FilmUP.com > Forum > Attualità - Hina Saleem e il polverone
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Hina Saleem e il polverone   
Autore Hina Saleem e il polverone
Janet13
ex "vinegar"


Reg.: 23 Ott 2005
Messaggi: 15804
Da: Cagliari (CA)
Inviato: 21-08-2006 02:35  
Strano che nessuno abbia aperto una discussione su questo fatto...

E' vero che trattando troppo a lungo questo argomento si rischia di incentivare "l'odio" verso la comunità musulmana e di strumentalizzare questo atto per trovare ulteriori argomenti di allontanamento da loro.

Che pensate del polverone che si è sollevato dietro questa situazione? Io ho notato, leggendo commenti su altri siti, che le persone tendono troppo ad utilizzare il termine "INTEGRAZIONE" a sproposito.

Secondo me non si può condannare l'intera comunità di immigrati per un atto compiuto da un uomo con idee più reazionarie degli altri (dalle interviste che ho avuto modo di sentire, gli immigrati arabi e pakistani hanno ritenuto il gesto eccessivo, pur comprendendo le ragioni del padre, cosa che comunque dimostra una differenza sostanziale di mentalità con la nostra occidentale).

Che idea vi siete fatti a proposito?
_________________
"Mi scusi ma... non m'ha già visto in qualche posto?"
"Ricordo il nome ma non la faccia"

  Visualizza il profilo di Janet13  Invia un messaggio privato a Janet13    Rispondi riportando il messaggio originario
Jakkma

Reg.: 07 Mag 2003
Messaggi: 1168
Da: Busto Arsizio (VA)
Inviato: 21-08-2006 10:47  
Quello che è successo a Hina non sarebbe mai dovuto succedere, è ovvio. Io, però, comincio a stufarmi di questa grancassa mediatica, che pubblica i diari della ragazza, sottolinea pesantemente la fede musulmana del padre e dei fratelli, versa lacrime accorate sulla poverina che "voleva solo vivere", e, dulcis in fundo, fa sentire le voci dei vicini, che, ovviamente, sparano a zero su tutti gli immigrati. Roba da fare invidia a Or-jena Fallaci. Poi, ci stupiamo se l'atmosfera si fa sempre più pesante. Ha ragione il mitico Pete Marino di Patricia Cornwell a urlare contro i giornalisti: "Manica di figli di puttana! Sparite, se no vi sparo nel culo!"
_________________
La storia è maestra, ma nessuno impara quasi mai niente. -Marco Travaglio-
L'indipendenza è una bella cosa; purtroppo, non ci sono uomini liberi. -Peter Gomez-

  Visualizza il profilo di Jakkma  Invia un messaggio privato a Jakkma    Rispondi riportando il messaggio originario
Julian

Reg.: 27 Gen 2003
Messaggi: 6177
Da: Erbusco (BS)
Inviato: 21-08-2006 11:27  
Il fatto è accaduto a poca distanza da casa mia, alcuni miei amici conoscevano di vista la ragazza.
Che dire? Questo atto è mostruoso, medioevale, definirlo fascista è quasi un complimento.
Purtroppo la storia ci insegna che da sempre ci sono fortissimi contrasti fra le diverse generazioni di immigrati: i più anziani sono legati alle tradizioni (anche se barbare) del proprio paese, i giovani sono molto più vicini alla cultura del paese in cui vivono. Sono essenzialmente molto più occidentali.
Questi problemi si verificavano anche quando gli italiani emigravano in America ( e del resto fino al 1975 in Italia esisteva il delitto d'onore).
Ciò non toglie che la cosa sia veramente disgustosa, spero che prendano e puniscano severamente gli assassini. Però temo che certe cose cambieranno solo fra 20-30 anni con le nuove generazioni, che saranno molto più simili a quelle italiane dal punto di vista culturale.
_________________
Se nulla capivo, qui tu finalmente
nulla lasciavi germogliare sulla brulla,
paradossale, tra noi terra infondata,
dove sono i leoni, ammattiti e marroni
lasciando immaginare
la sposa occidentale.

  Visualizza il profilo di Julian  Invia un messaggio privato a Julian    Rispondi riportando il messaggio originario
ipergiorg

Reg.: 08 Giu 2004
Messaggi: 10143
Da: CARBONERA (TV)
Inviato: 21-08-2006 13:53  
non capisco cosa centri il fascismo...

Un padre che ammazza la figlia perchè non si comporta secondo le sue regole morali è semplicemente mostruoso, non riesco nemmeno ad immaginare un essere umano così. Non si tratta di integrarsi con la società italiana che ti ospita, si tratta di comportarsi come un essere umano e non come un mostro.
_________________
Spock: We must acknowledge once and for all that the purpose of diplomacy is to prolong a crisis.

  Visualizza il profilo di ipergiorg  Invia un messaggio privato a ipergiorg  Vai al sito web di ipergiorg    Rispondi riportando il messaggio originario
Janet13
ex "vinegar"


Reg.: 23 Ott 2005
Messaggi: 15804
Da: Cagliari (CA)
Inviato: 21-08-2006 16:09  
quote:
In data 2006-08-21 13:53, ipergiorg scrive:
Non si tratta di integrarsi con la società italiana che ti ospita, si tratta di comportarsi come un essere umano e non come un mostro.




E' la prima volta che sento una persona di destra pensarla in questo modo...finalmente!


_________________
"Mi scusi ma... non m'ha già visto in qualche posto?"
"Ricordo il nome ma non la faccia"

  Visualizza il profilo di Janet13  Invia un messaggio privato a Janet13    Rispondi riportando il messaggio originario
quentin84

Reg.: 20 Lug 2006
Messaggi: 3011
Da: agliana (PT)
Inviato: 21-08-2006 19:57  
Hina Saleem è stata uccisa da una mentalità patriarcale e retrogada alla quale noi italiani non siamo certo immuni (avete visto Divorzio all'italiana ? ).
Il Corano condanna l'adulterio e il sesso fuori dal matrimonio, ma non da' ai genitori potere di vita e di morte sui figli ,è pur vero che in molti Paesi islamici ,questa e altre barbare tradizioni come l'infibulazione (anch'essa non prevista dal Corano) sono tollerate,purtroppo.
Criminalizzare gli immigrati musulmani in blocco non risolve niente , per quanto difficile dobbiamo continuare con il dialogo perchè la società multietnica è già una realtà e noi dobbiamo fare di tutto per favorire l'integrazione , ma i musulmani devono capire che se vogliono vivere insieme a noi (e molti di loro lo vogliono) devono ridiscutere alcuni aspetti della loro tradizione , specie per quanto riguarda il rapporto tra i sessi.

  Visualizza il profilo di quentin84  Invia un messaggio privato a quentin84    Rispondi riportando il messaggio originario
quentin84

Reg.: 20 Lug 2006
Messaggi: 3011
Da: agliana (PT)
Inviato: 21-08-2006 19:57  
Hina Saleem è stata uccisa da una mentalità patriarcale e retrogada alla quale noi italiani non siamo certo immuni (avete visto Divorzio all'italiana ? ).
Il Corano condanna l'adulterio e il sesso fuori dal matrimonio, ma non da' ai genitori potere di vita e di morte sui figli ,è pur vero che in molti Paesi islamici ,questa e altre barbare tradizioni come l'infibulazione (anch'essa non prevista dal Corano) sono tollerate,purtroppo.
Criminalizzare gli immigrati musulmani in blocco non risolve niente , per quanto difficile dobbiamo continuare con il dialogo perchè la società multietnica è già una realtà e noi dobbiamo fare di tutto per favorire l'integrazione , ma i musulmani devono capire che se vogliono vivere insieme a noi (e molti di loro lo vogliono) devono ridiscutere alcuni aspetti della loro tradizione , specie per quanto riguarda il rapporto tra i sessi.

  Visualizza il profilo di quentin84  Invia un messaggio privato a quentin84    Rispondi riportando il messaggio originario
Jakkma

Reg.: 07 Mag 2003
Messaggi: 1168
Da: Busto Arsizio (VA)
Inviato: 22-08-2006 08:05  
Sono perfettamente d'accordo con te, Quentin, ma questi discorsi si dovrebbe farli ai giornalisti venduti, che amplificano a dismisura i fatti di cronaca nera di cui sono responsabili gli immigrati. Ieri sera, al TG5, hanno fatto vedere le reazioni dei bresciani ai tre fatti clamorosi di questi giorni: Hina, la ragazza uccisa dal cingalese e il pittore Aldo Bresciani. Ovvio che abbiano fatto vedere solo tre interviste, tutte di gente che vorrebbe mettere al muro tutti gli extracomunitari. Questa è disinformatjia bella e buona, come nella cara, vecchia Unione Sovietica. Sì, hanno anche fatto vedere cosa dicono gli extracomunitari: una persona sola, che parlava un pessimo italiano e non ho capito cosa volesse dire. Il messaggio che passa é: guardate questi qua, che vogliono stare in Italia e non si imparano manco la lingua! La verità è che la società multietnica dovremmo prima concepirla ed accettarla con la nostra testa, più che con le nostre leggi; altrimenti, non ci sarà barba di legge che favorirà l'integrazione.
_________________
La storia è maestra, ma nessuno impara quasi mai niente. -Marco Travaglio-
L'indipendenza è una bella cosa; purtroppo, non ci sono uomini liberi. -Peter Gomez-

  Visualizza il profilo di Jakkma  Invia un messaggio privato a Jakkma    Rispondi riportando il messaggio originario
Julian

Reg.: 27 Gen 2003
Messaggi: 6177
Da: Erbusco (BS)
Inviato: 23-08-2006 10:11  
Io non metto minimamente in dubbio il fatto che il padre di Hina si sia comportato come una persona folle. Tuttavia il suo comportamento trova in parte spiegazione in certi aspetti culturali di quei paesi.
Lungi da me criminalizzare chi viene in Italia. Chi frequenta il forum da un pò conosce le mie posizioni politiche: io so perfettamente cosa queste persone sono spesso costrette a subire nei propri paesi, so che esiste ancora il colonialismo e che parte della nostra ricchezza è dovuta al colonialismo; so che in buona parte gli immigrati sono assolutamente necessari alla nostra economia: le imprese italiane necessitano di manodopera a basso costo e sfruttano senza mezzi termini queste persone; so anche che spesso sono proprio gli extra- comunitari a pagare per crimini come lo spaccio di droga, mentre chi regge le redini del gioco rimane impunito (quando non è in palese accordo con le forze di governo).
Questi episodi non cambiano di una virgola queste realtà. Il nostro debito nei confronti degli immigrati è enorme, si è accomulato nell'arco dei secoli, non verrà mai ripagato.
Tuttavia non posso che condannare con ferocia queste pratiche medioevali (che da noi sono scomparse da poco tempo, a dir la verità) ed inumane. So per certo che a partire dalla prossima generazione di immigrati le cose cambieranno profondamente, però il problema oggi esiste, inutile nasconderlo. Non tutti i paesi seguono i medesimi ritmi di sviluppo: per secoli l'oriente è stato più "avanzato" dell'occidente. A partire dal 700' la situazione si è rovesciata: oggi la nostra società non è certo scevra di contraddizioni, ma lo sviluppo del capitalismo nelle sue varie fasi ( e con le varie lotte e rivolte che questo ha provocato, ma mi fermo perchè vado OT) ci ha consentito di superare in buona parte certe pratiche barbare e certe tradizioni inumane. C'è voluto molto tempo, c'è voluto molto sangue.
Ecco, in paesi come il Pakistan questa fase di superamento è ancora agli albori, qualcosa si muove, ma servirà tempo. E' ovvio che l' integrazione fra culture così distanti non può essere facile...ma è assolutamente necessario adoperarsi affinchè queste brutalità non vengano più considerate non dico accettabili ma quasi "normali".
In molti paesi è così (e non solo in quelli islamici o del terzo mondo): in Brasile o negli Usa la "coscienza collettiva" non condanna l'uso delle armi o della tortura. Negli Usa si accetta la pena di morte. Noi stessi accettiamo senza dannarci troppo il fatto che quasi ogni giorno nelle nostre acque si verifichino tragedie immani.
Ciò che deve cambiare è quindi la mentalità, la "coscienza comune".
_________________
Se nulla capivo, qui tu finalmente
nulla lasciavi germogliare sulla brulla,
paradossale, tra noi terra infondata,
dove sono i leoni, ammattiti e marroni
lasciando immaginare
la sposa occidentale.

  Visualizza il profilo di Julian  Invia un messaggio privato a Julian    Rispondi riportando il messaggio originario
Kermunos

Reg.: 19 Nov 2004
Messaggi: 2306
Da: Gorizia (GO)
Inviato: 24-08-2006 02:06  
quote:
In data 2006-08-21 02:35, Janet13 scrive:
Strano che nessuno abbia aperto una discussione su questo fatto...

E' vero che trattando troppo a lungo questo argomento si rischia di incentivare "l'odio" verso la comunità musulmana e di strumentalizzare questo atto per trovare ulteriori argomenti di allontanamento da loro.

Che pensate del polverone che si è sollevato dietro questa situazione? Io ho notato, leggendo commenti su altri siti, che le persone tendono troppo ad utilizzare il termine "INTEGRAZIONE" a sproposito.

Secondo me non si può condannare l'intera comunità di immigrati per un atto compiuto da un uomo con idee più reazionarie degli altri (dalle interviste che ho avuto modo di sentire, gli immigrati arabi e pakistani hanno ritenuto il gesto eccessivo, pur comprendendo le ragioni del padre, cosa che comunque dimostra una differenza sostanziale di mentalità con la nostra occidentale).

Che idea vi siete fatti a proposito?


Personalmente, e umilmente, che è un omicidio premeditato e basta. A prescindere da questioni religiose, culturali, di provenienza geografica. Le motivazioni che stanno ditero un simile assassinio, non centrano, sono irrilevanti. Servono a far parlare della cosa in termini politici e mediatici, ma sono ininfluenti ai fini dell'atto in se.
_________________
"Fortunatamente io rispetto un regime di droghe piuttosto rigido, per mantenere la mente diciamo... flessibile"

"Questo non é il Vietnam. E' FilmUp, ci sono delle regole"

  Visualizza il profilo di Kermunos  Invia un messaggio privato a Kermunos  Email Kermunos     Rispondi riportando il messaggio originario
  
0.122311 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: