Leonardo.it

FilmUP.com > Recensioni > Hacksaw Ridge
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Hacksaw Ridge

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Rosanna Donato04 settembre 2016Voto: 9.0
 

  • Foto dal film Hacksaw Ridge
  • Foto dal film Hacksaw Ridge
  • Foto dal film Hacksaw Ridge
  • Foto dal film Hacksaw Ridge
  • Foto dal film Hacksaw Ridge
  • Foto dal film Hacksaw Ridge
Andrew Garfield è il protagonista del nuovo film diretto da Mel Gibson, intitolato “Hacksaw Ridge” e interpretato tra gli altri da Vince Vaughn, Teresa Palmer, Sam Worthington, Luke Bracey e Hugo Weaving. La pellicola è la storia vera di Desmond Doss che, a Okinawa, durante una delle più cruenti battaglie della seconda guerra mondiale, salvò 75 uomini senza sparare un solo colpo. Convinto che la guerra fosse una scelta giustificata, ma che uccidere fosse sbagliato, fu l'unico soldato che in quel conflitto combattè in prima linea senza alcuna arma. Doss fu il primo obiettore di coscienza insignito della Medaglia d'Onore del Congresso.

Mel Gibson torna in veste di regista a distanza di dieci anni da “Apocalypto”, sorprendendo tutta la critica presente in aula, che a fine proiezione ha applaudito senza alcuna esitazione. Presentato Fuori concorso alla 73. Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, il film rappresenta uno spaccato minuzioso della vita reale vissuta dai soldati in tempo di guerra. Si tratta di una storia che simboleggia la condizione universale di tutti coloro che negli anni (non solo nel corso delle due guerre più note) hanno lasciato le proprie famiglie per servire la patria, pur essendo consapevoli delle difficoltà che avrebbero potuto affrontare con il rischio di perdere la vita. Una condizioni che in molti hanno vissuto, ma che in pochi possono capire. Eppure Gibson è riuscito nell’intento di omaggiare quei guerrieri che ancora oggi vengono ricordati per aver compiuto il loro dovere ed essersi sacrificati per il proprio Paese, dando così prova delle sue indiscutibili doti registiche. La riuscita della pellicola, infatti, è dovuta non solo alla memorabile interpretazione degli attori, ma anche all’attenzione al dettaglio che il regista ha volutamente fatto emergere. Caratteristico dei suoi film è la volontà di mostrare scene di violenza nuda e cruda, evidente anche in “Hacksaw Ridge”, aspetto che rende il progetto ancora più realistico e coinvolgente. Nonostante ciò, sono presenti anche alcuni momenti in cui le scelte di regia appaiono incomprensibili agli occhi di chi guarda e per le quali Gibson ha rivelato di essersi concesso una sorta di ‘licenza da regista’. Niente di imperdonabile comunque, anzi - così facendo - ha creato una certa dose di suspense in più, elemento che non manca mai nei suoi lavori di regista, nonostante questa volta si tratti di un ‘biopic’ liberamente ispirato.

Ricco di scene intense e accattivanti, presenti in particolare nella seconda parte, il film non disdegna le risate discrete suscitate dall’atteggiamento e dalle parole del sergente interpretato da Vaughn. Quest’ultimo ha dimostra ancora una volta di essere un attore a tutto tondo, perchè - seppur noi siamo abituati a vederlo in ruoli da commedia - è stato in grado di far ridere il pubblico ricoprendo il ruolo di un uomo dedito al suo lavoro, duro e magnanimo quando serve, il che richiede una grande serietà. Senza nulla togliere al talento, ormai chiaro, di Andrew Garfield, al quale si deve gran parte dell’intensità e della forza prorompente che emergono nella pellicola. Quello dell’attore è un gioco di sguardi che non lascia spazio all’immaginazione, perché dai suoi occhi traspaiono tutte le emozioni provate dal soccorritore di guerra: ansia, paura, coraggio, dedizione alla causa, ma anche gioia e amore e tutto ciò senza l’uso di un’arma. Provate a immaginare come poteva sentirsi il vero Doss non avendo l’opportunità di difendersi come tutti gli altri. Garfield è riuscito letteralmente a mostrarlo, senza se e senza ma. Solo con quell’attenzione al dettaglio che necessita un film di tale portata. Per quanto riguarda gli altri componenti del cast, tutti hanno dato il meglio di sé.

Cosa siamo disposti a fare per il nostro Paese? Quanto la fede può renderci forti di fronte alle difficoltà? Quanto conta la forza di volontà in una situazione così estrema? E’ giusto perseguire i propri ideale, la propria fede, anche a costo di finire nei guai? Queste sono alcune domande su cui il progetto ci porta a riflettere, rispondendo a ognuna di esse in modo conciso: in qualsiasi circostanza - soprattutto in tempi di guerra, è importante credere in qualcosa di reale, che ci dia speranza e ci aiuti a trovare la forza di sopravvivere, anche a costo di trovarsi di fronte a un bivio. Una cosa è sicura: se hai fede in qualcosa, è giusto crederci fino alla fine. Nella vita, quando le cose si complicano, è fondamentale avere certezze, altrimenti si è portati a lasciarsi andare. Inolte, ci ha colpiti il cambiamento di alcuni personaggi all’interno della storia, gli stessi che inizialmente consideravano il protagonista un codardo per il semplice fatto che non volesse impugnare un fucile. Alla fine si sono resi conto che lui, con la sua forza d’animo e investito da una stanchezza che pochi possono immaginare, è stato uno dei pochi che ha messo gli altri al primo posto, salvandogli la vita, e che era disposto a morire per loro. Infine, dal lungometraggio si evince l’indissolubile unione che vige, ancora adesso in battaglia, tra i componenti dell’esercito, in quanto accomunati dallo stesso destino e consapevoli che prima di tutto bisogna proteggersi a vicenda. Consigliamo la pellicola a un pubblico adulto, soprattutto poiché sono presenti delle scene di guerra particolarmente pesanti e macabre per mostrarla a dei bambini. Il film potrebbe anche essere un valido aiuto per far capire ai ragazzi d’oggi come i soldati affrontavano la guerra e in che condizioni di stress e disagio vivevano.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
La luce sugli oceani (V.O.) | Nel mondo grande e terribile | The Startup - Accendi il tuo futuro | Beata ignoranza | Underworld: Blood Wars (NO 3D) | I Cancelli del Cielo | Personal Shopper (V.O.) | Loving | La dolce vita | Florence | Madeleine | Il segreto | Silence | Elle (V.O.) | Agnus Dei | The Founder | The Most Beautiful Day - Il giorno più bello | Assalto al cielo | Guardiani della Galassia | Kong: Skull Island (NO 3D) | Power Rangers | Piccoli crimini coniugali | Jackie | Ghost in the Shell (NO 3D) | Boston - Caccia all'Uomo | Planetarium | Questione di Karma | La La Land | La vendetta di un uomo tranquillo | L'uomo che vide l'infinito | Bolshoi Babylon | La pazza gioia | Baby Boss (NO 3D) | Il Viaggio - The Journey | La bella e la bestia (NO 3D) | Blowup (V.O.) | Baby Boss | Lasciami Per Sempre | Libere | Il Permesso - 48 ore fuori | Fai bei sogni | In viaggio con Jacqueline | Captain Fantastic | Lasciati Andare | Personal Shopper | Manchester by the Sea | Life - Non oltrepassare il limite | The Rolling Stones Olé, Olé, Olé! | The Great Wall (NO 3D) | Acqua di Marzo | La Tenerezza | Guardiani della Galassia Vol. 2 (V.O.) | I Am Not Your Negro | Fast & Furious 8 (V.O.) | Fast & Furious 8 | Figli della libertà | Benvenuto Presidente! | Abel - Il figlio del vento | La mia famiglia a soqquadro | Victoria | Una famiglia all'improvviso | I volti della Via Francigena | Vi presento Toni Erdmann | Il diritto di contare | Adorabile nemica | Libere, disobbedienti, innamorate - In Between | La Battaglia Di Hacksaw Ridge | La ragazza del mondo | Un Padre, Una Figlia | Mal di pietre | Guardiani della Galassia (NO 3D) (V.O.) | Metropolis | Dawson City: Il tempo tra i ghiacci | Goodbye Darling, I'm Off to Fight | In guerra per amore | La cena di Natale | Ghost in the Shell (V.O.) | Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse (V.O.) | I Puffi (NO 3D) | Moonlight | L'altro volto della speranza (V.O) | Qualcosa di nuovo | Porno & Libertà | La luce sugli oceani | Un re allo sbando | Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse | Wilson | Non è un paese per giovani | La Parrucchiera | Qua la zampa! | Ovunque tu sarai | In nome di mia figlia | I puffi: Viaggio nella foresta segreta (NO 3D) | Un tirchio quasi perfetto | Ballerina | Rogue One: A Star Wars Story (NO 3D) | Classe Z | Demolition - Amare e Vivere | L'altro volto della speranza | L'amore criminale | Victoria (V.O.) | Crazy for Football | Guardiani della Galassia Vol. 2 | Botticelli - Inferno | Elle | Virgin Mountain | Moglie e marito | Guardiani della Galassia Vol. 2 (NO 3D) | Barriere | Il pugile del duce | I Puffi 2 (NO 3D) | Il cliente | Gli amori di una bionda (V.O.) | The Bye Bye Man | L'Accabadora | Guardiani della Galassia (NO 3D) | Vedete, sono uno di voi | Animali notturni | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | La cura dal benessere | Ciao Amore, Vado a Combattere | Il Padre d'Italia | Café Society | Whitney | Giovanni Segantini - Magia della luce | Indivisibili | Le cose che verranno - L'avenir | Gli amori di una bionda | Indro - L'uomo che scriveva sull'acqua | Loving (V.O.) | La tartaruga rossa | La sposa bambina | Rosso Istanbul | Partisan | Tra la terra e il cielo | Il diritto di contare (V.O.) | Torno da mia madre | The Metropolitan Opera di New York: Eugene Onegin | Anime nere | Logan - The Wolverine (NO 3D) | Io, Claude Monet |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Teaser trailer in italiano (it) per Thor: Ragnarok (2017), un film di Taika Waititi con Chris Hemsworth, Tom Hiddleston, Benedict Cumberbatch.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2016 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: