FilmUP.com > Forum > Tutto Cinema - inside man
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Cinema > Tutto Cinema > inside man   
Vai alla pagina ( 1 | 2 | 3 | 4 | 5 Pagina successiva )
Autore inside man
kubrickfan

Reg.: 19 Dic 2005
Messaggi: 917
Da: gessate (MI)
Inviato: 10-04-2006 09:34  
Un altro film incredibile per il grande spike lee , un altro joint che va a segno in maniera precisa , confermando la grande corrosivita' che questo artista possiede raccontando storie che sembrano normali e poi il loro svolgimento ci spiazza ,ci incredula , ci stupisce.La storia che si svolge in una new york che sembra la protagonista silenziosa del film , con tutti i suoi mali e pregi che fa da osservatore non agente, ha uno stile asciutto e preciso come tutti i film di lee , supportata da un grandissimo cast con un denzel washington strepitoso,una jodie foster che appena arriva buca lo schermo, un clive owen quanto mai ispirato , e due comprimari come defoe e plummer che donano spessore allo svolgimento con una interpretazione davvero degna . in questa storia che trova le sue derivazioni ispiratorie a livello di idea base ( poi assolutamente prende una via sua autoriale e indipendente) in munich e quel pomeriggio di un giorno da cani ( debitamente e gustamente citati da lee ) , ogni possibile spiraglio di narrazione viene usato per condannare qualche cosa che succede nella societa' americana , come nel discorso dell'arabo che viene maltrattato dalla polizia,di non uniformare la sua origine etnica forzatamente a un pericolo, al fatto che ognuno ha i suoi scheletri nel cassetto e come dice la foster " io ho fatto strada facendomi molti amici e non nemici".Non manca il discorso allo specchio ( meno graffiante di quello di norton de la 25 ora e meno lungo ) , simbolo della necessita' di guardarsi nell'anima per essere almeno onesti con se stessi ,non mancano le critiche alle gestioni che per risolvere un problema e tenere nascoste altre cose non si sottraggono alla decisione di sacrificare degli innocenti.In mezzo una regia sopraffina, una fotografia stupenda ( che raggiunge livelli favolosi negli interrogatori , eseguita da libatique ) e un rispetto per la citta' che sembra quasi un ossequio nel filmarne strade e scorci.Questo e' cinema che racconta una storia intensa senza annoiare, senza contorcersi su fronzoli narrativi e utilizzando in pieno la metratura e ogni fotogramma perche' al momento di tirare le somme lo spettatore si trovi a disagio nell'essersi emozionato di quanto ci e'stato raccontato,...come dice clive owen all'inizio il problema e' come ogni cosa deve venire allo scoperto . tralasciando il dove e il quando e il perche', il vero problema e' il come.
Da notare la deliziosa presenza nel finale di cassandra freeman, in una scena veramente sensuale,per chiudere in maniera perfetta un film assolutamente stupendo , con gli ultimi pensieri del detective frazier,amaro tutore della legge costretto a guardare verso l'alto per ripulire ipocrisie e torti del passato rischiando di esserne avviluppato dalle tentazioni.

_________________
non solo quentin ma nel nome di quentin...quentin tarantino project
QUENTIN TARANTINO PROJECT

  Visualizza il profilo di kubrickfan  Invia un messaggio privato a kubrickfan    Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 10-04-2006 09:52  
Un film davvero molto bello. Un Spike Lee "di genere" che sembra quasi voler dimostrare ad Hollywood ed ai suoi detrattori che se vuole fare film "convenzionali" li fa meglio di tanti altri pseudo professionisti. Magari non ti lascia troppo, ma il divertimento è tanto e ben concegnato.
Ne ho scritto qui su Filmup (la recensione) e sul mio blog
_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
ermejofico

Reg.: 17 Ago 2005
Messaggi: 662
Da: roma (RM)
Inviato: 10-04-2006 16:59  
Sceneggiatura brillante, cosparsa di frizzi umoristici ma che risulta un po' fragile quando si imbarca (e quasi si spezza) sotto il peso del supplemento storico di cui viene inopinatamente caricata.
Scelte registiche in linea generale azzeccate, con qualche fronzolo di troppo (attacchi in asse e carrelli con zoom opposto, senza nessuna apparente necessità se non quella di ribadire l'autorialità del film).
Intrattenimento di qualità, in somma, mentre rimaniamo in attesa del successore de I SOLITI SOSPETTI.
_________________
"Che cosa te ne fai di una banca se hai perduto l'amore?"

  Visualizza il profilo di ermejofico  Invia un messaggio privato a ermejofico    Rispondi riportando il messaggio originario
bunch311

Reg.: 20 Gen 2005
Messaggi: 430
Da: roma (RM)
Inviato: 10-04-2006 23:37  
quote:
In data 2006-04-10 16:59, ermejofico scrive:
Sceneggiatura brillante, cosparsa di frizzi umoristici ma che risulta un po' fragile quando si imbarca (e quasi si spezza) sotto il peso del supplemento storico di cui viene inopinatamente caricata.
Scelte registiche in linea generale azzeccate, con qualche fronzolo di troppo (attacchi in asse e carrelli con zoom opposto, senza nessuna apparente necessità se non quella di ribadire l'autorialità del film).
Intrattenimento di qualità, in somma, mentre rimaniamo in attesa del successore de I SOLITI SOSPETTI.


ecco in pratica quello che ho pensato io
Davvero dei movimenti di macchina superflui come gli zoom in avanti e poi indietro come quello che si vede quando Owen parla con il bambino che aprono e chiudono la sequenza.Un film che nenahce sfrutta troppo bene i suoi personaggi un pò davvero già visti e già consumati nei loro caratteri.Per quanto mi riguarda il colpo di scena l avevo già imbeccato dopo manco mezz ora del film.Un opera che mi sembra di gran lunga inferiore alla 25th ora e che è stata troppo osannata anche se forse è il miglior film che traduce il detto brechtiano "cos è una rapina in banca di fronte alla costituzione di una banca".Poi a gusto personale,davvero stucchevole il finalino di cosa con il regalino di Owen,senza poi contare alcune licenze e passaggi narrativi su cui è meglio sorvolare

_________________
"tutti sognamo di tornare bambini,anche i peggiori di noi,anzi forse loro lo sognano più di tutti" il mucchio selvaggio

  Visualizza il profilo di bunch311  Invia un messaggio privato a bunch311     Rispondi riportando il messaggio originario
ines49

Reg.: 15 Mag 2004
Messaggi: 376
Da: PADOVA (PD)
Inviato: 11-04-2006 23:43  
Davvero delizioso questo nuovo flm di Spike Lee, ironico e coinvolgente. Mi è piaciuto pure il finale: esattamente in linea con la storia raccontata.
Perfetti gli interpreti.

  Visualizza il profilo di ines49  Invia un messaggio privato a ines49    Rispondi riportando il messaggio originario
Granvia


Reg.: 24 Nov 2002
Messaggi: 203
Da: Salamanca Spagna (es)
Inviato: 13-04-2006 11:42  
Buon film. Si riconosce la mano esperta. Ma nell'ultima settimana ho preferito Factotum . De gustibus..

E ci sono 2 cose che vorrei aggiungere:

1)- A cosa serve la buca che costruiscono nel magazzino? Noi s'è pensato servisse a farlo pisciare.. (perdonatemi il francesismo..)

2)- La citazione (o La frase ) in questa recensione ( http://filmup.leonardo.it/insideman.htm ) ritengo sia erroneamente riportata.
Quella corretta è "Meglio invecchiare da intollerante che crepare da benpensante" (e --tra l'altro-- così ha anche più senso..)

[ Questo messaggio è stato modificato da: Granvia il 13-04-2006 alle 11:43 ]

  Visualizza il profilo di Granvia  Invia un messaggio privato a Granvia    Rispondi riportando il messaggio originario
Lollina
ex "lolly19"


Reg.: 11 Gen 2002
Messaggi: 19693
Da: albenga (SV)
Inviato: 13-04-2006 12:59  
quote:
In data 2006-04-13 11:42, Granvia scrive:

1)- A cosa serve la buca che costruiscono nel magazzino? Noi s'è pensato servisse a farlo pisciare.. (perdonatemi il francesismo..)




Ma come a cosa serve la buca???
Se intendi il piccolo spazio costruito nel magazzino è semplicemente il nascondiglio.
Almeno... non ho notato altre buche.
_________________
Perchè sentiamo la necessita' di chiaccherare di puttanate, per sentirci a nostro agio?E' solo allora che sai di aver trovato qualcuno di davvero speciale,quando puoi chiudere quella cazzo di bocca per un momento e condividere il silenzio in santa pace.

  Visualizza il profilo di Lollina  Invia un messaggio privato a Lollina    Rispondi riportando il messaggio originario
bunch311

Reg.: 20 Gen 2005
Messaggi: 430
Da: roma (RM)
Inviato: 13-04-2006 13:04  
si gli serve per pisciare e defecare
_________________
"tutti sognamo di tornare bambini,anche i peggiori di noi,anzi forse loro lo sognano più di tutti" il mucchio selvaggio

  Visualizza il profilo di bunch311  Invia un messaggio privato a bunch311     Rispondi riportando il messaggio originario
cabal22

Reg.: 15 Mar 2006
Messaggi: 2812
Da: Livorno (LI)
Inviato: 13-04-2006 16:49  
Fanno una connessione alla fognatura nel pavimento. Probabilmente però mettono anche un bocchettone d'areazione per evitare che rimanga proprio senz'aria.

  Visualizza il profilo di cabal22  Invia un messaggio privato a cabal22  Vai al sito web di cabal22    Rispondi riportando il messaggio originario
Granvia


Reg.: 24 Nov 2002
Messaggi: 203
Da: Salamanca Spagna (es)
Inviato: 13-04-2006 17:01  
quote:
In data 2006-04-13 12:59, Lollina scrive:

Almeno... non ho notato altre buche.




AHIAHIAHI!!! Più attenzione!! Più attenzione! .

_________________
Cià,Dav.

[ Questo messaggio è stato modificato da: Granvia il 13-04-2006 alle 17:02 ]

  Visualizza il profilo di Granvia  Invia un messaggio privato a Granvia    Rispondi riportando il messaggio originario
Lollina
ex "lolly19"


Reg.: 11 Gen 2002
Messaggi: 19693
Da: albenga (SV)
Inviato: 13-04-2006 17:28  
quote:
In data 2006-04-13 17:01, Granvia scrive:
quote:
In data 2006-04-13 12:59, Lollina scrive:

Almeno... non ho notato altre buche.




AHIAHIAHI!!! Più attenzione!! Più attenzione! .

_________________
Cià,Dav.

[ Questo messaggio è stato modificato da: Granvia il 13-04-2006 alle 17:02 ]



Ho capito solo ora di quale buca parlava .
E' quella dove si vedevano dei condotti e dei tubi giusto?
_________________
Perchè sentiamo la necessita' di chiaccherare di puttanate, per sentirci a nostro agio?E' solo allora che sai di aver trovato qualcuno di davvero speciale,quando puoi chiudere quella cazzo di bocca per un momento e condividere il silenzio in santa pace.

  Visualizza il profilo di Lollina  Invia un messaggio privato a Lollina    Rispondi riportando il messaggio originario
cabal22

Reg.: 15 Mar 2006
Messaggi: 2812
Da: Livorno (LI)
Inviato: 14-04-2006 12:20  
Spike Lee si cimenta col "genere". Lo aveva già fatto con "S.O.S. - Summer of Sam" e in un altro paio d’occasioni e qui ci "ricasca". "Inside Man" è un thriller/noir che ha come ambientazione una rapina in banca e che chiama apertamente in causa "Un Pomeriggio di un Giorno da Cani".

Nella miglior tradizione di Lee il tutto è inserito, già come in "S.O.S. - Summer of Sam" (anche se in maniera decisamente meno marcata -a proposito: VOTO , all’interno di un contesto molto più ampio, quello della multiforme e mutante umanità frenetica e multietnica di New York, la grande mela (marcia?) d’America.
Al di là dei giudizi spikiani sulla città in cui è nato e cresciuto (che possono essere più o meno benevoli a seconda del film del bravissimo regista che si vuole prendere in considerazione), in "Inside Man" sono la multiculturalità e la diffidenza reciproca che allontanano l’uomo dall’uomo, fino a rendere quasi palese il concetto che l’umanità è davvero la peggior nemesi di se stessa ("homo homini lupus" per rievocare, in un attimo di onanismo culturale, Hobbes), che hanno il coltello dalla parte del manico o, rimanendo in tema, la pistola dalla parte del calcio. Quasi in un’ideale prosecuzione newyorkese del losangelino "Crash - Contatto Fisico" vincitore (secondo me a grandissimo merito) dell’Oscar come miglior film della passata stagione.

SPOILER
Clive Owen e altri tre complici si travestono da imbianchini e, mascherati con anonime tute bianche che li rendono indistinguibili l’uno dall’altro, entrano in una banca di New York. Dopo aver sequestrato tutte le persone all’interno e avergli fatto indossare costumi identici ai loro, sembra che facciano di tutto per essere accerchiati dalla polizia e perchè il sequestro duri il più a lungo possibile. In realtà non sono i soldi custoditi all’interno del cavot della banca a interessargli, bensì un’unica cassetta di sicurezza piena di diamanti e contenente un documento che svelerebbe il passato nazista del fondatore dell banca stessa. Mentre un Denzel Washington secondo me un pò troppo sopra le righe interpreta il detective incaricato del caso e Willem Dafoe è il suo doppio/antitesi all’interno della Polizia, Jodie Foster, in una (per lei) inusuale "marchetta", fa la parte di un intermediario
che salvaguarda gli interessi del padrone della banca (Christopher Plummer). Personaggio che secondo me non le dà certo la possibilità di esprimersi al meglio, limitandola a tutta una serie di battute dal dubbio sarcasmo che incatenano la Foster a una mediocrità attoriale che davvero le sta stretta.
FINE SPOILER

"Inside Man", ovvero "l’uomo all’interno": se di una prigione, di una banca o di una città -NY- è tutto da decifrare; ma si potrebbe anche leggere come "l’infiltrato", e a questo punto l’"iside man" sarebbe non Owen ma Washington. Un uomo di colore in mezzo a "cose da bianchi" (White è ,fra l’altro, il cognome della Foster in questo film) che si atteggia a nero (è fracassone e sboccato come pochi) "facendo finta" di essere bianco. Perdonate le acrobazie di cui sopra, ma il personaggio di Washington mi è sembrato stavolta molto difficile da catalogare. Così come difficile da catalogare è il film stesso.
Un thriller molto statico. Un noir senza il morto. Una rapina senza nè rapinatori (la fanno tutti franca), nè morti, nè bottino (sembra che non rubino niente). A questo punto rimane una categoria in cui poter collocare "Inside Man": il Western: Washington come un novello sceriffo di colore che fa suo l’ingratissimo compito di sistemare alla meglio le cose e, per quanto possibile, rimettere pace nel caos interraziale di un villaggio di frontiera che si chiama New York.

Sullo sfondo della storia (ma, dato il regista, potrebbe anche essere in primo piano e la vicenda narrata potrebbe essere solo un diversivo per "distrarci") una New York ancora visibilmente scossa dall’11 Settembre: in una scena ambientata nei pressi dell’imbarcadero per la Statua della Libertà, il regista che riprende un dialogo fra la Foster e Plummer, indulge quasi senza che ce ne accorgiamo in direzione di Ground Zero, che appare in mezzo ai due in alternanza con il simbolo dell’immigrazione più famoso al mondo. Ma in effetti non c’è niente di cui rimanere stupiti per uno spazio vuoto.


  Visualizza il profilo di cabal22  Invia un messaggio privato a cabal22  Vai al sito web di cabal22    Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 14-04-2006 13:04  
quote:
In data 2006-04-14 12:20, cabal22 scrive:
Spike Lee si cimenta col "genere". Lo aveva già fatto con "S.O.S. - Summer of Sam" e in un altro paio d’occasioni e qui ci "ricasca". "Inside Man" è un thriller/noir che ha come ambientazione una rapina in banca e che chiama apertamente in causa "Un Pomeriggio di un Giorno da Cani".

Nella miglior tradizione di Lee il tutto è inserito, già come in "S.O.S. - Summer of Sam" (anche se in maniera decisamente meno marcata -a proposito: VOTO , all’interno di un contesto molto più ampio, quello della multiforme e mutante umanità frenetica e multietnica di New York, la grande mela (marcia?) d’America.
Al di là dei giudizi spikiani sulla città in cui è nato e cresciuto (che possono essere più o meno benevoli a seconda del film del bravissimo regista che si vuole prendere in considerazione), in "Inside Man" sono la multiculturalità e la diffidenza reciproca che allontanano l’uomo dall’uomo, fino a rendere quasi palese il concetto che l’umanità è davvero la peggior nemesi di se stessa ("homo homini lupus" per rievocare, in un attimo di onanismo culturale, Hobbes), che hanno il coltello dalla parte del manico o, rimanendo in tema, la pistola dalla parte del calcio. Quasi in un’ideale prosecuzione newyorkese del losangelino "Crash - Contatto Fisico" vincitore (secondo me a grandissimo merito) dell’Oscar come miglior film della passata stagione.

SPOILER
Clive Owen e altri tre complici si travestono da imbianchini e, mascherati con anonime tute bianche che li rendono indistinguibili l’uno dall’altro, entrano in una banca di New York. Dopo aver sequestrato tutte le persone all’interno e avergli fatto indossare costumi identici ai loro, sembra che facciano di tutto per essere accerchiati dalla polizia e perchè il sequestro duri il più a lungo possibile. In realtà non sono i soldi custoditi all’interno del cavot della banca a interessargli, bensì un’unica cassetta di sicurezza piena di diamanti e contenente un documento che svelerebbe il passato nazista del fondatore dell banca stessa. Mentre un Denzel Washington secondo me un pò troppo sopra le righe interpreta il detective incaricato del caso e Willem Dafoe è il suo doppio/antitesi all’interno della Polizia, Jodie Foster, in una (per lei) inusuale "marchetta", fa la parte di un intermediario
che salvaguarda gli interessi del padrone della banca (Christopher Plummer). Personaggio che secondo me non le dà certo la possibilità di esprimersi al meglio, limitandola a tutta una serie di battute dal dubbio sarcasmo che incatenano la Foster a una mediocrità attoriale che davvero le sta stretta.
FINE SPOILER

"Inside Man", ovvero "l’uomo all’interno": se di una prigione, di una banca o di una città -NY- è tutto da decifrare; ma si potrebbe anche leggere come "l’infiltrato", e a questo punto l’"iside man" sarebbe non Owen ma Washington. Un uomo di colore in mezzo a "cose da bianchi" (White è ,fra l’altro, il cognome della Foster in questo film) che si atteggia a nero (è fracassone e sboccato come pochi) "facendo finta" di essere bianco. Perdonate le acrobazie di cui sopra, ma il personaggio di Washington mi è sembrato stavolta molto difficile da catalogare. Così come difficile da catalogare è il film stesso.
Un thriller molto statico. Un noir senza il morto. Una rapina senza nè rapinatori (la fanno tutti franca), nè morti, nè bottino (sembra che non rubino niente). A questo punto rimane una categoria in cui poter collocare "Inside Man": il Western: Washington come un novello sceriffo di colore che fa suo l’ingratissimo compito di sistemare alla meglio le cose e, per quanto possibile, rimettere pace nel caos interraziale di un villaggio di frontiera che si chiama New York.

Sullo sfondo della storia (ma, dato il regista, potrebbe anche essere in primo piano e la vicenda narrata potrebbe essere solo un diversivo per "distrarci") una New York ancora visibilmente scossa dall’11 Settembre: in una scena ambientata nei pressi dell’imbarcadero per la Statua della Libertà, il regista che riprende un dialogo fra la Foster e Plummer, indulge quasi senza che ce ne accorgiamo in direzione di Ground Zero, che appare in mezzo ai due in alternanza con il simbolo dell’immigrazione più famoso al mondo. Ma in effetti non c’è niente di cui rimanere stupiti per uno spazio vuoto.




mi picciono alcune tue considerazioni come sull'"inside man" che può essere identificato nella figura di Washington e la presenza latente del post 11/9 (c'è anche la scena coll'arabo scambiato per sequestratore). Non vedo però in questo grosse analogie con SOS che non mi sembra affatto un film di genere (tant'è che non c'è neanche un vero finale del thriller). Il White comunque è il cognome della Foster ed a lei si riferiscono possibili parallelismo (biacchi presuntuosi, bianchi-nazisti,bianchi-più sporchi degli altri), non a Washington che va invece inquadrato nell'omnipresente tematica di Spike Lee ovvero il fare la cosa giusta (che allegato alla diversità delle razze, era il tema portante di Bambloozed).
---

A prescindere da tutto, in quesdto film mi è sembrato di cogliere un intento quasi polemico di Lee verso Hollywood (vi ricordate quando gli levarono il progetto di Alì perchè considerato troppo politico e non adatto ad un blockbuster?) del genere:
"Guardate come, se solo voglio, vi faccio un film alla Michael Mann".
Certo Mann su questo genere è inavvicinabile, ma Lee se la cava comunque egregiamente.
_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
Hawke84

Reg.: 08 Giu 2004
Messaggi: 5586
Da: Cavarzere (VE)
Inviato: 14-04-2006 18:46  
se tutto va bene sta sera me lo regalo..
_________________
perchè l'italiano è sempre quello che va piano quando vede la macchina della polizia e appena passata corre oltre il limite.

[anthares]

  Visualizza il profilo di Hawke84  Invia un messaggio privato a Hawke84  Vai al sito web di Hawke84    Rispondi riportando il messaggio originario
cabal22

Reg.: 15 Mar 2006
Messaggi: 2812
Da: Livorno (LI)
Inviato: 14-04-2006 19:12  
quote:
In data 2006-04-14 13:04, gatsby scrive:
quote:
In data 2006-04-14 12:20, cabal22 scrive:
Spike Lee si cimenta col "genere". Lo aveva già fatto con "S.O.S. - Summer of Sam" e in un altro paio d’occasioni e qui ci "ricasca". "Inside Man" è un thriller/noir che ha come ambientazione una rapina in banca e che chiama apertamente in causa "Un Pomeriggio di un Giorno da Cani".

Nella miglior tradizione di Lee il tutto è inserito, già come in "S.O.S. - Summer of Sam" (anche se in maniera decisamente meno marcata -a proposito: VOTO , all’interno di un contesto molto più ampio, quello della multiforme e mutante umanità frenetica e multietnica di New York, la grande mela (marcia?) d’America.
Al di là dei giudizi spikiani sulla città in cui è nato e cresciuto (che possono essere più o meno benevoli a seconda del film del bravissimo regista che si vuole prendere in considerazione), in "Inside Man" sono la multiculturalità e la diffidenza reciproca che allontanano l’uomo dall’uomo, fino a rendere quasi palese il concetto che l’umanità è davvero la peggior nemesi di se stessa ("homo homini lupus" per rievocare, in un attimo di onanismo culturale, Hobbes), che hanno il coltello dalla parte del manico o, rimanendo in tema, la pistola dalla parte del calcio. Quasi in un’ideale prosecuzione newyorkese del losangelino "Crash - Contatto Fisico" vincitore (secondo me a grandissimo merito) dell’Oscar come miglior film della passata stagione.

SPOILER
Clive Owen e altri tre complici si travestono da imbianchini e, mascherati con anonime tute bianche che li rendono indistinguibili l’uno dall’altro, entrano in una banca di New York. Dopo aver sequestrato tutte le persone all’interno e avergli fatto indossare costumi identici ai loro, sembra che facciano di tutto per essere accerchiati dalla polizia e perchè il sequestro duri il più a lungo possibile. In realtà non sono i soldi custoditi all’interno del cavot della banca a interessargli, bensì un’unica cassetta di sicurezza piena di diamanti e contenente un documento che svelerebbe il passato nazista del fondatore dell banca stessa. Mentre un Denzel Washington secondo me un pò troppo sopra le righe interpreta il detective incaricato del caso e Willem Dafoe è il suo doppio/antitesi all’interno della Polizia, Jodie Foster, in una (per lei) inusuale "marchetta", fa la parte di un intermediario
che salvaguarda gli interessi del padrone della banca (Christopher Plummer). Personaggio che secondo me non le dà certo la possibilità di esprimersi al meglio, limitandola a tutta una serie di battute dal dubbio sarcasmo che incatenano la Foster a una mediocrità attoriale che davvero le sta stretta.
FINE SPOILER

"Inside Man", ovvero "l’uomo all’interno": se di una prigione, di una banca o di una città -NY- è tutto da decifrare; ma si potrebbe anche leggere come "l’infiltrato", e a questo punto l’"iside man" sarebbe non Owen ma Washington. Un uomo di colore in mezzo a "cose da bianchi" (White è ,fra l’altro, il cognome della Foster in questo film) che si atteggia a nero (è fracassone e sboccato come pochi) "facendo finta" di essere bianco. Perdonate le acrobazie di cui sopra, ma il personaggio di Washington mi è sembrato stavolta molto difficile da catalogare. Così come difficile da catalogare è il film stesso.
Un thriller molto statico. Un noir senza il morto. Una rapina senza nè rapinatori (la fanno tutti franca), nè morti, nè bottino (sembra che non rubino niente). A questo punto rimane una categoria in cui poter collocare "Inside Man": il Western: Washington come un novello sceriffo di colore che fa suo l’ingratissimo compito di sistemare alla meglio le cose e, per quanto possibile, rimettere pace nel caos interraziale di un villaggio di frontiera che si chiama New York.

Sullo sfondo della storia (ma, dato il regista, potrebbe anche essere in primo piano e la vicenda narrata potrebbe essere solo un diversivo per "distrarci") una New York ancora visibilmente scossa dall’11 Settembre: in una scena ambientata nei pressi dell’imbarcadero per la Statua della Libertà, il regista che riprende un dialogo fra la Foster e Plummer, indulge quasi senza che ce ne accorgiamo in direzione di Ground Zero, che appare in mezzo ai due in alternanza con il simbolo dell’immigrazione più famoso al mondo. Ma in effetti non c’è niente di cui rimanere stupiti per uno spazio vuoto.




mi picciono alcune tue considerazioni come sull'"inside man" che può essere identificato nella figura di Washington e la presenza latente del post 11/9 (c'è anche la scena coll'arabo scambiato per sequestratore). Non vedo però in questo grosse analogie con SOS che non mi sembra affatto un film di genere (tant'è che non c'è neanche un vero finale del thriller). Il White comunque è il cognome della Foster ed a lei si riferiscono possibili parallelismo (biacchi presuntuosi, bianchi-nazisti,bianchi-più sporchi degli altri), non a Washington che va invece inquadrato nell'omnipresente tematica di Spike Lee ovvero il fare la cosa giusta (che allegato alla diversità delle razze, era il tema portante di Bambloozed).
---

A prescindere da tutto, in quesdto film mi è sembrato di cogliere un intento quasi polemico di Lee verso Hollywood (vi ricordate quando gli levarono il progetto di Alì perchè considerato troppo politico e non adatto ad un blockbuster?) del genere:
"Guardate come, se solo voglio, vi faccio un film alla Michael Mann".
Certo Mann su questo genere è inavvicinabile, ma Lee se la cava comunque egregiamente.




Forse non hai tutti i torti. Comunque a me sembra che sia quella del serial killer la storia portante. La ricerca di Sam è il vero filo conduttore (il film si apre e si chiude con la sua vicenda, mi pare), le cui "gesta" servono a presentare la vita newyorkese di quegli anni, fatta di disco-nights in cui si ballano le canzoni "cult" di quegli anni e mafiosi italoamericani che rappresentano gli ultimi strascichi dello strapotere della mafia di casa nostra a Ny (poi sostituita da svariati cartelli di varie etnie: vedi King of New York di Ferrara per es.), fra omosessualità e neo-punk (Adrien Brody emulo di Johnny Rotten e la faccenda del CBGB's). Certo la storia Leguizamo/Sorvino è fondamentale per il film (PS: a me ricorda tanto Eyes Wide Shut), ma ripeto: il filo conduttore mi sembra Sam.

Non volevo certo dire che Washington è un nero che "gioca" a fare il bianco o che cerca in qualche modo di essere assimilato alla cultura dei bianchi. Come dici te è uno che "cerca di fare la cosa giusta" I bioanchi in questo film non mi sembrano poi nemmeno visti tutti così male: certo c'è la Foster e Plummer, ma ci sono anche Dafoe e (ad es.) il primo poliziotto che accorre alla banca.
Io non farei di tutta l'erba un fascio e non direi proprio che per Lee i bianchi sono tutti corrotti o figli di buona donna: i personaggi positivi bianchi li ha presentati anche lui, anche in questo film.

Concordo su Mann: Heat è un classico del genere ed è un film fantastico. Se poi aggiungiamo che è il film in cui Pacino e De Niro si incontrano per la prima volta... basta, ho detto tutto.

  Visualizza il profilo di cabal22  Invia un messaggio privato a cabal22  Vai al sito web di cabal22    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( 1 | 2 | 3 | 4 | 5 Pagina successiva )
  
0.340790 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: