FilmUP.com > Forum > Attualità - Prodi va in Cina per far gli affari di qualche privato
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Prodi va in Cina per far gli affari di qualche privato   
Autore Prodi va in Cina per far gli affari di qualche privato
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 16-09-2006 11:28  
Lo Stato italiano , nelle vesti di Prodi e del suo entourage, sta concludendo un viaggio in Cina. Non va come rappresentante di tutti gli italiani, ma ci va secondo la funzione che prevede il nostro sistema economico, chiamato comunemente "capitalismo" ( le virgolette sono d'obbligo) , in realtà un socialismo di stato per ricchi.
Prodi infatti è a caccia di quote di mercato per le imprese private italiane. Lo Stato è al servizio di qualche cittadino privato che si terrà poi i suoi profitti, ringraziando del generoso aiuto.

E' solo un altro esempio per demolire i teoremi della moderna economia che si possono leggere sui giornali.

Quando si parla di libero mercato , di naturale competizione tra le aziende, di concorrenza che regola la domanda e l'offerta, occorre tenere bene in mente che si tratta di pura ideologia senza alcun riscontro con la realtà.
E' solo per l'interazione necessaria tra Stato e impresa privata che un sistema del genere può funzionare e un imprenditore privato può prosperare. Diversamente sarebbe spazzato via dalla concorrenza.
Eppure ogni editoriale che si rispetti ricalca questo ridicolo modello, per evitare al cittadino di comprendere che dovrà lavorare per tutta la sua vita al servizio di qualche paraculo assisito statalmente, esente da alcun dovere nei confronti della comunità.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 16-09-2006 11:33  
Già che ci sono riporto le note tesi di un grandissimo economista americano morto di recente, John Kennet Galbraith.


1) In ampi settori dell'economia i prezzi e le quantità di beni non sono più legati alla libera concorrenza tra produttori e consumatori, ma dai poteri contrapposti di grandi gruppi che impongono le loro logiche al mercato


e il suo sito
http://www.ildiogene.it/EncyPages/Ency=Galbraith.html

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 19-09-2006 10:39  
Ecco alcuni risultati della missione di Prodi in Cina. Anche lui, dopo Fini, dichiara che l'embargo alla vendita di armi ai cinesi deve finire.
Armi alla Cina

Che cosa avrà mai spinto il premier a una simile dichiarazione? Sarà forse perchè il mercato delle armi rappresenta un giro di affari mostruoso (la pagina linkata è sulla pagina economica di Repubblica) e che lui era lì assieme a centinaia di imprenditori privati?

Nulla contro di Prodi, che fa solo il suo dovere istituzionale: cercare quote di mercato per qualche cittadino privato statalmente assistito. L'economia moderna funziona così(fino a che la maggioranza dirà STOP).

[ Questo messaggio è stato modificato da: Quilty il 19-09-2006 alle 16:51 ]

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
  
0.111058 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: