Harragas
Harragas è un termine spagnolo derivante dall’arabo che significa: "Coloro che bruciano le frontiere", con questo nome si definiscono gli immigrati clandestini provenienti da paesi come il Marocco, l’Algeria e la Tunisia che cercano di raggiungere i paesi occidentali. Bruciando i documenti queste persone in cerca di fortuna perdono la propria identità rendendo molto più difficile per le autorità identificarli e respingerli nelle terre d’origine. Questo flusso migratorio in questi ultimi anni è aumentato vertiginosamente tanto da diventare un grave problema sociale e spingere i Governi occidentali a cercare di rallentare o fermare questi viaggi clandestini. Un tema attuale e importante che viene presentato alla 66 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica dal regista Merzak Allouache. Non è la prima volta che il cineasta tratta questo tema ed ora presenta l’odissea dei clandestini nel dettaglio, vista e vissuta sulla loro stessa pelle. "Harragas" è un omaggio a tutti coloro che "bruciano" e sono morti o dispersi in mare, a coloro che hanno tentato o tenteranno ancora una volta l’impresa. In soli 100 minuti il regista crea un piccolo film dal ritmo costante che racconta in chiave documentaristica il viaggio di tre harragas due uomini e una donna: Rachid, Nasser e Imène. Rachid e Nasser hanno compiuto diverse traversate e sono sempre stati presi dalla polizia di frontiera e rimpatriati, cosa che ha spinto il loro migliore amico a rinunciare e a compiere il gesto estremo del suicidio. I loro animi sono sconvolti, ma proseguono cercando di pensare al futuro che li attende, agli amici che vivono ormai in Spagna e che sono riusciti ad avere il permesso di soggiorno. Tutto procede bene finché Imène, sorella minore del defunto, non si unisce a loro nella traversata. Un viaggio verso il mare profondo che viene complicato dalla presenza funesta e ingombrante di un altro harragas in fuga dalle autorità algerine. La narrazione è affidata a Rachid che ricorda, come spiega egli stesso, questo spaccato di vita, questa momentanea parentesi della sua esistenza, un viaggio dalla notte al giorno nel tentativo di coprire la distanza di 200 km che separa le coste algerine da quelle spagnole. "Harragas" ruota tutto intorno alla traversata in mare, che si trasforma sempre più in un’epopea, caratterizzata dalla morte dei loro compagni, dalla sofferenza, dalla speranza e da illusioni infrante. Sono uomini e donne alla ricerca di un futuro migliore, che non vedono speranza nel loro paese, speranza di uscire dalla povertà, di avere qualcosa di più dalla vita e che pensano all’Europa come al paese della seconda possibilità, della seconda vita. I loro pensieri sono rivolti soltanto al futuro, ciò che è il passato svanisce in una fiamma in cui ripongono i loro desideri e le loro speranze. Rachid, Nasser e Imène acquistano un carattere universale, rappresentando tutti "coloro che bruciano" per un futuro migliore, sono il simbolo di tutte le centinaia di persone, esseri umani, che sono riusciti, sono stati rimpatriati, sono stati fermati o vivono come in prigione nei centri di accoglienza europei o di coloro che sono inghiottiti nelle profondità del mare. Vi è un respiro universale, che fa di questa pellicola un piccolo gioiello carico di sentimenti e poesia, che richiama alla memoria i viaggi descritti dai poeti nel proprio Io, ma purtroppo questa è la dura e drammatica realtà. Il film è ben confezionato, è apprezzabile la scelta stilistica del regista che riesce a far pensare il pubblico, ad intrattenerlo, a commuoverlo senza però scadere nel patetico e salvaguardando la dignità degli Harragas. L’azione è ridotta al minimo, tutto si incentra sulla traversata, su questa barca in balia delle correnti, che ricorda i racconti dello scrittore polacco naturalizzato britannico: Joseph Conrad (Berdicev 1857 – Bishopsboume 1924), ma in questo caso il finale resta aperto. I titoli di coda scorrono e la telecamera ricomincia da dove era partita per le popolose strade dell’Algeria.

La frase: "Ci sono momenti in cui nella mente tutto si confonde, per il resto è Dio a decidere".

Federica Di Bartolo

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.








I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Effetto Domino | Non succede, ma se succede... | Nato a Xibet | Fast & Furious - Hobbs & Shaw | Aquile randagie | Il professore e il pazzo | Il vizio della speranza | Burning - L'Amore Brucia | Dolor y Gloria | Il Bambino è il Maestro - Il Metodo Montessori | Apocalypse Now | Manta Ray (V.O.) | Cyrano mon amour | Mademoiselle | Gloria Bell | Cold war | Sergio e Sergej - Il professore e il cosmonauta | Rambo: Last Blood | The Rider - il sogno di un cowboy | Le verità (2017) | Il traditore | Apocalypse Now - Final Cut (V.O.) | Thanks! | Le verità | Bentornato Presidente! | Dora e la città perduta | Gemini Man (NO 3D) | Non ci resta che vincere (V.O.) | Shaun, Vita da Pecora - Farmageddon Il Film | L'amour flou - Come separarsi e restare amici | Il Piccolo Yeti | Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (NO 3D) | Brave ragazze | Solo cose belle | E Poi c'è Katherine | Serenity - L'isola dell'inganno | The Front Runner - Il Vizio del Potere | Joker (V.O.) | It - Capitolo due | La vita invisibile di Eurídice Gusmão (V.O.) | Appena un minuto | At the Matinée | Il Sindaco del Rione Sanità | Lou Von Salomé | La mafia non è più quella di una volta | Il Pianeta In Mare | Drive me Home | La donna elettrica | Roger Waters Us + Them | Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre | I migliori anni della nostra vita | Antropocene - L'epoca umana | A spasso col panda | Le verità (V.O.) | Domani è un altro giorno | Quel giorno d'estate | Manta Ray | La mafia uccide solo d'estate | Attacco al potere 3 - Angel Has Fallen | Nureyev - The White Crow | Fiore gemello | Ti Porto Io | Yesterday | Rosa | Tolkien (V.O.) | Apocalypse Now - Final Cut | Arrivederci Professore | Vivere | Ad Astra | Virgin Mountain | Il Signor Diavolo | Martin Eden | L'uomo che volle vivere 120 anni | Joker | Tutti lo sanno | 5 è il numero perfetto | I Figli del Fiume Giallo | Momenti di trascurabile felicità | Non si può morire ballando | Hole - L'Abisso | Non succede, ma se succede... (V.O.) | Tuttapposto | Io, Leonardo | Sir - Cenerentola a Mumbai | Gemini Man | Weathering With You | Mio fratello rincorre i dinosauri | Psicomagia - Un'arte per guarire | Pepe Mujica, una vita suprema | La vita invisibile di Eurídice Gusmão | Zen sul ghiaccio sottile | Ma cosa ci dice il cervello | Gemini Man (V.O.) | Tutta un'altra vita | C'era una volta...a Hollywood | Il Re Leone (NO 3D) | La Scomparsa di mia Madre | C'era una volta...a Hollywood (V.O.) | Ad Astra (V.O.) | La fattoria dei nostri sogni |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Un Giorno di Pioggia a New York (2019), un film di Woody Allen con Timothée Chalamet, Elle Fanning, Selena Gomez.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: