FilmUP.com > Forum > Tutto Cinema - brother
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Cinema > Tutto Cinema > brother   
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
Autore brother
malebolgia

Reg.: 15 Gen 2003
Messaggi: 2665
Da: matelica (MC)
Inviato: 27-03-2003 18:54  
nell archiviozz non l'ho trovato...

mi sembra cosa buona e giusta, è veramente cosa buona e giusta, che questo film sia discusso, visto che l'ho trovato (nonostante i vari sbudellamenti) una eccellente e intensa opera del sig. kitano.

vorrei prima saper le vostre impressioni, poi scrivo qualcosa pure io....

intanto vado a mangiare l'ananas, spero che al ritorno qualcuno abbia risposto....

bye
_________________
... e per un istante ritorna la voglia di vivere a un'altra velocità

  Visualizza il profilo di malebolgia  Invia un messaggio privato a malebolgia    Rispondi riportando il messaggio originario
ilaria78

Reg.: 09 Dic 2002
Messaggi: 5055
Da: latina (LT)
Inviato: 27-03-2003 19:02  
a me l'ananas non piace tanto.....



_________________
...quando i morti camminano signori..bisogna smettere di uccidere...

  Visualizza il profilo di ilaria78  Invia un messaggio privato a ilaria78    Rispondi riportando il messaggio originario
Onlypippo

Reg.: 01 Gen 2002
Messaggi: 704
Da: Lecco (LC)
Inviato: 27-03-2003 19:59  
A me questo film è piaciuto molto!! è l'unico d Kitano ke ho visto xò vorrei tanto ved HANABI ke deve essere davvero bello!!!
qnt film d kitano sn disponibili in dvd?!

  Visualizza il profilo di Onlypippo  Invia un messaggio privato a Onlypippo    Rispondi riportando il messaggio originario
gmgregori

Reg.: 31 Dic 2002
Messaggi: 4790
Da: Milano (MI)
Inviato: 28-03-2003 15:46  
Ho visto il film e mi sono dcisamente trovato Disorientato. Non lo ricordo bene quindi non mi perdo in troppe parole. Ricordo bene però uno dei peggiori doppiaggi mai capitati, compresi i rumori di fondo.
_________________
la bruttura del vuoto è tanto profonda fin quando, cadendo, non ti accorgi di poterti ripigliare. I ganci fanno male, portano ferite, ma correre e faticare per poi giorie è un obbiettivo per cui vale la pena soffrire.
_________________

  Visualizza il profilo di gmgregori  Invia un messaggio privato a gmgregori  Email gmgregori    Rispondi riportando il messaggio originario
malebolgia

Reg.: 15 Gen 2003
Messaggi: 2665
Da: matelica (MC)
Inviato: 30-03-2003 23:39  
azz, ho appena finito di mangiarmi l'n-simo ananas e mi son ricordato che dovevo scriver qualcosa su 'sto film....
kitano è proprio un gran figlio di puttana, mi sono detto....
è riuscito a tenermi incollato allo schermo con un film pieno di morti ammazzati, giapponesi pronti a staccarsi di netto con un coltello pure l'uccello e un protagonista il cui comportamento mi avrebbe potuto far innervosire dal primo fotogramma...
risultato? opposto.
un ora e trequarti: sguardo fisso (una sorta di ipnosi?) su uno yakuza glaciale, impenetrabile e imperturbabile, silenziosissimo, incazzatissimo e decisissimo, dopo la sua cacciata dal giappone a causa di guerre tra famiglie mafiose, ad aiutare il fratellino spacciatore &Co. nella conquista del business droghereccio di l.a., senza naturalmente preoccuparsi dei porci messicani, della nipponica famiglia-gang avversaria e dei mafiosi italiani (incredibilmente non ridicolizzati come al solito).

Ascesa al trono: rapida....
caduta nella polvere: addirittura fulminea....

morti ultra-brutali, sfregi, sangue a iosa, autosventramenti e automutilazioni con coltellacci di mezzo metro, fanno solo da contorno al film.
Chi fa da padrone è il regista-attore con la sua indifferenza, i suoi comportamenti distaccati e d'acchito eccessivamente aggressivi, ma in realtà pregni di un indubbio senso dell'onore e di amicizia.
L'oriente incontra l'occidente: la solita fottuta storia trita e ritrita direte voi...
io invece ribadisco che con questo film kitano, inevitabilmente feroce ma a mio avviso, nel profondo, anche poetico, crudo, cruento, semplice e sincero, ci narra con ironia (sì, avete letto bene) come i rapporti tra due culture così a prima vista opposte possano invece essere caratterizzate da stretti legami.

E adesso visto che mi son rotto le palle di scrivere e che ho voglia di un altro ananas, vi dico solamente che dovreste vederlo 'sto film...
(non s'era capito che mi ha fatto una buona impressione, vero?)

bye
_________________
... e per un istante ritorna la voglia di vivere a un'altra velocità

  Visualizza il profilo di malebolgia  Invia un messaggio privato a malebolgia    Rispondi riportando il messaggio originario
DemonSeth
ex "Phibes"

Reg.: 27 Feb 2002
Messaggi: 2048
Da: Catania (CT)
Inviato: 31-03-2003 10:15  
quote:
In data 2003-03-30 23:39, malebolgia scrive:
inevitabilmente feroce ma a mio avviso, nel profondo, anche poetico, crudo, cruento, semplice e sincero, ci narra con ironia (sì, avete letto bene) come i rapporti tra due culture così a prima vista opposte possano invece essere caratterizzate da stretti legami.



Hai descritto alla perfezione cosa sia un film giapponese...Kitano è un grande regista, Brother mi è piaciuto, anche se troppo occidentalizzato per i miei gusti e non mi riferisco all'ambientazione, ma proprio alla struttura narrativa. Non mi è piaciuto il finale...troppo Butch Cassidy, ma nel complesso un buon film. I migliori film sulla yakuza sono quelli girati in giappone per il pubblico orientale, meno fronzoli.
_________________
"Capable du meilleur comme du pire, mais pour le pire je suis le meilleur"

  Visualizza il profilo di DemonSeth  Invia un messaggio privato a DemonSeth  Email DemonSeth  Vai al sito web di DemonSeth    Rispondi riportando il messaggio originario
gmgregori

Reg.: 31 Dic 2002
Messaggi: 4790
Da: Milano (MI)
Inviato: 31-03-2003 10:25  
Sembrerebbe l'estremizzazioni del cinema nipponico viloento pre Tarantino. Troppo sviluppato. Non concordo!
_________________
la bruttura del vuoto è tanto profonda fin quando, cadendo, non ti accorgi di poterti ripigliare. I ganci fanno male, portano ferite, ma correre e faticare per poi giorie è un obbiettivo per cui vale la pena soffrire.
_________________

  Visualizza il profilo di gmgregori  Invia un messaggio privato a gmgregori  Email gmgregori    Rispondi riportando il messaggio originario
liliangish

Reg.: 23 Giu 2002
Messaggi: 10879
Da: Matera (MT)
Inviato: 26-12-2003 16:10  
riesumo un vecchio post per un film da vedere... tempi dilatati, scene lunghe che sembrerebbero non funzionali, perchè in realtà non servono alla storia ma a farci respirare la stessa atmosfera dei protagonisti. connessioni così sottili da sembrare inesistenti, violenza tanto palese e ostentata da sembrare gratuita. tutto in questo film è il contrario di quello che sembra, tutto è celato e svelato.
concordo con Devil sul finale troppo "occidentale" solo nella storia però, perchè è reso in un modo squisitamente originale.

_________________
...You could be the next.

  Visualizza il profilo di liliangish  Invia un messaggio privato a liliangish    Rispondi riportando il messaggio originario
Trix180

Reg.: 06 Dic 2002
Messaggi: 202
Da: Fornovo (PR)
Inviato: 27-12-2003 13:10  
E' un ottimo film di Kitano ma non il migliore (Hana Bi), Yamamoto è la versione yakuza del polizzioto di Violent cop , la forma espressiva di kitano è all' ennesima potenza (e anche l' humor) e anche la sua piu' che palpabile poetica ...

  Visualizza il profilo di Trix180  Invia un messaggio privato a Trix180    Rispondi riportando il messaggio originario
vietcong

Reg.: 13 Ott 2003
Messaggi: 4111
Da: roma (RM)
Inviato: 04-01-2004 22:39  
quote:
In data 2003-03-28 15:46, gmgregori scrive:
Ho visto il film e mi sono dcisamente trovato Disorientato. Non lo ricordo bene quindi non mi perdo in troppe parole. Ricordo bene però uno dei peggiori doppiaggi mai capitati, compresi i rumori di fondo.





Infatti avevo già scritto una volta (o forse due? dovrebbero archiviarli un po' di topic..) che l'oscillazione fra versione originale e doppiata è pazzesca. Il film in originale è praticamente bilingue: inglese e giapponese si alternano. Il doppiaggio appiattisce tutto sull'italiano e certe scene diventano prive di senso, come quando Kitano si fa tradurre cosa sta dicendo qualcuno: nella versione doppiata il discorso viene ripetuto...
Lo vidi la prima volta in versione originale e mi esaltai, andai a vederlo in italiano, e quasi non m'era piaciuto il film. Segno che l'hanno rovinato davvero tanto...

rispetto al giudizio sul film, lo trovo ottimo, con l'unico difetto di un eccesso di scene di violenza nella parte finale, meccaniche nel continuo ripetersi.
Rispetto a Sonatine e Hana Bi (o anche Boiling Point) è comunque un'opera più accessibile (giustamente dice qualcuno occidentalizzata), meno ermetica, con un tema, quello della fratellanza in chiara evidenza. Quanto ai suoi temi classici, come il rapporto fra il gioco e la morte, sono anche presenti, ma in una forma più semplice, più accessibile appunto. Può essere una chiave per capire meglio i suoi film più 'giapponesi'; così l'ho utilizzato io.

_________________
La realtà è necessaria a rendere i sogni più sopportabili

  Visualizza il profilo di vietcong  Invia un messaggio privato a vietcong    Rispondi riportando il messaggio originario
Luke71

Reg.: 06 Ago 2003
Messaggi: 3997
Da: pavia (PV)
Inviato: 05-01-2004 01:14  
Gran film lo rivisto già 3 volte in pochi mesi,volevo ricordare che in edicola si trova a 8,90 VIOLENT COP in dvd una delle prime se non la prima regia di Kitano, film in cui appare in versione "Beat" come in BROTHER....
Indimenticabile la scena in cui il suo luogotenente si spara in bocca per dimostrare la sua lealtà.

_________________
No hay banda,non c'è una banda
è tutto..tutto registrato
No hay banda...eppure
Noi sentiamo una banda

  Visualizza il profilo di Luke71  Invia un messaggio privato a Luke71    Rispondi riportando il messaggio originario
8ghtBall

Reg.: 04 Feb 2004
Messaggi: 6807
Da: Cesena (FO)
Inviato: 10-02-2004 19:47  

Decisamente Discreto.
Fu il primo film di Kitano che vidi e ne rimasi subito affascinato e mi interessai a questo regista/attore. In Brother è un duro...no non un duro è pezzo di ghiaccio più impenetrabile della roccia dall'atteggiamento distaccato e con le idee ben chiare nella testa . LA cruda rappresentazione dei fatti ( che distingue spesso Kitano allla regia ) è diretta e non lascia scampo all'immaginazione . Ache entusiasmante come solo con la combriccola di piccoli furfanti reisca a sterminare vari componenti mafiosi.
Da vedere!
8ghtBall_
_________________
Altri spazi di cinema:
CineOcchio Forum
CineOcchio MagAzine Info e News

  Visualizza il profilo di 8ghtBall  Invia un messaggio privato a 8ghtBall  Vai al sito web di 8ghtBall    Rispondi riportando il messaggio originario
HistoryX

Reg.: 26 Set 2005
Messaggi: 4234
Da: cagliari (CA)
Inviato: 29-11-2005 11:12  
boh... non avevo mai visto un film di Kitano, non dico non mi sia piaciuto, ma mi è sembrato un pò pretenzioso a tratti, la trama un pò sconclusionata e nonostante la velocità fosse una caratteristica del film che ho apprezzato, nella parte centrale vi è stato un rallentamento improvviso, anzi, un arenamento incomprensibile, quasi non si sapesse dove andare a parare.
Non capisco se è stato voluto per lasciare spazio ad un pò di humor ma è risultata una buca spaventosa, naturalmente per me che non ho mai visto nulla del genere.
Per il resto scene molto forti, cruente e di forte impatto, l'onore e il coraggio, la fratellanza tra culture diverse mi hanno colpito tanto.
Era strano il modo di chiamarsi "fratelli", un ragazzo di colore sembra lo dica in un modo, la povertà, il razzismo e l'america sono il contorno mentre Yamamoto proviene dalla yakuza, il termine fratello sembra assuma un diversa accezzione...
Kitano ci mostra che alla fine è la stessa identica cosa, si può essere fratelli aldilà del colore della pelle e dei contesti.
Aldilà dei valori e delle morali trasmesse il film è risultato appena godibile, mi sarei aspettato qualcosa di più complesso ed ermetico, la trama stessa è scivolata via, forse come dicono alcuni la traduzione gioca un ruolo importante, ma l'idea stessa del cavaliere decaduto che và oltreoceano a ricostruirsi una "famiglia" per poi riportarla alla distruzione non mi è piaciuta tanto.
Scegliere come e dove morire si è nobile cosa, ma alla fine sembra la scusa per andare in america...

  Visualizza il profilo di HistoryX  Invia un messaggio privato a HistoryX    Rispondi riportando il messaggio originario
kagemusha

Reg.: 17 Nov 2005
Messaggi: 1135
Da: roma (RM)
Inviato: 29-11-2005 13:11  
Brother è un bel film.
Tuttavia chi ha visto prima sia hana bi che sonatine non può che trovarlo di maniera. in sostanza una ripetizione dei suoi temi maggiori. Non a caso dopo ha cercato nuove strade.

  Visualizza il profilo di kagemusha  Invia un messaggio privato a kagemusha    Rispondi riportando il messaggio originario
Hawke84

Reg.: 08 Giu 2004
Messaggi: 5586
Da: Cavarzere (VE)
Inviato: 29-11-2005 13:28  
quote:
In data 2005-11-29 13:11, kagemusha scrive:
Tuttavia chi ha visto prima sia hana bi che sonatine non può che trovarlo di maniera. in sostanza una ripetizione dei suoi temi maggiori.


E' proprio su questo punto che Kitano si prende in giro nell'ultimo Takeshi's!
_________________
perchè l'italiano è sempre quello che va piano quando vede la macchina della polizia e appena passata corre oltre il limite.

[anthares]

  Visualizza il profilo di Hawke84  Invia un messaggio privato a Hawke84  Vai al sito web di Hawke84    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
  
0.328665 seconds.







© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: