FilmUP.com > Opinioni > Il Cartaio
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


Il Cartaio

Opinioni presenti: 364
Media Voto: Media Voto: 4 (4/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



Non il miglior Argento, ma un thriller godibile

(7/10) Voto 7di 10

Per chi ha conosciuto l'Argento "prima maniera", "Il cartaio" non sarà certo paragonabile a "Profondo Rosso" e "Suspiria". Si tratta però, se si tralasciano vari errori di sceneggiatura (scritta dal regista con Ferrini), presenti in molte opere di Argento, "Il cartaio" resta un bel thriller a ritmo serrato, appassionante fino all'ultimo minuto e discretamente interpretato dalla brava Stefania Rocca. Insolito il ruolo di Silvio Muccino, finalmente distaccato dal tipico "adolescente insicuro" dei film del fratello Gabriele, buone le musiche composte dall'ex Goblin Claudio Simonetti.



Giulio, 99 anni, Agrigento (BO).




Basta!

(1/10) Voto 1di 10

Ma questo è un film?!...Vogliamo smetterla una buona volta di definire Dario Argento il "mago dell'horror"? La sua magia si è persa un sacco di anni fa!



Sandokan, 59 anni, Lecco (LC).




Pokerista frustrato

(7/10) Voto 7di 10

Il film nel suo genere funziona benissimo per 3/4 della sua durata. Il finale è però prolisso, troppi dialoghi con il serial-killer ormai smascherato e più che mai in forma per uccidere. Il film fa venire in mente le gelosie e le rabbie che nascono nei posti di lavoro dove si è a contatto con superiori autoritari e donne un po’ fuori dal loro ruolo domestico. Dopo anni di permanenza e magari con qualche supposta ingiustizia nelle procedure di carriera in questi posti non possono non sorgere spesso fantasie negative caratterizzate dall'ostilità verso qualche collega. Dario Argento si cala perciò in una realtà credibile e il film potrebbe essere visto come una metafora forte di ciò che quotidianamente anima l'inconscio di un lavoratore delle istituzioni pubbliche frustrato. La vendetta e il piacere omicida in questo film vengono visti come risultato psichico di una malattia presente in alcune istituzioni pubbliche quando esse non si pongono la questione di come favorire al proprio interno rapporti di dialogo veri e di umanità. Buona l'idea del poker telematico perché crea un rapporto con il serial killer più articolato e visivo, pur mantenendo aperti molti enigmi sulla sua identità, enigmi necessari allo svolgimento piacevole del racconto. A differenza dei vecchi film di Argento dove i dettagli che dovevano ipotizzare delle piste di ricerca erano sporadici e poco significanti lasciando delle pause nelle attese degli spettatori, questa opera non annoia sia per la ricchezza significante della via telematica del gioco del poker che per una sceneggiatura che osa esprimersi di più sui contrasti ambigui dei personaggi.



Biagio, 56 anni, Savona (SV).




dario argento non tradisce

(8/10) Voto 8di 10

Anche se non del livello dei primi , ma erano anche altri tempi, il film si fa apprezzare per la storia abbastanza esclusiva e per la scelta di attori molto "normali". Le scene più appassionanti non sono eccessivamente violente e quindi visibili a tutti. Il linguaggio non è volgare, la fotografia non fa ricorso ad effetti speciali inverosimili e la ripresa delle scene viste con l'occhio dell'assassino, seppur molto semplici, danno un buon ritmo alla storia. Nella assuluta mediocrità dei film di questo Natale 2003, una pellicola da vedere per gli appassionati del genere e non.



Angelo, 55 anni, Bologna (BO).




Dall'Horror all'orrore (prima parte)

(1/10) Voto 1di 10

“Il Cartaio” è come un bottiglione di vino di pessima qualità: non solo è cattivo e si fatica a berlo tutto; il peggio è che il primo sorso ci dice come sarà il resto del bicchiere e dello stesso bottiglione. Il comportamento rispetto a una tale evenienza è semplice: se si è educati, non si sputa il primo sorso, però ci si rifiuta di bere il resto; oppure, per educazione o magnanimità, si beve il bicchiere e poi ci si astiene. Non sarei andato oltre il decimo minuto di film, se non mi fosse balenata l’idea di scrivere questa recensione; quindi mi sono anche divertito, se mi si passa l’esagerazione. Accantonato l’horror, Argento ci riprova col thriller, e si premura di farci sapere che per mettere a punto l’idea di questo film ci ha messo addirittura un paio d’anni. Probabile che durante questo tempo le sue occupazioni principali siano state di altro genere, visto l’esito; o chissà, forse questo è proprio il meglio che il regista sa dare oggi. Nei thriller c’è sempre un colpo di scena dietro l’angolo: qui non solo sappiamo già qual è l’angolo, ma anche quale sarà il colpo di scena. Non ve li svelerò, visto che li indovinerete tutti. Ma il film dà il suo massimo nelle voci: se un merito ha “Il Cartaio” è quello di aver fatto il possibile e anche di più per accompagnare le immagini con dialoghi in bilico tra l’insulso e il prevedibile, con frequenti scivoloni nel patetico, raggiungendo l’apoteosi grazie al doppiaggio più scadente che mi sia capitato di ascoltare. E si tratta proprio un doppiaggio, ad opera degli stessi attori, che sul set avevano recitato in inglese. La qualità è così scarsa da affogare nel ridicolo. Tutti i B movies americani che tradizionalmente Rai 2 trasmette al sabato sera hanno doppiaggi molto ma molto più dignitosi. L’Oscar per il più grottesco va a Fiore Argento (ascoltare per credere), che il sadico Cartaio purtroppo lascia libera perché venga a tormentare noi con il racconto sulla sua prigionia. Ma una nomination non va negata a nessuno dei sedicenti attori, espressivi come copertoni, specialmente la misteriosa ragazza che attira in una trappola mortale Silvio Muccino (gli sta bene, così impara a fare l’attore). Dopo 20 minuti e 11 secondi – prego controllare - l’unica prova convincente è una serie di colpi di tosse, ben modulati e verosimili. E non scherzo.



Maurizio, 54 anni, Finale Emilia (MO).





Sfoglia indietro   pagina 1 di 73   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Motherless Brooklyn - I Segreti di una Città (V.O.) | Citizen Rosi | Le ragazze di Wall Street - Business Is Business (V.O.) | Light of My Life (V.O.) | Io, Leonardo | Terminator: Destino Oscuro | Pupazzi alla Riscossa - UglyDolls | Le verità | Deep - Un'avventura in fondo al mare | Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre | Parasite | Quanto basta | I demoni di San Pietroburgo | Light of My Life | Psicomagia - Un'arte per guarire | La Famosa Invasione degli Orsi in Sicilia | Le Mans '66 - La grande sfida | Il segreto della miniera | Zombieland - Doppio Colpo | Jesus Rolls - Quintana è tornato | Una canzone per mio padre | I fratelli Sisters | Le ragazze di Wall Street - Business Is Business | Storia di un Matrimonio | L'uomo del labirinto | Joker | Sono Solo Fantasmi | Aspromonte - La terra degli ultimi | The Rider - il sogno di un cowboy | Cetto c'è senzadubbiamente | L'ospite | Mio fratello rincorre i dinosauri | Ploi | The Irishman | Doctor Sleep | Countdown | Gli uomini d'oro | C'era una volta...a Hollywood | L'ufficiale e la spia | Il campione | Downton Abbey | L'età giovane | Parasite (V.O.) | La Scomparsa di mia Madre | Miserere | The Irishman (V.O.) | Ailo - Un'avventura tra i ghiacci | Il giorno più bello del mondo | La vita invisibile di Eurídice Gusmão | 5 è il numero perfetto | La famiglia Addams (NO 3D) | Joker (V.O.) | Aquile randagie | Sole | Cafarnao - Caos e miracoli | Yuli - Danza e libertà (V.O.) | C'era una volta...a Hollywood (V.O.) | L'età giovane (V.O.) | Yesterday | Wall-E | Finchè morte non ci separi | Il Piccolo Yeti | Tesnota | Downton Abbey (V.O.) | La Belle Époque | Tutti i ricordi di Claire | Depeche Mode: Spirits In The Forest | I Figli del Fiume Giallo | Tutto il mio folle amore | Maleficent - Signora del Male (NO 3D) | Storia di un Matrimonio (V.O.) | Grazie a Dio | Una giusta causa | L'ufficiale e la spia (V.O.) | Martin Eden | Green book | Miserere (V.O.) | Motherless Brooklyn - I Segreti di una Città | La donna che visse due volte | Attraverso i miei occhi | Come se non ci fosse un domani | La Belle Époque (V.O.) | Il mio profilo migliore |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Un Giorno di Pioggia a New York (2019), un film di Woody Allen con Timothée Chalamet, Elle Fanning, Selena Gomez.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: