FilmUP.com > Opinioni > Mi piace lavorare - Mobbing
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


Mi piace lavorare - Mobbing

Opinioni presenti: 30
Media Voto: Media Voto: 7 (7/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



Mobbing:l'esasperazione nel reale

(7/10) Voto 7di 10

(Continua)...Si susseguono le chiamate, lo spostamento successivo di Anna ad un altro incarico estremamente umiliante ed evidentemente privo di utilità: la giustificazione dei fogli da fotocopiare. La voce esile, barcollante, che combatte senza convinzione con la brutalità di un passante, lo sguardo inquieto verso il fondo del corridoio e dritto di fronte a sè rendono Anna malata, instabile fisicamente eppure sempre più lucida. Inizialmente non le interessano i palesi soprusi dell'azienda. La sua constatazione più allarmata è rivolta al dolore annichilente dell'inoperosità forzata, alla riduzione del suo tempo, della sua persona al nulla riempito da ordini perentori eppure indiretti, inspiegabili. L'attività lavorativa è trasposta nell'assurda inconsistenza di una pantomima grigiastra, connaturata con spiazzante e nauseante normalità alle pratiche, alle relazioni professionali. Mentre la spossatezza della donna sovrasta la sua fermezza interiore la bambina inasprisce il suo malcontento, la sua insoddisfazione per non poter capire e aiutare la madre. La ragazzina rinuncia ai suoi impegni, si aggira tra la scuola, il supermercato, gli amici, la musica e il colore pacificatorio del suo quartiere, Piazza Vittorio a Roma: gallerie piene di sbocchi , opposte e complementari a quelle che anna è invece costretta a percorrere. Nel rapporto madre-figlia ricompare un germe di quell'emotività, soffocata dall'esterno, di quel calore che lo spettatore ricerca nella pellicola impassibile e fedele a sè stessa. Intanto la donna, dopo l'ennesimo incarico provocatorio, che la pone a diretto contatto con un gruppo di operai agguerriti e ostili, che è costretta a controllare per "ottimizzare i tempi di lavoro", cade in una febbre continua, un languore possente posto come parete di fronte all'impossibilità di trovare una soluzione. Di fronte alla lettera di dimissione presentatagli da un clone ripulito dell'altro dirigente, la donna fugge indignata. E contatta un'associazione che, all'inizio della sua parabola discendente aveva tenuto un incontro nell'azienda proprio per esplicare i problemi del mobbing, della volontà spesso immotivata razionalmente di "eliminare" un dipendente in modo trasversale, ponendolo di fronte a una costante degradazione del proprio operato, della propria personalità, della propria persona fisica, e spingendolo al licenziamento o all'autoesclusione. Capiamo da poche battute che Anna intenta una causa, e riesce a vincerla. Resta la curiosità, insoddisfatta dal film, di sapere come questa causa sia stata orchestrata, sofferta, superata. E resta la consapevolezza, per molti fastidiosa, esasperante all'uscita dalla sala(e quindi difficile da ammettere), di un'assoluta verità e capillarità del problema...(continua)



Psicodecomposta, 99 anni, Roma (RM).




Mobbing- l'esasperazione nel reale

(7/10) Voto 7di 10

La Comencini sviluppa il suo film-documentario a partire dagli spunti, dalle immagini, dalle sonorità mutuate da un nuovo vocabolo entrato con prepotente inevitabilità nel nostro dizionario: mobbing, dall'inglese To Mob,assalire.Lo fa attraverso una storia che stupisce per la sua evidenza, la vicenda fortemente personalizzata eppure diffusa, visibile, di una donna sola, con una bambina decenne, che subisce gradualmente, al lavoro, un processo di discriminazione e reclusione. Un'azienda privata, una come tante, nè peggiore, nè migliore. Anna, che vive nelle fattezze sommesse e stralunate di Nicoletta Braschi, forse l'unica attrice professionista del film, svolge un incarico aderente alle sue competenze: passa ore ed ore alla sua scrivania, ad archiviare pratiche, ad occuparsi di vendite nell'ufficio disordinato. Stremata, torna ogni giorno a casa da sua figlia, una bambina precocemente responsabilizzata, aggraziata nei modi ma dotata di uno spirito di osservazione profondo e quasi crudele. Morgana si accorge presto, forse anche prima di sua madre stessa, che qualcosa sta cambiando. La regista ci accompagna attraverso le passeggiate nei corridoi monocromo, enormi, oppure obliqui, schiaccianti indizi di una sorta di thrilling in ambiente professionale. I volti dei colleghi, scuriti, sorridenti, sfocati verso il fondo straniscono Anna, che invece è una macchia biancastra e fluttuante, persa nei suoi fogli, nella sua serietà incurante delle allusioni delle colleghe fintamente ingenue. Anna, da un giorno all'altro, viene convocata dal suo dirigente per l'assegnazione di compiti insensati, mai svolti prima. L'uomo ha un aspetto deformato dalla frontalità delle inquadrature, dagli occhi inizialmente stupiti della dipendente, dall'accento violentemente burocratico delle sue parole. Una pratica importante è stata sottratta alla lavoratrice, e, come il "capo" dice, non è stato un caso. Anna verrà spostata alla ricerca in archivio, privata dell'ufficio caotico e già poco luminoso, privata dello strumento necessario al suo lavoro, il computer. Nelle panoramiche parziali l'ambiente aziendale è esplorato sotto una luce straniante, i colleghi sembrano ostacoli accerchianti, bocche e sguardi dissociati che emettono parole neganti, a doppio fondo. La recitazione di coprotagonisti e comparse, oltre che della stessa Braschi, esprime perfettamente il reale documentato: l'assenza generalizzata di patetismi, di incrinature nel pensiero, di partecipazione dominano il clima dell'edificio, che appare ancora più inabissato e serrato nella propria piccolezza...(continua)



Psicodecomposta, 99 anni, roma (RM).




Angoscia

(10/10) Voto 10di 10

Nicoletta Braschi si conferma una artista brava ed estremamente espressiva. L'argomento mi coinvolge poiche'sto'vivendo una situazione analoga.



Onnis maria beatrice, 60 anni, Arbus (CA).




un pugno nello stomaco

(10/10) Voto 10di 10

Brava la Comencini, magistrale l'interpretazione della Braschi. Un film documento molto al di sopra di ciò che si vede in giro e con costi molto maggiori. Dovrebbe essere trasmesso in TV al posto di tanti polpettoni che rimbambiscono le menti e raccontano il paese dei balocchi.



Gianna, 54 anni, Campagnola (RE).




bello ma irreale

(8/10) Voto 8di 10

Il film è molto bello. nicoletta braschi è, come al solito, espressiva. una sola critica: è un film irreale dtao che ho vissuto un'analoga esperienza di mobbing e nulla di quanto visto nel film si concretizza, soprattutto da parte del sindacato la cgil, nella quale ero iscritto da decenni e che se ne è completamente fregata di auiutarmi, anzi...ha aiutato il padrone !!!



Beppino, 50 anni, Verona (VR).





Sfoglia indietro   pagina 1 di 6   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Blinded by the Light - Travolto dalla musica (V.O.) | Il grande spirito | Maria, Regina di Scozia | Tolkien (V.O.) | Rosa | I migliori anni della nostra vita (V.O.) | Ma cosa ci dice il cervello | Joker (V.O.) | Gemini Man (V.O.) | C'era una volta...a Hollywood | Ad Astra | Le verità | Cyrano mon amour | La Scomparsa di mia Madre | Il Bambino è il Maestro - Il Metodo Montessori | Thanks! | Jackie Brown | L'uomo che volle vivere 120 anni | Pokémon: Detective Pikachu (NO 3D) | Tuttapposto | Hole - L'Abisso | Weathering With You | Appena un minuto | Joker | It - Capitolo due | Tolkien | Grandi bugie tra amici | C'era una volta...a Hollywood (V.O.) | Il Sindaco del Rione Sanità | Gemini Man | Le verità (V.O.) | Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre | E Poi c'è Katherine | Van Gogh e il Giappone | Non succede, ma se succede... (V.O.) | Serenity - L'isola dell'inganno | Lou Von Salomé | A spasso col panda | Tutta un'altra vita | Martin Eden | Vivere | Juliet, Naked - Tutta un'altra musica | Antropocene - L'epoca umana | Le verità (2017) | Pepe Mujica, una vita suprema | Apocalypse Now - Final Cut (V.O.) | Il Piccolo Yeti | Mio fratello rincorre i dinosauri | La fattoria dei nostri sogni | Io, Leonardo | La vita invisibile di Eurídice Gusmão | Aquile randagie | Gemini Man (NO 3D) | Drive me Home | Il Re Leone (NO 3D) | Sulla mia pelle | Burning - L'Amore Brucia | Il traditore | Apocalypse Now - Final Cut | Finchè morte non ci separi | Boy Erased - Vite cancellate | Rambo: Last Blood | Yesterday | Non succede, ma se succede... | Attacco al potere 3 - Angel Has Fallen | Fast & Furious - Hobbs & Shaw | Dolor y Gloria | Il Pianeta In Mare | Bentornato Presidente! | Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (NO 3D) | Shaun, Vita da Pecora - Farmageddon Il Film | Brave ragazze | Ad Astra (V.O.) | Oro verde - C'era una volta in Colombia | Mademoiselle | Manta Ray | Psicomagia - Un'arte per guarire | Wonder | Il Segreto di una Famiglia | Dora e la città perduta | I migliori anni della nostra vita | Manta Ray (V.O.) |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Maleficent - Signora del Male (2019), un film di Joachim Rønning con Angelina Jolie, Elle Fanning, Michelle Pfeiffer.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: