FilmUP.com > Recensioni > Non ci resta che vincere
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Non ci resta che vincere

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Leonardo Mezzelani10 dicembre 2018Voto: 4.0
 

  • Foto dal film Non ci resta che vincere
  • Foto dal film Non ci resta che vincere
  • Foto dal film Non ci resta che vincere
  • Foto dal film Non ci resta che vincere
  • Foto dal film Non ci resta che vincere
  • Foto dal film Non ci resta che vincere
Marco è l’allenatore in seconda di un’importante squadra di pallacanestro della Liga spagnola. È seduto in panchina, irrequieto. Il suo sguardo va verso gli spalti alla ricerca di qualcuno che sembra non esserci. La partita sta andando male, un diverbio con il primo allenatore si conclude violentemente ed è cacciato dal campo. Come se non bastasse questo lo porterà a bere qualche bicchiere di troppo al bar. Così, dopo aver tamponato la volante della polizia si ritrova senza patente, senza lavoro (sì, è stato anche licenziato) e costretto a 90 giorni di lavori socialmente utili. Il luogo dove dovrà scontare la pena è un centro per ragazzi con disabilità mentali. Il suo compito? Allenare la squadra di pallacanestro per portarla a competere al campionato nazionale. Per un uomo cinico e burbero come lui, che deve affrontare una situazione sentimentale difficile (stava aspettando la sua lei quando rivolgeva lo sguardo verso la tribuna?) risulterà essere un compito tutt’altro che facile. Marco sarà così costretto a mettersi in discussione, nel cercare di insegnare le basi della pallacanestro ai “suoi ragazzi” dovrà necessariamente scoprire un lato di sé che probabilmente, per troppo tempo, ha voluto tenere nascosto.

Queste, brevemente, sono le premesse dalle quali parte “Non ci resta che vincere” di Javier Fesser. Nulla che, ad una prima lettura, non possa sembra una storia trita e ritrita, l’ultimo esempio che viene in mente è il nostrano “Tiro Libero” di Alessandro Valori che parte da un incipit molto simile. Le storie di redenzioni sportive fanno da sempre breccia nel cuore del grande pubblico, chi non si è emozionato nel guardare Rocky trasformarsi da teppistello sovrappeso a campione di pugilato sotto la sapiente guida di Mickey Goldmill? Oppure, per citare qualcosa di meno conosciuto, non ha provato gusto nel vedere il crollo e il mea culpa del Brian Clough de “Il Maledetto United”? Il terreno toccato da “Non ci resta che vincere” è, dunque, di quelli più battuti, e per questo più pericolosi.
Per riuscire a non far puzzare la storia di stantio è necessario aggiungere qualche elemento innovativo, ed ecco l’idea: gli emarginati del film sono dei ragazzi disabili, interpretati da attori con disabilità. Insomma, dalla padella alla brace.

Seppur quest’idea può anche essere interessante, con il passare dei minuti e il proseguire della storia non si riesce a trovare nulla di accattivante, nulla che invogli lo spettatore a chiedersi come andrà a concludersi il tutto. La mancanza del “dramma ad ogni costo” è apprezzabile, si vuole solo raccontare un percorso quotidiano senza caricarlo di alcuna drammaticità. Tutto è piatto, tutto sa di già visto.
Parlare di disabilità è molto difficile, bisogna sapersi muovere tra delicatezza e sfrontatezza tenendo un equilibrio perfetto. Ci avevano provato nel 2008 Giulio Manfredonia e Paolo Bonifacci nello scrivere il loro “Si può fare”, con risultati abbastanza soddisfacenti. L’unica cosa che vorrebbe (potrebbe?) dare una sterzata in “Non ci resta che vincere” è l’utilizzo di attori con disabilità, ma non si va oltre il periodo ipotetico. Questa scelta risulta essere nulla più che un espediente pubblicitario (tra l’altro, anche questo già visto nel nostro paese). Anche l’eccessiva durata del film (120’ abbondanti) non trova alcuna giustificazione, quando non si ha nulla di nuovo da dire conviene, almeno, giocare sulla sintesi.

Vale la pena guardare il nuovo film di Javier Fesser? Se volete passare un paio di ore in leggerezza, sì. Se volete guardare un bel film che tratti di sport o disabilità, rivolgete la vostra attenzione altrove.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Moschettieri del Re - La penultima missione | 7 uomini a mollo | Senza lasciare traccia | Cold war | In guerra | Spider-Man: Un Nuovo Universo (NO 3D) | Suburbicon | Amici come prima | La Befana vien di notte | City of Lies - L'ora della verità | La donna elettrica (V.O.) | Tutti lo sanno | Le livre d'image | Gli Invisibili | Troppa grazia | La signora dello zoo di Varsavia | Un sacchetto di biglie | Conversazioni Atomiche | La diseducazione di Cameron Post | Storie del dormiveglia | The Greatest Showman | First Man - Il primo uomo | The Wife - Vivere nell'ombra | Opera senza autore | Il ritorno di Mary Poppins | Aquaman | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità (V.O.) | 1945 | Lontano da qui | Suburra | La douleur | La douleur (V.O.) | Tonya | Moon | Non ci indurre in tentazione | Il mistero della casa del tempo | Mr. Long | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | Roma | Suspiria | Chesil Beach - Il segreto di una notte | Tre volti | La donna dello scrittore | 1938 - Diversi | Ralph Spacca Internet | Nelle tue mani | La profezia dell'armadillo | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità | La prima pietra | Mary Shelley - Un amore immortale | Vice - L'uomo nell'ombra (V.O.) | Widows - Eredità criminale | Voglio mangiare il tuo pancreas | Bohemian Rhapsody - Sing along | Il gioco delle coppie (V.O.) | Montparnasse femminile singolare | Bohemian Rhapsody (V.O.) | Compromessi sposi | Un piccolo favore | Ralph Spacca Internet (NO 3D) | Don't Worry | Il gioco delle coppie | Bumblebee (NO 3D) | Glass | Via col Vento | Glass (V.O.) | Digitalife | Robin Hood - L'origine della leggenda | Ben Is Back | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (NO 3D) | The Space Between | Non ci resta che vincere | Il vizio della speranza | Ti presento Sofia | Old Man & the Gun | Vice - L'uomo nell'ombra | Colette (V.O.) | Cold war (V.O.) | Alpha - Un'amicizia forte come la vita (NO 3D) | Benvenuti a Marwen | Un Affare di Famiglia | Il mio Capolavoro | Dove bisogna stare | Colette | Capri-Revolution | Euforia | Mia e il Leone Bianco | Se son rose | Creed II | Separati ma non troppo | Non ci resta che piangere | Wonder (V.O.) | M.i.a. - La cattiva ragazza della musica | L'agenzia dei bugiardi | Ricomincio da me | Non ci resta che il crimine | La Strega Rossella e Bastoncino | Wonder | L'uomo per bene - Le lettere segrete di Heinrich Himmler | Il complicato mondo di Nathalie | Maria, Regina di Scozia (V.O.) | Attenti al gorilla | Santiago, Italia | La favorita | La melodie | Gli Incredibili 2 (NO 3D) | Royal opera House: La traviata | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | Bohemian Rhapsody | Il maestro di violino | Ride | Roma (V.O.) | Alla ricerca di Van Gogh | Old Man & the Gun (V.O.) | Il testimone invisibile | Ovunque proteggimi | Il gusto dell'anguria | Suspiria (1977) | A German Life | Gli uccelli | Il Grinch (NO 3D) | Mathera - L'Ascolto dei Sassi | Michelangelo - Infinito | Suspiria (V.O.) | Disobedience | BlacKkKlansman | La donna elettrica | Una notte di 12 anni | Una storia senza nome | La promessa dell'alba (V.O.) | The Children Act - Il verdetto | I Villani | Aquaman (NO 3D) | Maria, Regina di Scozia |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Compromessi sposi (2019), un film di Francesco Miccichè con Vincenzo Salemme, Diego Abatantuono, Dino Abbrescia.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: