FilmUP.com > Forum > Attualità - buon boicottaggio
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Zoom Out > Attualità > buon boicottaggio   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 Pagina successiva )
Autore buon boicottaggio
Jolie1975

Reg.: 18 Nov 2002
Messaggi: 351
Da: Roma (RM)
Inviato: 25-01-2003 15:53  
quote:
In data 2003-01-25 13:45, MRSSTEELE scrive:
salve, mi chiamo Moreno e sono il marito di Roby MRS STEELE AH questa non la sapevo, che fosse bigama!! ho beccato mia moglie su questa pagina e allora le ho detto fatti in la fammi leggere...così ho deciso di scrivere qualcosa di frodo anch'io..io sono d'accordo sul boicottaggio ma lei credo di no perchè ama la cioccolata alla follia e anche tutti quegli stupidi dolcini tipo Lion
Poi si lamenta perchè ingrassa...ah le donne no so voi ma devo proprio sopportarla...comunque vi avevo sottovalutato lei mi aveva detto che scriveva un mucchio di fesserie e invece no!! Alcuni di voi sono interessanti...crede che mi farò risentire se la signora permette qualche volta. Tanti saluti,buon boicottaggio anche a voi.
Moreno






MORENO MOLLA IL TOPO A TUA MOGLIE....SANTA DONNA!!!

PROVATE A PRIVARVI DI TUTTO PER NECESSITà IO SONO CELIACA...E NON SAPETE CHE PALLE...

..LEVATEMI PURE QUELLE POCHE COSE CHE NON HANNO GLUTINE E MI RITROVO APPESA AD UN FILO DI VENTO....

E BASTA CON STI SENZI DI COLPA..E CHE CAVOLO CHE NON VI BASTA IL CATTOLICESIMO....

AL SUPER VEDO TANTI AFRICANI CHE COMPRANO IL NESTCAFFè...PERCHè NON LO DITE A LORO SCUSATE....

_________________

  Visualizza il profilo di Jolie1975  Invia un messaggio privato a Jolie1975    Rispondi riportando il messaggio originario
PRINCI666

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 736
Da: curno (BG)
Inviato: 25-01-2003 18:52  
quote:
In data 2003-01-25 02:00, mattia scrive:
quote:
In data 2003-01-24 12:04, PRINCI666 scrive:
...evidentemente nn sono l'unica insensibile...a quanto vedo...




Questo non me lo aspettavo davvero...
tu che ami tanto i gatti ( o ami solo i tuoi?) e in generale gli animali non ti darebbe fastidio sapere che la Nestlè "compare tra le imprese che, secondo Naturewatch, utilizzano ingredienti sperimentati sugli animali"?
credo che fottorsene in certi casi possa essere sbagliato...





Scacco matto alla principessina, Mattia...
I miei complimenti.
...lo dico col cuore, l'anima e lo stomaco...
Nn amo solo i "miei" di gatti...anche perchè sono io ad essere la "loro" e una di loro...
...li amo tutti...
Quanto mi dici nn era nelle mie conoscenze...
...e so che molti storceranno il naso, ma questa si che è una cosa che mi sensibilizza.
...bene...ora che lo so...Mattia, mi permetto una domanda ingenua...come si fa a sapere chi sperimenta sugli animali?
(anche se, purtroppo, credo lo facciano tutti...)
In quel caso il non boicottaggio della Nestlè mi riuscirebbe impossibile...per natura...

Di nuovo complimenti, Mattia...
_________________
"Ci sono due tragedie nella vita: non ottenere ciò che si desidera ed ottenerlo."
Oscar Wilde.

  Visualizza il profilo di PRINCI666  Invia un messaggio privato a PRINCI666  Email PRINCI666     Rispondi riportando il messaggio originario
Tristam
ex "mattia"

Reg.: 15 Apr 2002
Messaggi: 10671
Da: genova (GE)
Inviato: 25-01-2003 22:17  
se vuoi sapere qualcosa di piu' Linci io ho questo libro fantastico...
fai un nome e io ti riportero' quali sono i risultati dell'indagine.
c'e' infatti la sezione dedicata all'utilizzo degli animali per ogni singola fottuta societa' alimentare...
fate i nomi. tutti quelli che vi vengono in mente e io vi leggero'...
c'e' da smettere di mangaire...
_________________
"C'è una sola cosa che prendo sul serio qui, e cioè l'impegno che ho dato a xxxxxxxx e a cercare di farlo nel miglior modo possibile"

  Visualizza il profilo di Tristam  Invia un messaggio privato a Tristam  Vai al sito web di Tristam    Rispondi riportando il messaggio originario
moscardo

Reg.: 08 Ott 2002
Messaggi: 188
Da: collina (es)
Inviato: 25-01-2003 22:56  
Fottuta unilever.

_________________
Corri e fottitene dell' orgoglio, ne ha rovinati più lui che il petrolio.

  Visualizza il profilo di moscardo  Invia un messaggio privato a moscardo    Rispondi riportando il messaggio originario
PRINCI666

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 736
Da: curno (BG)
Inviato: 26-01-2003 00:48  
...vado a comprarmi il libro...anche se nn so se voglio sapere...nn tanto per nn morire di fame...tanto per nn aggrovigliarmi lo stomaco e il cuore...
Grazie a Mattia...
_________________
"Ci sono due tragedie nella vita: non ottenere ciò che si desidera ed ottenerlo."
Oscar Wilde.

  Visualizza il profilo di PRINCI666  Invia un messaggio privato a PRINCI666  Email PRINCI666     Rispondi riportando il messaggio originario
Tristam
ex "mattia"

Reg.: 15 Apr 2002
Messaggi: 10671
Da: genova (GE)
Inviato: 26-01-2003 00:58  
se non lo trovi,facile, beh chiedi io sono qui
_________________
"C'è una sola cosa che prendo sul serio qui, e cioè l'impegno che ho dato a xxxxxxxx e a cercare di farlo nel miglior modo possibile"

  Visualizza il profilo di Tristam  Invia un messaggio privato a Tristam  Vai al sito web di Tristam    Rispondi riportando il messaggio originario
PRINCI666

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 736
Da: curno (BG)
Inviato: 26-01-2003 00:59  
...nn è che devo chiedere...
Voglio sapere tutto...
_________________
"Ci sono due tragedie nella vita: non ottenere ciò che si desidera ed ottenerlo."
Oscar Wilde.

  Visualizza il profilo di PRINCI666  Invia un messaggio privato a PRINCI666  Email PRINCI666     Rispondi riportando il messaggio originario
Tristam
ex "mattia"

Reg.: 15 Apr 2002
Messaggi: 10671
Da: genova (GE)
Inviato: 26-01-2003 01:08  
eh si! mo' ti copio il libro! oooh!
_________________
"C'è una sola cosa che prendo sul serio qui, e cioè l'impegno che ho dato a xxxxxxxx e a cercare di farlo nel miglior modo possibile"

  Visualizza il profilo di Tristam  Invia un messaggio privato a Tristam  Vai al sito web di Tristam    Rispondi riportando il messaggio originario
spooky1981


Reg.: 07 Ago 2002
Messaggi: 224
Da: Casatenovo (LC)
Inviato: 27-01-2003 00:39  
quote:
In data 2003-01-24 19:22, Alessandro scrive:
quote:
In data 2003-01-24 18:43, spooky1981 scrive:
Boicottare la Vismara? E perchè?
Non è più in mano alla Nestlè... ora è in mano della Ferrarini di Modena...

Che ne dite?




Ah sì?
Bene, almeno il prosciutto infarcito di conservanti e additivi, e magari fatto anche con gli OGM non mancherà, sulla mia tavola...

Ci tenevo proprio.





Abitando nel paese del Vismara e avendo parenti che ci lavorano, ti assicuro che in quello che facevano prima non c'erano cose particolari. Ora come ora, ne sono successe di ogni, dopo l'arrivo della Ferrarini. Ti assicuro che in fatto di qualità, come diceva mio zio "addetto agli stampi dei prosciutti", era mille volte meglio la multinazionale che questa famiglia che arriva in Bmw e Ferrari e non controlla nemmeno la produzione...... Questo è quello che dice chi ha lavorato alla Vismara per 40 anni... Poi, ognuno la vede come vuole...
_________________
She smells like angels ought to smell (Sin City)

  Visualizza il profilo di spooky1981  Invia un messaggio privato a spooky1981  Email spooky1981  Vai al sito web di spooky1981  Stato di ICQ     Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 27-01-2003 11:47  
Ottimo link mattia...naturalmente lo leggeranno solo 4 gatti perchè è troppo lungo e poi chissenefrega!
Meglio continuare a fare battute di cattivo gusto deridendo (inconsapevolmente?) migliaia di mambini morti per colpa dell'allattamento artificiale imposto dalla Nestlé...

Viveri "Gratis"
Una delle più redditizie tattiche di marketing usate è di dare gratis il latte per bambini o i sostituti agli ospedali e ai reparti maternità. In molti casi, viene dato abbastanza latte perché tutti i bambini nati all'ospedale siano allattati con il biberon. Alle madri viene spesso dato anche un barattolo campione da portare a casa. Dare il latte con il biberon ai neonati fa sì che il latte materno venga progressivamente a mancare e l'allattamento al seno diventi impraticabile. Di conseguenza il bambino diventa dipendente del latte artificiale. Una volta a casa, le madri non ricevono più il latte gratis, ma se lo devono comprare. Da questo nascono da una parte i profitti della multinazionale, dall'altra malattie e denutrizione con le loro spaventose conseguenze.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Quilty

Reg.: 10 Ott 2001
Messaggi: 7637
Da: milano (MI)
Inviato: 27-01-2003 12:04  
a proposito dell'efficacia di un boicottaggio...


Il boicottaggio è uno strumento democratico e efficace che noi consumatori abbiamo a disposizione per costringere la Nestlé a rivedere il suo comportamento

Che cosa possiamo fare noi?

"L'atteggiamento più pericoloso, da allontanare come una tentazione, è il pessimismo. Non dire che contro i colossi della terra non ce la faremo mai e che quella mondiale è una dimensione troppo vasta per essere gestita dal basso. Sui sensi di impotenza i padroni ed i governanti costruiscono imperi."
(Francuccio Gesualdi, responsabile del Centro Nuovo Modello di Sviluppo,
da "Lettera ad un consumatore del Nord" Ed. EMI, '90.)

"Tutte le volte che acquistiamo un Bacio Perugina, premiamo Nestlé che ostacola sistematicamente la naturale possibilità organica di ogni madre di allattare il proprio figlio al seno, per costringerla a dipendere dal latte in polvere di cui è produttrice. Molti figli, troppi figli si sono ammalati di malattie infettive e sono morti dopo che le loro madri si erano indebitate per acquistare il latte in polvere dalla Nestlé."
Alex Zanotelli

Che cosa possiamo fare se non ci rassegniamo ad assistere impotenti e ad ammettere che il potere delle imprese possa calpestare i più elementari diritti umani, irridere la dignità delle persone del Sud del Mondo ma anche di quelle del Nord, subordinandole e pilotandolo con una incessante ed ingannevole pubblicità?

Se vogliamo dare una speranza di vita ai bambini del Terzo Mondo è necessario, prima di tutto, fermare le compagnie nelle loro irresponsabili tecniche di vendita, ed inoltre promuovere, tramite appoggio diretto a medici e ONG (Organismi Non Governativi), programmi di istruzione e di informazione igienico-sanitarie.

A questo scopo sembra avere un'efficacia molto limitata la semplice legislazione, di cui spesso le imprese si prendono gioco, influenzando più o meno direttamente, i governi.


Noi riteniamo che per obbligare la Nestlé a rispettare il Codice Internazionale lo strumento di lotta più adatto ed incisivo sia il boicottaggio.
Il boicottaggio consiste nell'interruzione, organizzata e temporanea, dell'acquisto di uno o più prodotti, per indurre le società produttrici a comportamenti diversi. Congiuntamente ad una capillare informazione e sensibilizzazione sul problema, il boicottaggio raggiunge in forma democratica ed efficace l'obbiettivo attraverso tre meccanismi:

determina un calo delle vendite: bisogna ricordare che può bastare una riduzione di solo il 3 - 5% per provocare un grave danno alle imprese costrette a incrementare le spese per la pubblicità e a cedere fette di mercato alla concorrenza.
La rivista Borsa & Finanza ha affermato che acquistare oggi titoli Nestlé in Borsa è considerato dagli esperti un investimento a rischio, proprio per il boicottaggio e le critiche di cui la compagnia è oggetto.
danneggia l'immagine dell'impresa e questo, in una società che vive di sola immagine, rappresenta un danno ancor più grave del semplice calo delle vendite: alcune compagnie, denunciate in passato, hanno ceduto davanti alla sola minaccia di boicottaggio per non vedere il loro nome associato nella mente dei consumatori a comportamenti moralmente condannabili (è il caso della Scott in Inghilterra e della Del Monte). L ’importanza attribuita alla immagine è dimostrata ad esempio dalla partecipazione della Nestlé nel comitato di sostegno del corso di diploma universitario in marketing e comunicazione d'azienda presso l'Università Cattolica.
costringe l'impresa a reimpostare le pubbliche relazioni, a vigilare in maniera molto accurata sulle iniziative dei boicottatori ed a nascondere le pratiche scorrette di cui è accusata. Le ditte infatti fanno un conto di queste perdite (subite a causa del boicottaggio) e delle perdite che subirebbero accettando le richieste dei boicottatori. La ditta boicottata cesserà le pratiche incriminate solo quando le converrà sul piano economico, l'unico a cui è sensibile.
Un po' di storia
Anche se nei libri di scuola non se ne parla, il boicottaggio ha radici storiche importanti. In Italia non si è mai diffuso a causa della presenza pressoché totalizzante come strumento di lotta dello sciopero, ma in altri paesi viene adoperato da molto tempo con successo. Con il boicottaggio - smettendo di comprare merci prodotte da schiavi - i francesi posero fine, nel 1792, alla schiavitù. In epoca più recente Martin Luther King con il boicottaggio ottenne l'abolizione di alcune leggi segregazioniste.

Molti giganti economici, come ad esempio Coca Cola, Campbell, Polaroid, Dow Chemical, Barclays Bank e altri ancora sono stati fermati in poco tempo da gruppi di boicottaggio spesso inizialmente molto modesti. Per restare nel campo del latte in polvere nel 1977 la compagnia inglese Bristol Myers Corp. fu accusata di pubblicità scorretta al suo latte e di pagare falso personale ospedaliero. Dopo solo due anni di boicottaggio si accordò per terminare queste pratiche e gli osservatori internazionali hanno verificato la loro effettiva cessazione.


Il potere dei consumatori
Il potere del sistema economico dominante, di cui le imprese multinazionali sono la più consistente espressione, fa leva sui nostri sensi di impotenza, ci distrae con la pubblicità e ci fa credere che come consumatori non abbiamo alcuna influenza.
Ma in realtà ogni singolo consumatore, se unisce i suoi sforzi insieme a quelli degli altri, ha il potere di far vacillare questi imperi. Il problema semmai è come organizzare queste forze disperse, come informare e coordinare, come raggiungere rapidamente e coinvolgere il maggior numero di persone.

Questo è difficile ma non impossibile. Lo dimostra il fatto che la Nestlé era già stata fermata con un primo boicottaggio internazionale durato dal 1977 al 1984. Si era allora impegnata a rispettare le regole del Codice.

Nel 1988 però ci si rese conto che la compagnia, dopo un periodo di effettiva buona condotta, ha ripreso a violare il Codice ed è stata lanciata una seconda campagna di boicottaggio -quella attuale- (che continuerà fino a che i monitoraggi di controllo non proveranno che la Nestlé rispetta il Codice).

Può apparentemente sembrare una sconfitta, ma oltre al fatto che la Nestlé ha rinunciato alle pratiche più vistose, ora deve compiere azioni che lei stessa nell‘84 ha definito immorali e illegali, e quindi deve agire di nascosto quando prima poteva farlo alla luce del sole.


Verso una nuova cultura della solidarietà
Ma salvare i bambini, per quanto di primaria importanza, non è l'unico fine di questo boicottaggio: noi speriamo che, oltre a fermare la Nestlé, il boicottaggio serva a creare sensibilità sul più vasto problema del rapporto fra multinazionali e sofferenza nei paesi sottosviluppati e a costruire una nuova cultura della solidarietà.
L'esperto Todd Puttman afferma che "il boicottaggio denuncia ed educa allo stesso tempo. Educa ad agire, a non assistere passivamente alle ingiustizie ed ai soprusi che avvengono sotto il nostro naso. Educa ad assumerci le nostre responsabilità. Il boicottaggio abitua la gente a riprendersi il potere nelle proprie mani. Per questo è quanto di più democratico possa esserci.". Una vittoria contro la Nestlé sarebbe un forte messaggio anche per le altre multinazionali che sfruttano impunemente i popoli del Terzo Mondo appropriandosi del frutto delle loro terre e del loro lavoro e lasciando in cambio sottosviluppo e rifiuti tossici.

Per fermare queste ingiustizie non solo verso chi le subisce direttamente ma anche per chi, nella miope ottica a breve termine ne appare beneficiario perché può comprare a poco prezzo il frutto della terra e del lavoro altrui, il mezzo più efficace è usare finalmente il nostro potere di consumatori, rivendicando e praticando la nostra autodeterminazione su fronti apparentemente poco politici e poco eroici quali la scelta della nostra alimentazione e dei nostri acquisti, ossia dell' uso dei nostri soldi, in favore di un mondo migliore.

Parallelamente al boicottaggio si può infatti definire e proporre un nuovo modello di consumo critico che prenda in considerazione la storia del prodotto, la moralità della casa produttrice, l'inquinamento di cui è responsabile etc. così da rafforzare i sistemi produttivi e commerciali corretti che implichino un modello di sviluppo alternativo a quello attuale.

Tutto ciò ed in particolar modo l'efficacia del boicottaggio è solo un'utopia se resta il progetto di pochi, ma può avere realmente successo se riesce a diffondersi come è avvenuto in passato. Per questo c'è bisogno dell'impegno di tutti. Anche del tuo.

  Visualizza il profilo di Quilty  Invia un messaggio privato a Quilty    Rispondi riportando il messaggio originario
Tristam
ex "mattia"

Reg.: 15 Apr 2002
Messaggi: 10671
Da: genova (GE)
Inviato: 28-01-2003 02:06  
Quilty: compagno
_________________
"C'è una sola cosa che prendo sul serio qui, e cioè l'impegno che ho dato a xxxxxxxx e a cercare di farlo nel miglior modo possibile"

  Visualizza il profilo di Tristam  Invia un messaggio privato a Tristam  Vai al sito web di Tristam    Rispondi riportando il messaggio originario
SimeOne


Reg.: 26 Ago 2002
Messaggi: 1207
Da: Villasanta (MI)
Inviato: 28-01-2003 11:10  
quote:
In data 2003-01-22 13:00, KaiserSoze scrive:
Non c'è problema credo di non fare uso di nessuno dei prodotti elencati




Se ti avessero chiesto di boicottare la Twinlab o la Prolab?
_________________
STAY FOCUSED.....

  Visualizza il profilo di SimeOne  Invia un messaggio privato a SimeOne    Rispondi riportando il messaggio originario
SimeOne


Reg.: 26 Ago 2002
Messaggi: 1207
Da: Villasanta (MI)
Inviato: 28-01-2003 11:12  
quote:
In data 2003-01-28 02:06, mattia scrive:
Quilty: compagno




Si però con i vostri post c'è bisogno di un mouse con la manetta del "grinder" di Luna Rossa al posto della rotella dello scroll...
_________________
STAY FOCUSED.....

  Visualizza il profilo di SimeOne  Invia un messaggio privato a SimeOne    Rispondi riportando il messaggio originario
KaiserSoze


Reg.: 02 Ott 2001
Messaggi: 6944
Da: Quartu Sant'Elena (CA)
Inviato: 28-01-2003 11:29  
quote:
In data 2003-01-28 11:10, SimeOne scrive:


Se ti avessero chiesto di boicottare la Twinlab o la Prolab?




Avrei avuto qualche problema in più
_________________
Quando la porta della felicità si chiude, un'altra si apre, ma tante volte guardiamo così a lungo a quella chiusa, che non vediamo quella che è stata aperta per noi.

  Visualizza il profilo di KaiserSoze  Invia un messaggio privato a KaiserSoze  Email KaiserSoze     Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 Pagina successiva )
  
0.129793 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: