FilmUP.com > Forum > Attualità - l'emergenza rifiuti a napoli
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > l'emergenza rifiuti a napoli   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 Pagina successiva )
Autore l'emergenza rifiuti a napoli
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 15-05-2007 18:26  
quote:
In data 2007-05-15 14:24, dan880 scrive:


d'accordo, ma non sempre è così anche non sulla carta.e la responsabilità è sempre di chi sta ai vertici.





Ma figuriamoci.
Chi sta al vertice (nel caso specifico un sindaco) è un dipendente pubblico che deve svolgere un servizio in favore e in tutela dei diritti del cittadino (anche di quello che non lo ha eletto in quanto rappresenta comunque la città intera).

Deve quindi, è obbligato a rispondere del suo operato, delle sue mancanze, dei suoi intrallazzi, dei suoi scambi o voti di favore, delle sue collusioni con la malavita.
E rischia molto in caso di inadempienza alla legge, che esiste ed è scritta nero su bianco. I rischi sono tutti a suo carico.
Siamo in un regime di ampi diritti garantiti.
Deve rispondere del suo operato in quanto dipendente pubblico ad una cittadinanza vigile, attenta ai problemi, incalzante nei suoi confronti, pronta a metterlo con le spalle al muro, sempre col fiato sul collo.

Se tutto questo non avviene, se non c'è un controllo del datore di lavoro (il cittadino) sul suo dipendente (il sindaco) la fabbrica va ben preso a rotoli, quindi la responsabilità è della sciagurata inettitudine , del menefreghismo, della comodità del Sistema accettato dalla maggioranza della popolazione.
_________________
E' una storia che è successa ieri, ma io so che è domani.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 15-05-2007 19:08  
quote:
In data 2007-05-15 18:26, Quilty scrive:
se non c'è un controllo del datore di lavoro (il cittadino) sul suo dipendente (il sindaco) la fabbrica va ben preso a rotoli, quindi la responsabilità è della sciagurata inettitudine , del menefreghismo, della comodità del Sistema accettato dalla maggioranza della popolazione.




c'era un sindaco dc di palermo, vito ciancimino: con lui si consumò quello che fu definito "il sacco di palermo".

nel corso degli anni '70, grazie a lui, ci fu il passaggio dalla mafia contadina del contrabbando di sigarette e furti di bestiame alla mafia metropolitana capitalista:
oltre 2300 licenze edilizie furono regalate, più che rilasciate, a famiglie mafiose potenti che, attraverso imprenditori di fiducia, mangiarono tutta la città.

nacquero palazzoni enormi che, messi in piedi senza nessun piano regolatore, spazzarono via molti quartieri della città.

questa operazione permise alla mafia di poter, a sua volta, ricavare tanti di quei miliardi da poter controllare in esclusiva il traffico della droga(certamente più redditizio delle sigarette)su scala internazionale, di iniziare ad investire al nord(anche con i soldi ricavati dalla droga), aiutando giovani affaristi come silvio berlusconi a mettere in piedi imperi mafioso-imprenditoriali forti, e a legarsi sempre di più alla politica.

vito ciancimino godeva della collaborazione attiva del parlamentare salvo lima, referente del partito in sicilia per conto di andreotti, del ministro giovanni gioia e degli esattori mafiosi nino e ignazio salvo.

non penso, però, che tutti i cittadini di palermo votarono per vito ciancimino, e chissà quanti voti comprati e brogli elettorali lo portarono al potere.

soprattutto chissà quanti cittadini, che non lo avevano votato, volevano massacrarlo per come aveva fatto intossicare di potere mafioso una città intera, più di quanto già non lo era prima.

da parte loro non c'era ne menefreghismo, ne accettazione dell'operato del datore di lavoro.

si rivolgevano alla legge?

per uno come ciancimino, la cui mafiosità sembrava addirittura inverosimile all'epoca per politici e autorità di Stato?

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
madpierrot

Reg.: 08 Mag 2004
Messaggi: 851
Da: Pista Uno (es)
Inviato: 15-05-2007 20:47  
quote:
In data 2007-05-15 16:49, eltonjohn scrive:
quote:
In data 2007-05-15 13:46, madpierrot scrive:
quote:
In data 2007-05-15 13:27, eltonjohn scrive:
A questo punto c'è solo un 'alternativa,il ritorno dei bersaglieri...come ai tempi del brigantaggio,ma con ancora più energia e senza esclusione di colpi.Se le cose sono così drammatiche,possono solo dare qualche risultato le trapie d'urto,non ci sono dubbi



Per l'emergenza rifiuti? E chi cazzo sei...Rambo?!!!
Quando si ingorga il water a casa tua cosa fai? Ci butti dentro una granata?

_________________
"La via da percorrere non è facile né sicura, ma deve essere percorsa e lo sarà"

[ Questo messaggio è stato modificato da: madpierrot il 15-05-2007 alle 13:47 ]


Non hai letto i quote precedenti e quindi spari penose cazzate,comprendo...



Ma guarda il discorso non cambia.
C'è disagio sociale e sfiducia nelle istituzioni e si propongono i carri armati: l'esempio dell'Iraq e di un altro paio di guerricciole sono esempi illuminanti di terapie d'urto.
Si, sono io che sparo penose cazzate...

Ma levatevi...
_________________
"La via da percorrere non è facile né sicura, ma deve essere percorsa e lo sarà"

  Visualizza il profilo di madpierrot  Invia un messaggio privato a madpierrot    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 15-05-2007 21:33  
Non conosco il caso di vito Ciancimino, in ogni caso la regola del : chi tace acconsente è sempre stata valida.
Se prendiamo il caso dell'ultima emergenza a Napoli di qualche mese fa, quella per la quale Mastella aveva proposto di mandare l'esercito, c'è un episodio a mio avviso illuminante.
nei giorni successivi l'attenzione delle forze dell'ordine nel presidiare i soliti punti nevralgici della malavita locale si fece molto più pressante, anche perchè l'ondata di criminalità aveva suscitato il clamore dell'opinione pubblica nazionale.
Bisognava fare qualcosa.
Occoreva quindi un esempio dimostrativo e propagandistico per far vedere che la polizia e i carabinieri facevano effettivamente qualcosa che rientra nei loro compiti principali, ovvero essere i sorveglianti della legalità.
Appena passato il clamore mediatico è naturalmente ritornato tutto come prima.

L'episodio dimostra che ci sono taciti accordi di non belligeranza tra queste forze in campo, ma anche particolari molto più significativi.
Se c'è una pressione verso tutti questi dipendenti pubblici (quali le forze dell'ordine) affinchè svolgano il loro dovere, essi lo faranno , sono obbligati a farlo , diversamente sono perseguibili civilmente e penalmente.
La responsabilità che hanno , in funzione del loro compito, è un principio al quale si devono attenere. Non c'è via di scampo ed è il metodo migliore e più sicuro per sfidare l'illegalità.
Non c'è nemmeno bisogno di sfidare la camorra apertamente: ci sono dipendenti pubblici che hanno il dovere di farlo e su di loro ricade l' eventuale inadempienza del loro contratto di lavoro. Possono essere denunciati e passare seri guai.
E'altrettano vero che se la gente non rompe continuamente le palle ai suoi dipendenti pubblici , essi preferiranno vivere in un comodo sistema di accordi sottobanco, sotterfugi vari e ascoltare la voce del più forte.
Ognuno vive nel paese che si merita e ha i dipendenti pubblici che si merita, in virtù dell'attenzione che rivolge al controllo del proprio ambiente e delle proprie istituzioni.
Il datore di lavoro non può permettersi alcuna lamentela se è latitante e invece di controllare i suoi dipendenti aspetta che l'azienda in fallimento , per suoi demeriti ( e di chi altro?) venga rilevata da qualcun altro.

_________________
E' una storia che è successa ieri, ma io so che è domani.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 16-05-2007 10:28  
quote:
In data 2007-05-15 20:47, madpierrot scrive:
l'esempio dell'Iraq e di un altro paio di guerricciole sono esempi illuminanti di terapie d'urto.



quando ho parlato di esercito a napoli non mi riferivo al fatto che bisogna stanziare truppe militari lungo le strade di napoli.

e non mi riferivo neanche al fatto che bisogna dislocare per strada i corpi speciali delle forze dell'ordine solo per qualche settimana, giusto per far vedere una prova di forza da parte dello Stato.

ci vuole: maggiore presenza delle forze dell'ordine nei quartieri di periferia, il famoso poliziotto di quartiere ma soprattutto ci vogliono interventi di polizia e carabinieri nelle zone di spaccio e nei quartieri dove si nascondono i camorristi.

distruzione dei fortini messi in piedi dagli spacciatori, blitz in appartamenti e ville, sequestro di armi ai clan, caccia ai camorristi.

ma no per qualche settimana: continuamente.

nei commissariati e nelle caserme dei carabinieri, soprattutto delle zone di periferia, i camorristi e gli spacciatori sono conosciuti.

solo che gli si va a rompere le scatole solo quando succedono fatti eclatanti o faide particolarmente sanguinose.

ma non è finita quì:
oltre agli interventi contro spacciatori e camorristi, ci vuole anche un intervento sul territorio su cose che a napoli, da parte della cittadinanza, stentano a verificarsi.

cosa di preciso?: semplice, l'utilizzo del casco sul motorino.

a napoli, nei quartieri di periferia tutti coloro che posseggono un motorino vi circolano sempre senza casco.

al centro sono più quelli che se lo mettono perchè lì più pattuglie ci sono, ma anche al centro può capitare il senza casco e non è detto che una pattuglia, se è presente, lo ferma di sicuro.

perchè a napoli anche questo tipo di problemi vanno risolti.

io ho visitato diverse città italiane, ma anche piccoli centri.

ad esempio, per motivi vacanzieri, mi reco spesso a termoli, nel molise, che è una piccola cittadina turistica dell'adriatico:
a termoli, persino nelle prime ore del pomeriggio, quando non c'è nessuno per strada, se uno prende il motorino si mette sempre il casco in testa.

e questa non è che la più evidente differenza tra napoli e altre città e cittadine italiane, oltre al problema criminalità in generale e all'emergenza rifiuti.

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
LothLaurel

Reg.: 25 Feb 2004
Messaggi: 1261
Da: Scafati (SA)
Inviato: 24-05-2007 17:43  
Questa cosa della spazzatura io non la capisco.
L'emergenza rifiuti in Campania è una realtà che, a mia memoria, esiste da almeno 10 anni. Ora, qualche Comune si è organizzato, partendo con la raccolta differenziata 7 o 8 anni fà. Ci sono aziende comunali che gestiscono la cosa, bene o male, pulito o sporco, criminalità o meno, la munnezza se la prendono. E, chiaramente, la gente ADESSO è contenta, ma ci sono voluti anni di questioni, proteste, disfunzioni del servizio.
Ancora oggi ci sono persone che non differenziano.
Perchè la signora quando finisce di cucinare vuole buttare o' sacchetto, se lo deve togliere dalle scatole, perchè in casa puzza.
Che siano le 2 del pomeriggio di luglio, se ne frega. Non le interessa neanche che con la raccolta differenziata può evitare di andare al cassonetto, perchè conferisce tutto o quasi davanti casa: eh no, eh, poi dove li mette tutti i bidoncini diversi? Insomma, ci è voluto un bel pò.
Però, da noi la spazzatura se la prendono, differenziata, puntualmente. Almeno nella mia città è così, ed in altri paesi, e parlo di paesi grossi, della provincia di Salerno. Per cui mi chiedo: perchè a Napoli e provincia questo non è stato fatto?
Aggiungo che nel mio paese è stata proprio l'amm. di centro sinistra ad iniziare la civilissima differenziata, a volerla e ad organizzarla.


_________________
Clive Owen mi fa sbroccare!!!!!!!!!!!!
E smettetela di dire che sono un uomo!

  Visualizza il profilo di LothLaurel  Invia un messaggio privato a LothLaurel    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 25-05-2007 13:23  
sulla raccolta differenziata, purchè succeda davvero, sono d'accordo. è una soluzione utile.

ma risolve in parte il problema.

perchè non tutti i rifiuti vanno insieme a lattine e bottiglie.

la maggior parte dei rifiuti, come ormai succede anche in tutte le città italiane, devono finire nei termovalorizzatori: un sistema che naturalmente tiene conto di una riduzione di rischi ambientali.

come mai in campania solo adesso se ne sta iniziando a costruire uno?
a causa della camorra.

che interferisce persino contro questo tipo di destinazione dei rifiuti metropolitani, esercitando ad esempio pressioni nei confronti delle amministrazioni regionali.

se ci fossero già stati i termovalorizzatori non si sarebbe verificato che, chiuse quelle pochissime discariche attive, ci sarebbero stati problemi a trovarne altre.

e appunto nel frattempo che se ne trovavano altre l'immondizia a iniziato ad accumularsi enormemente nelle strade.

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
LothLaurel

Reg.: 25 Feb 2004
Messaggi: 1261
Da: Scafati (SA)
Inviato: 25-05-2007 16:46  
perdonate l'ignoranza, ma i termovalorizzatori servono a smaltire solo il cd. vario o non riciclabile?

_________________
Clive Owen mi fa sbroccare!!!!!!!!!!!!
E smettetela di dire che sono un uomo!

  Visualizza il profilo di LothLaurel  Invia un messaggio privato a LothLaurel    Rispondi riportando il messaggio originario
lumbreras

Reg.: 26 Feb 2006
Messaggi: 1400
Inviato: 25-05-2007 17:44  
Premetto che con questo post non sto dicendo che sono d'accordo con la discarica nel napoletano.Voglio solo esprimere il mio dissenso poichè ogni volta che c'è un problema da qualche parte d'Italia tutti i tg e i periodici si prodigano dando voce agli abitanti per far si che il problema venga risolto nel migliore dei modi.Un esempio:nel nord Italia quest'anno c'è stata l'emergenza diccità,sono stati chiesti aiuti e se n'è parlato tanto.Ebbene in Sardegna ilproblema siccità c'è da forse 10 anni e nessuno ci ha mai cagato e proprio il nord italia tempo fa ci disse di arrangiarci.Per quanto riguarda le discariche vorrei solo dire che qui siamo il cesso del mediterraneo in quanto vi sono le scorie delle vecchie centrali nucleari dell'Emilia Romagna,del Lazio e di non so quante altre regioni.Ma anche qui nessuno ci caga.
_________________
La differenza tra me e i surrealisti sta nel fatto che io sono un surrealista (S.Dalì)

  Visualizza il profilo di lumbreras  Invia un messaggio privato a lumbreras    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 25-05-2007 17:54  
quote:
In data 2007-05-25 17:44, lumbreras scrive:
vi sono le scorie delle vecchie centrali nucleari dell'Emilia Romagna,del Lazio e di non so quante altre regioni.Ma anche qui nessuno ci caga.




questo non è un problema solo dell'Italia: in molti Paesi esteri vi sono continui carichi illegali di tonnellate di materiali radioattivi(scorie di vecchie industrie e centrali nucleari) che vengono segretamente depositati in zone "sicure", con gravi rischi non solo a livello ambientale.

si tratta di uno degli affari più redditizi delle criminalità organizzate internazionali, almeno da venti anni in quà.

---------------

il sud Italia in genere non viene mai cagato: anzichè risolvere i problemi si cerca solo di aumentare la "risonanza giornalistica".

la risonanza giornalistica ci vuole, intendiamoci: è ovvio che dei problemi gravi vengano portati all'attenzione.

ma quà più delle solite chiacchiere non si va(a livello anche locale, non solo nazionale).

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
LothLaurel

Reg.: 25 Feb 2004
Messaggi: 1261
Da: Scafati (SA)
Inviato: 25-05-2007 17:56  
quote:
In data 2007-05-25 17:44, lumbreras scrive:
Un esempio:nel nord Italia quest'anno c'è stata l'emergenza diccità,sono stati chiesti aiuti e se n'è parlato tanto.Ebbene in Sardegna ilproblema siccità c'è da forse 10 anni e nessuno ci ha mai cagato e proprio il nord italia tempo fa ci disse di arrangiarci.


E' vero, hai ragione.
_________________
Clive Owen mi fa sbroccare!!!!!!!!!!!!
E smettetela di dire che sono un uomo!

  Visualizza il profilo di LothLaurel  Invia un messaggio privato a LothLaurel    Rispondi riportando il messaggio originario
utopia


Reg.: 29 Mag 2004
Messaggi: 14557
Da: Smaramaust (NA)
Inviato: 25-05-2007 18:07  
Comunque oggi, a tg regione, non ricordo quale idiota abbia detto che il rischio di epidemie sia assolutamente nullo... Forse non abita a Napoli, forse non ha mai visto carcasse di topi assaliti da mosche e di pantegane che aprono i sacchetti dell'immondizia... mah
_________________
Tutto dipende da dove vuoi andare... Non importa che strada prendi!

Happiness only real when shared.

  Visualizza il profilo di utopia  Invia un messaggio privato a utopia  Vai al sito web di utopia    Rispondi riportando il messaggio originario
Hyperion19

Reg.: 23 Mar 2007
Messaggi: 516
Da: Firenze (FI)
Inviato: 25-05-2007 18:36  
qualcuno che abita da quelle parti potrebbe spiegarmi in poche parole perchè tutti si oppongono violentemente a discariche e termovalorizzatori?

tenendo conto che l'alternativa e mangiarla voglio dire..

o mandarla in nigeria e farla mangiare a loro.

cmq anche se il livello di parossismo e isterismo raggiunto in campania resta ineguagliato, è un atteggiamento diffuso. alle porte di firenze (intendo proprio appena fuori dalla città sulla traiettoria della cupola venendo dal mare) c'è un'enorme discarica che sta raggiungendo l'altezza di un palazzo di cinque piani, ormai è soprannominato monte merda. tutti si lamentano dell'odore rivoltante ma nessuno vuole il termovalorizzatore.. io dico che bisognerebbe prendersi le nostre responsabilità di paese sviluppato e tenerci il nostro pattume, meglio se lo teniamo e ne ricaviamo energia sicura. come fanno in germania, a monaco ci sono vari termovalorizzatori nel bel mezzo di quartieri residenziali.

  Visualizza il profilo di Hyperion19  Invia un messaggio privato a Hyperion19    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 25-05-2007 19:45  
quote:
In data 2007-05-25 18:36, Hyperion19 scrive:
qualcuno che abita da quelle parti potrebbe spiegarmi in poche parole perchè tutti si oppongono violentemente a discariche e termovalorizzatori?

tenendo conto che l'alternativa e mangiarla voglio dire..

o mandarla in nigeria e farla mangiare a loro.

cmq anche se il livello di parossismo e isterismo raggiunto in campania resta ineguagliato, è un atteggiamento diffuso. alle porte di firenze (intendo proprio appena fuori dalla città sulla traiettoria della cupola venendo dal mare) c'è un'enorme discarica che sta raggiungendo l'altezza di un palazzo di cinque piani, ormai è soprannominato monte merda. tutti si lamentano dell'odore rivoltante ma nessuno vuole il termovalorizzatore.. io dico che bisognerebbe prendersi le nostre responsabilità di paese sviluppato e tenerci il nostro pattume, meglio se lo teniamo e ne ricaviamo energia sicura. come fanno in germania, a monaco ci sono vari termovalorizzatori nel bel mezzo di quartieri residenziali.



la fortuna di una regione come la tua(e io vorrei viverci, non sto scherzando) è quella di dover combattere solo contro l'ignoranza di alcune persone.

quando non ci sono problemi di criminalità organizzata(quella individuale di città c'è ovunque), quando le amministrazioni di conseguenza non hanno legami con ambienti criminali e quando le forze dell'ordine non hanno la svogliatezza e la paura tipiche delle forze dell'ordine meridionali già contrastare problemi locali è più facile.

questo anche per rispondere alla prima domanda che hai fatto: spiegarti perchè le popolazioni si oppongono.

cosiddetti "capipopolo" che aizzano le persone e le convincono a protestare e una presenza del crimine organizzato che si avverte troppo fastidiosamente, sotto sotto.

non è che voglio fare cattiva propaganda alla mia regione: venire a napoli, o cmq in campania, non significa entrare in un film horror.

ma purtroppo, rispetto alle regioni italiane del centro-nord, ci sono troppe distanze, molto tirare a campare e la criminalità controlla troppe attività regionali.

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
Hyperion19

Reg.: 23 Mar 2007
Messaggi: 516
Da: Firenze (FI)
Inviato: 25-05-2007 20:08  
quote:
In data 2007-05-25 19:45, dan880 scrive:
cosiddetti "capipopolo" che aizzano le persone e le convincono a protestare e una presenza del crimine organizzato che si avverte troppo fastidiosamente, sotto sotto.


questo è quello che viene in mente per primo. con tutto il parlare che si fa dell'ecomafia non ci vuole molto a immaginare chi ci guadagna. stesso discorso della scarsità d'acqua in sicilia. c'è tutto un busisness dietro, imprese che producono e commerciano in cisterne, chissà quanto lavoro danno. nessuno vuole ovviamente un acquedotto senza perdite, anche se tutti si lamentano che non c'è acqua.
però poi incontri all'università persone di là, pacate istruite e intelligenti, che ti spiegano i perchè del loro no radicale a discariche e termovalorizzatori, e sembra che una congiura dei potenti sia in corso per fregare il povero e minuto popolo di un qualche paesino che se stesse in toscana avrebbe il vincolo paesaggistico. e vengono i dubbi, che abbiano ragione per davvero e che stiano cercando di fregarli, oppure che i problemi siano gli stessi di qua ignranza e qualunquismo e menefottismo che c'è ovunque.

stessa cosa per scanzano ionico, se ricordo bene il caso era quello delle scorie radioattive. l'italia usa l'energia nucleare francese quindi in linea di principio è giusto che partecipi alla distribuzione delle scorie anche se non la produce in prima persona. ma perchè in un posto bellissimo come quello?
insomma chi li sceglie i luoghi? anche nella scelta dei luoghi sta la longa manus della criminalità.

in ogni caso spedire il pattume a qualcun altro non è accettabile.

  Visualizza il profilo di Hyperion19  Invia un messaggio privato a Hyperion19    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 Pagina successiva )
  
0.237912 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: