FilmUP.com > Forum > Attualità - Radicali: perchè SI , ma anche perchè NO!
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Radicali: perchè SI , ma anche perchè NO!   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 Pagina successiva )
Autore Radicali: perchè SI , ma anche perchè NO!
Julian

Reg.: 27 Gen 2003
Messaggi: 6177
Da: Erbusco (BS)
Inviato: 06-04-2006 20:44  
quote:
In data 2006-04-06 19:35, Futurist scrive:
quote:
In data 2006-04-06 19:23, Julian scrive:
I Radicali sono una delle forze politiche più reazionarie in assoluto: sono per il liberismo nel mercato del lavoro, ma chiamano in causa il loro stato quando è necessario combattere per gli interessi della "borghesia" italiana. Ed in più ci vogliono rimbecillire in modo legale: complimenti!!



Confusione mentale assoluta. Guarda che i reazionari (i fascisti per esempio) non sono affatto d'accordo con il liberismo dei mercati del lavoro. Quando mai?
E i radicali non sono affatto avursi allo stato, e perchè mai. Casomai sono contrari hai poteri forti (sindacato, chiesa, etc.) che influenzano senza diritto le decisioni del governo democratico.



Mi dispiace Futurist..mi sembri una persona intelligente ma devo per forza contraddirti.
Tu parti dal presupposto sbagliato che tutti godiamo degli stessi diritti ed abbiamo lo stesso potere. Putroppo non è così: tu puoi votare chi vuoi, nella politica non pesi nulla. Ciò che pesa è la necessità del capitale. Mi dici che il Parlamento dovrebbe tutelare tutte le classi sociali..sono d'accordo: iniziamo ad avere un Parlamento in cui tutte le classi sociali sono rappresentate. Non perdiamoci in sofismi o in cazzate o illusioni sul "processo democratico".
Il centro-sinistra è appoggiato finanziariamente da alcuni grandi gruppi del nord, come ho già scritto. E' normale che persegua i loro interessi, che sono gli interessi di pochi e non quelli della maggioranza degli Italiani. Io e te siamo per la demcrazia, per l'uguaglianza..oggi c'è questa democrazia?
Ricorda che è sempre l'industria a finanziare Tv e giornali ed a far campagne pubblicitarie a proprio favore..è questo il "libero processo democratico"?
Un paragone calzante può essere quello con le SPA: tu puoi pure comprare una o due azioni, ma se non hai il sufficiente peso finanziario a decidere sono sempre altri: coloro che lo hanno.
Non è una questione morale, è una questione di interessi economici e quindi politici: i partiti politici dello stato "borghese" (perchè lo stato è una creazione dell' industria, ricordiamolo) perseguono gli interessi di chi ijn Italia ha il potere reale e concreto. Non certo io e te..magari Tronchetti Provera, Agnelli, Berlusconi, Profumo, Della Valle. I loro interessi sono opposti a quelli della maggioranza delle persone: loro hanno interesse a pagarti di meno ed a vendere il più possibile. Tu hai interesse ad essere pagato il più possibile ed a godere di un posto di lavoro stabile.
In Parlamento dovrebbero sedere persone che tutelano questo interesse. In realtà tutti i Parlamentari (quelli che ci vanno) devono ( con tutte le difficoltà ed i problemi concreti che possono sorgere..non è così semplice, ci sono mille interessi diversi da conciliare, non ultimo bisogna mediare con le persone "comuni" che non godono di certi poteri) fare in modo che le forze economiche che li sostengono abbiano voce in capitolo.
Se si perseguisse gli interessi della maggioranza delle persone si preferirebbe il crollo dell'industria italiana , se questa non è in grado di reggere la concorrenza, magari a vantaggio di imprese cinesi o Americane che aprano sedi in Italia, a licenziamenti di massa ed alla liberalizzazione del mercato del lavoro. Ma non è così.. questa per me non è democrazia vera.
Non parlo poi della campagna elettorale, una specie di spot lungo alcuni mesi in cui si fa a gara a chi la spara più grossa.

_________________
Nessun gentiluomo fa mai ginnastica
(O.Wilde)

[ Questo messaggio è stato modificato da: Julian il 06-04-2006 alle 20:46 ]

  Visualizza il profilo di Julian  Invia un messaggio privato a Julian    Rispondi riportando il messaggio originario
Hellboy

Reg.: 22 Ago 2003
Messaggi: 4287
Da: Rio Bo (es)
Inviato: 06-04-2006 20:45  
i radicali hanno sempre dato fastidio.
a destra come a sinistra.
se oggi abbiamo il divorzio e la legge sull'aborto lo dobbiamo anche a loro.
quei 4 pezzenti voltagabbana.

io votero' RNP !!!
voglio che si parli pacs, eutanasia e revisione del Concordato.
se vi aspettate che lo facciano altri, aspettate in eterno.

poi ci sono cose che non condivido del loro pensiero, ma gli altri partiti sono anche peggio.

se volete uno stato ancor piu' confessionale boicottate la RNP e lasciatela fuori dal parlamento.

e quando mai un radicale ha avuto un posto di potere ( esclusa la Bonino) anche solo in una giunta???
del potere e delle poltrone ai radicali non ne fotte nulla.

sono stati con Berlusconi è vero.
e non hanno ottenuto 1 seggio.

poi nel 2001 si sono presentati da soli.
idem.

ora solo grazie a Boselli sono nella RNP.
ma c'e' chi mastica amaro.

chissa' perchè...oggi Berluscono ha parlato di sinistra anticlericale, che vuole togliere il crocifisso dalle scuole, che vuole l'abolizione del Concordato..ecc. di chi stava parlando?

e le stesse cose le pensano anche nel centrosinistra in molti. non solo Mastella che è l'unico a dirlo.

diritti civili sopra tutto il resto.
nella consapevolezza che il partito perfetto
non esiste.


_________________

  Visualizza il profilo di Hellboy  Invia un messaggio privato a Hellboy    Rispondi riportando il messaggio originario
madpierrot

Reg.: 08 Mag 2004
Messaggi: 851
Da: Pista Uno (es)
Inviato: 06-04-2006 20:52  
quote:
In data 2006-04-06 20:45, Hellboy scrive:
i radicali hanno sempre dato fastidio.
a destra come a sinistra.
se oggi abbiamo il divorzio e la legge sull'aborto lo dobbiamo anche a loro.
quei 4 pezzenti voltagabbana.

io votero' RNP !!!
voglio che si parli pacs, eutanasia e revisione del Concordato.
se vi aspettate che lo facciano altri, aspettate in eterno.

poi ci sono cose che non condivido del loro pensiero, ma gli altri partiti sono anche peggio.

se volete uno stato ancor piu' confessionale boicottate la RNP e lasciatela fuori dal parlamento.

e quando mai un radicale ha avuto un posto di potere ( esclusa la Bonino) anche solo in una giunta???
del potere e delle poltrone ai radicali non ne fotte nulla.

sono stati con Berlusconi è vero.
e non hanno ottenuto 1 seggio.

poi nel 2001 si sono presentati da soli.
idem.

ora solo grazie a Boselli sono nella RNP.
ma c'e' chi mastica amaro.

chissa' perchè...oggi Berluscono ha parlato di sinistra anticlericale, che vuole togliere il crocifisso dalle scuole, che vuole l'abolizione del Concordato..ecc. di chi stava parlando?

e le stesse cose le pensano anche nel centrosinistra in molti. non solo Mastella che è l'unico a dirlo.

diritti civili sopra tutto il resto.
nella consapevolezza che il partito perfetto
non esiste.





Aggiungo solo che da parte mia mai avrei votato i singoli partiti che compongono ora la RnP: voterò nella speranza che RnP sia qualcosa di diverso da una semplice somma delle parti. Nella speranza che istanze liberali e libertarie si armonizzino con istanze socialiste ed egualitarie.
_________________
"La via da percorrere non è facile né sicura, ma deve essere percorsa e lo sarà"

[ Questo messaggio è stato modificato da: madpierrot il 06-04-2006 alle 21:01 ]

  Visualizza il profilo di madpierrot  Invia un messaggio privato a madpierrot    Rispondi riportando il messaggio originario
Hellboy

Reg.: 22 Ago 2003
Messaggi: 4287
Da: Rio Bo (es)
Inviato: 06-04-2006 21:00  
ma poi perchè invece di dividere cio' che resta insieme con molta difficoltà non si pensa in primo luogo a vincere ste benedette elezioni tralasciando di vedere le varie pagliuzze, sempre quelle (l'eccessivo liberismo) di un partito - fino a prova contraria - alleato.
e che non ha silurato nessun governo.

i radicali hanno forse fatto male a qualcuno ?
non hanno diritto di esistere?
e allora pensiamo a vincere le elezioni, se è possibile.
tutti insieme.
poi si parlerà delle cose da fare o non fare.
perche' fare i disfattisti in una situazione gia' penosa con un paese spaccato in due ?
lo volete spaccare in tre ?

_________________

  Visualizza il profilo di Hellboy  Invia un messaggio privato a Hellboy    Rispondi riportando il messaggio originario
Hellboy

Reg.: 22 Ago 2003
Messaggi: 4287
Da: Rio Bo (es)
Inviato: 06-04-2006 21:04  
quote:
In data 2006-04-06 20:52, madpierrot scrive:
quote:
In data 2006-04-06 20:45, Hellboy scrive:
i radicali hanno sempre dato fastidio.
a destra come a sinistra.
se oggi abbiamo il divorzio e la legge sull'aborto lo dobbiamo anche a loro.
quei 4 pezzenti voltagabbana.

io votero' RNP !!!
voglio che si parli pacs, eutanasia e revisione del Concordato.
se vi aspettate che lo facciano altri, aspettate in eterno.

poi ci sono cose che non condivido del loro pensiero, ma gli altri partiti sono anche peggio.

se volete uno stato ancor piu' confessionale boicottate la RNP e lasciatela fuori dal parlamento.

e quando mai un radicale ha avuto un posto di potere ( esclusa la Bonino) anche solo in una giunta???
del potere e delle poltrone ai radicali non ne fotte nulla.

sono stati con Berlusconi è vero.
e non hanno ottenuto 1 seggio.

poi nel 2001 si sono presentati da soli.
idem.

ora solo grazie a Boselli sono nella RNP.
ma c'e' chi mastica amaro.

chissa' perchè...oggi Berluscono ha parlato di sinistra anticlericale, che vuole togliere il crocifisso dalle scuole, che vuole l'abolizione del Concordato..ecc. di chi stava parlando?

e le stesse cose le pensano anche nel centrosinistra in molti. non solo Mastella che è l'unico a dirlo.

diritti civili sopra tutto il resto.
nella consapevolezza che il partito perfetto
non esiste.





Aggiungo solo che da parte mia mai avrei votato i singoli partiti che compongono ora la RnP: voterò nella speranza che RnP sia qualcosa di diverso da una semplice somma delle parti. Nella speranza che istanze liberali e libertarie si armonizzino con istanze socialiste ed egualitarie.
_________________
"La via da percorrere non è facile né sicura, ma deve essere percorsa e lo sarà"

[ Questo messaggio è stato modificato da: madpierrot il 06-04-2006 alle 21:01 ]




infatti.
nel loro simbolo compare la scritta : laici, liberali, radicali, socialisti.
ecco io tolgo liberali e metto libertari.

in secondo luogo meno male che Bobo è rimasto fuori perche' allora sinceramente domenica credo che non sarei andato a votare.
per la prima volta.

_________________

  Visualizza il profilo di Hellboy  Invia un messaggio privato a Hellboy    Rispondi riportando il messaggio originario
liliangish

Reg.: 23 Giu 2002
Messaggi: 10879
Da: Matera (MT)
Inviato: 06-04-2006 21:30  
quote:
In data 2006-04-06 19:27, Futurist scrive:
quote:
In data 2006-04-06 18:36, liliangish scrive:
ma, Futurist, il fatto che negli ultimi trent'anni si sia persa del tutto quella che una volta si chiamava coscienza di classe non vuol dire affatto che le classi sociali non esistano più.

le classi sociali esistono, le barriere sociali esistono, e dire che la politica non deve più essere lotta di classe serve soltanto, ancora una volta, alla classe dominante.




Io non ho detto che le classi sociali non esistono ma che la "lotta" di classe è superata.
Per me un governo non dovrebbe mai perseguire gli interessi solo di una classe, ma di tutte le classi. Questo è possibile a patto che i diritti e i doveri di tutti siano rispettati, compresi quelli delle aziende e di chi le gestisce.
Non è così difficile da capire.



Futurist, secondo me dovresti leggere il Candido di Voltaire.

forse allora capirai che non viviamo nel migliore dei mondi possibili. che temperare le esigenze di tutti è pressoché impossibile.

il liberismo non tutela tutte le classi. il liberismo lascia semplicemente che chi abbia id più continui ad accumulare e chi non ha niente non possa permettersi neanche di essere curato quando è malato.
questo non vuol dire certo rispettare i diritti di tutti.
_________________
...You could be the next.

  Visualizza il profilo di liliangish  Invia un messaggio privato a liliangish    Rispondi riportando il messaggio originario
stilgar

Reg.: 12 Nov 2001
Messaggi: 4999
Da: castelgiorgio (TR)
Inviato: 06-04-2006 21:47  
Ottima analisi Quilty. Mi hai convinto: voterò Rosa nel Pugno
_________________

Profundis - L'anima nera della rete

  Visualizza il profilo di stilgar  Invia un messaggio privato a stilgar  Email stilgar  Vai al sito web di stilgar     Rispondi riportando il messaggio originario
Ayrtonit
ex "ayrtonit"

Reg.: 06 Giu 2004
Messaggi: 12883
Da: treviglio (BG)
Inviato: 06-04-2006 22:04  
quote:
In data 2006-04-06 17:05, Quilty scrive:
Per quale motivo i radicali (Rosa nel Pugno)si presentano alle elezioni del 9 aprile assieme alla sinistra, dopo anni passati a corteggiare Berlusconi?

Basta analizzare il loro programma per capirlo.

Da un lato sono a favore di uno stato laico:a difesa della legge sull'aborto, del divorzio, per i Pacs, per l'abolizione del Concordato , contro l'ingerenza della Chiesa, per una legge sull'eutanasia, per una legalizzazione delle "droghe" (nel senso comune del termine, in quanto l'alcool e il tabacco sono droghe che mietono migliaia di vittime in più rispetto alle droghe proibite dalla legge)....

Sotto questo punto di vista si possono collocare nello schieramento della sinistra ai lati estremi, verso le parti di rifondazione comunista.
Aggiungo un parere personale: sono d'accordo praticamente su tutto.


sei d accordo su tutto?
io invece...vediamo:
non concordo con l aborto (se non in caso di gravissime malformazioni)
chiaramente concordo sul divorzio
non concordo coi pacs, o meglio, che anche le copie di fatto abbiano dei diritti ok, ma che abbiano gli stessi diritti di chi è sposato no,
concordo con la revisione del concordato e con l anti-ingerenza clericale,
concordo sull eutanasia
e non concordo con la liberalizzazione delle droghe...
insomma qualcosa in comune ce l ho ma discordo per molti punti importanti.

_________________
"In effetti la degenerazione non è mai divertente, bisogna saperla mantenere su livelli tollerabili.
Non è tanto una questione di civiltà, ma di intelligenza."
DEMONSETH

  Visualizza il profilo di Ayrtonit  Invia un messaggio privato a Ayrtonit    Rispondi riportando il messaggio originario
Futurist

Reg.: 30 Giu 2005
Messaggi: 1290
Da: firenze (FI)
Inviato: 06-04-2006 22:05  
quote:
In data 2006-04-06 20:44, Julian scrive:
Se si perseguisse gli interessi della maggioranza delle persone si preferirebbe il crollo dell'industria italiana , se questa non è in grado di reggere la concorrenza, magari a vantaggio di imprese cinesi o Americane che aprano sedi in Italia, a licenziamenti di massa ed alla liberalizzazione del mercato del lavoro. Ma non è così.. questa per me non è democrazia vera.




Ma io infatti non ho detto mai che questa è una democrazia vera ne ho mai detto che mi vada bene. Io ho parlato di rivoluzione liberale... ed essendo un rivoluzionario io non condivido proprio il sistema vigente, con tutte le contraddizioni e ipocrisie da te illustrate.

E per rispondere a Marquez le rivoluzioni non passano per forza dalle canne dei fucili ne tantomeno dalle manganellate dei tutori dell'ordine; si possono e si devono invece adottare metodi più civili per affermare le proprie idee.

E continuo dicendo che mai nessuno si sognerebbe di credere che sia giusto far morire gli indigenti sotto i ponti. L'assistenza dello stato deve essere garantita ai meno abbienti.
E' invece profondamente ingiusto e controproducente trasformare l'assistenza in assistenzialismo, come purtroppo è frequente in Italia.

  Visualizza il profilo di Futurist  Invia un messaggio privato a Futurist    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 06-04-2006 22:16  
quote:
In data 2006-04-06 22:04, Ayrtonit scrive:

sei d accordo su tutto?
io invece...vediamo:
non concordo con l aborto (se non in caso di gravissime malformazioni)

non concordo coi pacs, o meglio, che anche le copie di fatto abbiano dei diritti ok, ma che abbiano gli stessi diritti di chi è sposato no,

e non concordo con la liberalizzazione delle droghe...


Sono favorevole alla legge che regola l'aborto (non all'aborto)e penso anche che potrebbe essere migliorata.
Sui Pacs concordo poco: sono favorevole al modello Zapatero, matrimoni e adozioni gay. Se una coppia etero vuole dei diritti che si sposi come fanno tutti e non rompa le palle.
Sulle cosiddette droghe leggere , il modello olandese mi va benissimo.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 06-04-2006 22:40  
quote:
In data 2006-04-06 21:00, Hellboy scrive:
ma poi perchè invece di dividere cio' che resta insieme con molta difficoltà non si pensa in primo luogo a vincere ste benedette elezioni tralasciando di vedere le varie pagliuzze, sempre quelle (l'eccessivo liberismo)



Pagliuzze come l'articolo 18 o il lavoro precario legalizzato o i diritti sindacali aboliti? Mah...
Non è nemmeno eccessivo liberismo: quando in Tv la Bonino arriva a rimproverare Berlusconi di non aver sostenuto abbastanza le liberalizzazioni ciò significa che i radicali sono più a destra di Forza Italia e di Giuliano Ferrara messi assieme.


[ Questo messaggio è stato modificato da: Quilty il 06-04-2006 alle 22:43 ]

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
nboidesign

Reg.: 18 Feb 2006
Messaggi: 4789
Da: Quartu Sant'Elena (CA)
Inviato: 07-04-2006 10:34  
quote:
In data 2006-04-06 22:04, Ayrtonit scrive:
non concordo con la liberalizzazione delle droghe...





_________________
CUCCHIAMO ? - Vota e fai votare "FilmUp LIBERO" ; perchè finalmente una nuova alba sorga sul nostro forum. - Anche Giorgclunei è con noi

  Visualizza il profilo di nboidesign  Invia un messaggio privato a nboidesign  Vai al sito web di nboidesign     Rispondi riportando il messaggio originario
Futurist

Reg.: 30 Giu 2005
Messaggi: 1290
Da: firenze (FI)
Inviato: 07-04-2006 11:08  
quote:
In data 2006-04-06 22:40, Quilty scrive:
Non è nemmeno eccessivo liberismo: quando in Tv la Bonino arriva a rimproverare Berlusconi di non aver sostenuto abbastanza le liberalizzazioni ciò significa che i radicali sono più a destra di Forza Italia e di Giuliano Ferrara messi assieme.



Infatti AN, che si trova a destra di Forza Italia, è in linea come noto con le tesi radicali........ Quilty mi fai sbellicare.
Le liberalizzazioni non sono ne di destra ne di sinistra. Sono semplicemente proprie di un governo non demagogico e non ipocrita che non ignora gli infiniti e dimostrati benefici a cui le liberalizzazioni portano, a fronte di alcuni effetti collaterali nel breve termine (tutti i cambiamenti richiedono sacrificio e tempo) facimente sanabili tramite gli ammortizzatori sociali.

  Visualizza il profilo di Futurist  Invia un messaggio privato a Futurist    Rispondi riportando il messaggio originario
MARQUEZ

Reg.: 23 Feb 2006
Messaggi: 2117
Da: Firenze (FI)
Inviato: 07-04-2006 11:18  
quote:
In data 2006-04-07 11:08, Futurist scrive:
quote:
In data 2006-04-06 22:40, Quilty scrive:
Non è nemmeno eccessivo liberismo: quando in Tv la Bonino arriva a rimproverare Berlusconi di non aver sostenuto abbastanza le liberalizzazioni ciò significa che i radicali sono più a destra di Forza Italia e di Giuliano Ferrara messi assieme.



Infatti AN, che si trova a destra di Forza Italia, è in linea come noto con le tesi radicali........ Quilty mi fai sbellicare.
Le liberalizzazioni non sono ne di destra ne di sinistra. Sono semplicemente proprie di un governo non demagogico e non ipocrita che non ignora gli infiniti e dimostrati benefici a cui le liberalizzazioni portano, a fronte di alcuni effetti collaterali nel breve termine (tutti i cambiamenti richiedono sacrificio e tempo) facimente sanabili tramite gli ammortizzatori sociali.

non demagogico ed ipocrita ! ma per favore, ma mi facci il piacere come disse Totò.
le liberalizzazioni hanno l'unico risultato di svendere il patrimonio statale senza guardare a sviluppi futuri.
le privatizzazioni creano ricchezza in mano ad una persona e povertà per tanti(gli operai).
le privatizzazioni danno la possibilità all'imprenditore di amministrarsi la legge da solo dice Raimonet.
in sud america, argentina, brasile, colombia, e anche in messico, ove vengono fatte con sistemi barbari hanno prodotto fame e miseria e il crollo di economie statali con in argentina, appunto.
nei paesi occidentali dove l'humus economico è ben più fertile i risultati sono meno drammatici ma non per questo non incivili.
il problema che ha l'occidente è che manca una coscienza dei problemi degli operai, che sono visti come merce, come strumenti da utilizzare per fini privati.e per questo si crede nelle privatizzazioni e nelle liberalizzazioni.ma mi sembra che di danni ne abbiano già fatti e il no alla bolkestein dimostra come si debba cambiare.
_________________
«E' vietato fare la cacca per terra, giusto? Bene, la pubblicità è come la cacca: puzza e fa schifo…».
Piergiorgio Odifreddi

  Visualizza il profilo di MARQUEZ  Invia un messaggio privato a MARQUEZ  Vai al sito web di MARQUEZ    Rispondi riportando il messaggio originario
Hellboy

Reg.: 22 Ago 2003
Messaggi: 4287
Da: Rio Bo (es)
Inviato: 07-04-2006 13:21  
quote:
In data 2006-04-06 22:40, Quilty scrive:
quote:
In data 2006-04-06 21:00, Hellboy scrive:
ma poi perchè invece di dividere cio' che resta insieme con molta difficoltà non si pensa in primo luogo a vincere ste benedette elezioni tralasciando di vedere le varie pagliuzze, sempre quelle (l'eccessivo liberismo)



Pagliuzze come l'articolo 18 o il lavoro precario legalizzato o i diritti sindacali aboliti? Mah...
Non è nemmeno eccessivo liberismo: quando in Tv la Bonino arriva a rimproverare Berlusconi di non aver sostenuto abbastanza le liberalizzazioni ciò significa che i radicali sono più a destra di Forza Italia e di Giuliano Ferrara messi assieme.


[ Questo messaggio è stato modificato da: Quilty il 06-04-2006 alle 22:43 ]




sinceramente non comprendo questo attacco dell'ultima ora contro i radicali.
vabbe' ognuno la pensa come vuole.

ripeto se non ci fosse la RNP io non sarei andato a votare.
c'e' forse il timore - non infondato - che "rubino" voti ad altri partiti di centrosinista.
ma sono gli altri che hanno cambiato idea o i radicali che hanno fatto proselitismo col fucile il mano?

è assurdo...quando ci sarebbe da chiedersi cosa c'entrano Mastella e Di Pietro con la sinistra?

in altre cose sono piu' a sinistra di RC e PDCI . e allora ?

dov'e' il nemico da battere ?
all'interno del centrosinista.
si chiamano radicali.
ma'!

_________________

  Visualizza il profilo di Hellboy  Invia un messaggio privato a Hellboy    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 Pagina successiva )
  
0.043866 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: