FilmUP.com > Recensioni > Il filo nascosto
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Il filo nascosto

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Francesco Pozzo19 gennaio 2018Voto: 9.0
 

  • Foto dal film Il filo nascosto
  • Foto dal film Il filo nascosto
  • Foto dal film Il filo nascosto
  • Foto dal film Il filo nascosto
  • Foto dal film Il filo nascosto
  • Foto dal film Il filo nascosto
Giunto all’ottavo opus cinematografico e costruita un’invidiabile maturità artistica che non smette di sorprendere e annichilire, Paul Thomas Anderson si riunisce con l’amato Daniel Day-Lewis dopo quel Petroliere che valse la terza statuetta al titanico attore britannico con una delle più complesse e sfaccettate prove attoriali della settima arte e con un’opera ridefinente per la storia americana del nuovo millennio, e lo fa ancora una volta sovvertendo le già altissime aspettative e battendo nuovi ed inesplorati percorsi.

All’apice dell’ispirazione e della più assoluta e rifulgente libertà artistica, Anderson si arma di carta, penna e macchina da presa e ci parla dell’amore, o meglio delle conseguenze dell’amore e delle mille contraddizioni ed ostacoli che esso comporta, di come talvolta si possa amare anche facendosi molto male, di come passione e dolore siano in fondo due facce della stessa medaglia e vadano talvolta amorevolmente e perversamente a braccetto, e ce lo illustra scavando nella psiche di un monumentale, perfetto e chirurgicamente impeccabile Day-Lewis che si cuce su misura il ruolo dell’anima come uno dei meravigliosi abiti su cui lo vediamo minuziosamente e costantemente al lavoro seguito dagli occhi colmi di vita della stupefacente Alma di Vicky Krieps, musa piena di grazia che non sbaglia una virgola e gli tiene testa regalandoci una performance sofferta, sottile, indimenticabile.

Memore della mai dimenticata lezione dei maestri e della Rebecca hitchcockiana che cita con amore, rispetto ed ammirevole intelligenza, Anderson ammalia, commuove, ondeggia, divaga, rielabora i canoni e riconferma il suo statuto di fondamentale cineasta e prezioso e illuminante drammaturgo conducendo l’orchestra come un maestro d’altri tempi osservando e immortalando scale, mani, pori della pelle, mobili impolverati, tazze, orpelli, tessuti, volti e occhi dei suoi magnifici e stratificati personaggi bagnati da miracolosi squarci di luce che cattura abilmente egli stesso con lo sguardo trasognato che lo contraddistingue fra rêverie e spietata analisi antropologica, rintracciando la profonda verità delle cose e delle relazioni umane nelle dissonanze, nelle interferenze, negli attimi inaspettati e nel filo nascosto delle cose, con un bacio rubato o con il sofferto e costante dialogo con un’ingombrante e spettrale figura materna troppo prematuramente scomparsa ma carica di un amore purificante che valica i confini del tempo, sempre pronta a scomparire e riapparire fra sogno e allucinazione nella tormentata mente del nostro sfuggente ed impenetrabile antieroe.

Così, con una sicurezza e una discrezione esemplari, Anderson si prende il suo tempo e ci regala un’opera di una bellezza squassante, un capolavoro cristallino che ci ricorda a gran voce la deflagrante potenza del Cinema rintracciabile in un semplice sguardo, nello scoppiettio del focolare, nella sbavatura di un rossetto, nell’eleganza di un’ellissi sul meraviglioso silenzio delle montagne innevate o sull’altura di una scogliera sferzata dal vento passando per il calore di una camera da letto in un limbo invalicabile fra illusione e realtà, speziando ed elevando il suo mirabile ed illuminante racconto grazie a quel sottile strato di penetrante e corrosivo umorismo che è tratto distintivo e compenetrante che lo accompagna da sempre e che lo porta a scandagliare e scrutare con gli occhi curiosi di un bambino regole e rituali di questo sadico microcosmo dorato fino a soffermarsi con scetticismo e perversa compassione sul vuoto, sulla solitudine e sulle invalicabili abitudini del maniacale e distruttivo Woodcock, prigioniero del suo castello e vittima inconsapevole del suo spietato ed ottenebrante controllo, del suo testardo e pericoloso barricarsi in una dimensione parallela crogiolato nelle sue ossessioni e nei più intimi dettagli dei suoi vestiti, nei rituali e nelle manie, attratto ma al tempo stesso impaurito e ripugnato da una minaccia angelicata che arriva dall’esterno e che prova inutilmente ad annullare le distanze, a scalfire le superfici, a far valere la propria personalità e la propria dignità di donna, a far breccia nelle mura della fortezza andando al di là della figura di creatura idealizzata che il nostro vorrebbe cucirle addosso come tutte le anime che ha così brutalmente sedotto e abbandonato.

E poi c’è Cyril, l’amata sorella, memore della grande Mrs. Danvers di hitchcockiana memoria e unica figura capace di esercitare autorità sul fratello, algida custode di segreti che conosce Reynolds meglio di tutti e che lo accetta, lo squadra e gli tiene valorosamente testa, sempre pronta a ribadire la sua forza e a ricordargli le sue debolezze e il suo posto nel mondo, riportandoci ancora una volta all’inesorabile accettazione del fatto che forse, al di sotto delle nostre corazze, siamo e saremo sempre dei bambini bisognosi di calore ed attenzioni.
Perché Reynolds non è poi forse troppo distante dalla fagocitante distruttività di un Daniel Plainview, dalla tormentata e sacrale autorità di un Lancaster Dodd, dall’animalesca impetuosità e dalla toccante fragilità di un Freddie Quell, dalla stralunata tenerezza di un Barry Egan, dall’alienazione di un Doc Sportello o dalle tormentate e danneggiate anime di Magnolia, perché ad Anderson sta a cuore l’umanità e l’umanità soltanto, e di questo ci parla da sempre. Delle nostre contraddizioni, dei nostri limiti, della ricerca di qualcuno che ci comprenda.

Vedere un film di Paul Thomas Anderson è un’esperienza mistica e rigenerante, un bagno purificatore in un’età dell'oro mai dimenticata narrata da un maestro che ci prende dolcemente per mano rammentandoci il sacro valore della visione cinematografica con una pellicola che è prosecuzione e potenziamento ideale dei classici e viaggio ridefinente nella parte più profonda di noi stessi, flusso estatico in cui lasciarsi andare respirando l’odore della pellicola e toccando i ricordi di una dimensione distante e quasi scomparsa viaggiando fino agli albori del Cinema e ad un ballo felliniano che è inizio e fine di tutto, immersi nei gesti e nelle pieghe dei volti delle sue splendide ed imperfette creature verso il mistero e l’accettazione dell’altro, ricordandoci sempre e prima di tutto che con le nostre idiosincrasie e le nostre fragilità ci dovremo convivere sempre, nella consapevolezza che la vita, come l’amore, è un sentiero doloroso e meraviglioso al tempo stesso che vale comunque la pena percorrere, possibilmente nella mano della persona che amiamo.

E se questo sarà davvero il canto del cigno del sublime, gigantesco e insuperato Daniel Day-Lewis, altro non possiamo fare che genufletterci e ringraziare.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Il Grande Lebowsky | Avengers: Infinity War (NO 3D) | Made in Italy | Doppio amore | Maria Maddalena (V.O.) | Novecento | I segreti di Wind River (V.O.) | The Silent Man (V.O.) | Il cratere | Avengers: Age of Ultron | The Happy Prince (V.O.) | Il Viaggio delle Ragazze | L'Amore secondo Isabelle | Remember | The True Cost | Sono tornato | Gli Indesiderati d'Europa | Quello che non so di lei | Van Gogh - La Grande Arte al cinema | Black Panther (NO 3D) | 150 milligrammi | La terra buona | Succede | Nelle pieghe del tempo (NO 3D) | Blade Runner - The Final Cut | Bob & Marys - Criminali a domicilio | Quanto basta | L'ora più buia | Earth - La nostra terra | Oltre la notte | Parlami di Lucy | Avengers: Infinity War | Rampage - Furia Animale | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | Lasciati Andare | Glory - Non c'è tempo per gli onesti | Foxtrot - La Danza del Destino | Il mio uomo perfetto | Una Donna Fantastica | Gringo | Rabbit School - I guardiani dell’Uovo d’Oro | Interruption | Il giovane Karl Marx | Egon Schiele: Death and the Maiden | Una questione privata | Cruxman | La Forma dell'Acqua - The Shape of Water | Il mistero di Donald C. | Il sole a mezzanotte | Fiore ribelle | The Silent Man | Pacific Rim - La rivolta (NO 3D) | Ore 15:17 - Attacco al treno (V.O.) | 40 sono i nuovi 20 | L'uomo sul treno - The Commuter | In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi | Ready Player One | Il labirinto del fauno | Tonya | Il prigioniero coreano | Kong: Skull Island (NO 3D) | Ex Libris : New York Public Library | Io c'è | Inside Out (NO 3D) | La ruota delle meraviglie | Io sono Tempesta | Escobar | Tutto quello che vuoi | Bisagno | Final Portrait - L'Arte di essere Amici | Chiamami col tuo nome | Assassinio sull'Orient Express | Tre manifesti a Ebbing, Missouri | La melodie | Contromano | Suburbicon | Ready Player One (NO 3D) | The Constitution - Due insolite storie d'amore | A Casa Tutti Bene | Coco (NO 3D) | Hostiles - Ostili | Il filo nascosto | Visages villages | Roberto Bolle - L'Arte Della Danza | Loveless | Metti la nonna in freezer | La Tenerezza | Ella & John - The Leisure Seeker | The Post (V.O.) | Lovers | Puoi baciare lo sposo | L'Amore secondo Isabelle (V.O.) | Il mio nome è Thomas | Charley Thompson | Peter Rabbit | Escobar - Il fascino del male | Escobar - Il fascino del male (V.O.) | Belle & Sebastien - Amici per sempre | La Sabbia negli Occhi | Leo da Vinci - Missione Monna Lisa | Nico, 1988 | Detroit | Libere | La Casa Sul Mare | I segreti di Wind River | Earth - Un giorno straordinario | Tu mi nascondi qualcosa | The Party | Ghost Stories | Nella tana dei lupi | Ammore e malavita | Molly's game | A Ciambra | Avengers: Infinity War (V.O.) | Doppio amore (V.O.) | Dopo la guerra | Tomb Raider (NO 3D) | Anime nere | Rampage - Furia Animale (NO 3D) | Un sogno chiamato Florida | Poesia senza fine | Sherlock Gnomes | C'est la vie - Prendila come viene | A Quiet Place - Un Posto Tranquillo | Animali Fantastici e Dove Trovarli (NO 3D) | Molly's game (V.O.) | Star Wars: Gli ultimi Jedi (NO 3D) | Il giovane Karl Marx (V.O.) | Lady Bird | The Happy Prince | Ore 15:17 - Attacco al treno | Benedetta Follia | L'Insulto | Il Premio | The Big Sick - Il matrimonio si può evitare, l'amore no | Loro 1 | Maria by Callas | Le Guerre Horrende | Visages villages (V.O.) | Sconnessi | Il Tuttofare | Petit Paysan - Un eroe singolare | Il filo nascosto (V.O.) | The Post | Un amore sopra le righe | L'altra metà della storia | La Casa Sul Mare (V.O.) | Van Gogh - Tra Il Grano E Il Cielo | Valerian e La città dei Mille Pianeti (NO 3D) | Nome di donna | Veleno | La vita in comune | Hannah | Wonder | Pertini - Il Combattente | Il secondo tragico Fantozzi | Wajib - Invito al matrimonio | Una festa esagerata |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Tully (2018), un film di Jason Reitman con Charlize Theron, Mackenzie Davis, Ron Livingston.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: