Manderlay
Con Dogville Lars Von Trier ci aveva stupito, forse anche affascinato, con l'idea di un "Cinema Superiore", che oltrepassasse la barriera del visibile per entrare in quella dell'immaginabile. Una storia di emarginazione e ostilità ambientata in un luogo ameno e oscuro, come il palco di un teatro, appunto, senza possibilità di vera risoluzione: metafora di un Cinema alla deriva, pura incarnazione del Dogma '95. Kidman poi era perfetta, diciamolo pure senza mezzi termini, e quel ruolo gli calzava a pennello.
In Manderlay come in Dogville, a cui questo titolo si riallaccia, le scene sono girate in un interno di teatro: le scenografie sono disegnate sul palco mentre gli attori fingono di aprire porte, mangiare, o arare i campi che, nel loro niente scuro e innaturale, diventano tangibili attraverso il suono fuori campo. La protagonista è ancora una volta una ragazza, ed è ancora la figlia di un gangster mafioso, che si ritrova a dover prendere le redini di una situazione al limite. Se Grace riuscirà o meno a portare la democrazia in una piantagione di patate è davvero un enigma a cui nessuno spettatore può rinunciare… Scherziamo, vero? Purtroppo no. Manderlay risulta più grottesco del suo film precedente, meno convincente, e tanto, ma tanto, arrogante. Come in una vecchia serie animata giapponese in cui "lo stesso colpo non si può usare due volte", anche Lars Von Trier non può pretendere di usare la stessa strategia due volte senza aspettarsi la noia.
Altro che poesia cinematografica o pretese nobilitanti di un "Cinema privo di anima": in Manderlay si assiste a una totale sconfitta sensoriale. E forse è il caso che Von Trier si ricordi che questo al Cinema non avviene. Disarmante.

Manderlay è quindi un "non-film", un ibrido artistico senza identità: quella cinematografica persa nell'oscurità assenteista delle scenografie; quella teatrale annullata dall'utilizzo stesso della telecamera. Una ripresa "a mano" quasi sempre instabile, troppo spesso sfocata. Esperimento improbabile che vuole parlare di razzismo e integrazione ponendo nuovi punti di vista. Ma perché, ci chiediamo, quanti ce ne sono? Nemmeno a questo Von Trier risponde concretamente, riciclando nei titoli di coda vecchie foto di repertorio di kukluxclan, atti di violenza, foto di guerre, apartheid… Complimenti!

Qualcuno potrebbe obiettare che questa non è una vera recensione, e a ragione me ne scuso. Del resto Manderlay non è un film.

La frase: "…Manderlay è un obbligo morale, perché vi abbiamo creato noi…"

Diego Altobelli

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Apocalypse Now - Final Cut | Io prima di te | Il professore e il pazzo | Mademoiselle | Be happy - La mindfulness a scuola | I migliori anni della nostra vita | Cyrano mon amour | Non succede, ma se succede... | Attacco al potere 3 - Angel Has Fallen | Apocalypse Now | Manta Ray (V.O.) | La donna elettrica | La mafia uccide solo d'estate | Antropocene - L'epoca umana | 5 è il numero perfetto | Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre | C'era una volta...a Hollywood (V.O.) | Hole - L'Abisso | Tesnota | Il traditore | Angry Birds - Il Film (NO 3D) | Dolor y Gloria | Footballization | Drive me Home | Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (NO 3D) | Il Sindaco del Rione Sanità | Stanlio e Ollio | Nelle tue mani | Cold war | Mio fratello rincorre i dinosauri | Joker | Le Grand Bal | Il Piccolo Yeti | Martin Eden | Il testimone invisibile | Fast & Furious - Hobbs & Shaw | La Scomparsa di mia Madre | Io, Leonardo | Il grande spirito | Joker (V.O.) | Frankenstein di Mary Shelley | Brave ragazze | Burning - L'Amore Brucia | Rosa | Ad Astra | Effetto Domino | Momenti di trascurabile felicità | Gemini Man (NO 3D) | La mafia non è più quella di una volta | Non si può morire ballando | Apocalypse Now - Final Cut (V.O.) | E Poi c'è Katherine | L'uomo che volle vivere 120 anni | Vivere | Carmen y Lola (V.O.) | Non sposate le mie figlie 2 | Le verità | Tolkien | Bohemian Rhapsody (V.O.) | Serenity - L'isola dell'inganno | Rambo: Last Blood | Le verità (V.O.) | Ti Porto Io | Manta Ray | La prima vacanza non si scorda mai | Yesterday | A spasso col panda | Gloria Bell | Le verità (2017) | Aquile randagie | Weathering With You | Il Re Leone (NO 3D) | L'amour flou - Come separarsi e restare amici | Solo cose belle | Shaun, Vita da Pecora - Farmageddon Il Film | C'era una volta...a Hollywood | Grandi bugie tra amici | Dora e la città perduta | Gemini Man (V.O.) | L'ospite | Green book | I migliori anni della nostra vita (V.O.) | Tuttapposto | La vita in un attimo | Bentornato Presidente! | Non succede, ma se succede... (V.O.) | Thanks! | It - Capitolo due | La fattoria dei nostri sogni | Appena un minuto | Psicomagia - Un'arte per guarire | Jackie Brown | I fratelli Sisters | Santiago, Italia | Il Bambino è il Maestro - Il Metodo Montessori | La vita invisibile di Eurídice Gusmão | Ad Astra (V.O.) | Pepe Mujica, una vita suprema | Tutta un'altra vita | Lou Von Salomé | Arrivederci Professore | Gemini Man |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Un Giorno di Pioggia a New York (2019), un film di Woody Allen con Timothée Chalamet, Elle Fanning, Selena Gomez.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: