HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

La fuga di Martha











E' la storia di Marta finita non si sa come in una sorta di comunità religiosa (ma di religioso vi è poco o niente) nella profonda campagna americana e del suo ritorno nella "civiltà", dalla sua famiglia costituita dalla sorella Lucy e il cognato Ted. Una vicenda, purtroppo molto consueta questa, soprattutto in America, di adolescenti che vengono accolti in comunità che ne plagiano la personalità e la volontà. Spesso si tratta di ragazzi con vicende familiari e personali costellate da gravi mancanze e lacune e con vissuti di droga o alcolismo.

Il percorso inizia con l'accoglienza in queste comunità che inizialmente si presentano come luoghi di serenità e tranquillità, dove ognuno può esprimere liberamente la propria personalità e dove i vincoli con il passato, e le sue bruttezze da cui si fugge, le sue restrizioni inaccettabili possono essere finalmente per sempre recisi. Percorso, che l'esordiente regista americano Sean Durkin descrive egregiamente centellinando con frequenti flashback la vita di Marta prima e dopo la sua "fuga". E', pero, un percorso straniante il suo. Inizia con una scena notturna con Marta che lascia la comunità e prosegue con una telefonata che accentua il nostro senso di straniamento e inizia a colmare la misura della tensione che studiatamente viene incrementata con inesorabile lentezza. Vediamo Marta "iniziata" ai singolari usi della comunità nella quale la cortesia e la gentilezza dei suoi ospiti iniziano a mutarsi in sospetta autorità. Il disagio di Marta è palpabile come concreta e tragicamente presente è anche la difficoltà di farsi accettare dalla famiglia alla quale ha fatto ritorno. E tra questi due sentimenti opposti e convergenti domina la paura inconscia ma costante di essere ritrovata dai membri della comunità.

L'opera prima di Durkin, presentata nella sezione "Un Certain Regard" a Cannes 2011, ha nella sceneggiatura il suo punto forte. Come detto, l'alternanza delle sequenze girate nella comunità e nella famiglia di Marta, che ci svelano a poco poco le due realtà, è di pregevole fattura e favoriscono il registro thriller, quasi horror, del film. I passaggi temporali quasi impercettibili acuiscono questa sensazione e il risultato finale è la sensazione di ansia che ci accompagna fino alle ultime scene. Tecnicamente il film risulta però a tratti lento e una fotografia stemperata, quasi amorfa, non stimola particolarmente l’attenzione. Protagonista del film è Elizabeth Olsen, la cui fisicità il regista riprende negandone le grazie ed accentuando le asperità di un personaggio contrassegnato per la sua gravità e tristezza.

La frase:
"Non si ha bisogno di una carriera, si può anche solo esistere".

a cura di Daniele Sesti

Scrivi la tua recensione!



FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Psicomagia - Un'arte per guarire | Antropocene - L'epoca umana | Tolkien | Cold war | Dolor y Gloria | Bohemian Rhapsody (V.O.) | L'ospite | Yesterday | Brave ragazze | Io, Leonardo | E Poi c'è Katherine | Rambo: Last Blood | Serenity - L'isola dell'inganno | Attacco al potere 3 - Angel Has Fallen | Gemini Man (NO 3D) | Jackie Brown | Il professore e il pazzo | Il grande spirito | Footballization | Lou Von Salomé | I migliori anni della nostra vita | Apocalypse Now | Drive me Home | Mio fratello rincorre i dinosauri | Fast & Furious - Hobbs & Shaw | La fattoria dei nostri sogni | Rosa | Manta Ray (V.O.) | Mademoiselle | L'uomo che volle vivere 120 anni | Bentornato Presidente! | Io prima di te | Vivere | Gloria Bell | Green book | Santiago, Italia | Il traditore | Ad Astra | 5 è il numero perfetto | Non succede, ma se succede... | Aquile randagie | Joker (V.O.) | Gemini Man (V.O.) | Carmen y Lola (V.O.) | I migliori anni della nostra vita (V.O.) | Be happy - La mindfulness a scuola | Il Sindaco del Rione Sanità | Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre | Burning - L'Amore Brucia | Il Re Leone (NO 3D) | La donna elettrica | Ad Astra (V.O.) | Hole - L'Abisso | Non sposate le mie figlie 2 | Angry Birds - Il Film (NO 3D) | Joker | It - Capitolo due | Solo cose belle | Le verità (V.O.) | L'amour flou - Come separarsi e restare amici | Il Piccolo Yeti | Non succede, ma se succede... (V.O.) | Grandi bugie tra amici | La vita in un attimo | Manta Ray | Shaun, Vita da Pecora - Farmageddon Il Film | Non si può morire ballando | Nelle tue mani | Appena un minuto | Momenti di trascurabile felicità | Effetto Domino | Il testimone invisibile | C'era una volta...a Hollywood (V.O.) | Pepe Mujica, una vita suprema | Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (NO 3D) | C'era una volta...a Hollywood | Stanlio e Ollio | Apocalypse Now - Final Cut (V.O.) | Thanks! | La vita invisibile di Eurídice Gusmão | Il Bambino è il Maestro - Il Metodo Montessori | Arrivederci Professore | Cyrano mon amour | La Scomparsa di mia Madre | Frankenstein di Mary Shelley | Gemini Man | Apocalypse Now - Final Cut | Ti Porto Io | Martin Eden | La mafia non è più quella di una volta | I fratelli Sisters | La mafia uccide solo d'estate | La prima vacanza non si scorda mai | A spasso col panda | Le verità | Le Grand Bal | Dora e la città perduta | Weathering With You | Tuttapposto | Tesnota | Tutta un'altra vita | Le verità (2017) |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Charlie's Angels (2019), un film di Elizabeth Banks con Elizabeth Banks, ,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: