FilmUP.com > Forum > Attualità - ELEZIONI IN GRAN BRETAGNA
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > ELEZIONI IN GRAN BRETAGNA   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 )
Autore ELEZIONI IN GRAN BRETAGNA
londoner

Reg.: 22 Gen 2005
Messaggi: 690
Da: london (es)
Inviato: 13-02-2006 01:21  
non fa acqua ...
qui l'università se esci di casa te la paga il governo e così l'abitazione e le spese durante gli studi ... il tutto a interessi zero. Gli inglesi ( e i figli degli immigrati) escono di casa a 18 anni, vanno a studiare dove credono, tornano dopo tre anni (se vogliono) e vanno a casa loro perchè lavorano immediatamente e non hanno problemi a restituire al governo 100 sterline al mese per un paio d'anni ...In Italia invece si studia per cosa ? perchè non c'è lavoro. Ma quando l'università finisce ... allora sì che la vita si fa dura ... e quello che ti offrono è un call centre a 900 euro al mese non mi sembra un grande paese quello che non offre l'indipendenza ai propri cittadini. E stare in casa coi genitori a 25 anni è umiliante secondo me ... io quando lo racconto qui si mettono tutti a ridere ... nessuno crede che sia possibile

_________________
Il sito per la rivoluzione italiana ? www.ryanair.com

[ Questo messaggio è stato modificato da: londoner il 13-02-2006 alle 01:22 ]

  Visualizza il profilo di londoner  Invia un messaggio privato a londoner    Rispondi riportando il messaggio originario
marcomond

Reg.: 25 Nov 2001
Messaggi: 1968
Da: varese (VA)
Inviato: 13-02-2006 09:30  
quote:
In data 2006-02-13 01:21, londoner scrive:
non fa acqua ...
qui l'università se esci di casa te la paga il governo e così l'abitazione e le spese durante gli studi ... il tutto a interessi zero. Gli inglesi ( e i figli degli immigrati) escono di casa a 18 anni, vanno a studiare dove credono, tornano dopo tre anni (se vogliono) e vanno a casa loro perchè lavorano immediatamente e non hanno problemi a restituire al governo 100 sterline al mese per un paio d'anni ...In Italia invece si studia per cosa ? perchè non c'è lavoro. Ma quando l'università finisce ... allora sì che la vita si fa dura ... e quello che ti offrono è un call centre a 900 euro al mese non mi sembra un grande paese quello che non offre l'indipendenza ai propri cittadini. E stare in casa coi genitori a 25 anni è umiliante secondo me ... io quando lo racconto qui si mettono tutti a ridere ... nessuno crede che sia possibile

_________________
Il sito per la rivoluzione italiana ? http://www.ryanair.com

[ Questo messaggio è stato modificato da: londoner il 13-02-2006 alle 01:22 ]



Rieccoti...non fa acqua nel senso che non è sensato (scusa il gioco di parole) ma nel senso, che come hai già delineato qui, rispecchia appunto la realtà italiana inutile quindi appendersi a questioni di età e di razzismo fuori casa. Primo perchè purtroppo l'Italia non mi pare un paese così ricco da potersi permettere di pagare per gli studi di ogni giovane che va all'università, dai 3 ai 5 anni e più...sul fatto che non ci sia lavoro, riguarda anche l'assetto professionale del paese: ci sono specificità lavorative che non sono proprie dell'Italia, altri settori invece vanno forte. Non è poi colpa di tutti se certi begli studenti scelgono un percorso formartivo poco idoneo al mondo del lavoro attuale, un percorso poco "intrigante" per essere ammessi nel mondo professionale. Non faccio nomi di facoltà, non è giusto.
Personalmente, indovina un po' io studio in Svizzera. Ci manca solo che mi impegoli qui in Italia, ma figurati, anche perchè è grama la situazione.
Hai perfettamente ragione, stare a casa coi genitori fino ai 25 e oltre è umiliante.
Sul razzismo: esiste un tipo di immigrazione, un altro ed un altro ancora...in Italia non arrivano anche francesi, inglesi, tedeschi, spagnoli e altri ancora...per lo più gente povera, in discreta parte sbandata, specie dall'est e dall'Africa da paesi socialmente compromessi, se non disastrati (Albania e Romania in testa, ma anche Ucraina e paesi asiatici ed africani)...non facciamo di tutta un'erba un fascio e soprattutto mettiamoci in testa che molti immigrati sono civilmente e socialmente migliori di moltissimi italiani, su questo sono pronto a metterci entrambe le mani sul fuoco... ma spesso non arrivano menti brillanti, gente distinta, soggetti sociali e civili tranquilli. Non siamo ipocriti mi dico, altrimenti perchè diamine si sposta la gente? ecco però perchè di riflesso (ed è sbagliato, ma vero) si alimenta anche il razzismo. In Italia arriva un'immigrazione di gente che o lavora o lavora...quando non lo fa e delinque non può che destare sdegno. E il popolino incapace di riflettere non ci pensa due volte.
Inoltre con tanta fatica l'Italia si è costruita...senza colonie e schiavismi d'oltre oceano. Fa comunque impressione vedere un flusso migratorio così accentuato (tu dici che non esiste, ma c'è) che non era contemplato nel percorso storico del paese e che si fa sempre più massiccio...Certo il discorso è: bisognava avere per forza le colonie per scoprire cosa volesse dire avere immigrati nel territorio? No...però fa impressione comunque. Che ci posso fare?

  Visualizza il profilo di marcomond  Invia un messaggio privato a marcomond  Vai al sito web di marcomond    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 )
  
0.110637 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: