FilmUP.com > Forum > Attualità - Berlusconi ed il suo nuovo partito unico
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > Berlusconi ed il suo nuovo partito unico   
Vai alla pagina ( 1 | 2 | 3 | 4 | 5 Pagina successiva )
Autore Berlusconi ed il suo nuovo partito unico
Hias84

Reg.: 15 Mar 2007
Messaggi: 1262
Da: Serravalle Pistoiese (PT)
Inviato: 18-11-2007 20:12  
Alla fine ce l'ha fatta: voleva il nuovo partito, ed ora l'avrà. Diciamolo chiaro e tondo, per chi non l'avesse capito: quello del PD, per Berlusconi, era uno smacco insopportabile. Il vecchio Silvio ha capito ben presto quanti voti il nuovo "soggetto politico" (le virgolette sono d'obbligo) potrebbe portar via dal centro, orientando verso di sè molti degli elettori che, appunto, di centro si definiscono. Erano mesi che Silvio rosicava, ma (e questo avrebbe dovuto metterci in guardia) erano mesi anche che, tramite la rossa vamp meglio nota come Maria Vittoria Brambilla, aveva depositato il simbolo del suo "nuovo partito". E alla fine, il sogno s'è realizzato. Notate l'astuzia: il Silvio ha fatto coincidere la raccolta di firme sulle elezioni anticipate indetta da FI con la proclamazione solenne della nuova emanazione del suo proprio spirito, il "partito del popolo delle libertà". Brandendo cifre come "7 milioni di firmatari sono con noi" ha così, con questo escamotage, ottenuto una "investitura popolare" del suo nuovo progetto... investitura "a posteriori", ma questo mi sembra persino inutile starlo a spiegare.
Alla fine, Silvio ce l'ha fatta: ha ottenuto il nuovo giocattolo che desiderava tanto, invitando tutti ad imbarcarsi nella nuova avventura. Gli altri, in realtà, non sembrano molto convinti: lo seguiranno?
Ai posteri l'ardua sentenza.

Visto che c'ero, l'ho pubblicato anche qui

_________________
"Rory, fratello, sono il miglior bassista sulla faccia della Terra"(Jaco Pastorius)
"Non sarai mai solo con la schizofrenia" (W.Allen)

[ Questo messaggio è stato modificato da: Hias84 il 18-11-2007 alle 20:19 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: Hias84 il 18-11-2007 alle 20:20 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: Hias84 il 18-11-2007 alle 20:20 ]

  Visualizza il profilo di Hias84  Invia un messaggio privato a Hias84  Vai al sito web di Hias84    Rispondi riportando il messaggio originario
Valparaiso

Reg.: 21 Lug 2007
Messaggi: 4447
Da: Napoli (es)
Inviato: 18-11-2007 20:25  
Certo che, dopo l'escalation di polemiche di questi giorni, sarebbe per lo meno curioso se gli alleati del centrodestra lo seguissero senza fiatare. Berlusconi si è comunque lanciato in una vera e propria prova di forza, con l'obiettivo di imporre a tutti la propria linea politica e la propria leadership assoluta.
Afferma di avere dalla sua il consenso del popolo, e che questo nuovo partito sarebbe l'emanazione diretta dello spirito del popolo, incarnato nella sua persona. Sembrano gli argomenti tipici dei dittatori e molto simili a quelli dei sovrani assolutisti.
Quel che è chiaro è che, con questi atteggiamenti, gran parte del merito se Prodi è ancora in piedi è proprio suo...

  Visualizza il profilo di Valparaiso  Invia un messaggio privato a Valparaiso    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 18-11-2007 20:35  
non vorrei sbagliarmi ma mi sembra che berlusconi non lo ha presentato come il partito unico di centro-destra (al quale lui si è sempre mostrato un pò restìo), ma praticamente come il nuovo forza italia: cioè cambia solo il nome del suo solito partito.

che gli altri lo seguano o no sono problemi suoi.

quello che serve è trovare sempre una strategia efficiente per impedirgli di tornare a fare danni all'Italia che lavora sul serio, e anche a quella che, purtroppo, non ha la possibilità ancora di lavorare.

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
Hias84

Reg.: 15 Mar 2007
Messaggi: 1262
Da: Serravalle Pistoiese (PT)
Inviato: 18-11-2007 20:41  
Comunque, è alla ricerca di nuovo consenso... e poi i telegiornali parlavano di scioglimento di FI nel nuovo partito, non un semplice cambio di nome. Probabilmente il Silvio avrà voluto far capire che il treno passa per tutti, e chiunque può aggregarsi. Dato che gli alleati non lo seguono più, ha cercato di fare da solo ponendoli per l'ennesima volta di fronte al fatto compiuto. Come andrà ad evolvere la faccenda, si vedrà.
_________________
Formula della mia felicità: un sì, un no, una linea retta, una meta... (F.W.Nietzsche)

  Visualizza il profilo di Hias84  Invia un messaggio privato a Hias84  Vai al sito web di Hias84    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 18-11-2007 21:21  
ma secondo me non cambierà molto. alla fin fine sarà l'ex forza italia, con il nome di partito del popolo italiano delle libertà.

per adesso potrebbe nascere come neo-partito berlusconiano, indubbiamente è immaginabile che con il passare del tempo berlusconi lo voglia proporre come il partito sotto il quale unificare tutti i componenti della cdl. onde evitare che si formi un'area centro-riformista che glieli strappi via.

ma il punto è proprio questo: alla fine, appunto, è sempre un partito di stampo berlusconiano.

lo ha ideato, concordato e creato solo lui, semplicemente cercando di convincere i suoi alleati a farne parte insieme. senza averlo discusso con loro.

e tanto più rimanendone sempre lui il capo e leader.

non penso si possa verificare: a cominciare dal fatto che i suoi alleati gli imporrebbero di far decidere agli elettori di centro-destra chi secondo loro deve essere il leader.

per esempio ricorrendo allo strumento delle primarie.

soluzione, quella delle primarie, che spaventa non poco berlusconi: perchè saprebbe che non è scontato che gli elettori di centro-destra preferiscano ancora lui a capo dei suoi alleati.

infatti lui si è sempre imposto come leader senza mai chiedere il parere, attraverso una consultazione elettorale, agli elettori della cdl. si è presentato a tutte le scadenze elettorali già come candidato premier indiscusso e fisso.

berlusconi è un antidemocratico.

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 18-11-2007 21:34  
Boh, partito democratico, partito del popolo di Berlusconi, partito del cazzo...tutto può andar bene purchè sia nell'ambito della parte moderata se è possibile e tenendo il più lontano possibile la feccia della sinistra estrema, l'unico vero autentico ostacolo al bipolarismo vero in Italia
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
Marxetto

Reg.: 21 Ott 2002
Messaggi: 3954
Da: Milano (MI)
Inviato: 18-11-2007 22:53  
Perchè allora non essere onesti con se stessi fino in fondo e farne uno solo,di partito,che comprenda cioè le "forze moderate" di ambo gli schieramenti?

Tempo fa ho persino avanzato qualche proposta simbolica!

Secondo me semplificheremmo ancor più le cose...e forse qualcuno comincerebbe ad aprire gli occhi...
_________________

  Visualizza il profilo di Marxetto  Invia un messaggio privato a Marxetto  Vai al sito web di Marxetto     Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 18-11-2007 23:48  
quote:
In data 2007-11-18 21:34, eltonjohn scrive:
Boh, partito democratico, partito del popolo di Berlusconi, partito del cazzo...tutto può andar bene purchè sia nell'ambito della parte moderata se è possibile e tenendo il più lontano possibile la feccia della sinistra estrema, l'unico vero autentico ostacolo al bipolarismo vero in Italia




berlusconi è l'anti moderazione politica per eccellenza.

è un antidemocratico che rifiuta la dialettica poltica perchè vuole solo tornare a comandare e imporre la sua leadership senza ammettere discussioni contrarie.

l'ostacolo al bipolarismo è il centro: partiti opportunisti che non stanno ne di quà ne di là e che hanno contribuito in quest'ultima fase politica a far spaccare l'unione, con gli ex ds che si sono uniti ai dc della margherita per fare un partitone riformista, pericolosamente orientato su posizioni sempre più distanti dai problemi del sociale e del mondo del lavoro e sempre più vicine agli ambienti imprenditoriali e a schemi politici semipresidenzialisti.

la sinistra (prc, pci, verdi e sd) è l'unica parte politica costruttiva e combattiva su problematiche serie e urgenti.

tutto il resto è solo trasformismo, in mezzo al quale sono tornati a sguazzare anche i fascistoni italiani, feccia dell'Italia.

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 19-11-2007 00:02  
quote:
In data 2007-11-18 23:48, dan880 scrive:
quote:
In data 2007-11-18 21:34, eltonjohn scrive:
Boh, partito democratico, partito del popolo di Berlusconi, partito del cazzo...tutto può andar bene purchè sia nell'ambito della parte moderata se è possibile e tenendo il più lontano possibile la feccia della sinistra estrema, l'unico vero autentico ostacolo al bipolarismo vero in Italia




berlusconi è l'anti moderazione politica per eccellenza.

è un antidemocratico che rifiuta la dialettica poltica perchè vuole solo tornare a comandare e imporre la sua leadership senza ammettere discussioni contrarie.

l'ostacolo al bipolarismo è il centro: partiti opportunisti che non stanno ne di quà ne di là e che hanno contribuito in quest'ultima fase politica a far spaccare l'unione, con gli ex ds che si sono uniti ai dc della margherita per fare un partitone riformista, pericolosamente orientato su posizioni sempre più distanti dai problemi del sociale e del mondo del lavoro e sempre più vicine agli ambienti imprenditoriali e a schemi politici semipresidenzialisti.

la sinistra (prc, pci, verdi e sd) è l'unica parte politica costruttiva e combattiva su problematiche serie e urgenti.

tutto il resto è solo trasformismo, in mezzo al quale sono tornati a sguazzare anche i fascistoni italiani, feccia dell'Italia.


Si in effetti sarebbe ora che Berlusconi si togliesse dal cazzo, così forse vi togliereste dal cazzo pure voi. Senza il tappo di Arcore non avreste teoricamente più nessuna ragione di esistere, non sapreste come passare il tempo, non avendo nessuno da criminalizzare vi sentireste inutili e la piantereste magari di interessarvi di politica optando per la filatelia o il bricolage
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 19-11-2007 08:53  
anche senza berlusconi si continuerà a dar battaglia al centro-destra. chi pensa che la sua uscita di scena tolga la voglia di combattere i suoi alleati si sbaglia.

personalmente io mi augurerei che berlusconi si tolga di mezzo il più presto possibile: così finalmente si tornerebbe a fare in Italia una politica effettiva, che non sia una politica di marketing, di spot, di dichiarazioni propagandistiche per guadagnare la prima pagina dei quotidiani e mantenere alta la posizione in testa agli altri.

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
Hias84

Reg.: 15 Mar 2007
Messaggi: 1262
Da: Serravalle Pistoiese (PT)
Inviato: 19-11-2007 09:10  
quote:
In data 2007-11-19 00:02, eltonjohn scrive:
quote:
In data 2007-11-18 23:48, dan880 scrive:
quote:
In data 2007-11-18 21:34, eltonjohn scrive:
Boh, partito democratico, partito del popolo di Berlusconi, partito del cazzo...tutto può andar bene purchè sia nell'ambito della parte moderata se è possibile e tenendo il più lontano possibile la feccia della sinistra estrema, l'unico vero autentico ostacolo al bipolarismo vero in Italia




berlusconi è l'anti moderazione politica per eccellenza.

è un antidemocratico che rifiuta la dialettica poltica perchè vuole solo tornare a comandare e imporre la sua leadership senza ammettere discussioni contrarie.

l'ostacolo al bipolarismo è il centro: partiti opportunisti che non stanno ne di quà ne di là e che hanno contribuito in quest'ultima fase politica a far spaccare l'unione, con gli ex ds che si sono uniti ai dc della margherita per fare un partitone riformista, pericolosamente orientato su posizioni sempre più distanti dai problemi del sociale e del mondo del lavoro e sempre più vicine agli ambienti imprenditoriali e a schemi politici semipresidenzialisti.

la sinistra (prc, pci, verdi e sd) è l'unica parte politica costruttiva e combattiva su problematiche serie e urgenti.

tutto il resto è solo trasformismo, in mezzo al quale sono tornati a sguazzare anche i fascistoni italiani, feccia dell'Italia.


Si in effetti sarebbe ora che Berlusconi si togliesse dal cazzo, così forse vi togliereste dal cazzo pure voi. Senza il tappo di Arcore non avreste teoricamente più nessuna ragione di esistere, non sapreste come passare il tempo, non avendo nessuno da criminalizzare vi sentireste inutili e la piantereste magari di interessarvi di politica optando per la filatelia o il bricolage




Criminalizzare... questo verbo che hai usato non mi suona giusto. Diciamo che ci limitiamo ad attestare certi fatti... a fare il criminale ci pensa già da solo (d'altronde, quale altro aggettivo usare?)! Diamo a Cesare quel che è di Cesare!
_________________
Formula della mia felicità: un sì, un no, una linea retta, una meta... (F.W.Nietzsche)

  Visualizza il profilo di Hias84  Invia un messaggio privato a Hias84  Vai al sito web di Hias84    Rispondi riportando il messaggio originario
dan880

Reg.: 02 Ott 2006
Messaggi: 2948
Da: napoli (NA)
Inviato: 19-11-2007 11:57  
la strategia di ieri pare si stia delineando con maggior nitidezza:

berlusconi ha dichiarato che il partito del popolo italiano delle libertà dovrà essere un soggetto politico che va al centro riunendo tutta la cdl. una cosa simile al pd, insomma.

un progetto andreottiano, al quale la destra di storace avrebbe già dato disponibilità: strano, però. perchè proprio una settimana fa, storace aveva dichiarato di essere uscito da an, e di aver fondato la destra, perchè an sta diventando un partito centrista e moderato e andreottiano.

adesso si rimangia la parola?

la lega nord invece se ne chiama fuori. aggiungendo anzi che berlusconi secondo loro sta sbagliando e sta facendo regali su regali a prodi.

anche fini, pare, continua a restare molto perplesso e poco convinto di questa iniziativa berlusconiana.

naturalmente storace non è il solo a rimangiarsi la parola:
anche berlusconi se la sta rimangiando.

dopo la figura di merda sul fatto di aver smentito l'editto bulgaro (quando invece ci fu eccome) e dopo la figura di merda di un governo che doveva cadere la seconda settimana di novembre (e che poi non è caduto) adesso ne riporta una terza e una quarta.

la terza: aveva sempre dichiarato di non voler dialogare sulle riforme. adesso invece sta facendo capire che dialogherebbe sulle riforme.

la quarta: aveva detto di essere contrario a far rivedere la sua legge elettorale. adesso invece ha dichiarato che va rivista e che bisogna apoggiare un sistema tedesco proporzionale.

berlusconi ha capito che i suoi alleati lo vogliono neutralizzare e alora è passato al contrattacco:
dopo il referendum di ieri (che sbandiererà come ricatto politico) ha pensato subito di portare avanti un progetto centrista simil-pd per recuperare i suoi alleati e di fare un passo avanti sul sistema alla tedesca per arrivare, come in germania, a una grande coalizione. nela quale alla fine pd o partito del popolo italiano delle libertà saranno quasi la stessa cosa. tutti a braccetto in uno scenario trasformista e centro-riformista.

forse sta cercando di rubare la scena centrista al pd.

sulla legge lettorale, forse vuole rivederla per studiarne una che gli dia la possibilità di scegliersi gli alleati che vuole: passando da una parte all'altra con mota disinvoltura, a seconda del momento e delle opportunità, ovviamente però restando sempre tra centro e destra.

che scenario disastroso.

  Visualizza il profilo di dan880  Invia un messaggio privato a dan880    Rispondi riportando il messaggio originario
madpierrot

Reg.: 08 Mag 2004
Messaggi: 851
Da: Pista Uno (es)
Inviato: 19-11-2007 12:10  
Sarebbe gradita una spiegazione seria e convincente del fatto che, per promuovere il vero bipolarismo (e quindi la democrazia), bisognerebbe eliminare certi partiti, poichè è una relazione causa-effetto che non è sostenuta da nessuna teoria politica...
Il problema del bipolarismo semmai lo si risolve con una legge elettorale come Dio comanda, non con gli obbrobri che di di solito vengono partoriti nel nostro paese...
_________________
"La via da percorrere non è facile né sicura, ma deve essere percorsa e lo sarà"

  Visualizza il profilo di madpierrot  Invia un messaggio privato a madpierrot    Rispondi riportando il messaggio originario
stilgar

Reg.: 12 Nov 2001
Messaggi: 4999
Da: castelgiorgio (TR)
Inviato: 19-11-2007 12:15  
Se si vuole il bipolarismo io penso che sia un controsenso volere eliminare i partiti più radicali, in quel modo si avrebbe semmai un monopolarismo che non farebbe bene a nessuno.
Io comunque non capisco perchè dobbiamo avere il bipolarismo a tutti i costi.
In Italia, per ragioni storiche, non ci arriveremo mai.
_________________

Profundis - L'anima nera della rete

  Visualizza il profilo di stilgar  Invia un messaggio privato a stilgar  Email stilgar  Vai al sito web di stilgar     Rispondi riportando il messaggio originario
Hias84

Reg.: 15 Mar 2007
Messaggi: 1262
Da: Serravalle Pistoiese (PT)
Inviato: 19-11-2007 12:56  
Novità reperite su virgilio:
Roma, 19 nov. (Apcom) - Silvio Berlusconi terrà alle 18 a Roma, presso il tempio di Adriano in piazza di Pietra, la conferenza stampa convocata per annunciare la nascita della sua nuova formazione politica. E, mentre con An è ormai rotta di collisione, già arrivano le prime adesioni, sia pure per ora solo ideali, dalla destra di Storace, che tuttavia premette: "Ho un dovere verso una classe dirigente. Quindi devo incontrare i miei collaboratori in settimana per parlare di questo che comunque è un evento che ha una portata rivoluzionaria nella politica italiana. Abbiamo fondato 'La Destra' per dare rappresentanza a valori che sono stati messi in discussione. Occorrerà prima discuterne, però è certo che Berlusconi ha messo in campo una proposta forte che serve probabilmente a rappresentare una coalizione di lealisti". L'iniziativa di Berlusconi di creare un nuovo partito non sorprende il capogruppo della Lega alla Camera Roberto Maroni. "E' una sua vecchia idea, vuol mettere insieme tutti i partiti del centrodestra sul modello americano. Per i giornali è una novità, per noi no, dato che ne parla da anni. La Lega comunque non è interessata" ha detto Maroni in un'intervista questa mattina a "Radio Padania Libera". La Lega dice no a una confluenza in altri partiti ma, afferma Maroni, guarda con interesse a quello che sta accadendo nel centrodestra e nel centrosinistra. Maroni ha aggiunto che il suo è un partito del nord, autonomista e federalista, nè di destra nè di sinistra, ma si allea con l'una o l'altra, a seconda dell'occasione, per ottenere le riforme.
Berlusconi comunque ha già fissato la tabella di marcia del nuovo partito. "Faremo l'assemblea Costituente il 2 dicembre, cioè nell'anniversario della grande manifestazione dell'anno scorso. E in questo partito possono venire tutti quelli che ci vogliono stare. E' chiaro che questo cambia tutto sulla legge elettorale...». Così Silvio Berlusconi in una intervista oggi ad Augusto Minzolini sulla Stampa. E Paolo Bonaiuti oggi spiega: "Che si chiami Nuovo partito popolare o Partito del popolo, la decisione è presa, la gente ci appoggia e appoggia il progetto di Berlusconi". Quanto al rapporto con gli alleati, ha precisato l'esponente forzista: "il partito è aperto a chi vorrà entrare, purché condivida il progetto: pulsate et aperietur vobis; bussate e vi sarà aperto".
Ma la risposta di Fini è stata stamattina secca e netta: " Non se ne parla proprio. Quella di Berlusconi è una scorciatoia personalistica, plebiscitaria".
Silvio Berlusconi è stato durissimo contro An e Gianfranco Fini. "Non posso accettare di diventare il capro espiatorio delle difficoltà interne di Fini", aggiunge. "Mi sono rotto le scatole", dice netto l'ex premier, ricordando che con la legge elettorale tedesca An "non conterebbe più niente".

_________________
Formula della mia felicità: un sì, un no, una linea retta, una meta... (F.W.Nietzsche)

  Visualizza il profilo di Hias84  Invia un messaggio privato a Hias84  Vai al sito web di Hias84    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( 1 | 2 | 3 | 4 | 5 Pagina successiva )
  
0.222738 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: