FilmUP.com > Forum > Tutto Cinema - La città delle donne di F. Fellini
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Cinema > Tutto Cinema > La città delle donne di F. Fellini   
Autore La città delle donne di F. Fellini
parret

Reg.: 14 Set 2004
Messaggi: 446
Da: milano (MI)
Inviato: 07-01-2007 21:31  
quote:
In data 2006-01-08 23:04, Schizo scrive:
LA CITTA’ DELLE DONNE (Il funerale della donna ideale)

Esplorazione direi definitiva del pianeta donna che si conclude con una sconfitta
sia del maschio vigliacco e superficiale (Snaporaz-Fellini) che del maschio fallocrate e reazionario (Katzone, il mostro nascosto dentro Snaporaz). La sconfitta investe anche il piano onirico con la definitiva scomparsa della donna ideale, sotto terribili violenti colpi di mitraglietta automatica.
Già l’inizio del film è abbastanza sintomatico: risate femminili e una voce che dice “Ancora Marcello?” Alludendo al ritorno di Marcellino Mastroianni ad incarnare Snaporaz, l’alter ego Felliniano (era dai tempi di 8 e mezzo che i due non giravano più un film insieme).
Il treno entra in una buia galleria ma stavolta non si allude alla penetrazione, ma alla terribile confusione del protagonista che non sembra più stare al passo del mondo che lo circonda, e lo guarda spaventato e indifeso. Così come guarda smarrito e angosciato una donna non più oggetto passivo dei suoi desideri, ma una donna che lo giudica (anche sessualmente, il capostazione è più bravo di te a scopare), lo emargina, lo prende per il culo, una donna che si autodetermina ed insieme alle altre inscena un girotondo sui pattini che richiama la danza liberatoria di Matisse (che appare sulle pareti del congresso delle femministe). I bambini sul treno picchiettano sul vetro e fanno dei cenni a Snaporaz Mastroianni Fellini, una possibile fuga, una possibile danza come ai tempi della Dolce Vita? E nò questi sono Tempi Moderni altro che bella vita, tempi di calci nelle palle, di donne Flor e i loro sette mariti, di casalinghe che sulla musica di Chaplin inscenano la pantomima Matrimonio-Manicomio, donne che sanno riconoscere gli occhi del maschio carceriere e padrone.
Azione e reazione, azione e reazione, dopo anni di sfruttamento e schiavitù, la donna reagisce e si affranca da una società degli uomini, diventando essa stessa violenta e stronza (come un uomo).
Vuole usare l’uomo, lo violenta, lo incatena, diventa essa stessa aguzzina e carceriera, terrorista e inseguitrice, diventa come Katzone, simbolo del collezionismo senza amore, una degenerazione decadente e moderna del Casanova, chiuso nel suo villino abusivo, tra sculture oscene e reliquie ridicole. E l’uccello meccanico? I tempi cambiano, adesso abbiamo un bel vibratore king size a 3000 giri al minuto. E guarda caso come per Casanova, compare il busto di marmo della Madre, la grande madre rifugio, il buco, la fessura dove nascondersi.Gli orgasmi all’unisono delle migliaia di donne amate da Katzone diventano un coro da chiesa, poi un lamento funebre. Per tutto il film si respira un’aria di morte, un’ombra che da mattina a sera ti segue e non ti abbandona.
Nel frattempo litigi familiari (autobiografici) che richiamano in maniera impressionante quelli di 8 e mezzo (ma non c’è più Flaiano): “Io non sono tua madre, io non sono un tuo rifugio!” urla la moglie di Snaporaz nell’ebbrezza alcolica del quinto cocktail ingurgitato. Snaporaz non sente, non vuole più sentire, sta zitto e pensa alle due subrettine che aveva incontrato da giovane e che adesso gli si materializzano in un letto funereo circondato dalla tempesta ventosa di fuori. Riappare la moglie ma Snaporaz la umilia rivelandosi impotente. Come i bambini che giocano a nascondino, trova una via d’uscita sotto il letto che lo porta direttamente nel luna park dei ricordi (In 8 e mezzo si nascondeva sotto il tavolo della conferenza stampa). C’è la donna domestica, la donna infermiera, la donna del bordello con il culone in primo piano, la donna pescivendola.
C’è il giro della morte naturalmente. E il tempo per un ricordo di infanzia. Snaporaz sembra Willy Wonka nella fabbrica del suo subconscio, ma il giro sulle montagne russe finisce in una gabbia, giudicato da femministe terroriste che gli presentano una lista d’accuse lunghissima e terribilmente circostanziata. Il processo è senza attenuanti, ma la colpa maggiore di Snaporaz è quella di credere ancora in una donna ideale che però è sempre una proiezione dei suoi desideri, e non un soggetto con cui scambiare e comunicare. Il suo volo sulla donna mongolfiera è breve ed effimero e crolla, come detto all’inizio, all’apparir del vero (o meglio del reale) sotto forma di una esecuzione a colpi di mitra. Il sogno è finito, la donna è in conoscibile, gli anni portano fatica e disillusione. Snaporaz si risveglia sul treno del suo inizio, accerchiato dalle donne del suo sogno, risponde ai loro sorrisi abbozzandone uno dolceamaro di circostanza (un misto tra sollievo e rassegnazione). Il treno imbocca una lunga e buia galleria. Signore e Signori, buonanotte.



Splendido commento, complimenti.
Anch'io ritengo sia un film fra i più esplicitamente cupi (e stomachevoli) di Fellini, un film come hai esplicitato bene tu sulla vecchiaia e sull'impossibilità di capire ancora qualcosa del mondo esterno. Una sorta di risposta autolesionista e demistificatoria a quel viaggio mentale solipsistico e tanto suadente che è Casanova, film che in ogni caso leggo in chiave molto più vitalistica e propositiva di te. Da rilevare però anche la presenza di un'ironia salutifera che riesce ad attenuare tanta negatività

[ Questo messaggio è stato modificato da: parret il 27-02-2007 alle 09:30 ]

  Visualizza il profilo di parret  Invia un messaggio privato a parret    Rispondi riportando il messaggio originario
Schizobis

Reg.: 13 Apr 2006
Messaggi: 1658
Da: Aosta (AO)
Inviato: 08-01-2007 14:19  
Sono sostanzialmente d'accordo.
Questo film è nato dalle ceneri del film "maledetto" Mastorna e porta con sè una aria lugubre e funerea.
Fra l'altro Manni morì durante le riprese per un'incidente.
_________________
True love waits...

  Visualizza il profilo di Schizobis  Invia un messaggio privato a Schizobis    Rispondi riportando il messaggio originario
parret

Reg.: 14 Set 2004
Messaggi: 446
Da: milano (MI)
Inviato: 09-01-2007 11:54  


[ Questo messaggio è stato modificato da: parret il 27-02-2007 alle 09:30 ]

  Visualizza il profilo di parret  Invia un messaggio privato a parret    Rispondi riportando il messaggio originario
  
0.114029 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: