FilmUP.com > Recensioni > Il sacrificio del cervo sacro
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Il sacrificio del cervo sacro

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Leonardo Mezzelani22 giugno 2018Voto: 8.0
 

  • Foto dal film Il sacrificio del cervo sacro
  • Foto dal film Il sacrificio del cervo sacro
  • Foto dal film Il sacrificio del cervo sacro
  • Foto dal film Il sacrificio del cervo sacro
  • Foto dal film Il sacrificio del cervo sacro
  • Foto dal film Il sacrificio del cervo sacro
Scrivere di Yorgos Lanthimos vuol dire scrivere di uno dei più interessanti registi europei emergenti. Scrivere de “Il Sacrificio del cervo sacro” vuol dire scrivere di un’opera tutt’altro che immediata e di facile comprensione (o digestione). A questo punto sembra opportuno partire dalla trama. Steven è un rinomato cardiologo, ha una meravigliosa famiglia composta da sua moglie Anna e due figli, Kim e Bob. Quello che sembra l’identikit di un uomo dalla vita perfetta non svela però tutto quello che c’è da sapere sul nostro protagonista. Ci viene subito mostrato che è solito frequentare uno strano ragazzo, Martin, e già dai loro primi sguardi si può intuire che la loro relazione è tutt’altro che pura. Il mistero sui motivi di questo legame non si scioglie immediatamente e, anzi, va infittendosi con l’avanzamento di pretese e la crescente morbosità del giovane. Infatti Martin riuscirà a farsi invitare a cena a casa del suo “amico” chirurgo e, da quel momento, nulla sarà più come prima. Strani avvenimenti si abbatteranno sulla famiglia di Steven e l’apparentemente tanto saldo equilibrio domestico rivelerà tutti i suoi lati più instabili e oscuri.

Il film inizia con un minuto di nero durante il quale lo spettatore è accompagnato dalle note dello “Stabat Mater” di Schubert fino alla successiva immagine, un’operazione a cuore aperto, tanto suggestiva quanto inquietante. Da subito lo spettatore è catapultato nel mondo del film, nessun filtro. D’altronde anche il titolo, evidente richiamo alla tragedia “Ifigenia in Aulide” di Euripide, rivela che sarà richiesto un sacrificio, un pegno da pagare per sfuggire alla cattiva sorte.
La storia sembra poi raccontata in due atti, non con la canonica struttura a tre. Se durante il primo si entra man mano, insieme ai protagonisti, in un “mondo altro”, dove ogni idea scientifica non ha alcun peso; nel secondo il sovrannaturale sembra essere accettato con sconvolgente cinismo. Resta solo una scelta da fare per espiare una colpa, dalla quale apparentemente è impossibile sfuggire.
Il connubio immagini e musica poi, di kubrickiana memoria, è potentissimo e contribuisce a creare una crescente tensione nello spettatore che si trova così intrappolato in un mondo senza speranza. In un’escalation di orrore, terrore e violenza.

Anche il cast non delude. Colin Farrel nella parte del cardiologo tira fuori nuovamente il ruolo della vita e conferma la grande sintonia con il regista greco (i due avevano già collaborato in “The Lobster”). Il meraviglioso personaggio di Anna, madre/moglie amorevole e servizievole ma anche cinica e spietata, è portato in scena perfettamente da Nicole Kidman. Anche qui non può che venire spontaneo il paragone con la Alice di “Eyes Wide Shut”, sempre di Kubrick, sempre interpretata dall’attrice di origini australiane. I tre ragazzini riescono a trasmettere inquietudine e crescente ansia con la loro quasi totale apatia.
Non serve soffermarsi molto a parlare della componente visiva del film, ogni frame potrebbe essere un quadro, anche l’orrore diventa gioia per gli occhi.

Con “Il sacrificio del cervo sacro” Lanthimos gioca ancora una volta con i generi, siamo a metà tra un thriller psicologico e un puro horror. Eppure, prerogativa dei grandi artisti, il genere non è un limite, ma un mezzo per poter raccontare altro. Così la stregoneria, le maledizioni e il sangue diventano un pretesto per guardarci dentro, per interrogare l’uomo.
Uscire dalla sala dopo la visione de “Il sacrificio del cervo sacro” uguali a come eravamo prima di entrare è praticamente impossibile. Il film sconvolge, positivamente o negativamente poco importa. In un momento come questo, dominato da prodotti preconfezionati creati per piacere a tutti, non può che essere un pregio. Citando il compianto Pier Paolo Pasolini: scandalizzare è un diritto, essere scandalizzati un piacere.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Don't Worry | Titanic (NO 3D) | Smallfoot: Il mio amico delle nevi (NO 3D) | Ricchi di fantasia | Sogno di una notte di mezza età | Nessuno come noi | Si muore tutti democristiani | Renzo Piano: l'architetto della luce | Nel nome di Antea | The last exorcism - Liberaci dal male | Parasitic Twin | L'uomo che uccise Don Chisciotte | Pupazzi senza gloria | BlacKkKlansman | Gli Incredibili 2 | Slender Man | Comic movie | Lazzaro Felice | La Casa dei Libri (V.O.) | Perez. | A-X-L - Un'amicizia extraordinaria | La Casa dei Libri | Soldado | Marina Abramovic: The Artist Is Present | A Star Is Born | Mirai | Venom | Quanto basta | The Children Act - Il verdetto | Mary Shelley - Un amore immortale | Gli Incredibili 2 (NO 3D) | L'ape Maia - Le olimpiadi di miele | Il bene mio | Non è vero ma ci credo | Girl (V.O.) | Quasi nemici - L'importante è avere ragione | Mission Impossible: Fallout (NO 3D) | Hotel Gagarin | L'abbandono | Una storia senza nome | Alla salute | Tutti in piedi | Opera senza autore | Il Banchiere Anarchico | Logan - The Wolverine (NO 3D) | Parigi a Piedi Nudi | La profezia dell'armadillo | A Voce Alta - La Forza della Parola | Fuoricampo | The Predator | L'Ape Maia - Il film (NO 3D) | La fuitina sbagliata | Sulla mia pelle | Michelangelo - Infinito | Il saluto - La storia che nessuno ha mai raccontato | Quasi nemici - L'importante è avere ragione (V.O.) | Country for Old Men | In viaggio con Adele | Smallfoot: Il mio amico delle nevi | L'apparizione | L'incredibile viaggio del Fachiro | The Wife - Vivere nell'ombra | Zanna Bianca | Venom (NO 3D) | Girl | The Children Act - Il verdetto (V.O.) | The Nun: La Vocazione del Male | Le ereditiere | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | Gotti - Il primo padrino (V.O.) | L'albero dei frutti selvatici | Piccoli Brividi 2: I Fantasmi Di Halloween | 1938 - Diversi | Ghost in the Shell (NO 3D) | BlacKkKlansman (V.O.) | Ella & John - The Leisure Seeker | La ragazza dei tulipani | L'uomo che uccise Don Chisciotte (V.O.) | Zanna Bianca (NO 3D) | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | La Settima Musa | The Predator (NO 3D) | Searching | Guarda in Alto | Papa Francesco - Un uomo di parola | Un nemico che ti vuole bene | A Star Is Born (V.O.) | Piccoli brividi (NO 3D) | Il complicato mondo di Nathalie (V.O.) | Il complicato mondo di Nathalie | Tonya | Il filo nascosto | La Casa Sul Mare | Johnny English colpisce ancora | Stronger - Io sono più forte | The Protector 2 | The Wife - Vivere nell'ombra (V.O.) | Un Affare di Famiglia |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Contro l'ordine divino (2017), un film di Petra Biondina Volpe con Marie Leuenberger, Maximilian Simonischek, Rachel Braunschweig.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: