FilmUP.com > Forum > Attualità - Beppe Grillo
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Beppe Grillo   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 Pagina successiva )
Autore Beppe Grillo
Ipsedixit

Reg.: 10 Gen 2005
Messaggi: 702
Da: Potenza (PZ)
Inviato: 13-04-2005 01:59  
Allora... sono alquanto sconcertato... innanzitutto questa notizia che sembra nuova è vecchissima. C'è il mio coinquilino che nella sua A3 sono 6 anni che mette olio di colza e diesel miscelati all'80% (mette 10 euro di diesel e il resto olio di colza) e non ha MAI e dico MAI fatto una riparazione, la macchina va praticamente come prima e ASSOLUTAMENTE non ha problemi all'accensione. Chiunque studi ingegneria meccanica può tranquillamente dirvi che l'olio di colza brucia MEGLIO del diesel e che qualsiasi motore DIESEL non ha alcun problema ad usare l'olio di Colza.

Secondo... non ci sono alternative?

SBAGLIATO!!!

Le macchine a idrogeno hanno lo stesso rischio di esplodere di una macchina a benzina con le odierne tecnologie. L'unico problema sono la ripresa e l'allungo oltre che la velocità massima. Il problema purtroppo è che se investissero il 10% nella ricerca delle auto a idrogeno di quello che investono nella ricerca delle odierne automobili, avrebbero già saturato il mercato di automobili ad idrogeno. Il problema è un altro. Tutti voi sapranno che ci sono i cosiddetti "farmaci orfani" che non sono ricercati dalle industrie farmaceutiche perchè "non produttivi" (ovvero la ricerca costa troppo e i malati sono troppo pochi, per cui ci sono persone che muoiono di malattie nel silenzio generale). Il nostro mondo fa passi da gigante, ma soltanto in una direzione, una direzione imposta. Dimenticatevi i SALTI in avanti perchè la nostra umanità non ne farà più finchè ci sarà il capitalismo. Mi spiego

Leonardo da Vinci scopre la prospettiva e teorizza il volo: lo fa da solo.

I fratelli Wright volano, lo fanno da soli.
Stessa cosa per la rivoluzione industriale.

Prima era il genio e la curiosità dell'uomo che faceva fare salti in avanti alla scienza (fleming che per sbaglio rovesciò una coltura di batteri in una di miceti chiamati PENICILLUM NOTATUM e notò che la coltura batterica si ritirava). Oggi questi salti in avanti sono bloccati dal fatto che se un giorno voi per assurdo inventerete la fusione fredda (si ragiona per assurdo), qualcuno comprerà il brevetto e lo distruggerà e vi ucciderà. Oggi sono le multinazionali che governano. Far finta che non sia così è far finta di non esserci. Guardatevi Corporation. Per quanto ne so io ci sono decine di brevetti acquistati da case farmaceutiche da centri universitari riguardo a farmaci, per far sì che non arrivino al vaglia sperimentale; il motivo? Semplice: la bayer fa l'Aspirina, un nuovo farmaco antiinfiammatorio viene scoperto e non ha problemi per lo stomaco; scoperto da un'università della California. Il farmaco antiinfiammatorio viene acquistato e brevettato da un'industria farmaceutica (la Bayer) e mai messo in commercio perchè determina un effetto prolungato nel tempo. Ovvero risolve l'infiammazione per ben 240 ore (10 giorni), il che vorrebbe dire un totale crollo sulla vendita dell'aspirina.

Così va il mondo, volenti o nolenti le cose vanno così. Sono le corporation che decidono cosa è giusto e cosa è sbagliato.
_________________
Le prove dell'invasione Americana

La CEI e le sue becere figure

  Visualizza il profilo di Ipsedixit  Invia un messaggio privato a Ipsedixit  Email Ipsedixit    Rispondi riportando il messaggio originario
greenday2

Reg.: 02 Lug 2004
Messaggi: 1074
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 13-04-2005 11:15  
Interessante (e posso confermare) la storia sulle case farmaceutiche : a mio avviso sono diventate un cartello a delinquere. Peccato che vengano spesso coperte anche da certi medici che hanno buttato nel cesso il giuramento di Ippocrate.

  Visualizza il profilo di greenday2  Invia un messaggio privato a greenday2    Rispondi riportando il messaggio originario
Tenenbaum

Reg.: 29 Dic 2003
Messaggi: 10848
Da: cagliari (CA)
Inviato: 13-04-2005 11:22  
quote:
In data 2005-04-13 01:59, Ipsedixit scrive:
Secondo... non ci sono alternative?

SBAGLIATO!!!

Le macchine a idrogeno hanno lo stesso rischio di esplodere di una macchina a benzina con le odierne tecnologie. L'unico problema sono la ripresa e l'allungo oltre che la velocità massima. Il problema purtroppo è che se investissero il 10% nella ricerca delle auto a idrogeno di quello che investono nella ricerca delle odierne automobili, avrebbero già saturato il mercato di automobili ad idrogeno. Il problema è un altro.


la questione è un po' diversa
le auto ad idrogeno già esisitono

ovviamente come tutti i nuovi prodotti bisogna convertire la produzione e questo costa moltissimo
in più bisogna produrre l'idrogeno
e poi distribuirlo

non sono cose che si fanno in due giorni
_________________
For relaxing times make it Suntory time

  Visualizza il profilo di Tenenbaum  Invia un messaggio privato a Tenenbaum  Email Tenenbaum    Rispondi riportando il messaggio originario
KARLMARX87


Reg.: 12 Apr 2005
Messaggi: 313
Da: SIENA (SI)
Inviato: 13-04-2005 15:52  
quote:
In data 2005-04-13 01:59, Ipsedixit scrive:
Allora... sono alquanto sconcertato... innanzitutto questa notizia che sembra nuova è vecchissima. C'è il mio coinquilino che nella sua A3 sono 6 anni che mette olio di colza e diesel miscelati all'80% (mette 10 euro di diesel e il resto olio di colza) e non ha MAI e dico MAI fatto una riparazione, la macchina va praticamente come prima e ASSOLUTAMENTE non ha problemi all'accensione. Chiunque studi ingegneria meccanica può tranquillamente dirvi che l'olio di colza brucia MEGLIO del diesel e che qualsiasi motore DIESEL non ha alcun problema ad usare l'olio di Colza.

Secondo... non ci sono alternative?

SBAGLIATO!!!

Le macchine a idrogeno hanno lo stesso rischio di esplodere di una macchina a benzina con le odierne tecnologie. L'unico problema sono la ripresa e l'allungo oltre che la velocità massima. Il problema purtroppo è che se investissero il 10% nella ricerca delle auto a idrogeno di quello che investono nella ricerca delle odierne automobili, avrebbero già saturato il mercato di automobili ad idrogeno. Il problema è un altro. Tutti voi sapranno che ci sono i cosiddetti "farmaci orfani" che non sono ricercati dalle industrie farmaceutiche perchè "non produttivi" (ovvero la ricerca costa troppo e i malati sono troppo pochi, per cui ci sono persone che muoiono di malattie nel silenzio generale). Il nostro mondo fa passi da gigante, ma soltanto in una direzione, una direzione imposta. Dimenticatevi i SALTI in avanti perchè la nostra umanità non ne farà più finchè ci sarà il capitalismo. Mi spiego

Leonardo da Vinci scopre la prospettiva e teorizza il volo: lo fa da solo.

I fratelli Wright volano, lo fanno da soli.
Stessa cosa per la rivoluzione industriale.

Prima era il genio e la curiosità dell'uomo che faceva fare salti in avanti alla scienza (fleming che per sbaglio rovesciò una coltura di batteri in una di miceti chiamati PENICILLUM NOTATUM e notò che la coltura batterica si ritirava). Oggi questi salti in avanti sono bloccati dal fatto che se un giorno voi per assurdo inventerete la fusione fredda (si ragiona per assurdo), qualcuno comprerà il brevetto e lo distruggerà e vi ucciderà. Oggi sono le multinazionali che governano. Far finta che non sia così è far finta di non esserci. Guardatevi Corporation. Per quanto ne so io ci sono decine di brevetti acquistati da case farmaceutiche da centri universitari riguardo a farmaci, per far sì che non arrivino al vaglia sperimentale; il motivo? Semplice: la bayer fa l'Aspirina, un nuovo farmaco antiinfiammatorio viene scoperto e non ha problemi per lo stomaco; scoperto da un'università della California. Il farmaco antiinfiammatorio viene acquistato e brevettato da un'industria farmaceutica (la Bayer) e mai messo in commercio perchè determina un effetto prolungato nel tempo. Ovvero risolve l'infiammazione per ben 240 ore (10 giorni), il che vorrebbe dire un totale crollo sulla vendita dell'aspirina.

Così va il mondo, volenti o nolenti le cose vanno così. Sono le corporation che decidono cosa è giusto e cosa è sbagliato.



ipse dixit da persona intelligente ha inquadrato il discorso. sono solo frottole che non ci sono soldi da investire. ci sono soldi per finanziare le guerre, la bomba atomica e poi si parla di prodotti usati da anni. cazzo!lo vogliamo combattere questo mondo di cacca si o no???? manifestiamo contro il potere del denaro, contro gli interessi privati e affermiamo quello che è obiettivamente giusto!
_________________
Povero mondo che non conosci la matematica e i sapori della vera musica per perderti nelle vanità delle parole senza senso impegnate nella retorica del passato.
(Enrico Bombieri, medaglia Field per la matematica)

  Visualizza il profilo di KARLMARX87  Invia un messaggio privato a KARLMARX87  Vai al sito web di KARLMARX87     Rispondi riportando il messaggio originario
Tenenbaum

Reg.: 29 Dic 2003
Messaggi: 10848
Da: cagliari (CA)
Inviato: 13-04-2005 16:06  
quote:
In data 2005-04-13 15:52, KARLMARX87 scrive:
ipse dixit da persona intelligente ha inquadrato il discorso. sono solo frottole che non ci sono soldi da investire. ci sono soldi per finanziare le guerre, la bomba atomica e poi si parla di prodotti usati da anni. cazzo!lo vogliamo combattere questo mondo di cacca si o no???? manifestiamo contro il potere del denaro, contro gli interessi privati e affermiamo quello che è obiettivamente giusto!




ma se la tecnica e la teconologia hanno fatto passi da gigante in tutti i settori negli ultimi 70 anni come non mai nella storia dell'uomo

ci vuole un bel coraggio nel dire che non si spende in ricerca e tecnologia



[ Questo messaggio è stato modificato da: Tenenbaum il 13-04-2005 alle 16:07 ]

  Visualizza il profilo di Tenenbaum  Invia un messaggio privato a Tenenbaum  Email Tenenbaum    Rispondi riportando il messaggio originario
DottorDio

Reg.: 12 Lug 2004
Messaggi: 7645
Da: Abbadia S.S. (SI)
Inviato: 13-04-2005 16:10  
quote:
In data 2005-04-13 16:06, Tenenbaum scrive:
quote:
In data 2005-04-13 15:52, KARLMARX87 scrive:
ipse dixit da persona intelligente ha inquadrato il discorso. sono solo frottole che non ci sono soldi da investire. ci sono soldi per finanziare le guerre, la bomba atomica e poi si parla di prodotti usati da anni. cazzo!lo vogliamo combattere questo mondo di cacca si o no???? manifestiamo contro il potere del denaro, contro gli interessi privati e affermiamo quello che è obiettivamente giusto!




ma se la tecnica e la teconologia hanno fatto passi da gigante in tutti i settori negli ultimi 70 anni come non mai nella storia dell'uomo

ci vuole un bel coraggio nel dire che non si spende in ricerca e tecnologia



[ Questo messaggio è stato modificato da: Tenenbaum il 13-04-2005 alle 16:07 ]


Si spende in ricerca e tecnologia, vero, ma spesso gli investimenti sono guidati dalle motivazioni commerciali dove, nei casi dei farmaci e dei motori, per colpa del ricercare più soldi vengono presi poco in considerazione la saluta delle persone e del pianeta!
_________________
Geppetto è stato l'unico uomo ad aver fatto un figlio con una sega

Attention: Dieu est dans cette boite comme ailleurs et partout!

  Visualizza il profilo di DottorDio  Invia un messaggio privato a DottorDio    Rispondi riportando il messaggio originario
KARLMARX87


Reg.: 12 Apr 2005
Messaggi: 313
Da: SIENA (SI)
Inviato: 13-04-2005 16:12  
FORSE TENENBAUM SEI DISLESSICO. NON DAI IL GIUSTO SIGNIFICATO ALLE PAROLE.ho detto che i soldi ci sono eccome, ma vengono investiti per attività lesive per l'uomo.in termini di qualità delle industri per quanto riguarda le emissioni e per le macchine siamo al medioevo e di fatto il motore automobilistico funziona con lo stesso procedimento da decenni.e questo porta solo grande inquinamento!
_________________
Povero mondo che non conosci la matematica e i sapori della vera musica per perderti nelle vanità delle parole senza senso impegnate nella retorica del passato.
(Enrico Bombieri, medaglia Field per la matematica)

  Visualizza il profilo di KARLMARX87  Invia un messaggio privato a KARLMARX87  Vai al sito web di KARLMARX87     Rispondi riportando il messaggio originario
Tenenbaum

Reg.: 29 Dic 2003
Messaggi: 10848
Da: cagliari (CA)
Inviato: 13-04-2005 16:16  
ma ti rendi conto delle idiozie che scrivi

tutta la teconologia attuale è avanti luce rispetto a quella da cui è stata originata

questa è pura ignoranza altro che dislessia

bisogna essere culturalmente arrettrati per sostenere simili fesserie
_________________
For relaxing times make it Suntory time

  Visualizza il profilo di Tenenbaum  Invia un messaggio privato a Tenenbaum  Email Tenenbaum    Rispondi riportando il messaggio originario
ipergiorg

Reg.: 08 Giu 2004
Messaggi: 10143
Da: CARBONERA (TV)
Inviato: 14-04-2005 09:27  
Vorrei sapere da questi super informati di tecnologia e investimenti: sapete quanto costa produrre un litro di Bio-Diesel o un altro bel combustibile totalmente ecologico? Costerà di meno che estrarre il petrolio??

Cmq alla facciaccia dei soliti complotti americani, delle multinazionali che governano la vita degli statunitensi.. dove c'è la legislazione + severa sulle emissioni? Dove c'è la più grande diffusione di auto elettriche dove si sta cercando di dare impulso all'auto ad idrogeno? IN CALIFORNIA dove governa quel rozzo attorucolo di Scwarzenegger, quel reazionario repubblicano.

A me viene il solito sospetto: l'ecologia è semplicemente COSTOSA. Casualmente i paesi che più si danno da fare in questo versante sono quelli più ricchi perchè se lo possono permettere.

  Visualizza il profilo di ipergiorg  Invia un messaggio privato a ipergiorg  Vai al sito web di ipergiorg    Rispondi riportando il messaggio originario
KARLMARX87


Reg.: 12 Apr 2005
Messaggi: 313
Da: SIENA (SI)
Inviato: 14-04-2005 16:42  
vedo con orrore che l'ideologia borghese sintetizzata nel che cazzo me ne frega se gli altri stanno male tanto io sto bene sta innaffiando di fimo liquido la verità!mi spiego. qui si dice che l'ecologia è solo costosa....complimenti. poi tanto a noi cosa importa se l'acqua che ci dicono che è potabile non lo è?giusto?in molti stati tra i quali il grande esempio Usa o il brasile si ingerisce acqua che gli standar mondiali dichiarano non potabile. Il fatto che in california ci siano le migliori leggi mi suona nuovo, dico semplicemente che uno stato con centrali nucleari che producono centinaia di tonnellate di rifiuti radioattivi sia tra i migliori per le emissioni di ogni genere mi suona strano. tu forse dici le emissioni automobilistiche ed industriali...giusto? a me risulta che la cilindrata media in usa sia 2550 cmq a motore. sara che inquinano poco i californiani!!mi informerò!
_________________
Povero mondo che non conosci la matematica e i sapori della vera musica per perderti nelle vanità delle parole senza senso impegnate nella retorica del passato.
(Enrico Bombieri, medaglia Field per la matematica)

  Visualizza il profilo di KARLMARX87  Invia un messaggio privato a KARLMARX87  Vai al sito web di KARLMARX87     Rispondi riportando il messaggio originario
Tenenbaum

Reg.: 29 Dic 2003
Messaggi: 10848
Da: cagliari (CA)
Inviato: 14-04-2005 16:48  
quote:
In data 2005-04-14 16:42, KARLMARX87 scrive:
vedo con orrore che l'ideologia borghese sintetizzata nel che cazzo me ne frega se gli altri stanno male tanto io sto bene sta innaffiando di fimo liquido la verità!mi spiego. qui si dice che l'ecologia è solo costosa....complimenti. poi tanto a noi cosa importa se l'acqua che ci dicono che è potabile non lo è?giusto?in molti stati tra i quali il grande esempio Usa o il brasile si ingerisce acqua che gli standar mondiali dichiarano non potabile. Il fatto che in california ci siano le migliori leggi mi suona nuovo, dico semplicemente che uno stato con centrali nucleari che producono centinaia di tonnellate di rifiuti radioattivi sia tra i migliori per le emissioni di ogni genere mi suona strano. tu forse dici le emissioni automobilistiche ed industriali...giusto? a me risulta che la cilindrata media in usa sia 2550 cmq a motore. sara che inquinano poco i californiani!!mi informerò!


beh informati

perchè negli Usa ci sono i più grandi impianti ad energia solare e sono all'avanguardia anche in quello eolico

ci dispiscae che tu sia uno di quelli a cui non piace la parola USA

ma siamo democratici e accettiamo anche queste cose
_________________
For relaxing times make it Suntory time

  Visualizza il profilo di Tenenbaum  Invia un messaggio privato a Tenenbaum  Email Tenenbaum    Rispondi riportando il messaggio originario
KARLMARX87


Reg.: 12 Apr 2005
Messaggi: 313
Da: SIENA (SI)
Inviato: 14-04-2005 16:54  
NON METTO IN DUBBIO CHE CI SIANO MA NON METTO IN DUBBIO NEANCHE CHE CI SIA 8 CENTRALI NUCLEARI IN CALIFORNIA, RICORDATELO
_________________
Povero mondo che non conosci la matematica e i sapori della vera musica per perderti nelle vanità delle parole senza senso impegnate nella retorica del passato.
(Enrico Bombieri, medaglia Field per la matematica)

  Visualizza il profilo di KARLMARX87  Invia un messaggio privato a KARLMARX87  Vai al sito web di KARLMARX87     Rispondi riportando il messaggio originario
Tenenbaum

Reg.: 29 Dic 2003
Messaggi: 10848
Da: cagliari (CA)
Inviato: 14-04-2005 16:59  
beh l'energia come pensi di ricavarla ?

e non c'è bisogno di andare tanto lontano in Francia ne hai quante ne vuoi di centrali nucleari


_________________
For relaxing times make it Suntory time

  Visualizza il profilo di Tenenbaum  Invia un messaggio privato a Tenenbaum  Email Tenenbaum    Rispondi riportando il messaggio originario
greenday2

Reg.: 02 Lug 2004
Messaggi: 1074
Da: reggio emilia (RE)
Inviato: 14-04-2005 17:33  
Son invece meglio le centrali a carbone o petrolchimiche no?

  Visualizza il profilo di greenday2  Invia un messaggio privato a greenday2    Rispondi riportando il messaggio originario
ipergiorg

Reg.: 08 Giu 2004
Messaggi: 10143
Da: CARBONERA (TV)
Inviato: 14-04-2005 17:45  
Cmq per chi vuole abbandonare l'odiato petrolio c'è una grossa novità. La destra repubblicana sta pensando di affrancarsi dalla dipendenza dal petrolio mediorientale. E' quindi per loro necessario incentivare fonti alternative

Milano. Avviso ai Verdi e ai Pecorari Scani di tutto il mondo: i neo-con sono diventati neo-ecol, credono che l'ambientalismo garantisca la difesa e la sicurezza degli Stati Uniti, almeno quanto il corpo dei marines. E' successo che un gruppo di neoconservatori di primo piano, dall'ex direttore della Cia clintoniana, James Woolsey, fino a Frank J. Gaffney, entrambi membri del Project for a New American Century che fin dal 1998 invocava il cambio di regime a Baghdad, ha fondato un nuovo gruppo di pressione ambientalista che si chiama "Set the America Free". L'obiettivo è convincere Washington a puntare su energie alternative a quelle petrolifere provenienti dal medio oriente. L'idea è quella di rivoluzionare il settore dei trasporti, usando però tecnologie esistenti, già usate e commercializzate, e non affidandosi a ipotesi o speranze future ancora da esplorare, come l'idrogeno. L'America, spiegano i neo-ecol, consuma un quarto delle riserve petrolifere mondiali, dispone soltanto del 3 per cento delle risorse, è costretta a importare più del 60 per cento del fabbisogno e la sua dipendenza dal medio oriente cresce di anno in anno. Tutte le iniziative volte a ridurre i consumi, diversificare le fonti petrolifere e migliorare le riserve strategiche sono state neutralizzate dalla crescita della domanda.
Non c'è solo un problema di reperibilità delle risorse, il punto è che la maggior parte del petrolio mondiale è controllato da paesi instabili od ostili agli Stati Uniti, per cui questa dipendenza petrolifera diventa una questione di sicurezza nazionale, come già in campagna elettorale aveva provato a dire John Kerry. Scrivono i neocon: "A livello strategico, è pericoloso comprare petrolio per miliardi di dollari da nazioni che sostengono o sono alleati con gli islamisti radicali che fomentano l'odio contro gli Stati Uniti. I petrodollari che forniamo a queste nazioni contribuiscono in modo grave alle minacce terroristiche che stiamo affrontando". C'è il problema della Cina, le cui importazioni petrolifere lo scorso anno sono aumentate del 30 per cento fino a trasformare il paese asiatico nel secondo consumatore dopo gli Stati Uniti. Affrontare questi problemi dunque riguarda la sicurezza dell'America e, particolare da non trascurare, anche la salvaguardia dell'ambiente e della salute.
Il Congresso sta discutendo una legge che consente la trivellazione dell'Alaska, mentre ieri il New York Times ha pubblicato tre editoriali proprio sulle alternative energetiche. I neo-ecol hanno elaborato un piano d'azione e un'articolata proposta per un'Amministrazione oil-oriented abituata ad affrontare la questione semplicemente cercando di produrre più petrolio. "Un nuovo progetto nazionale" e "un modello per la sicurezza energetica" sono i titoli dei due documenti di Set America Free. "Nel 1942 ­ si legge ­ il presidente Roosevelt lanciò il Manhattan Project per costruire una bomba atomica entro il 1945, contro le minacce all'America e per esplorare il futuro della fissione nucleare. Il costo a prezzi odierni fu di 20 miliardi di dollari, ma ottenne la fine della guerra con il Giappone e l'avvio di nuove tecnologie nucleari per l'energia, per la medicina e per molti altri settori". Vent'anni dopo toccò a John Kennedy lanciare il "Progetto uomo sulla Luna" per replicare allo strapotere sovietico sullo spazio. Il costo superò i 100 miliardi di dollari, ma il risultato fu notevole.

Il progetto "ibrido"
Ora c'è la questione energetica. Set America Free costerebbe 12 miliardi di dollari nei prossimi 4 anni. Il progetto si basa su soluzioni tecnologiche esistenti e sull'utilizzo di infrastrutture già pronte per l'uso. In dettaglio consiste nel processo di sostituzione delle attuali automobili con vetture dai motori di tipo ibrido, metà elettrico metà a abenzian, come quelli montati sulla Toyota Prius. Come ha raccontato ieri sul New York Times il neuropsichiatra Oliver Sacks, queste macchine sono già in in vendita, consumano un litro di benzina ogni 21 chilometri e si trovano già nei garage dei neo-ecol. Queste vetture possono essere caricate anche come un telefono cellulare, e se a questa tecnologia si aggiungesse il "carburante flessibile" ­ che già consente ad alcune auto di funzionare con un mix di benzina, etanolo e metanolo ­ le strade potrebbero essere piene di macchine che consumano un solo litro di carburante ogni 212 chilometri. Se entro il 2025 tutte le auto fossero di questo tipo, gli Usa potrebbero ridurre dell'80 per cento l'importazione di petrolio. Il piano dei neocon ecologisti prevede 4 miliardi di dollari di incentivi alle aziende automobilistiche per coprire metà dei maggiori costi di produzione, 2 miliardi di incentivi ai consumatori per comprarle, 1 miliardo per ammodernare i distributori di benzina e 3 per costruire 25 piattaforme per dimostrare la fattibilità della capacità produttiva a pieno regime.

  Visualizza il profilo di ipergiorg  Invia un messaggio privato a ipergiorg  Vai al sito web di ipergiorg    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 Pagina successiva )
  
0.219910 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: