FilmUP.com > Opinioni > Zorro (Telefilm)
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


Zorro (Telefilm)

Opinioni presenti: 8
Media Voto: Media Voto: 10 (10/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



Zorro e non c'e bisogno di aggiungere altro

(10/10) Voto 10di 10

Io ho seguito con passione il telefilm interpretato dal mitico guy williams e allo stesso modo o seguito quello interpretato dal bravissimo duncan regehr e devo dire che tutte e due sono stati all'altezza di interpretare il personaggio di zorro che secondo me ha lasciato e sempre lasciera' il suo segno nei nostri cuori.



Davide, 14 anni, Focene (RM).




guy williams il miglior zorro

(10/10) Voto 10di 10

ne hanno fatto di film e telefilm su zorro ma questa vecchia serie è insuperabile,impossibile dimenticare guy williams il protagonista ovvero zorro,il sergente garcya,il muto bei ricordi per quelli della vecchia generazione ma vedo on piacere che anche ai giovani di oggi è piaciuto.



Luigi the kc, 47 anni, Ischia (NA).




mitico e duraturo(?)

(8/10) Voto 8di 10

giusta l' osservazione "ad ogni generezione una prorpria versione di zorro". qui è chiara la figura esterna, meno quella di difensore dei deboli. gli attori mi piacciono: grande Mendoza il pancione!



Luca, 13 anni, Milano.




A ogni generazione il suo “Zorro”

(10/10) Voto 10di 10

Quando si parla di Zorro, ad una persona che ha superato gli “anta” torna istintivamente alla memoria la mitica serie tv prodotta nel 1957 dalla Disney, interpretata dalla buon’anima di Guy Williams (vero nome: Armando Catalano) a da Henry Calvin nel ruolo del grasso sergente Garcia. Invece i più giovani, come me, prima che la suddetta serie venisse riproposta colorizzata elettronicamente, hanno avuto modo d’appassionarsi ad un altro telefilm dedicato allo spadaccino mascherato, cioè quello prodotto tra il 1990 e il ’92 da Family Channel e dalla New World. In questa serie Don Diego De la Vega (Duncan Regher) torna dalla Spagna a Los Angeles, all’hacienda del padre Don Alejadro (Henry Darrow, che in gioventù lavorò nel telefilm western “Ai Confini dell’Arizona”), per combattere il perfido Alcalde, cioè il governatore militare, Luis Ramon (Michael Tylo, marito di Hunter Tylo, la Taylor di “Beautiful”). Le differenze rispetto alla serie del ’57 è che il sergente pasticcione si chiama Mendoza (James Victor), il servo muto non è il vecchio Bernardo, ma il giovane Felipe (Juan Diego Botto), e Zorro ha una ragazza fissa, la locandiera Victoria Escalante (Patrice Camhi). Il budget è evidentemente più contenuto rispetto ai telefilm di oggi, ma la ricostruzione storica è perfetta e dettagliata (dai costumi alle scenografie) e le location sono fotografate con taglio realistico, (senza luci dorate o tramonti infuocati che fanno tanto depliant turistico). Inoltre gli autori hanno saputo tenere alto il nome del grande eroe e, al tempo stesso, attualizzarlo. Regher non sarà lo Zorro più bello che si sia mai visto, ma è sicuramente il più ironico e umano, e il suo Don Diego non è più il bellimbusto di un tempo, ma un giovanotto colto che usa le sue conoscenze nella lotta non solo contro chi amministra male la giustizia, ma anche contro problemi che sono quelli di oggi: razzismo, intolleranza, siccità eccetera. Insomma un telefilm per tutte le fasce di pubblico, come ormai non si riesce più a farne, (forse per la sciocca paura di creare prodotti troppo ingenui, chissà...), che rende giustizia all’eroe più della recente baracconata Hollywoodiana, con Banderas a metà strada tra esplosioni alla “Die Hard” e acrobazie alla Jackie Chan.



Giovanni, 24 anni, Palazzolo Sull'Oglio (BS).




A ogni generazione il suo “Zorro”

(10/10) Voto 10di 10

Quando si parla di Zorro, ad una persona che ha superato gli “anta” torna istintivamente alla memoria la mitica serie tv prodotta nel 1957 dalla Disney, interpretata dalla buon’anima di Guy Williams (vero nome: Armando Catalano) a da Henry Calvin nel ruolo del grasso sergente Garcia. Invece i più giovani, come me, prima che la suddetta serie venisse riproposta colorizzata elettronicamente, hanno avuto modo d’appassionarsi ad un altro telefilm dedicato allo spadaccino mascherato, cioè quello prodotto tra il 1990 e il ’92 da Family Channel e dalla New World. In questa serie Don Diego De la Vega (Duncan Regher) torna dalla Spagna a Los Angeles, all’hacienda del padre Don Alejadro (Henry Darrow, che in gioventù lavorò nel telefilm western “Ai Confini dell’Arizona”), per combattere il perfido Alcalde, cioè il governatore militare, Luis Ramon (Michael Tylo, marito di Hunter Tylo, la Taylor di “Beautiful”). Le differenze rispetto alla serie del ’57 è che il sergente pasticcione si chiama Mendoza (James Victor), il servo muto non è il vecchio Bernardo, ma il giovane Felipe (Juan Diego Botto), e Zorro ha una ragazza fissa, la locandiera Victoria Escalante (Patrice Camhi). Il budget è evidentemente più contenuto rispetto ai telefilm di oggi, ma la ricostruzione storica è perfetta e dettagliata (dai costumi alle scenografie) e le location sono fotografate con taglio realistico, (senza luci dorate o tramonti infuocati che fanno tanto depliant turistico). Inoltre gli autori hanno saputo tenere alto il nome del grande eroe e, al tempo stesso, attualizzarlo. Regher non sarà lo Zorro più bello che si sia mai visto, ma è sicuramente il più ironico e umano, e il suo Don Diego non è più il bellimbusto di un tempo, ma un giovanotto colto che usa le sue conoscenze nella lotta non solo contro chi amministra male la giustizia, ma anche contro problemi che sono quelli di oggi: razzismo, intolleranza, siccità eccetera. Insomma un telefilm per tutte le fasce di pubblico, come ormai non si riesce più a farne, (forse per la sciocca paura di creare prodotti troppo ingenui, chissà...), che rende giustizia all’eroe più della recente baracconata Hollywoodiana, con Banderas a metà strada tra esplosioni alla “Die Hard” e acrobazie alla Jackie Chan.



Giovanni, 24 anni, Palazzolo Sull'Oglio (BS).





Sfoglia indietro   pagina 1 di 2   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Tutta un'altra vita | Il Corpo della Sposa - Flesh Out | Le ragazze di Wall Street - Business Is Business (V.O.) | Downton Abbey (V.O.) | The Irishman | Il Bambino è il Maestro - Il Metodo Montessori | Joker (V.O.) | Jackie | Parasite | Psicomagia - Un'arte per guarire | Fulci for fake | Edison - L'uomo che Illuminò il Mondo | La Belle Époque (V.O.) | Il traditore | Tutto il mio folle amore | Vivere | Van Gogh e il Giappone | Rocketman | L'età giovane | L'amour flou - Come separarsi e restare amici | Footballization | Scary Stories to Tell in the Dark | Quel giorno d'estate | Il giorno più bello del mondo | La Scomparsa di mia Madre | Domani è un altro giorno | Io, Leonardo | Benvenuti a Zombieland | Gemini Man (NO 3D) | Burning - L'Amore Brucia | Una canzone per mio padre | Midway | Miserere (V.O.) | La famiglia Addams | L'unione falla forse | Brave ragazze | Maleficent - Signora del Male | The Irishman (V.O.) | Nureyev | Le invisibili | Yuli - Danza e libertà | Le verità | Il segreto della miniera | Yesterday | Maleficent (NO 3D) | Il Segreto di una Famiglia | La Belle Époque | L'ospite | La Famosa Invasione degli Orsi in Sicilia | Vicino all'Orizzonte | #AnneFrank. Vite parallele | Manta Ray | E Poi c'è Katherine | Una giusta causa | La felicità è un sistema complesso | Il Piccolo Yeti | Il campione | Aquile randagie | Downton Abbey | Sole | Attraverso i miei occhi | At the Matinée | Cafarnao - Caos e miracoli | One Piece Stampede - Il Film | Taxi driver | Il mio profilo migliore | Tesnota | Grandi bugie tra amici | C'era una volta...a Hollywood (V.O.) | Motherless Brooklyn - I Segreti di una Città (V.O.) | The Informer - Tre secondi per sopravvivere | La famiglia Addams (NO 3D) | Mio fratello rincorre i dinosauri | Martin Eden | BlacKkKlansman | Joker | Doctor Sleep (V.O.) | L'uomo del labirinto | Il Sindaco del Rione Sanità | A Beautiful Day | Cenerentola | Parasite (V.O.) | Zombieland - Doppio Colpo | Doctor Sleep | Gli ultimi butteri | Weathering With You | Mademoiselle | Pepe Mujica, una vita suprema | La promessa dell'alba | Tuttapposto | Sarah & Saleem - Là dove nulla è possibile | Un giorno all'improvviso | Miserere | Motherless Brooklyn - I Segreti di una Città | Sir - Cenerentola a Mumbai | Maleficent - Signora del Male (NO 3D) | Gli uomini d'oro | Apocalypse Now - Final Cut | Quello che i social non dicono - The Cleaners | Il Signor Diavolo | American Animals | Good bye Lenin! | Grazie a Dio | Antropocene - L'epoca umana | Apocalypse Now - Final Cut (V.O.) | Visages villages | Non succede, ma se succede... | Le ragazze di Wall Street - Business Is Business | Deep - Un'avventura in fondo al mare | C'era una volta...a Hollywood | Terminator: Destino Oscuro | Roma | Arrivederci Professore | Tutti i nostri desideri | Brooklyn | Mateo | I migliori anni della nostra vita | La vita invisibile di Eurídice Gusmão | Finchè morte non ci separi | Blinded by the Light - Travolto dalla musica |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Playmobil The Movie (2019), un film di Lino DiSalvo con Anya Taylor-Joy, Daniel Radcliffe, Adam Lambert.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: