FilmUP.com > Forum > Attualità - L'italiano con la mentalità mafiosa
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > L'italiano con la mentalità mafiosa   
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
Autore L'italiano con la mentalità mafiosa
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 11-11-2007 14:46  
Ma insomma è vero che questi italiani sono dei mafiosi o sono patacche?
Il recente rapporto della Confesercenti ha sottolineato che la criminalità organizzata è un´impresa che fattura 75 miliardi di euro annui. E' la prima impresa del paese.
Qualche giorno dopo leggo Repubblica e una tabella in cui ,intervistati, gli italiani dichiarano di evadere nei più svariati settori (a partire dall'edilizia per finire alla Colf che lavora in nero).
Poi mi reco al lavoro e osservo il medoto di organizzazione dell'impresa nella quale impego il mio tempo (una delle maggiori imprese in Italia). E anche qui si va di lavoro nero, piccoli scambi e accordi sottobanco.

Se gli italiani fossero un popolo meno corrotto , meno menefreghista, opportunista , individualista ,l'Italia sarebbe un posto migliore? La domanda è ovviamente retorica, però visto che si parla di politica sempre nei termini di maggiore vivibilità del Paese (economica, sanitaria, amministrativa, giudiziaria, di integrazione con fenomeni come l'immigrazione)si presuppone quindi uno sforzo comune tramite le istituzioni legittime per migliorare; tali organismi sono di fatto entità astratte composte appunto da individui che agiscono comunemente come sopra.
Pertanto se ciascuno non contribuisce personalmente si tratta di aria fritta.

_________________
E' una storia che è successa ieri, ma io so che è domani.



[ Questo messaggio è stato modificato da: Quilty il 11-11-2007 alle 14:49 ]

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 11-11-2007 15:07  
Siamo un popolo di furbi e paraculi, non dobbiamo lamentarci della classe politica che ci ritroviamo poichè è speculare a noi stessi. Gli onesti non mancano, sono tutti all'estero o nell'anonimato più totale in patria.
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 11-11-2007 15:14  
Il termine furbo poi è , nella sua comune accezione, del tutto ridicolo.
Basta recarsi a Palermo ad esempio e notare il comportamento della popolazione: tutti senza casco, credono di essere furbi, si costruiscono la loro legge personale e i loro tornaconti personali , se lo mettono nel culo l'uno con l'altro (e anche questo nel senso comune del termine perchè pare che prenderlo fisicamente nel culo sia invece godevolissimo)e la città, ricca di monumenti e bellezze, è ridotta a uno schifo. Penso sia l'unica città d'Italia senza la zona pedonale nel centro storico. Sembra il Bangladesh.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 11-11-2007 15:18  
E perchè allora Roma? Ti sembra una capitale quella? Sono stato recentemente a Londra e mi veniva da piangere per l'invidia...
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 11-11-2007 15:21  
Vado a Madrid e trovo 11 linee della metro. Unidici! Praticamente una ogni angolo. Il centro storico è deserto, nel senso che non circolano auto, non c'è una macchina perchè tutti usano i mezzi. Roma al confronto sembra una di quelle caotiche città indiane. Veramente penoso.
_________________
E' una storia che è successa ieri, ma io so che è domani.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 11-11-2007 15:26  
un ministro di centro-destra che disse che con la mafia bisognava convivere.

un ex capo del governo che ha avuto contatti con personaggi come vittorio mangano, marcello dell'utri e che si impegna per la costruzione dell'affare mafioso del ponte sullo stretto di messina.

lo scenario è drammatico, direi.

ma non tutti gli italiani hanno la mentalità mafiosa.

se per mentalità mafiosa ci si riferisce alla decisione di dedicarsi ad una carriera criminale o al fatto di favorire organizzazioni mafiose, non tutti gli italiani sono mafiosi.

se invece ci si riferisce alla furbizia all'italiana: quì il discorso è altro.

parlare di mentalità mafiosa è, in questo secondo caso, un pò improprio.

la furbizia all'italiana è una caratteristica vecchia e stravecchia. tipica di molti italiani.

e un personaggio come berlusconi direi che l'ha simbolizzata in maniera forte, questa furbizia.

forse è per questo che è riuscito a costruirsi un potere di voti da parte di molti elettori idioti.
_________________

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 11-11-2007 16:25  
quote:
In data 2007-11-11 15:21, Quilty scrive:
Vado a Madrid e trovo 11 linee della metro. Unidici! Praticamente una ogni angolo. Il centro storico è deserto, nel senso che non circolano auto, non c'è una macchina perchè tutti usano i mezzi. Roma al confronto sembra una di quelle caotiche città indiane. Veramente penoso.



Con un sindaco che in tanti anni ha pensato a fare di tutto, tranne che il sindaco, che ti vuoi aspettare! E poi i romani? Con la voglia di lavorare che si ritrovano....
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 11-11-2007 16:30  
quote:
In data 2007-11-11 15:26, dan880 scrive:
un ministro di centro-destra che disse che con la mafia bisognava convivere.

un ex capo del governo che ha avuto contatti con personaggi come vittorio mangano, marcello dell'utri e che si impegna per la costruzione dell'affare mafioso del ponte sullo stretto di messina.

lo scenario è drammatico, direi.

ma non tutti gli italiani hanno la mentalità mafiosa.

se per mentalità mafiosa ci si riferisce alla decisione di dedicarsi ad una carriera criminale o al fatto di favorire organizzazioni mafiose, non tutti gli italiani sono mafiosi.

se invece ci si riferisce alla furbizia all'italiana: quì il discorso è altro.

parlare di mentalità mafiosa è, in questo secondo caso, un pò improprio.

la furbizia all'italiana è una caratteristica vecchia e stravecchia. tipica di molti italiani.

e un personaggio come berlusconi direi che l'ha simbolizzata in maniera forte, questa furbizia.

forse è per questo che è riuscito a costruirsi un potere di voti da parte di molti elettori idioti.



Pensa se non è stato invece furbo Bertinotti. Resosi conto all'indomani della crisi del Pci che nel nuovo PDS per lui, Cossutta & Co. non c'era trippa per gatti, ha ben pensato di "rifondare" il partito comunista. Se esistesse il Nobel per il paraculismo Bertinotti lo avrebbe vinto da un pezzo.
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 11-11-2007 16:58  
bertinotti è stato coerente: perchè aveva capito che il pds voleva staccarsi dalla linea socialcomunista per confluire in quel riformismo centrista che adesso è simbolizzato dal partito democratico.

è molto singolare, invece, che berlusconi decida di scendere in politica nel periodo in cui l'inchiesta di tangentopoli sta portando alla luce i finanziamenti oscuri che dal psi craxiano portavano anche alla fininvest e, da questa, ai collegamenti con cosa nostra.

e i suoi collegamenti con il psi di craxi e con la mafia non sono favole.

berlusconi fu il protetto di craxi, un legame tra mondo politico della prima repubblica e mondo imprenditoriale molto stretto: tanto che craxi fece fare una apposita legge per salvare le tv di berlusconi, che limitavano la concorrenza delle altre emittenti.

sulla mafia: la storia di berlusconi che va dal '75 (il mafioso mangano coinvolto nel traffico di droga che fa lo stalliere ad arcore e i finanziamenti oscuri che berlusconi acquisì per costruire i suoi imperi imprenditoriali e l'amicizia con marcello dell'utri) al 2005 (l'affare ponte sullo stretto di messina) è cosa nota.

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 11-11-2007 17:52  
quote:
In data 2007-11-11 16:58, dan880 scrive:
bertinotti è stato coerente: perchè aveva capito che il pds voleva staccarsi dalla linea socialcomunista per confluire in quel riformismo centrista che adesso è simbolizzato dal partito democratico.

è molto singolare, invece, che berlusconi decida di scendere in politica nel periodo in cui l'inchiesta di tangentopoli sta portando alla luce i finanziamenti oscuri che dal psi craxiano portavano anche alla fininvest e, da questa, ai collegamenti con cosa nostra.

e i suoi collegamenti con il psi di craxi e con la mafia non sono favole.

berlusconi fu il protetto di craxi, un legame tra mondo politico della prima repubblica e mondo imprenditoriale molto stretto: tanto che craxi fece fare una apposita legge per salvare le tv di berlusconi, che limitavano la concorrenza delle altre emittenti.

sulla mafia: la storia di berlusconi che va dal '75 (il mafioso mangano coinvolto nel traffico di droga che fa lo stalliere ad arcore e i finanziamenti oscuri che berlusconi acquisì per costruire i suoi imperi imprenditoriali e l'amicizia con marcello dell'utri) al 2005 (l'affare ponte sullo stretto di messina) è cosa nota.


Per il Pci invece i finanziamenti non erano affatto oscuri provenivano freschi, freschi dall'URSS, milioni di rubli tolti ai russi che facevano la fame e si vestivano di stracci per darli agli opulenti compagni emiliani, costruttori di auto di lusso e gran consumatori di cibarie ipercaloriche. Tutto questo fino a Berlinguer ed alle "sue prese di distanza" dall'Unione sovietica, senza contare che in un periodo di guerra fredda l'URSS era una potenza nemica, sarebbe come se durante la II guerra mondiale un qualche partito politico, ad es. inglese, venisse regolarmente finanziato dalla Germania nazista. Siete talmente ossessionati da Berlusconi che non avete più nemmeno quel minimo di lucidità che vi consenta di fare i conti col vostro merdoso passato.
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
Hias84

Reg.: 15 Mar 2007
Messaggi: 1262
Da: Serravalle Pistoiese (PT)
Inviato: 11-11-2007 18:02  
quote:
In data 2007-11-11 15:26, dan880 scrive:
un ministro di centro-destra che disse che con la mafia bisognava convivere.

un ex capo del governo che ha avuto contatti con personaggi come vittorio mangano, marcello dell'utri e che si impegna per la costruzione dell'affare mafioso del ponte sullo stretto di messina.

lo scenario è drammatico, direi.

ma non tutti gli italiani hanno la mentalità mafiosa.




Tra l'altro, notare bene come Dell'Utri sia stato anche condannato a 9 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Luttazzi ne sa qualcosa: le carte da lui citate nell'intervista (celeberrima) con Travaglio sono le stesse che hanno portato all'incriminazione dello stesso Dell'Utri. Per tutta risposta, è stato epurato. In un certo senso ha ragione elton, gli onesti ci sono eccome: o restano anonimi o, fiutata l'aria, vanno altrove. Purtroppo.
_________________
Formula della mia felicità: un sì, un no, una linea retta, una meta... (F.W.Nietzsche)

  Visualizza il profilo di Hias84  Invia un messaggio privato a Hias84  Vai al sito web di Hias84    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 11-11-2007 19:51  
quote:
In data 2007-11-11 17:52, eltonjohn scrive:

Per il Pci invece i finanziamenti non erano affatto oscuri provenivano freschi, freschi dall'URSS, milioni di rubli tolti ai russi che facevano la fame e si vestivano di stracci per darli agli opulenti compagni emiliani, costruttori di auto di lusso e gran consumatori di cibarie ipercaloriche. Tutto questo fino a Berlinguer ed alle "sue prese di distanza" dall'Unione sovietica, senza contare che in un periodo di guerra fredda l'URSS era una potenza nemica, sarebbe come se durante la II guerra mondiale un qualche partito politico, ad es. inglese, venisse regolarmente finanziato dalla Germania nazista. Siete talmente ossessionati da Berlusconi che non avete più nemmeno quel minimo di lucidità che vi consenta di fare i conti col vostro merdoso passato.




io, da comunista, sono il primo ad essere convinto che fu sbagliata la dipendenza politica che c'era verso i sovietici da parte del pci. anche per la storia sui finanziamenti.

e la linea che è emersa da berlinguer in poi ha segnato la più grande maturazione politica del modello comunista italiano.

ma certamente non c'è mai stato, neanche durante la guerra fredda e anche prima ancora, un merdoso passato, come tu lo definisci: le lotte democratiche e sociali , e anche antimafia, del comunismo italiano sono nelle pagine della grande storia, non solo politica, di questo Paese. e infangare tutto questo con calunnie gratuite è stupido. molto stupido.

significa non avere neanche considerazione delle persone vere (contadini, operai, sindacalisti) che sono stati i protagonisti delle lotte del pci e della sua sempre più graduale maturazione politica.

----------------------------------

in quanto allo specifico argomento dei finanziamenti.
anche la dc prendeva finanziamenti. dalla casa bianca. e molte volte questi finanziamenti venivano anche utilizzati per appoggiare governi dittatoriali di estrema destra sparsi in tutto il mondo.

senza contare che il legame tra la dc e la casa bianca è stato finalizzato anche a un' oscura azione volta ad impedire l'avanzata della sinistra al governo.

ad esempio, appoggiando gli organismi militari che, assieme a formazioni post-fascista come la decima mas del principe junio valerio borghese e assieme a gruppi terroristi di estrema destra come i nuclei armati rivoluzionari, organizzarono tentativi di colpi di Stato e poi stragi civili a colpi di bombe (la strategia della tensione)per intimidire il sostegno popolare alle forze socialiste, creare un clima di terrore, gettare il Paese nel caos, sovvertire la democrazia, far instaurare un regime autoritario, quindi una seconda dittatura fascista.

gli ordigni delle stragi o venivano preparati negli Usa da esperti artificieri, o venivano preparati in Italia, utilizzando materiali ad alto potenziale contenuti nelle armi in dotazione all'esercito.

il tutto anche con la compartecipazione dei servizi segreti italiani, che depistavano.

e questo, per me, è un merdoso passato.

anzi è un passato-non passato: perchè certe trame oscure, che partono dall'asse politica dc prima repubblica-casa bianca, ancora non sono state abbastanza chiarite.

il pci era l'unica, vera difesa democratica.

il pericolo antidemocratico, e direi terrorista, veniva dal partito di andreotti e da chi avrebbe dovuto istituzionalmente tutelare la società civile in quegli anni.

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
Hyperion19

Reg.: 23 Mar 2007
Messaggi: 516
Da: Firenze (FI)
Inviato: 11-11-2007 20:13  
quote:
In data 2007-11-11 15:21, Quilty scrive:
Vado a Madrid e trovo 11 linee della metro. Unidici! Praticamente una ogni angolo. Il centro storico è deserto, nel senso che non circolano auto, non c'è una macchina perchè tutti usano i mezzi. Roma al confronto sembra una di quelle caotiche città indiane. Veramente penoso.


quilty ma sei matto? sotto roma c'è di tutto non si possono fare 11 linee di metro. vicino al mausoleo di augusto hanno scavato 20, dico 20, centimetri e hanno trovato gli archi a volta che sorreggono il manto stradale da 2000 anni. inoltre catacombe necropoli resti della roma arcaica. ogni tanto salta fuori qualcosa. senza contare che nessuno sa quale sia il tracciato sotterraneo delle vie d'acqua della città. le fogne, le fonti integrate in epoca romana nel sistema idrico urbano, l'acqua che va alle fontane. è tutto lì da più di due millenni in perfetto equilibrio, non è come fare un buco nel deserto.

stesso discorso per firenze. sollevi una pietra in piazza della signoria e trovi una tomba longobarda.

a chi favoleggia di nazionalismi e orgoglio patrio imperi e annessioni vorrei ricordare che è una cosa unica, solo noi ce l'abbiamo, ce la invidiano tutti.

io parteggio per tram (o metropolitana di superficie) efficienti e aree interdette al traffico. la cosa però non risolve il problema perchè chi abita in centro ha il diritto di possedere e utilizzare una macchina. e non è una politica accettabile scoraggiare la gente a vivere in centro. le città d'arte non devono diventare città museo per turisti. senza i suoi abitanti autoctoni perdono l'anima. è così purtroppo.

  Visualizza il profilo di Hyperion19  Invia un messaggio privato a Hyperion19    Rispondi riportando il messaggio originario
sloberi

Reg.: 05 Feb 2003
Messaggi: 15093
Da: San Polo d'Enza (RE)
Inviato: 11-11-2007 20:41  
elton e dan, mi spiegate perché ogni topic va trasformato in una guerra fra comunismo e capitalismo?
_________________
E' ok per me!

  Visualizza il profilo di sloberi  Invia un messaggio privato a sloberi     Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 11-11-2007 22:06  
quote:
In data 2007-11-11 20:41, sloberi scrive:
elton e dan, mi spiegate perché ogni topic va trasformato in una guerra fra comunismo e capitalismo?



Chiedilo al secondo, è lui che gira e rigira porta sempre il discorso in quella direzione
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
  
0.120626 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: