FilmUP.com > Forum > Attualità - Troppo ottimisti?
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Troppo ottimisti?   
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
Autore Troppo ottimisti?
ipergiorg

Reg.: 08 Giu 2004
Messaggi: 10143
Da: CARBONERA (TV)
Inviato: 03-03-2005 12:24  
E' cambiato il vento, sono arrivati i neo-neocon, gli antibushiani aggrediti dalla realtà del medio oriente. E' stato sufficiente un solo mese, quello di febbraio, peraltro il più corto dell'anno, a far cambiare idea a molte persone scettiche sulla politica americana post 11 settembre. A frotte sono arrivati ripensamenti e revisionismi, in Europa e in America, di fronte agli accadimenti rivoluzionari in medio oriente originati dalla caduta di Saddam Hussein. Dal 30 gennaio, giorno in cui 8 milioni e mezzo di iracheni sono andati a votare a completamento del trittico elettorale cui hanno partecipato prima gli afghani e poi i palestinesi, fino alla clamorosa svolta democratica in Egitto, alla rivoluzione dei cedri in Libano e ora agli scricchiolii in Siria è ormai chiaro a (quasi) tutti come la strada scelta da Bush pur ancora lunga e difficile fosse quella giusta.
"Questo fin qui è stato un anno di appassionanti sorprese ­ ciascuna delle quali importanti ma prese insieme davvero incredibili. L'Amministrazione Bush ha diritto a reclamare un robusto credito per molte di queste novità. Ha sfacciatamente proclamato le ragioni della democrazia in medio oriente in un momento in cui poche persone in occidente pensavano che avessero alcuna realistica possibilità". (Editoriale del New York Times dal titolo "Un cambiamento di clima in medio oriente", pubblicato ieri 1 marzo)
"E' strano che sia io a dirlo, ma questo cambiamento è cominciato a causa dell'invasione americana dell'Iraq"; "Ero scettico sull'Iraq. Ma quando ho visto gli iracheni votare, tre settimane fa, in 8 milioni, ho capito che era l'inizio di un nuovo mondo arabo. Il popolo siriano, quello egiziano, tutti danno segno che qualcosa sta cambiando. E' caduto il muro di Berlino. Il fatto è sotto i nostri occhi". (Walid Jumblatt, leader druso libanese, a David Ignatius, Washington Post, 23 febbraio)
"Come migliaia di arabi hanno manifestato per la libertà e la democrazia a Beirut e al Cairo, e i dittatori disperati di Siria ed Egitto si sono dimenati in seguito a pressioni interne e internazionali, è difficile non credere che sia cominciata quella trasformazione regionale che l'Amministrazione Bush sperava si avviasse dall'invasione dell'Iraq". (Jackson Diehl, editoriale sul Washington Post, 28 febbraio)
"Ora, con la nuova Amministrazione Bush, avvertiamo una più forte determinazione nel liberare il Libano e nel promuovere la democrazia in medio oriente". (Amin Gemayel, ex presidente libanese, intervista a Time magazine, 1 marzo)
"Non nascondo che per chi ­ come me ­ crede che la democrazia sia un valore universale è difficile negare che ci sia persino un certo fascino avventuroso nell'ideologia neoconservatrice". (Massimo D'Alema, La Stampa 16 febbraio)

Se perfino il Guardian e Libération
"Senza dubbio (la guerra, ndr) ha portato un risultato desiderabile che non sarebbe stato ottenuto per niente, o così velocemente, con i mezzi suggeriti dai suoi critici". (Martin Kettle, The Guardian, 22 febbraio)
"Winston Churchill, un neocon?". (Titolo sul New York Times del 27 febbraio)
"Una semplice idea per la vecchia Europa: Bush potrebbe aver ragione come Reagan". (Claus Christian Malzahn, sullo Spiegel del 23 febbraio)
"Il successo delle elezioni irachene ha persuaso completamente gli europei più anti Bush, a cominciare dai francesi, che il loro boicottaggio del processo in corso era sterile". (Libération, febbraio 2005)
"United we stand". (Striscione mostrato da libanesi musulmani e cristiani in piazza dei Martiri, a Beirut, il 28 febbraio)

IL FOGLIO, 2 marzo 2005
_________________
Spock: We must acknowledge once and for all that the purpose of diplomacy is to prolong a crisis.

  Visualizza il profilo di ipergiorg  Invia un messaggio privato a ipergiorg  Vai al sito web di ipergiorg    Rispondi riportando il messaggio originario
honecker

Reg.: 31 Gen 2005
Messaggi: 626
Da: Pankow (es)
Inviato: 03-03-2005 12:44  
Uno mero mistificatorio esercizio di propaganda, pieno zeppo di stupidaggini da pennivendolo, arbitrarie e superficiali.


[ Questo messaggio è stato modificato da: honecker il 03-03-2005 alle 12:46 ]

  Visualizza il profilo di honecker  Invia un messaggio privato a honecker    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 03-03-2005 13:44  
Articolo ridicolo basato sempre e unicamente sui pilastri ideologici che in questo forum sono stati ripetutti centinaia di volte( e non si capisce perchè ci si ostini a riproporli nella loro tragica comicità): la buona fede e la giusta causa.

Non solo non si capisce cosa c'entri la contestazione in Libano per l'occupazione militare della Siria con la politica degli Usa( a meno che non si stia sostenendo che la bomba esplosa giorni fa sia stata messa proprio da loro) e non si capisce per quale stravagante motivo che non sia un semplice vassallaggio ideologico si dovrebbero attribuire meriti a chi non ne ha; nemmeno si capisce cosa c'entri "la svolta" dell'Egitto citata o gli "scricchiolii" siriani , come fengono farsescamente chiamati.

Non si riesce ancora a capire , e qualcuno forse dovrebbe spiegarlo perchè la risposta non è ancora arrivata, come una nazione che supporta i più feroci regimi antidemocratici possa essere allo stesso tempo sostenitice di un regolare processo democratico.

Sono i misteri di queste fragili ideologie basate su massiccie campagne di propaganda.
Anche i "comunisti" di Stalin erano dei maghi nel perseguire gli stessi metodi totalitari.


[ Questo messaggio è stato modificato da: Quilty il 03-03-2005 alle 13:46 ]

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Ascanio

Reg.: 26 Gen 2004
Messaggi: 1277
Da: Arosio (CO)
Inviato: 03-03-2005 17:08  
Mi fanno ridere, pensano che le elezioni degli iracheni abbiano cambiato un paese.
Le cose sono come erano prima.
_________________
LEG XIIII GEMINA MARTIA VICTRIX

  Visualizza il profilo di Ascanio  Invia un messaggio privato a Ascanio  Email Ascanio    Rispondi riportando il messaggio originario
greenday2

Reg.: 02 Lug 2004
Messaggi: 1074
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 03-03-2005 18:30  
Mah se però caso mai....fra un 6 mesi ci sarà un Iraq democratico, un Afghanistan democratico, un libano libero....e un accordo di pace fra Israele e Palestina.....avrete ben poco da millantare e berciare......

  Visualizza il profilo di greenday2  Invia un messaggio privato a greenday2    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 03-03-2005 18:44  
E se tra sei mesi mia nonna avrà le rotelle al posto dei piedi chissà dove potrà mai volare.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
xander77

Reg.: 12 Ott 2002
Messaggi: 2521
Da: re (RE)
Inviato: 03-03-2005 18:47  
quote:
In data 2005-03-03 18:30, greenday2 scrive:
e un accordo di pace fra Israele e Palestina.....



Solo? Libano,Afghanistan e Iraq...e ai Palestinesi uno stato tutto loro non ti va di darglielo?
_________________
"Quando sarò grande non leggerò i giornali e non voterò. Così potrò lagnarmi che il governo non mi rappresenta. Poi quando tutto andrà a scatafascio, potrò dire che il sistema non funziona e giustificare la mia antica mancanza di partecipazione"

  Visualizza il profilo di xander77  Invia un messaggio privato a xander77    Rispondi riportando il messaggio originario
greenday2

Reg.: 02 Lug 2004
Messaggi: 1074
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 03-03-2005 20:09  
quote:
In data 2005-03-03 18:47, xander77 scrive:
quote:
In data 2005-03-03 18:30, greenday2 scrive:
e un accordo di pace fra Israele e Palestina.....



Solo? Libano,Afghanistan e Iraq...e ai Palestinesi uno stato tutto loro non ti va di darglielo?




Certo che glielo voglio dare, ma non credo che in 6 mesi si faccia a tempo. Mi accontenterei di ripartire con la road map....terroristi permettendo

  Visualizza il profilo di greenday2  Invia un messaggio privato a greenday2    Rispondi riportando il messaggio originario
greenday2

Reg.: 02 Lug 2004
Messaggi: 1074
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 03-03-2005 20:11  
quote:
In data 2005-03-03 18:44, Quilty scrive:
E se tra sei mesi mia nonna avrà le rotelle al posto dei piedi chissà dove potrà mai volare.



Mah chissà! Forse insieme a quelle persone che fino a 6 mesi fa non sapevano cosa volesse dire la parola libertà. Vedi afganistani, iracheni e libanesi. ORa quanto meno la stanno iniziando a capire.....tempo al tempo

  Visualizza il profilo di greenday2  Invia un messaggio privato a greenday2    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 03-03-2005 22:18  
Si perchè adesso gli iracheni sono liberi: hanno all'interno del loro territorio più di 150.000 truppe straniere e sono liberi.
I libanesi invece, che hanno sul loro territorio 10.000 militari siriani non lo sono.
La Siria si deve ritirare subito, hanno tuonato Bush e Chirac, ricordando le risoluzioni dell'Onu. Entro aprile deve togliere i suoi soldati dal Libano.
Israele invece può continuare a mantenere i suoi militari e i suoi insediamenti in Cisgiordania,contro decine di risoluzioni Onu.
Niente ultimatum, nessuna minaccia, ma una più comoda Road Map che va avanti da decenni ,e in futuro per i palestinesi si vedrà.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Ascanio

Reg.: 26 Gen 2004
Messaggi: 1277
Da: Arosio (CO)
Inviato: 03-03-2005 22:38  
quote:
In data 2005-03-03 18:30, greenday2 scrive:
Mah se però caso mai....fra un 6 mesi ci sarà un Iraq democratico, un Afghanistan democratico, un libano libero....e un accordo di pace fra Israele e Palestina.....avrete ben poco da millantare e berciare......


certo, democrazia...ma se non sanno nemmeno cos'è?? Non è la mentalità occidentale, per una parte della popolazione che vuole decidere che cosa fare della propria esistenza c'è un'altra folta parte che al posto della costituzione mette il corano.


_________________
LEG XIIII GEMINA MARTIA VICTRIX

  Visualizza il profilo di Ascanio  Invia un messaggio privato a Ascanio  Email Ascanio    Rispondi riportando il messaggio originario
greenday2

Reg.: 02 Lug 2004
Messaggi: 1074
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 03-03-2005 23:15  
quote:
In data 2005-03-03 22:18, Quilty scrive:
Si perchè adesso gli iracheni sono liberi: hanno all'interno del loro territorio più di 150.000 truppe straniere e sono liberi.
I libanesi invece, che hanno sul loro territorio 10.000 militari siriani non lo sono.
La Siria si deve ritirare subito, hanno tuonato Bush e Chirac, ricordando le risoluzioni dell'Onu. Entro aprile deve togliere i suoi soldati dal Libano.
Israele invece può continuare a mantenere i suoi militari e i suoi insediamenti in Cisgiordania,contro decine di risoluzioni Onu.
Niente ultimatum, nessuna minaccia, ma una più comoda Road Map che va avanti da decenni ,e in futuro per i palestinesi si vedrà.



A quanto mi risulta Israele si sta ritirando dalla Cisgiordania, poi non so cosa ci sia scritto nelle tue testate giornalistiche alternative.

Ho detto che gli iracheni sono liberi? NOn mi pare!

Ho detto che si stanno avviando verso la libertà! Che e' ben diverso....

  Visualizza il profilo di greenday2  Invia un messaggio privato a greenday2    Rispondi riportando il messaggio originario
greenday2

Reg.: 02 Lug 2004
Messaggi: 1074
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 03-03-2005 23:16  
quote:
In data 2005-03-03 22:38, Ascanio scrive:
quote:
In data 2005-03-03 18:30, greenday2 scrive:
Mah se però caso mai....fra un 6 mesi ci sarà un Iraq democratico, un Afghanistan democratico, un libano libero....e un accordo di pace fra Israele e Palestina.....avrete ben poco da millantare e berciare......


certo, democrazia...ma se non sanno nemmeno cos'è?? Non è la mentalità occidentale, per una parte della popolazione che vuole decidere che cosa fare della propria esistenza c'è un'altra folta parte che al posto della costituzione mette il corano.






Beh quantomeno gli si da la possibilità di scegliere. Se poi vorranno rimanere nei loro regimi teocratici.....l'avranno quantomeno scelto loro!

  Visualizza il profilo di greenday2  Invia un messaggio privato a greenday2    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 04-03-2005 10:49  
Israele ha proposto di togliere alcuni insediamenti dalla striscia di Gaza,non dalla Cisgiordania. In Cisgiordania continua tranquillamente a costruire il suo del Muro nei territori occupati (non sul suo teritorio)e a Bush pare non sia venuto in mente di lanciare qualche minaccia per un immediato ritiro.
Del resto, se si sostiene una brutale occupazione militare,come si fa allo stesso tempo a chiederne il ritiro?


[ Questo messaggio è stato modificato da: Quilty il 04-03-2005 alle 12:14 ]

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Hamish

Reg.: 21 Mag 2004
Messaggi: 8354
Da: Marigliano (NA)
Inviato: 04-03-2005 12:31  
quote:
In data 2005-03-03 12:24, ipergiorg scrive:
E' caduto il muro di Berlino. Il fatto è sotto i nostri occhi". (Walid Jumblatt, leader druso libanese, a David Ignatius, Washington Post, 23 febbraio)



No,non è stato abbattuto!Il muro ancora non è finito!Veramente lo stanno ancora costruendo in Palestina...
Ma questo non importa...Chi cazzo sono mai sti palestinesi che chiedomo di essere liberi!!
_________________
IO DIFENDO LA COSTITUZIONE. FIRMATE.

  Visualizza il profilo di Hamish  Invia un messaggio privato a Hamish    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
  
0.248978 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: