja viene pigliato e obbligato a partire.Si fa domanda interna di missione,e poi parti.Nessuno viene obbligato a percepire fior fiore di soldi in più per "garantire la pace" in Iraq.
A LAVORARE!!!




[ Questo messaggio è stato modificato da: Buttercup il 17-02-2005 alle 20:13 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: Buttercup il 17-02-2005 alle 23:00 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: Buttercup il 17-02-2005 alle 23:00 ]



"Vuoi sapere in cosa consiste un uomo che non vale nulla? Un uomo che offende altri uomini senza argomentare, un uomo che offende altri uomini per uccidere una conversazione, un uomo che non è un uomo perchè non sa parlare..." Edgar Allan Poe

  Visualizza il profilo di Ipsedixit  Invia un messaggio privato a Ipsedixit  Email Ipsedixit    Rispondi riportando il messaggio originario
Ipsedixit

Reg.: 10 Gen 2005
Messaggi: 702
Da: Potenza (PZ)
Inviato: 18-02-2005 00:50  
Evviva
_________________
Le prove dell'invasione Americana

La CEI e le sue becere figure

  Visualizza il profilo di Ipsedixit  Invia un messaggio privato a Ipsedixit  Email Ipsedixit    Rispondi riportando il messaggio originario
millio

Reg.: 06 Gen 2005
Messaggi: 2394
Da: cagliari (CA)
Inviato: 18-02-2005 01:10  
Io credo che la guerra in Iraq sia stata solo e unicamente una guerra di conquista fatta esclusivamente per il petrolio. Democrazia e armi di distruzione di massa sono state semplicemente le motivazioni messe apposta per convincere il mondo che ci fossero le condizioni per legittimare un intervento. Ma non diciamo idiozie. E non credo che gli americani abbiano attaccato proprio l'Iraq per paura o per contrastare meglio la Cina perchè non era certo l'Iraq il problema.
Ma credo che le ultime persone che debbano venire contestate siano i soldati. Non sono certo loro che hanno deciso di andare ad esportare la democrazia, ma lì son stati mandati da uomini potenti e senza scrupoli, che per il potere son disposti a sacrificare migliaia di giovani vittime innocenti.
Quello che con questa guerra si è ottenuto finora è la distruzione di tante case, strade, migliaia di civili morti e un'elezione avvenuta sotto occupazione; il fatto che in molti abbian votato è sicuramente positivo e dimostra la voglia del popolo iracheno di cambiare ma anche il fatto che l'etnia sunnita non abbia votato deve far riflettere.
Dire ora ritiriamo le truppe o meno è un discorso a cui non so trovare risposta; credo che si sia dimostrata l'incapacità americana di gestire la situazione e non sembra che la situazione si stia evolvendo in positivo. Tra le poche certezze che ho, a parte che è stata una guerra sbagliata, immotivata e malgestita, c'è che a morire son tanti poveri ragazzi miei coetanei e spesso più giovani di me, mandati in un luogo dove morire è semplicissimo spesso senza neanche protezioni adeguate.

  Visualizza il profilo di millio  Invia un messaggio privato a millio  Stato di ICQ    Rispondi riportando il messaggio originario
millio

Reg.: 06 Gen 2005
Messaggi: 2394
Da: cagliari (CA)
Inviato: 18-02-2005 01:16  
quote:
In data 2005-02-17 18:40, Ipsedixit scrive:
Voglio ricordare anche un altro nostro GRANDE EROE, che spesso viene dimenticato, un eroe che porta in ALTO il nome della nostra NAZIONE: GINO STRADA, che porta un ospedale sotto le bombe ovunque ci sia bisogno, il quale con emergency ha salvato centinaia di vite umane senza mai nascondersi dietro idee politiche.




Non posso non quotarti.
Gino Strada merita solo stima e affetto; dove c'è una guerra lui arriva e l'unica cosa che fa è salvare vite umane. Ce ne fossero come lui

  Visualizza il profilo di millio  Invia un messaggio privato a millio  Stato di ICQ    Rispondi riportando il messaggio originario
Buttercup

Reg.: 08 Gen 2005
Messaggi: 5694
Da: Nova (MI)
Inviato: 18-02-2005 01:29  
quote:
In data 2005-02-18 00:44, Ipsedixit scrive:
quote:
In data 2005-02-17 20:11, Buttercup scrive:
quote:
In data 2005-02-17 17:27, greenday2 scrive:
quote:
In data 2005-02-17 15:34, Buttercup scrive:
quote:
In data 2005-02-17 07:55, Ipsedixit scrive:










Dai, mi rincuora che in Italia non siano tutti come te. Piccola consolazione, ma almeno consolazione!

Son queste parole, che mi fan gridare ancor piu forte VIVA L'ITALIA!!! e le gesta dei nostri eroi mi fanno sentire ORGOGLIOSO DI ESSERE ITALIANO!

Alla faccia dei pingui politicanti e degli esseri beceri come l'individuo qua sopra.



E invece a me rattrista che la maggioranza degli italiani,buffoni pagliacci come l'individuo qui sopra,abbia mandato al governo l'individuo che ha pensato,o meglio,si è accodato alla "missione di pace"in Iraq.
E sono sti stronzi che hanno contribuito a far diventare l'Italia la burletta dell'Europa e forse del mondo.
Grida VIVA L'ITALIA quanto vuoi, poverello, sei lo scemo del villaggio.
E me la prendo sì,coi militari,già,non è che un ragazzino in naja viene pigliato e obbligato a partire.Si fa domanda interna di missione,e poi parti.Nessuno viene obbligato a percepire fior fiore di soldi in più per "garantire la pace" in Iraq.
A LAVORARE!!!




[ Questo messaggio è stato modificato da: Buttercup il 17-02-2005 alle 20:13 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: Buttercup il 17-02-2005 alle 23:00 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: Buttercup il 17-02-2005 alle 23:00 ]



"Vuoi sapere in cosa consiste un uomo che non vale nulla? Un uomo che offende altri uomini senza argomentare, un uomo che offende altri uomini per uccidere una conversazione, un uomo che non è un uomo perchè non sa parlare..." Edgar Allan Poe



Che spiegazione c'è bisogno di dare? Ma me lo dici? Già parlare di missione di pace mi fa vomitare,si parla di GUERRA in Iraq e quello mi esce con missione di PACE. Sono due parole opposte. Che razza di missione di pace è condotta da militari armati? Alleati con gli Usa,e tutti noi sappiamo che razza di torture infliggono ai detenuti,video alla mano.
Ma per piacere...
Cos'hanno avuto il coraggio di scrivere...senso del dovere dei soldati...portare pace e democrazia!!!DOPO AVER DISTRUTTO LA CITTA' DI FALLUJA!!! Ma va bene avere la faccia come il culo,ma un minimo di buon senso,perdio!!
_________________

  Visualizza il profilo di Buttercup  Invia un messaggio privato a Buttercup  Email Buttercup    Rispondi riportando il messaggio originario
greenday2

Reg.: 02 Lug 2004
Messaggi: 1074
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 18-02-2005 01:47  
quote:
In data 2005-02-17 20:11, Buttercup scrive:
quote:
In data 2005-02-17 17:27, greenday2 scrive:
quote:
In data 2005-02-17 15:34, Buttercup scrive:
quote:
In data 2005-02-17 07:55, Ipsedixit scrive:










Dai, mi rincuora che in Italia non siano tutti come te. Piccola consolazione, ma almeno consolazione!

Son queste parole, che mi fan gridare ancor piu forte VIVA L'ITALIA!!! e le gesta dei nostri eroi mi fanno sentire ORGOGLIOSO DI ESSERE ITALIANO!

Alla faccia dei pingui politicanti e degli esseri beceri come l'individuo qua sopra.



E invece a me rattrista che la maggioranza degli italiani,buffoni pagliacci come l'individuo qui sopra,abbia mandato al governo l'individuo che ha pensato,o meglio,si è accodato alla "missione di pace"in Iraq.
E sono sti stronzi che hanno contribuito a far diventare l'Italia la burletta dell'Europa e forse del mondo.
Grida VIVA L'ITALIA quanto vuoi, poverello, sei lo scemo del villaggio.
E me la prendo sì,coi militari,già,non è che un ragazzino in naja viene pigliato e obbligato a partire.Si fa domanda interna di missione,e poi parti.Nessuno viene obbligato a percepire fior fiore di soldi in più per "garantire la pace" in Iraq.
A LAVORARE!!!




[ Questo messaggio è stato modificato da: Buttercup il 17-02-2005 alle 20:13 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: Buttercup il 17-02-2005 alle 23:00 ]
d[ Questo messaggio è stato modificato da: Buttercup il 17-02-2005 alle 23:00 ]



Orsù, non credo che il tuo intervento sia degno di una replica particolarmente forbita. Anche perchè i tuoi berci da rozzo volgare, teppista da stadio o rissaiolo da bar, non possono in alcun modo approfondire le mie conoscenze nonchè la mia elevatura morale. Per cui, mio caro villico (e per questo, chiesto venia a tutti gli onesti agricoltori), ti lascio nella tua pochezza e mediocrità, e rivolgo i miei sugardi verso interlocutori interessanti e assennati.

Ipsedixit, ti quoto ancora una volta

Millio: a mio avviso sottovaluti troppo il problema della Cina. Le stime parlano chiaro : fra 50 anni, sarà una superpotenza mondiale al pari degli stati uniti : una nuova guerra fredda??

Tra l'altro : non dimentichiamoci dell'Iran. A quanto pare Israele (ed in genere quando parlano loro c'è da fidarsi), hanno affermato che nel giro di 6 mesi, l'Iran avrà la conoscenza per sviluppare testate nucleari.

Iran, Corea del Nord, Pakistan : questo nucleare sta diventando piu comune dell'erba secca!

Sinceramente il fatto che paesi estremisti come Iran e Nord Corea, possano in un qualsiasi momento scatenare un olocausto nucleare (per volere di Allah???), non mi fa dormire sonni tranquilli!

  Visualizza il profilo di greenday2  Invia un messaggio privato a greenday2    Rispondi riportando il messaggio originario
greenday2

Reg.: 02 Lug 2004
Messaggi: 1074
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 18-02-2005 01:48  
quote:
In data 2005-02-17 20:28, nikita86 scrive:
berlusconi cerca di slecchinare bush per quello che manda i nostri soldati in guerra....a lui non frega niente della pace ...frega solo dei soldi...è inutile che fa il dispiaciuto per quelli che sono morti..




Vabbe che i soldi contino in ogni aspetto della vita di ognuno e' assicurato, ma il tuo mi sembra un ragionamento un po troppo grossolano!

Per la verità Berlusca non e' certo il primo a "slecchinare" gli USA

  Visualizza il profilo di greenday2  Invia un messaggio privato a greenday2    Rispondi riportando il messaggio originario
Buttercup

Reg.: 08 Gen 2005
Messaggi: 5694
Da: Nova (MI)
Inviato: 18-02-2005 01:53  
Fai ridere.
Mi fa rabbrividire che se esco di casa posso incontrare persone che la pensano come te.
Che la classe dirigente possa annoverare tra le sue fila un pensiero simile.
Se poi la tua levatura morale è quella di approvare la missione di morte in Iraq, puoi tranquillamente buttarla nel cesso.
E tirare lo sciacquone.
_________________

  Visualizza il profilo di Buttercup  Invia un messaggio privato a Buttercup  Email Buttercup    Rispondi riportando il messaggio originario
Ipsedixit

Reg.: 10 Gen 2005
Messaggi: 702
Da: Potenza (PZ)
Inviato: 18-02-2005 11:37  
quote:
In data 2005-02-18 01:47, greenday2 scrive:
quote:
In data 2005-02-17 20:11, Buttercup scrive:
quote:
In data 2005-02-17 17:27, greenday2 scrive:
quote:
In data 2005-02-17 15:34, Buttercup scrive:
quote:
In data 2005-02-17 07:55, Ipsedixit scrive:










Dai, mi rincuora che in Italia non siano tutti come te. Piccola consolazione, ma almeno consolazione!

Son queste parole, che mi fan gridare ancor piu forte VIVA L'ITALIA!!! e le gesta dei nostri eroi mi fanno sentire ORGOGLIOSO DI ESSERE ITALIANO!

Alla faccia dei pingui politicanti e degli esseri beceri come l'individuo qua sopra.



E invece a me rattrista che la maggioranza degli italiani,buffoni pagliacci come l'individuo qui sopra,abbia mandato al governo l'individuo che ha pensato,o meglio,si è accodato alla "missione di pace"in Iraq.
E sono sti stronzi che hanno contribuito a far diventare l'Italia la burletta dell'Europa e forse del mondo.
Grida VIVA L'ITALIA quanto vuoi, poverello, sei lo scemo del villaggio.
E me la prendo sì,coi militari,già,non è che un ragazzino in naja viene pigliato e obbligato a partire.Si fa domanda interna di missione,e poi parti.Nessuno viene obbligato a percepire fior fiore di soldi in più per "garantire la pace" in Iraq.
A LAVORARE!!!




[ Questo messaggio è stato modificato da: Buttercup il 17-02-2005 alle 20:13 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: Buttercup il 17-02-2005 alle 23:00 ]
d[ Questo messaggio è stato modificato da: Buttercup il 17-02-2005 alle 23:00 ]




Millio: a mio avviso sottovaluti troppo il problema della Cina. Le stime parlano chiaro : fra 50 anni, sarà una superpotenza mondiale al pari degli stati uniti : una nuova guerra fredda??




Queste tue parole mi spaventano greenday, perchè purtroppo portano a galla una verità che radica nell'uomo: quando ci sono due galli nel pollaio sono CAZZI AMARI! Quindi cosa fare? Accettare gli USA come unica superpotenza? Voglio far notare che quando costituirono l'Europa Unita su NEWSWEEK uscirono delle interviste a esponenti politici americani che parlavano dell'Europa come una "minaccia economica". Ora la domanda è questa... se l'Europa dovesse diventare una superpotenza, siamo sicuri che la guerra fredda gli Americani non finiranno per farla con noi? (E' solo una provocazione con periodo ipotetico del 3o tipo).
La mia speranza risiede nel fatot che mi auguro che un giorno si possa arrivare a una convivenza pacifica tra le popolazioni di TUTTO il mondo, perchè, purtroppo, non possiamo permetterci più scontri militari epici come quelli della 2a guerra mondiale o come quelli tra Romani e Cartaginesi o Greci e Persiani, in quanto al giorno d'oggi le tecnologie di combattimento mettono nelle condizioni uno svitato al governo di poter scatenare un qualcosa che potrebbe mettere a rischio la sopravvivenza umana... siamo su FILMUP e approfitto per ricordarvi cosa accade alla fine de "Il pianeta delle scimmie" (quello vecchio non Planet of Apes), quando il protagonista sulla spiaggia, si accorge di essere sulla terra vedendo la statua della libertà conficcata per il 90% nella sabbia.

Per questo dialoghi offensivi dovrebbero essere evitati da noi per primi, perchè quando si offende un pensiero, sia anche diverso, si comincia ad entrare in un campo che non porta mai nulla di buono.
Per questo ritengo, Butter, che tu stia esagerando con epiteti ed appellativi e credo che il discorso possa essere molto equilibrato. Ribadisco che io non condividevo l'attacco all'Iraq (che ricordo essere stato fatto su un referto di esperti copiato per la metà dalla tesi di un ragazzo iraqeno pari pari, il servizio delle iene chi se lo ricorda?) ma a questo punto andarsene sarebbe peggio, porterebbe una situazione socio - politico - economica, che potrebbe essere persino peggio di quella sotto il dittatore Saddam Hussein. Oltretutto andarsene ora vorrebbe dire anche lasciare la popolazione del luogo in mano a strozzini e assassini, oltre che profittatori ingordi.

Per questo ritengo che i nostri soldati siano da lodare, in quanto anche se siamo lì per una guerra non nostra, secondo me, stanno aiutando un popolo a risollevarsi.-.. questo credo sia importante, se poi sia stato fatto per leccare il culo a qualcuno o meno è così rilevante? Secondo me no, e per questo butter non condivido chi sputa sui miei connazionali che lì stanno solo facendo il loro lavoro di soldati! Poi certo è facile parlare quando abbiamo il pc e 2 auto in famiglia, ma riflettete sul fatto che, purtroppo, c'è gente che va in Iraq per prendere 4 soldi e magari potersi sposare al suo ritorno... vogliamo condannarli? Io da uomo non me la sento.

Questo è il mio pensiero. Au revoire.

_________________
Non smettere di cercare ciò che che ami o finirai per amare ciò che trovi!

Io sono un uomo perfetto, ovvero un uomo che è fiero di ogni suo difetto e che pur sapendo di non sapere cerca di imparare a capire come sapere...

[URL=http://www

[ Questo messaggio è stato modificato da: Ipsedixit il 18-02-2005 alle 11:39 ]

  Visualizza il profilo di Ipsedixit  Invia un messaggio privato a Ipsedixit  Email Ipsedixit    Rispondi riportando il messaggio originario
millio

Reg.: 06 Gen 2005
Messaggi: 2394
Da: cagliari (CA)
Inviato: 18-02-2005 13:23  
quote:
In data 2005-02-18 01:47, greenday2 scrive:


Millio: a mio avviso sottovaluti troppo il problema della Cina. Le stime parlano chiaro : fra 50 anni, sarà una superpotenza mondiale al pari degli stati uniti : una nuova guerra fredda??

Tra l'altro : non dimentichiamoci dell'Iran. A quanto pare Israele (ed in genere quando parlano loro c'è da fidarsi), hanno affermato che nel giro di 6 mesi, l'Iran avrà la conoscenza per sviluppare testate nucleari.

Iran, Corea del Nord, Pakistan : questo nucleare sta diventando piu comune dell'erba secca!

Sinceramente il fatto che paesi estremisti come Iran e Nord Corea, possano in un qualsiasi momento scatenare un olocausto nucleare (per volere di Allah???), non mi fa dormire sonni tranquilli!


Io la Cina non la vedo ancora come un pericolo ma più che altro come un interlocutore necessario e ormai troppo forte per essere combattuto.
Quello che dicevo, comunque, è che secondo me se si fosse voluto contrastare la Cina non si sarebbe dovuta risolvere la questione Iraq ma preoccuparsi maggiormente della del sud e dell'estremo oriente.
Il problema Iraq riguarda le querstioni medio-orientali, quindi più che altro Israele, Iran, Palestina etc.
Adesso ci sono i problemi Iran e Corea del nord.
La Corea del nord (e qui Allah non centra niente), a parte tutti i problemi umanitari, è uno stato povero ma che può contare sull'amicizia della Cina. Come negli anni 50 la guerra fredda è iniziata in Corea, altri pericolosi sviluppi temo che da quella zona possano sorgere.
L'Iran è un problema amplissimo e grave; credo che un ruolo decisivo lo debba giocare l'Europa, sarà questo il tema in cui l'Unione europea dovrà dimostrare di avere forza e credibilità, per cercare una risoluzione pacifica e diplomatica irrealizzabile quando di mezzo ci sono solo gli americani.

  Visualizza il profilo di millio  Invia un messaggio privato a millio  Stato di ICQ    Rispondi riportando il messaggio originario
medea1976

Reg.: 13 Gen 2005
Messaggi: 401
Da: firenze (FI)
Inviato: 18-02-2005 13:30  
quote:
In data 2005-02-17 11:04, honecker scrive:
quote:
In data 2005-02-17 00:06, greenday2 scrive:
quote:
In data 2005-02-16 23:17, nikita86 scrive:
come mai tutti sti soldati vanno a morire in irak,a combatere in una guerra che non è neanche loro?...come mai non si muove un dito per questa giornalista che hanno preso?



Perchè il senso del dovere e' ben presente nei soldati italiani. Tra l'altro non mi risulta che i nostri soldati, siano mai stati "in guerra" (vietato dalla costituzione tra l'altro), bensì cercano di aiutare il popolo iracheno a trovare la via della pace e della democrazia.





Questo è quello che conviene pensare se vogliamo metterci la coscienza a posto.
L'Italia è uno dei tanti paesi che "assistono" l'invasore americano a coltivare i propri interessi sul territorio iracheno.
Quella in Iraq non è mai stata una missione di pace. E la democrazia non è mai stato l'obiettivo prinicipale.

[ Questo messaggio è stato modificato da: honecker il 17-02-2005 alle 15:14 ]


Quoto.
_________________
Dai diamanti non nasce niente,
dal letame nascono i fiori.
(De Andrè)

  Visualizza il profilo di medea1976  Invia un messaggio privato a medea1976  Email medea1976    Rispondi riportando il messaggio originario
medea1976

Reg.: 13 Gen 2005
Messaggi: 401
Da: firenze (FI)
Inviato: 18-02-2005 13:45  
quote:
In data 2005-02-17 16:57, Pindaro scrive:
quote:
In data 2005-02-17 15:34, Buttercup scrive:
quote:
In data 2005-02-17 07:55, Ipsedixit scrive:

i nostri soldati sono lì per una missione di pace, si stanno impegnando per aiutare un popolo a ritrovare la strada dell'equilibrio socio-politico



Il maresciallo Cola è morto con un fucile in mano.
Alla faccia della missione di pace.
Madre teresa di Calcutta,le sue erano missioni di pace.
I nostri militari sono Merda,meriterebbero che al ritorno in Italia siano bersagliati da uova, pomodori e arance.




Vergognati.
Senza entrare nel merito di che uomini siano, rappresentano il nostro paese e le nostre istituzioni. Non hanno nessuna colpa di essere là, ce li ha mandati la Repubblica Italiana. Io sono sempre stato contro l'invio delle truppe, ma prendersela con i soldati dimostra soltanto stupidità.

Quanto alla guerra in Iraq in generale, essa è mossa soltanto da ragioni economiche degli U.S.A., ma questo già si sapeva. Il nocciolo della questione è che non è possibile esportare la democrazia, essa è un traguardo che deve essere raggiunto dal popolo senza interferenze esterne. La guerra cambia le istituzioni, ma non la mentalità della gente.




Ammetto che Butter ha esagerato, sempre persone sono, ma ritengo che nel momento in cui scegli di fare il militare scegli di fare della guerra il tuo mestiere. E anche se sei in missione di pace sai perfettamente che per difenderti potresi essere costretto ad uccidere. Quindi è ovvio che lo Stato ha mandato i nostri soldati in Iraq, ma nessuno li ha obbligati ad essere soldati.

Concordo sulla impossibilità di esportare la democrazia. Ogni popolo ha un suo percorso da seguire e una qualunque forzatura risulta deleteria al suo sviluppo. Non mi sembra che il popolo iracheno sia pronto per una democrazia, ovviamente non perchè sottosviluppato, ma perché il suo percorso storico e culturale non lo ha portato ancora a questo traguardo.
Ancora mi sembra ovvio che lo scopo della guerra non è stata la democrazia ma gli interessi economici che gravitano intorno ai paesi arabi.

Tengo a precisare che queste sono le opinioni di una persona ignorante...
_________________
Dai diamanti non nasce niente,
dal letame nascono i fiori.
(De Andrè)

  Visualizza il profilo di medea1976  Invia un messaggio privato a medea1976  Email medea1976    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 Pagina successiva )
  
0.223742 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: