FilmUP.com > Recensioni > I miei giorni più belli
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

I miei giorni più belli

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Rosanna Donato23 giugno 2016Voto: 8.0
 

  • Foto dal film I miei giorni più belli
  • Foto dal film I miei giorni più belli
  • Foto dal film I miei giorni più belli
  • Foto dal film I miei giorni più belli
  • Foto dal film I miei giorni più belli
  • Foto dal film I miei giorni più belli
La pellicola del regista francese Arnaud Desplechin, che ha ottenuto un importante successo di pubblico e critica al Festival di Cannes 2015, racconta la storia di Paul Dédalus. Quest’ultimo torna a Parigi dopo aver vissuto alcuni anni in Tadjikistan, ma un problema con i documenti scatena in lui un vortice di ricordi legati al suo passato. Paul, ancora adolescente, durante una gita scolastica nell’ex URSS, aveva regalato il suo passaporto a un ragazzo per far sì che potesse raggiungere Israele. Questo è il pretesto usato dal regista per parlare del tormento interiore di un uomo, che vuole fuggire da una realtà controversa che non gli appartiene: dalla madre che soffre di depressione alla sua città natale Roubaix, dal suo Paese alla sua lingua. Paul Dédalus apprende lingue diverse con molta facilità, ma soprattutto scrive e parla costantemente. Paul usa la lingua come strumento per mettere ordine nella propria vita e cercare di trattenere i ricordi. Esther invece è la ragazza di cui è innamorato e, diversamente da quanto accadeva nel film “Comment je me suis disputé…”, è lei questa volta a riconoscere Paul, il quale vorrebbe rinnegare la sua identità.

Vincitore del Premio César 2016 per la migliore regia, il film vede come protagonista l’attore francese Mathieu Amalri, che con la sua spiccata intensità riesce a trasportare il pubblico nella suavita, facendolo avvicinare ai suoi stati d’animo, le sue inquietudini, la sua nostalgia per un tempo passato e ormai irraggiungibile. Lo spettatore, immergendosi nella sua esistenza, prova una forte empatia verso un personaggio così pragmatico e ricco di sfumature. Il regista, il cui intento è quello di indagare la complessità dell’animo umano e delle emozioni suscitate dai ricordi, è riuscito a dare grande prova delle sue capacità. Passando dalla realtà al passato con maestria e tecnica, Desplechin ha regalato al cinema francese uno scenario che ritroviamo spesso nella vita di tutti i giorni: dalla malattia della madre (quante persone devono convivere con una persona gravemente malata?) all’amore lontano, perduto; dal bisogno di amore alla consapevolezza che il passato rimarrà tale; dalla voglia di rivivere emozioni intense al bisogno di sperare in cambiamento; dalla perdita dell’identità fino a raggiungere la salvezza scrivendo lettere alla donna di cui è sempre stato innamorato, il che lo aiuta a sentirsi più vicino a lei.

La storia infatti ruota intorno a una lunga e interminabile lettera che egli scrive a Esther, come a volere creare un legame con lei attraverso le sue memoria da 50enne. La sceneggiatura non lascia nulla al caso e il susseguirsi di scene si segue con facilità, anche se inizialmente lo spettatore può incontrare qualche difficoltà dovuta al passaggio dalla realtà agli anni dell’adolescenza, soprattutto se non si conosce la trama. C’è da dire però che questo passaggio è netto, anche se veloce, e chiaro. L’importante è porre particolare attenzione durante la visione, per non perdersi particolari importanti. Al centro di tutto c’è un grande amore, uno di quelli che è difficile ritrovare nella vita, uno di quegli amori che i più definirebbero “eterno” e che resterà indelebile su quel pezzo di carta, sopra il quale il protagonista esprime la forza di un sentimento inattaccabile. Ma la pellicola non è solo questo, ma anche avventura, nemici, baci, gesti eroici, promesse e limiti che non si dovrebbero oltrepassare. Una storia ricca di temi importanti, ma mai banale e noiosa e, soprattutto, adatto a un pubblico (adulto) che abbia voglia di emozionarsi in maniera intensa.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
La vita invisibile di Eurídice Gusmão | L'uomo che volle vivere 120 anni | Apocalypse Now - Final Cut (V.O.) | Non succede, ma se succede... | 5 è il numero perfetto | Ad Astra | Il Sindaco del Rione Sanità | Domani è un altro giorno | Weathering With You | Cyrano mon amour | Attacco al potere 3 - Angel Has Fallen | Dora e la città perduta | Il vizio della speranza | Tolkien (V.O.) | Quel giorno d'estate | Effetto Domino | Il professore e il pazzo | Joker (V.O.) | Apocalypse Now - Final Cut | Shaun, Vita da Pecora - Farmageddon Il Film | Mio fratello rincorre i dinosauri | The Front Runner - Il Vizio del Potere | Pepe Mujica, una vita suprema | Serenity - L'isola dell'inganno | Gemini Man | Tuttapposto | Fiore gemello | Le verità (2017) | Roger Waters Us + Them | Le verità | Apocalypse Now | La Scomparsa di mia Madre | Tutti lo sanno | Yesterday | Ma cosa ci dice il cervello | I migliori anni della nostra vita | Le verità (V.O.) | Hole - L'Abisso | Rambo: Last Blood | Ad Astra (V.O.) | Ti Porto Io | C'era una volta...a Hollywood (V.O.) | Joker | Aquile randagie | Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre | Vivere | La mafia uccide solo d'estate | Virgin Mountain | Appena un minuto | Non si può morire ballando | Manta Ray | Il Bambino è il Maestro - Il Metodo Montessori | E Poi c'è Katherine | Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (NO 3D) | Zen sul ghiaccio sottile | La donna elettrica | Sir - Cenerentola a Mumbai | Fast & Furious - Hobbs & Shaw | Martin Eden | Tutta un'altra vita | Nureyev - The White Crow | Non ci resta che vincere (V.O.) | Gemini Man (NO 3D) | Non succede, ma se succede... (V.O.) | La fattoria dei nostri sogni | Lou Von Salomé | Il Signor Diavolo | Momenti di trascurabile felicità | Brave ragazze | Solo cose belle | Arrivederci Professore | A spasso col panda | Bentornato Presidente! | Antropocene - L'epoca umana | Il Piccolo Yeti | Manta Ray (V.O.) | Dolor y Gloria | Rosa | At the Matinée | I Figli del Fiume Giallo | L'amour flou - Come separarsi e restare amici | Gemini Man (V.O.) | Il Re Leone (NO 3D) | Il Pianeta In Mare | Il traditore | Drive me Home | Sergio e Sergej - Il professore e il cosmonauta | Cold war | The Rider - il sogno di un cowboy | Mademoiselle | La mafia non è più quella di una volta | Gloria Bell | C'era una volta...a Hollywood | Psicomagia - Un'arte per guarire | La vita invisibile di Eurídice Gusmão (V.O.) | Thanks! | Burning - L'Amore Brucia | Io, Leonardo | It - Capitolo due | Nato a Xibet |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Pavarotti (2019), un film di Ron Howard con Luciano Pavarotti, Spike Lee, Diana Spencer.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: