FilmUP.com > Forum > Attualità - EuroNews
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > EuroNews   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 Pagina successiva )
Autore EuroNews
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 23-04-2005 14:58  
A marzo il costo della vita in Gran Bretagna prende il volo



A sorpesa il costo della vita in Gran Bretagna fa un balzo a marzo: il tasso d'inflazione annuo sale cosi all'1,9%. Bisogna fare un salto indietro di sette anni per trovare una simile impennata.

Una crescita dopo l'1,6% registrato a gennaio e febbraio che ha fatto salire l'inflazione all'1,9%: è il tasso piu alto da maggio 1998.

La causa principale è dovuta al forte aumento del prezzo della benzina e di tutti i prodotti petroliferi

Il tasso d'inflazione registrato a marzo si avvicina al tetto massimo del 2% previsto dalla Banca d'Inghilterra come conditio sine qua non per un'eventuale stretta creditzia. Oggi il tasso di sconto per i cittadini di sua maestà britannica è del 4,75%. Obiettivo della Bank of England per impedire l'aumento dell'inflazione è quelo di rendere piu caro il costo del denaro



  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 23-04-2005 15:00  
Lo smantellamento di Yukos è cosa fatta


Lo smantellamento del gruppo Yukos è cosa fatta. Un tribunale di Mosca ha infatti deciso di mettere sotto sequestro gli ultimi pozzi petroliferi. Una misura che è stata presa dopo che una denuncia era stata presentata per cattiva gestione daaparte di una controllata del gruppo, nella quale si choiedeva circa 4 miliardi e mezo di euro di risarcimento danni.

I giacimenti di petrolio sono i piu ricchi tra quelli che facevano parte del patrimonio Yukos: in tutto garantivano una produzione complessiva di circa 600 mila barili al giorno.

L'ex presidente Mikail Khodorkovski e il suo braccio destro Platon Lebedev in carcere da ottobre dello scorso anno sono accusati di truffa e frode fiscale.Il loro destino sarà conosciuto il prossimo 27 aprile quando verrà resa nota la sentenza.

  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 27-04-2005 23:56  
Florida, liberalizzazione per l'uso delle armi da fuoco


La Florida va piu' in la del principio della legittima difesa. D'ora in poi i suoi cittadini avranno il diritto di sparare non solo se sonominacciati apertamente. Basterà la sensazione di essere in pericolo. La legge, firmata martedi' dal governatore Jeb Bush, riaccende le polemiche sull'uso delle armi negli Stati Uniti. Associazioni contrarie alla violenza temono un nuovo "Far west"."Se si permette ai possessori di armi di agire - dicono - bisogna farlo con attenzione e questa legge non è cauta".

Finora era consentito sparare se si era minacciati a casa propria. La nuova legge, chiamata "difendi il tuo terreno", permetterà ora di prmere il grilleto anche al lavoro, per la strada e in macchina."Questa legge - dice un cittadino - mi permette di difendermi se penso che la mia vita è in pericolo".Preoccupazione tra i democratici della Florida: "Ci saranno scontri - dice un rappresentante - sparatorie. Situazioni orribili per una società civilizzata".Si potrà aprire il fuoco anche senza provare prima a scappare. Basterà che il timore di essere minacciati sia "ragionevole": il limite sarà fissato di volta in volta dai giudici.

  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 27-04-2005 23:57  
L'Airbus 380 ha compiuto con successo il volo inaugurale

Missione compiuta. L'Airbus 380 ha effettuato il volo inaugurale. L'aereo passeggeri più grande della storia è decollato alle 10.29 dall'aeroporto di Tolosa Blagnac, nel sud della Francia, per tornarvi dopo 3 ore e 53 minuti. Si è trattato di un evento mediatico (è la prima volta che un volo del genere viene seguito in diretta in tutto il mondo) ma anche tecnico: sono iniziati oggi infatti i test in volo che dureranno un anno, prima della messa in servizio del gigante dell'aria nel secondo semestre 2006.

  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 27-04-2005 23:58  
Fiat passa di mano: le banche al 27 per cento, famiglia Agnelli al 22


L'annuncio è di quelli storici, ma non inaspettato. La Fiat passa di mano, la famiglia Agnelli non sarà più l'azionista di maggioranza relativa. Le banche creditrici prendono il sopravvento in seguito all'accordo, raggiunto martedì, sul "convertendo" in scadenza nel settembre prossimo.Confermata la fiducia agli organi di vertice: il presidente Luca di Montezemolo, il vice John Elkann e l'amministratore delegato Sergio Marchionne.Pare che le banche, che complessivamente controlleranno il 27 per cento del gruppo, con la famiglia Agnelli al 22, non abbiano intenzione di costituire una fiduciaria. Anzi, rifiutano ipotesi di immobilizzo delle loro partecipazioni, prevedendo di riproporle al mercato nel momento più favorevole.Contemporaneamente all'annuncio sul "convertendo", la Fiat ha confermato i dati economici e finanziari e ribadito l'impegno a conseguire gli obiettivi già annunciati da qui al 2007. Una dichiarazione che ha fatto tirare un sospiro di sollievo a chi temeva brutte notizie sull'andamento industriale del gruppo. Tant'è che martedì il titolo Fiat è balzato del 6,7 per cento a Piazza Affari.

  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 27-04-2005 23:59  
Bp, utili in rialzo sulla scia del rincaro dei prezzi del petrolio



Il rincaro dei prezzi del petrolio ha spinto in rialzo gli utili di Bp. Nel primo trimestre la seconda compagnia petrolifera mondiale per capitalizzazione di mercato ha registrato infatti una crescita del 29 per cento, superando tutte le aspettative.

I profitti netti, esclusi i guadagni di cessione attività, sono stati di 4 miliardi e 960 milioni di dollari rispeto ai 3 miliardi e 500 milioni di un anno fa.La crescita dei costi di produzione nei giacimenti ha tuttavia attenuato i profitti. Secondo l'amministratore delegato di Bp Lord Brown, ora la compagnia deve aspettarsi una crescita economica moderata per il resto dell'anno."Tutto il settore ha guadagnato - ha detto Brown- ma Bp è andata particolarmente bene". I titoli dell'intero comparto hanno visto infatti una crescita dall'inizio dell'anno del 10 per cento. Per Bp l'aumento è stato del 6 per cento.

Senza sorprese la principale fonte di guadagno per Bp proviene dalla sua divisione "esplorazione e produzione", dove il profitto su base annuale ha superato il 53 per cento.

La produzione nei primi tre mesi è stata di otre 4 milioni di barili di greggio al giorno, anche grazie alla società creata con i russi, la Tnk-Bp.

  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 28-04-2005 00:01  
Jacques Chirac:"Votare "no" equivale a interrompere 50 anni di costruzione europea"



Lo ha ribadito il presidente francese Jacques Chirac in una dichiarazione congiunta all'Eliseo con il cancelliere tedesco Gerhard Schroeder al termine del quinto Consiglio dei ministri franco-tedesco.

Il cancelliere Schroeder è intervenuto oggi a Parigi a sostegno del "si'" alla Costituzione europea: "La Francia, culla dell'ideale europeo, deve restare fedele alle proprie promesse" ha ribadito. Mentre Chirac ha fatto notare che "se dovesse vincere il 'no' la procedura di ratifica negli agli paesi membri proseguirebbe fino alla fine mentre la Francia resterebbe a guardare il treno che passa. Una posizione che non porta alcun vantaggio."

A cinque settimane dal referendum francese sulla ratifica della Costituzione Europea il no alla costituzione resta maggioranza con il 52% delle intenzuoni di voto.

Altro argomento affrontato dal Cancelliere tedesco e dal Presidente francese durante questo V consiglio: la presentazione , a breve termine, di un'iniziativa comune sulla liberalizzazione dei servizi in seno all'Unione.

Una sorta di addio quindi alla famigerata "direttiva Bolkestein" o almeno ai punti maggiormente contestati della direttiva approvata dalla scorsa commissione europea.




  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 28-04-2005 11:37  
La destra dei coloni israeliani manifesta contro il ritiro da Gaza



Manifestazione contro il ritiro israeliano da Gaza. Il blocco di destra Yesha ha chiamato a raccolta decine di migliaia di persone nella colonia di Gush Katif, una di quelle che dovrebbero essere evacuate entro l'estate, secondo i piani di ritiro del governo israeliano.

Il progetto è sempre più contestato, tanto che c'è chi parla addirittura di rischio di guerra civile. Il parlamentare di destra Effie Eitan: "Ritirarsi dalle colonie è come dare una ricompensa ai terroristi, aiutarli. E' una spinta a far salire il livello della violenza".

La destra israeliana esorta la popolazione e l'esercito alla disobbedienza civile per opporsi all'evacuazione che riguarda poco più di 8 mila coloni. Anche per questo il governo sta pensando di ritardare fino a metà agosto lo sgombero, inizialmente previsto per luglio.

  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 28-04-2005 11:38  
Sfilata di moda di prodotti creati nel rispetto dell'ambiente.



l'ha organizzata Greenpeace a Bruxelles: a sfilare non sono solo vestiti, ma anche detergenti, materiale elettronico, giocattoli. I prodotti piu' svariati con un punto in comune: l'azienda che li produce deve rispettare l'ambiente.Il titolo della sfilata, non a caso , è "passerella per un tipo di vita sostenibile" Lo stilista di Ethic Wear Paul Boyer spiega: "Noi compriamo la materia prima, il cotone biologico , a un prezzo piu' caro del cotone convenzionale. Nel cotone biologico, infatti esistono ben 150 trattamenti chimici in meno, soprattutto, pesticidi. Bisogna poi considerare che il cotone è tutti i giorni a a contatto con la pelle e non ne conosciamo gli effetti nocivi a lungo termine"

Una direttiva europea dovrà entro breve tempo , limitare la presenza di queste sostanze nocive. Uno studio, il cui costo preoccupa non poco gli industriali, difeso dal socialsta italiano Guido Sacconi: " E' bene ricordare che per le piccole imprese questi costi scatteranno effettivamente 11 anni dopo l'entrata in vigore del regolamento. Insomma stiamo davvero ragionando per le nostre future generazioni."

La direttiva Reach prevede concretamente di testare e di registrare per un periodo di 11 anni circa 30 mila prodotti. Il sistema dovrebbe costare tra i due e i tre miliardi di euro all'industria chimica, meno dello 0,05% del suo giro d'affari annuo.

  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 28-04-2005 11:52  
Il referendum sull'indipendenza del Montenegro probabile per il 2006


Il 2005 sarà l'anno europeo per Serbia e Montenegro. Lo afferma da tempo il presidente Svetozar Marovic che ha chiesto anche questo martedi' al Consiglio d'Europa - di cui Belgrado fa parte dal 2003 - la rapida apertura dei negoziati sull'accordo di stabilizzazione e associazione con l'Ue. Un dibattito focalizzato su tre punti: la collaborazione con il Tribunale Penale Internazionale dell'Aja, il rispetto dei diritti dell'uomo in Kosovo, e il referendum sull'indipendenza del Montenegro che si terrà molto probabilmente nel 2006.L'idea di un referendum è ormai accettata da Belgrado: "Non abbiamo paura dellaconsultazione - ha detto Marovic - se volta a instaurare le istituzioni democratiche. L'importante è che la volontà politica della maggioranza non metta in pericolo la stabilità del Montenegro o della Serbia. Le aspirazioni europee di Belgrado dipendono, comunque, in gran parte dalla cattura dei due criminali di guerra piu' ricercati dall'Aja: Radovan Karadzic e Ratko Mladic.



  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 07-11-2005 12:50  
La violenza dilaga in Francia: feriti 34 poliziotti, due gravi



E' uno degli espisodi piu' gravi dell'undicesima notte di rivolta nelle periferie francesi. A Grigny, banlieue a sud di Parigi, duecento giovani hanno affrontato i poliziotti lanciando pietre e oggetti. E qualcuno hasparato con dei fucili. Il bilancio è di trentaquattro agenti feriti, due di loro in modo grave.

Il ministro dell'Interno, Sarkozy, rivolgendosi agli uomini della polizia, non ha usato mezzi termini per condannare il fatto: "Se si spara ai poliziotti con palottole vere, si è dei delinquenti. Siate professionali e prudenti. Buon lavoro a tutti".

Una linea politica che non piace ai giovani delle periferie messe a ferro e fuoco, che vorrebbero le diminssioni di Sarkozy.

Intanto cresce anche l'esasperazione delle vittime di atti vandalici. Un uomo denuncia: "La mia automobile è stata distrutta, e mi hanno lasciato una scritta con un messaggio di insulti per Sarkozy. Ma è me che hanno fregato, non Sarkozy".

La violenza dilaga in tutto il paese, con un migliaio di vetture bruciate anche questa notte e un centinaio di fermi di polizia.

A Saint Etienne, nella Loira, un autobus è stato incendiato e due persone sono rimaste ferite.La rabbia dei giovani in rivolta non ha risparmiato nemmeno due chiese, numerose scuole, due posti di polizia, mentre diversi magazzini sono stati prima saccheggiati e poi bruciati.

  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 20-05-2006 14:37  
Montenegro, domenica il referendum sull'uscita dalla Federazione con la Serbia


Si profila una battaglia all'ultimo voto, al referendum di domenica prossima sull'indipendenza del Montenegro. Sebbene i sondaggi della vigilia diano il Si attorno al 56 per cento dei voti, i sostenitori del No sperano che non si raggiunga il quorum del 55 per cento dei votanti, soglia fissata dall'Unione europea.

La Federazione Serbo-montenegrina è ciò che resta dell'ex Yugoslavia, dopo le sanguinose guerre separazioniste degli anni Novanta. Una Federazione che scomparirebbe dagli atlanti, se vincessero i Si.

Per questa prospettiva si batte il primo ministro Djukanovic, secondo il quale dal voto di domenica uscirà un Montenegro sovrano e indipendente, ma anche nettamente orientato verso l'Europa.

Chiudendo la campagna elettorale con un raduno nella capitale Podgorica, Djukanovic ha parlato della "storica prova di maturità" che attende il Montenegro, che già adesso gode rispetto alla Serbia di una autonomia amplissima.

Opposta la posizione dei sostenitori del No, socialisti in testa, che denunciano dal canto loro il rischio di un forte indebolimento del paese sulla scena internazionale.

Parlando alle decine di migliaia di militanti radunatisi mercoledi nel centro di Podgorica, il leader socialista Bulatovic ha ammonito gli elettori del Montenegro a non voler "erigere frontiere tra fratelli", e a non permettere che gli abitanti del Montenegro vengano trattati "come stranieri, se dovessero scegliere l'indipendenza".



  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 20-05-2006 14:38  
Cina, completata la diga delle Tre Gole dopo 13 anni di cantiere



Una semplice cerimonia alla presenza di tecnici, amministratori ed operai, per celebrare il completamento della diga cinese delle Tre Gole. La diga, una delle opere di ingegneria più grandi mai realizzate al mondo, è stata completata con dieci mesi di anticipo sui tempi previsti, dopo 13 anni di cantieri.

Lunga 2,3 chilometri e alta 185 metri, la diga delle Tre Gole sorge sul fiume Yang-Tze e potrà generare quasi 85 miliardi di kilowatt/ora all'anno grazie all'impiego di 26 turbine idrauliche, il cui completamento è previsto entro il 2009.

La lunga fase di cantiere è stata accompagnata dalle polemiche. Gruppi umanitari ed ecologisti denunciano che a causa della diga più di un milione e duecentomila persone sono state evacuate dalle loro case, e che un ingente patrimonio artistico ed ecologico è andato perduto.

La diga delle Tre Gole è costata, secondo le cifre ufficiali fornite dal governo di Pechino, quasi 20 miliardi di euro, ma esperti stranieri indicano un ammontare quasi doppio.

  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 20-05-2006 14:40  
Gm taglia 900 posti di lavoro in Inghilterra



General Motors tenta il rilancio tagliando 900 posti di lavoro in Inghilterra. Il gigante automobilistico americano, da tempo in difficoltà finanziarie, ha annunciato cio' che si temeva da tempo, cioè il licenziamento dei dipendenti della fabbrica che produce il modello Astra a Ellesmere Port, dove si è recato il ministro delle Finanze inglese, Gordon Brown, per discutere coi vertici della Vauxhall -l'inglese Opel - del futuro dello stabilimento.

"Faremo il possibile per assicurare che questo nuovo investimento venga fatto qui a Ellesmere Port", ha precisato il Cancelliere dello Scacchiere, riferendosi alla località in cui Gm sceglierà di costruire la nuova versione della sua Astra.

General Motors per il momento ha deciso di interrompere il turno di notte, nonostante le proteste dei sindacati: Per Tony Woodley, rappresentante dei lavoratori, il governo dovrebbe sostenere le aziende in difficoltà. "Se il settore manifatturiero è importante per l'economia del nostro paese, allora il denaro pubblico andrebbe investito in società come questa".

L'annuncio di General Motors è il terzo di una serie che conferma la debolezza dell'industria automobilistica in Gran Bretagna: dopo il fallimento dell'inglese Rover, lo scorso aprile anche la francese Peugeot Citroen aveva annunciato la chiusura delle attività nel paese.

  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Oxygene

Reg.: 09 Mar 2005
Messaggi: 129
Da: Iceland (es)
Inviato: 20-05-2006 14:42  
Il Governo inglese dà il via libera alla pensione a 69 anni



La ritrovata intesa in Grande Bretagna tra il premier Tony Blair e il suo ministro delle finanze Gordon Brown sulla spinosa questione della riforma delle pensioni rincuora i pensionati inglesi.

Il governo laburista ha infatti deciso di legare l'età della pensione sociale alla dinamica salariale tornando cosi' al metodo di calcolo precedente al 1981 quando il partito conservatore di Margaret Thatcher ne aveva abolito i criteri.

''E' una scelta ponderata ,dice il premier Tony Blair, di tutto il governo e comunque sia Io che Gordon Brown siamo d'accordo sul fatto che dobbiamo dare certezze e migliorare la qualità dei pensionati in tutto il Regno Unito".

Pur tra mille difficoltà e cautele il governo inglese chiude ogni dissidio sulla copertura finanziaria del nuovo calcolo delle pensioni e tira dritto sperando di riconquistare le simpatie dell'elettorato,almeno quello ultrasessantenne.

"Per i nostri pensionati è una vittoria di Pirro,dice l'ex ministro laburista del welfare Frank Field.Non so' se i prossimi sessantenni miglioreranno veramente la qualità della loro vita.Di certo non lo faranno i loro figlio che dovranno attendere il raggiungimento dei 70 anni prima di andare in pensione".

La riforma che sarà ufficialmente adottata dal Governo inglese il prossimo 22 maggio sposta infatti a 69 anni, a partire dal 2050, l'età in cui i sudditi del regno Unito potranno andare in pensione.

  Visualizza il profilo di Oxygene  Invia un messaggio privato a Oxygene    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 Pagina successiva )
  
0.021979 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: