FilmUP.com > Forum > Attualità - Vivisezione
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Vivisezione   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 )
Autore Vivisezione
MrWolf

Reg.: 17 Dic 2001
Messaggi: 1616
Da: fano (PS)
Inviato: 22-09-2002 17:43  
eheh questa volta nn ho capito io..in che senso disturbato?
_________________
Chiaro come un lago senza fango; così limpido come un cielo d'estate sempre blu...

  Visualizza il profilo di MrWolf  Invia un messaggio privato a MrWolf  Email MrWolf    Rispondi riportando il messaggio originario
nadia906


Reg.: 08 Apr 2002
Messaggi: 34
Da: Salerno (SA)
Inviato: 22-09-2002 19:40  
Certo, i dubbi sono legittimi, se ci viene chiesto: è preferibile salvare la vita di un bambino o quella di un topo? La vera scelta, però, è tra falsa scienza e vera scienza, al di là di qualsiasi ragionamento di tipo etico: la vivisezione (anzi, sperimentazione animale, come la chiamano i torturatori) è solamente una pratica medievale, inutile e fuorviante, molto spesso dannosa, perché gli animali non sono modelli sperimentali attendibili per l’uomo e su di lui bisogna ricominciare da capo... E’ il caso del Talidomide, un tranquillante per gestanti che, sebbene ampiamente sperimentato sugli animali, negli anni ’50 causò la focomelia di oltre 10.000 bambini, nati senza gambe e senza braccia ed oltre 4.000 casi di morte! Oggi, sempre più professionisti (es. i membri della LIMAV, Lega Internazionale Medici Anti Vivisezione), decidono per alternative incruenti e decisamente più efficaci, come la coltura delle cellule umane in vitro: avete notato che sui topi funziona di tutto, dalla pillola contro l’obesità alla terapia anti-cancro? Grazie alle “scoperte miracolose” dei vivisettori, oggi tutti i tumori (sulle scimmie, ad esempio, il vaccino contro l’AIDS è già stato trovato da tempo) dovrebbero essere un vago ricordo, ma non è così! Perché, allora, è così dura a morire? Perché, testando una qualsiasi sostanza sugli animali, i vivisettori possono dimostrare tutto ed il contrario di tutto, semplicemente cambiando la specie animale utilizzata, visto che differenze fondamentali vi sono anche tra la cavia ed il topo (è il caso della penicillina, che se fosse stata testata sulla prima e non sul secondo, si sarebbe rivelata velenosa e probabilmente avrebbe impedito a priori che l'intera gamma degli antibiotici venisse scoperta), figuriamoci tra animali ed uomini! La vivisezione, poi, porta continui finanziamenti ai torturatori ed inoltre facilita le carriere universitarie, basate sul numero di ricerche fatte: chi se ne frega se gli esperimenti fatti sono sorpassati, crudelissimi e se non salveranno mai la vita a nessuno: l’importante è farli! Inoltre, questo genere di test, offrono alle grandi società la possibilità di difendersi in caso di danni alla salute causati dai loro prodotti, potendo sostenere di aver eseguito i dovuti esperimenti sugli animali. Gli animali, come noi, provano dolore e sentono l’angoscia per la morte, ma fisiologicamente sono differenti da noi per una moltitudine di motivi. A questo proposito, vi consiglio di leggere queste due pagine che a me hanno davvero aperto gli occhi (il sito è lo stesso della mostra fotografica):

http://www.novivisezione.org/info/50disastri.htm

http://www.novivisezione.org/info/topicidi.htm

Scusate la lunghezza dello sfogo, ma volevo fare presente solo un’ultima cosa: dal 1993, la legge italiana prevede che, chi si iscrive ad una facoltà scientifica, ha tutto il diritto di praticare l’obiezione di coscienza agli esperimenti su animali ed a richiedere alternative a questi... E’ un diritto importantissimo, ma ancora troppo poco conosciuto: ricordatevi che nessun professore può farvi ricatti morali, del tipo “tanto poi l’esame lo fate con me”!
_________________
L'uomo è l'unico animale in grado di arrossire... Ma è anche l'unico ad averne bisogno.

  Visualizza il profilo di nadia906  Invia un messaggio privato a nadia906  Email nadia906    Rispondi riportando il messaggio originario
nadia906


Reg.: 08 Apr 2002
Messaggi: 34
Da: Salerno (SA)
Inviato: 22-09-2002 20:19  
Scusatemi, so di essere monotematica (l’argomento mi prende moltissimo) e ci sarebbe ancora tanto da dire, ma volevo solo aggiungere un altro colossale errore della vivisezione: quello di identificare i sintomi con la malattia, ossia confondere l'effetto con la causa. Esempio: per studiare l'osteoartrosi o altre deformazioni delle articolazioni umane, i vivisettori prendono a martellate le zampe dell'animale, fino a frantumare completamente le ossa. La povera bestiola potrà pertanto presentare gli stessi sintomi (intenso dolore, inibizione nel movimento, ecc.) di chi soffre di osteoartrosi, ma non avrà mai la stessa malattia: lo studio su un tale soggetto non servirà ad alcun buon fine se non a quello di assicurare la busta paga al vivisettore o una pubblicazione in più ad un ricercatore in carriera! Stesso discorso per studiare l'epilessia: si infliggono potenti scariche elettriche al gatto o vengono inoculate nel suo cervello enormi quantità di ossido di alluminio, che comportano al gatto non un attacco epilettico, ma solo gli stessi sintomi, in quanto il poveretto si contorce ed urla perché straziato dal dolore insopportabile. Discorso simile per i tumori indotti sugli animali, mediante inoculazione di enormi quantità di sostanze cancerogene o mediante innesti di tessuti cancerosi: questo tipo di cancro non ha nulla a che vedere con quello che si sviluppa spontaneamente nell'organismo umano, oltre che per le caratteristiche biochimiche e morfologiche, soprattutto per l'assoluta mancanza di metastasi, ossia proprio ciò che rende letale il decorso della malattia. Che futuro sarà mai il nostro se questa pratica mostruosa non verrà del tutto debellata? Stesso discorso di fondo, ancora più inconcepibile, per i test di tossicità dei cosmetici: il test standard, chiamato LD50, è utilizzato, invariato, da oltre mezzo secolo e consiste nel somministrare dosi crescenti di una sostanza chimica (ma anche farmaci) agli animali, di solito cani o ratti, fino a quando il 50% dei soggetti non muore. Il dolore fisico e la sofferenza psicologica di cui essi sono vittima non sono descrivibili a parole ed avranno termine solo con la morte, dovuta, nella maggior parte dei casi, non alla eventuale tossicità del prodotto, bensì alla lacerazione del loro apparato digerente, conseguenza dell'introduzione forzata! Mi sembra perciò doveroso segnalare il sito, per far sapere, a chi la pensa come me, a chi devolvere i nostri soldi ed a chi no:

www.ricercasenzaanimali.org

e questa pagina, per fare realmente qualcosa di concreto nel momento in cui facciamo i nostri acquisti:

http://www.novivisezione.org/info/cosmet.htm
_________________
L'uomo è l'unico animale in grado di arrossire... Ma è anche l'unico ad averne bisogno.

  Visualizza il profilo di nadia906  Invia un messaggio privato a nadia906  Email nadia906    Rispondi riportando il messaggio originario
EmyPhoenix

Reg.: 12 Feb 2002
Messaggi: 2159
Da: S.Vittore Olona (MI)
Inviato: 22-09-2002 21:53  
Continua a chiedermi xkè l'uomo continui a fare tutte queste cose crudeli e spietate a queste povere bestiole!
Ma come si fa?
_________________
"I nostri mondi separati
Saranno un giorno uniti in noi
Ci voglio credere e vorrei
Dare la vita e la darei
La vita mia
Per cambiare la storia.."

  Visualizza il profilo di EmyPhoenix  Invia un messaggio privato a EmyPhoenix    Rispondi riportando il messaggio originario
DrawdE

Reg.: 20 Lug 2002
Messaggi: 265
Da: Vercelli (VC)
Inviato: 23-09-2002 12:00  
Tutto è giustificato sia dal disprezzo della vita che da interessi economici.
Ma in fondo tutte le cose peggiori del mondo, sono mosse da interessi economici.
E qui potrei citar guerre e ingiustizie ma direi cose ovvie...
Se mai una persona ha voluto bene a un animale, non può accettare che una società, cosidetta civile, possa compiere ancora tutto ciò. Ma non tutti siamo uguali, e la società non è civile, quindi...
Neanche io sono civile, perchè mangio la carne. Fare un forum sulla vivisezione è quindi come predicar bene e razzolar male, ma la pietà che ho provato vedendo le immagini non ha potuto esimermi dal mostrarle anche a voi.

_________________
"Combattere per la pace è come fare l'amore per la verginità."
John Lennon

  Visualizza il profilo di DrawdE  Invia un messaggio privato a DrawdE    Rispondi riportando il messaggio originario
xander77

Reg.: 12 Ott 2002
Messaggi: 2521
Da: re (RE)
Inviato: 20-10-2002 19:38  
argomento delicatissimo ma molto molto stimolante: l'orrore che provo davanti alle immagini di vivi sezione è pari a quello che provo ogni volta che vedo immagini dei campi di concentramento nazisti. E' molto importante però non creare la falsa equazione vivisezione=scienza. Bisogna invece distinguere tra bravi ricercatori (sperando che ce ne sia ancora qualcuno)e cattivi ricercatori:le associazioni scientifiche nazionali e internazionali hanno codici etici che regolamentano l'uso degli animali negli esperimenti. Abusi e inutili violenze devono quindi essre evitate e deve essere minimizzato il dolore e la sofferenza nelle cavie di laboratorio.E' un problema di coscienza e ripetto per le regole, ivari dott.frankenstein sono bravisssimi d'altronde a muoversi sui sottilissimi confini che separano le leggi e la loro messa in pratica: in questo modo squalificano il lavoro di molti loro colleghi che lavorano con scrupolo per il reale progresso scientifico, squalificano la scienza tutta. ciao e scusate se mi sono dilungato

  Visualizza il profilo di xander77  Invia un messaggio privato a xander77    Rispondi riportando il messaggio originario
mario54

Reg.: 20 Mar 2002
Messaggi: 8838
Da: nichelino (TO)
Inviato: 21-10-2002 16:43  
argomento delicatissimo ma molto molto stimolante: l'orrore che provo davanti alle immagini di vivi sezione è pari a quello che provo ogni volta che vedo immagini dei campi di concentramento nazisti. E' molto importante però non creare la falsa equazione vivisezione=scienza. Bisogna invece distinguere tra bravi ricercatori (sperando che ce ne sia ancora qualcuno)e cattivi ricercatori:le associazioni scientifiche nazionali e internazionali hanno codici etici che regolamentano l'uso degli animali negli esperimenti. Abusi e inutili violenze devono quindi essre evitate e deve essere minimizzato il dolore e la sofferenza nelle cavie di laboratorio.E' un problema di coscienza e ripetto per le regole, ivari dott.frankenstein sono bravisssimi d'altronde a muoversi sui sottilissimi confini che separano le leggi e la loro messa in pratica: in questo modo squalificano il lavoro di molti loro colleghi che lavorano con scrupolo per il reale progresso scientifico, squalificano la scienza tutta. ciao e scusate se mi sono dilungato -------------------------
Si parla tanto male di questo forum, ma vedo che qualcuno prende seriamente le cose che devono essere prese. Complimenti per il tuo senso critico sulla vivisezione
_________________
Vivien Leigh - Non voglio realismo, voglio magia!

  Visualizza il profilo di mario54  Invia un messaggio privato a mario54    Rispondi riportando il messaggio originario
mario54

Reg.: 20 Mar 2002
Messaggi: 8838
Da: nichelino (TO)
Inviato: 21-10-2002 16:48  
Ieri alla televione durante il telegiornale avevano fatto vedere un serpente con due teste e un vitello con quattro occhi. purtroppo il tutto mostrato con ironia esibizionistica da spettacolo.
_________________
Vivien Leigh - Non voglio realismo, voglio magia!

  Visualizza il profilo di mario54  Invia un messaggio privato a mario54    Rispondi riportando il messaggio originario
DrawdE

Reg.: 20 Lug 2002
Messaggi: 265
Da: Vercelli (VC)
Inviato: 21-10-2002 21:04  
Sì appunto, quelli dei tg fanno schifo.
Ci mancava solo che mettessero in sottofondo la musichetta da circo...venghino, signori venghino, siamo lieti di mostrare i mostri del 21° secolo...

_________________
"Combattere per la pace è come fare l'amore per la verginità."
John Lennon

  Visualizza il profilo di DrawdE  Invia un messaggio privato a DrawdE    Rispondi riportando il messaggio originario
nadia906


Reg.: 08 Apr 2002
Messaggi: 34
Da: Salerno (SA)
Inviato: 22-10-2002 12:04  
quote:
In data 2002-10-20 19:38, xander77 scrive:

Bisogna invece distinguere tra bravi ricercatori (sperando che ce ne sia ancora qualcuno) e cattivi ricercatori.




Il punto è proprio questo: I VIVISETTORI NON SONO BRAVI RICERCATORI! Risulterà lampante se visiterai www.laboratoricriminali.org, un sito sensazionale (che dubito rimarrà on-line per molto), che riporta DOCUMENTI UFFICIALI sugli esperimenti su animali, accompagnati da commenti “illuminanti”. Questo significa che, DALLA STESSA VOCE dei vivisettori, ci rendiamo conto dell’ATROCITA’ e, soprattutto, ASSOLUTA INUTILITA’ di certi esperimenti (sulla sinistra della home page, ci sono gli esperimenti più idioti, truffaldini, antiscientifici e crudeli). Quanto alla tua frase “abusi ed inutili violenze devono essere evitate e deve essere minimizzato il dolore e la sofferenza nelle cavie di laboratorio”, non credere a chi ti dice che “durante l’esperimento l'animale viene anestetizzato e dunque non soffre” (l’anestesia, tra l’altro, non è sempre prevista), come se i giorni o le settimane o i mesi di prigionia, prima e dopo l'esperimento, non fossero sofferenza, come se l'animale, appena finito l'effetto dell'anestesia, non re-iniziasse a soffrire, per le ferite inferte o per le malattie inoculate o per gli avvelenamenti subiti, fino alla sua morte. Ciao.

  Visualizza il profilo di nadia906  Invia un messaggio privato a nadia906  Email nadia906    Rispondi riportando il messaggio originario
xander77

Reg.: 12 Ott 2002
Messaggi: 2521
Da: re (RE)
Inviato: 22-10-2002 14:41  
concordo con te nadia, i vivisettori non sono bravi scienziati. Io insistevo sul fatto che non bisogna fare di tutta un'erba un fascio: è importante che, anche grazie alle pressioni delle associazioni animalisti, in questi ultimi anni si è cercato di salvaguaedare i diritti degli animali usati negli esperimenti scientifici.Le regole ci sono e andrebbero rispettate, purtroppo c'è chi non le rispetta. Ciao
_________________
"Quando sarò grande non leggerò i giornali e non voterò. Così potrò lagnarmi che il governo non mi rappresenta. Poi quando tutto andrà a scatafascio, potrò dire che il sistema non funziona e giustificare la mia antica mancanza di partecipazione"

  Visualizza il profilo di xander77  Invia un messaggio privato a xander77    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 )
  
0.119577 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: