Leonardo.it

FilmUP.com > Recensioni > Mister Universo
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Mister Universo

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Rosanna Donato09 marzo 2017Voto: 6.5
 

  • Foto dal film Mister Universo
  • Foto dal film Mister Universo
  • Foto dal film Mister Universo
  • Foto dal film Mister Universo
  • Foto dal film Mister Universo
  • Foto dal film Mister Universo
Talvolta siamo così legati ad un portafortuna da non poterne farne a meno e quando lo perdiamo, ci sentiamo incompleti, come se una piccola parte di noi fosse scomparsa per sempre e questo ci porta a fare di tutto per ritrovarlo o comunque ottenerlo di nuovo.
Questo è quanto avviene nella pellicola “Mister Universo” di Tizza Covi e Rainer Frimmel. Tairo Caroli a vent’anni è diventato un domatore di leoni come suo padre. Il piccolo circo in cui lavora (da quando era bambino) attraversa una crisi profonda: roulotte cadenti, pochi spettatori, artisti spesso malconci, animali vecchi e stanchi. Anche il giovane Tairo è in un brutto momento: uno dei suoi leoni è morto, la leonessa è ormai anziana, le tigri svogliate; come se non bastasse, perde l’oggetto cui teneva di più, il suo portafortuna: una sbarra di ferro piegata a mani nude davanti a lui, allora bambino. Quell’uomo si chiama Arthur Robin, Mr. Universo nel 1957 e primo uomo di colore a vincere tale titolo. Tairo inizierà a cercarlo in giro per l’Italia, spinto anche dalla superstizione dell’amica contorsionista Wendy, che dopo una seduta con la sua cartomante di fiducia si convince che l’amuleto vada ritrovato o sostituito al più presto; un viaggio che lo porterà a ritrovare amici e parenti, come la madre e il fratello che non vede da quattro anni. Quando finalmente raggiungerà Arthur Robin, troverà un uomo che dopo anni di palcoscenico e fatica si gode in pace l’amore della moglie, indebolito dal tempo ma non nello spirito. Un uomo che non può più compiere lo sforzo di piegare il ferro ma che ha tanto da insegnare.

Mister Universo può essere definito una sorta di docufilm che, attraverso il viaggio di Tairo Caroli, racconta il mondo di un uomo la cui vita è fatta di affetti, di gioie e di problemi, toccando ogni singolo aspetto di essa: dal modo di approcciarsi al lavoro al modo di relazionarsi con parenti e amici.
Ciò che colpisce del progetto sono i dialoghi semplici e diretti e l’uso di un linguaggio tipico della gioventù odierna, che poco si cura di apparire volgare agli occhi dei più e non disdegna qualche parolaccia di troppo. Un linguaggio rozzo che però ci permette di capire lo stato d’animo del protagonista in quel dato momento, nonostante Tairo sia stato poco espressivo nell’interpretazione.
Questo ci consente di capire anche quanto sia importante il modo di esprimersi all’interno di una pellicola. Punto di forza del film è la naturalezza con cui prendono vita determinate dinamiche familiari.
Per quanto riguarda la regia, non convince particolarmente in quanto lo spettatore si trova di fronte a inquadrature semplici, poco elaborate. Nonostante ciò sono adatte al genere documentaristico, dove l’importante è mostrare un dato fatto, senza bisogno di ‘spettacolarizzare’ gli eventi che si susseguono.

Un particolare che potrebbe affascinare il pubblico è una fotografia fatta di tonalità calde e fredde che si manifestano a seconda della scena trattata e con una certa logica.
Non convince invece il passaggio da una scena all’altra e da un argomento all’altro in quanto troppo repentino a volte. Talvolta, inoltre, non è così immediato capire chi sia il personaggio con cui Tairo Caroli si sta confrontando in quel momento e questo, in più occasioni, deriva dal fatto che vi è un’assoluta mancanza di approfondimento delle figure coinvolte. Sono elementi da non sottovalutare, ma possiamo dire che dal punto di vista documentaristico il progetto è ben riuscito, anche per merito di una colonna sonora originale e del tema di fondo: la ricerca di sé stessi.
C’è anche da dire che non è possibile criticare in tutto e per tutto l’interpretazione delle persone perché il loro ruolo è semplicemente quello di essere se stessi.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Mister Universo | La Tenerezza | Auguri per la tua morte | Assassinio sull'Orient Express (V.O.) | L'età imperfetta | Ritorno in Borgogna | Patti Cake$ | Il figlio sospeso | L'inganno | Il domani tra di noi | 120 battiti al minuto | A Ciambra | The Wicked Gift | La signora dello zoo di Varsavia | Smetto quando voglio | The Square | L'ora legale | Daddy's Home | Loving Vincent | Sami Blood | Suburbicon | Fuori c'è un mondo | L'uomo di neve (V.O.) | Smetto quando voglio - Masterclass | Justice League (NO 3D) | Elvis & Nixon | The Place | Amori che non sanno stare al mondo | L'incredibile vita di Norman | La ragazza nella nebbia | Suburbicon (V.O.) | Loveless | Justice League | Geostorm (NO 3D) | Blade Runner 2049 (V.O.) | Happy End | Moonlight | Gifted - Il dono del talento | The Void - Il vuoto | Egon Schiele: Death and the Maiden | Snowden | Daddy's Home 2 | Walk with Me | Mistero a Crooked House | Raffaello - Il Principe Delle Arti (NO 3D) | Caccia al tesoro | Nut Job 2: Tutto molto divertente | Smetto quando voglio - Ad Honorem | The Square (2013) | Gomorra 3 - La serie | La battaglia dei sessi | Cattivissimo me 3 (NO 3D) | Vasco Modena Park - Il film | Una questione privata | Ammore e malavita | Capitan Mutanda: Il film (NO 3D) | Paddington 2 | Addio Fottuti Musi Verdi | Alibi.com | Anime nere | Riccardo va all'inferno | Vittoria e Abdul | My Name Is Emily | Tiro libero | The Big Sick - Il matrimonio si può evitare, l'amore no (V.O.) | Detroit | Borg McEnroe | Zombi | Orgoglio e pregiudizio | Good Time (V.O.) | L'Insulto | Barriere (V.O.) | Barbiana '65 | American Assassin | Il senso della bellezza | Blow-up | Sole, cuore, amore | Il Premio | L'Insulto (V.O.) | La forma della voce | The Dinner | Lasciati Andare | Valerian e La città dei Mille Pianeti (NO 3D) | Glory - Non c'è tempo per gli onesti | La casa di famiglia | Nico, 1988 | Due sotto il burqa | L'equilibrio | Una doppia verità | Zona d'ombra - Una scomoda verità | Kong: Skull Island (NO 3D) | L'intrusa | Ascensore per il patibolo | Finche' nozze non ci separino | Noi Siamo Tutto | Appuntamento al parco | Il palazzo del Viceré | Malarazza | Veleno | Blade Runner 2049 (NO 3D) | Uninvited - Marcelo Burlon | La botta grossa | Rosso Istanbul | Assassinio sull'Orient Express | Gli eroi del Natale | La febbre del sabato sera | Mr. Ove | My Little Pony: Il Film | Seven Sisters | La febbre del sabato sera (V.O.) | La storia dell'amore | Una famiglia | Gatta Cenerentola | Gli sdraiati | Gli insospettabili | Paterson | Il GGG - Il Grande Gigante Gentile (NO 3D) | Nut Job - Operazione Noccioline (NO 3D) | Manifesto (V.O.) | It | L'altra metà della storia | Sangue - La morte non esiste | Lego Ninjago Il Film (NO 3D) | Paddington 2 (V.O.) | Flatliners - Linea mortale | 50 Primavere | L'ordine delle cose | Il Gruffalò & Gruffalò e la sua Piccolina | Thor: Ragnarok (NO 3D) | Finché c'è prosecco c'è speranza | Bad Moms 2 - Mamme molto più cattive | Free Fire | Il mio Godard | Michelangelo - Amore e Morte | Terapia di coppia per amanti | In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi | La vendetta di un uomo tranquillo | The Big Sick - Il matrimonio si può evitare, l'amore no |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Cieli rossi, Bassano in guerra (2015), un film di Giorgia Lorenzato, Manuel Zarpellon con  , ,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2016 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: