FilmUP.com > Opinioni > Flags of our fathers
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


Flags of our fathers

Opinioni presenti: 54
Media Voto: Media Voto: 7.5 (7.5/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



film bellissimo

(9/10) Voto 9di 10

bellissimo, emozionante, commovente, un grandissimo clint...come sempre del resto, lascia stupiti.



Angela, 59 anni, Napoli.




niente di diverso dal gia' visto....

(3/10) Voto 3di 10

Troppo somigliante a Salvate il soldato Ryan, la storia della foto e dei protagonsisti che vanno in tournee loro malgrado, alla fine stanca..... Corpi straziati, proiettili e granate, reclame di guerra falsa ma di buone intenzioni e stop, dentro il film non c'e' nulla.....



Alberto, 49 anni, Milnao (MI).




Quali eroi?

(9/10) Voto 9di 10

L´ultimo bel film di Eastwood, incentrato sul fronte di guerra del pacifico nell´ultimo anno della 2a guerra mondiale e sulle conseguenti reazioni politiche ed emotive negli Stati Uniti, verte in definitiva su questa domanda: Chi sono gli eroi? O meglio, di più: esistono davvero gli "eroi", ha senso parlarne in contesti sicuramente così confusi e tragici come sono (tutte!) le guerre? E, riguardo a questa questione non semplice (che non può non richiamare, anche lontanamente, guerre attuali, specialmente agli occhi di uno spettatore americano) riesce egregiamente a portare consistenti elementi a favore dell´ipotesi che in tali immani macelli - in cui tutto sembra un immenso gioco macabro o una rappresentazione moderna del "trionfo della morte", raffigurato con scene visivamente straordinarie - la sola `idea´ di poter considerare qualunque soldato "eroe", fra coloro che hanno visto o partecipato (in qualche modo collaborandovi) a tale "macchina" che maciulla in pezzi i nemici o che fa sì che vengano maciullati i tuoi compagni, risulta semplicemente priva di senso. E questo è reso in modo eccellente nel film, che trasferisce la chiarezza di questo ribrezzo anche nello spettatore. Questa chiarezza non vale, invece, per tutto un establishment politico ed economico statunitense, cui l´idea dell´"eroe" era necessaria, per poter continuare la guerra, per sperare di poter lenire il dolore delle madri e, in qualche modo, anche per tenere ben saldo il potere: e fa di tutto per portarla avanti, anche mistificando la verità senza alcun scrupolo... Ma l´unico sentimento "alto" che si addice alla guerra è la pietà per i morti e la compassione per i vivi che ti stanno accanto: quel che ti spinge a combattere, dice Clint, più che "l´ideale" o "la patria" è la paura/amore di salvare la tua pelle e quella dell'amico accanto a te. Va detto che Eastwood non pone e non vuole porre la domanda più grande circa la "necessità" delle guerre: ma sembra dire, di fronte a tanto strazio, che almeno non si abbia la sfrontatezza immorale di parlare di eroi. Unica pecca: un po´ troppo lungo e `didascalico´ il finale



Jan, 48 anni, Palermo (PA).




Eroi a stelle e a strisce? No, grazie.

(8/10) Voto 8di 10

C’è un gioco che gli uomini continuano a fare da millenni: la guerra. Attraverso le immagini suggestivamente scolorite dello scontro tra americani e giapponesi nel Pacifico, Clint Eastwood sembra dirci che chi fa questo gioco perde sempre. Anche i vincitori. E infatti non vogliono essere promossi a eroi neppure coloro che hanno piantato la bandiera americana sul monte dell’isola giapponese di Iwo Jima: i tre soldati immortalati da un fortuito scatto cinematografico, rivelatosi di enorme impatto mediatico. Rimpatriati anche se la guerra non è ancora finita, i tre sono costretti a parodiare sino allo sfinimento psicologico la posa della bandiera, per commuovere gli americani e convincerli a continuare a finanziare lo sforzo bellico. Con un sottofondo musicale eccellente, il film mescola sapientemente le atrocità della guerra e le smargiassate della sua esaltazione retorica in patria: il fragore delle bombe si confonde con il rumore dei fuochi d’artificio dell'imminente vittoria, le luci della festa si sovrappongono ai bagliori dei razzi esplosivi. Ma ci vuole una coscienza anestetizzata o asservita al successo e al potere per potere sopportare il costo del gioco e della sua assurda replicazione scenica: il soldato indiano non ce la fa a sopportarlo. “Maledetta quella terra che ha bisogno di eroi”, affermava Brecht. E il regista è d’accordo: se nel gioco della guerra ci sono degli eroi è solo per amore e pietà verso i compagni, come l’umile soldato/infermiere che tenta disperatamente e con infinita compassione di lenire le sofferenze e lo strazio dei soldati.



Marida, 48 anni, Palermo.




orgoglio marine

(7/10) Voto 7di 10

Non c'è niente da fare, per gli americani il corpo dei marines è sacro ed intoccabile e questo bel film di guerra (ma non troppo "di guerra") ne è l'ennesima dimostrazione.I protagonisti diventano loro malgrado degli eroi solo perchè si sono trovati nel posto giusto al momento giusto (cioè fotografati mentre issano una bandiera stelle e strisce su una collinetta e la foto in questione è poi diventata forse la più famosa immagine di tutta la seconda guerra mondiale. Tutto qui)I tre marines in questione non accettano questa banalizzazione del loro ruolo,non accettano di essere eroi solo per aver appeso un panno colorato mentre molti dei loro commilitoni sono morti,questo creerà in loro non pochi conflitti e c'è di che capirli.Utilizzati come vere e proprie "attrazioni", viaggiano per gli States come parodie di se stessi, circondati da impresari e politicanti mentre si arrampicano su collinette di cartongesso intenti a ripetere la farsa dell'alza bandiera.Il personaggio più bello e più tragico è quello di Ira Hayes, l'indiano Pima che morirà alcolizzato e abbandonato da tutti (c'è una bella ballata di Johnny Cash che ne racconta la storia)ma anche per gli altri due, finita la festa,resterà soltanto l'oblio e il disinteresse generale.Chi pensa di vedere un film sulla battaglia di Jiwo Jima con ammazzamenti a profusione di giapponesi invasati e cose affini, si sbglia di grosso.Questa è la storia di tre uomini vittime della retorica della storia.



Claudio, 46 anni, Novafeltria (PS).





Sfoglia indietro   pagina 1 di 11   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
C'era una volta...a Hollywood (V.O.) | Pets 2: Vita da animali (NO 3D) | Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre | Gemini Man | Dragon Ball Super: Broly - Il Film | Spider-Man: Far From Home (NO 3D) | Jesus Rolls - Quintana è tornato | Assassinio sull'Orient Express | Aspettando la Bardot | E Poi c'è Katherine | Rocketman (V.O.) | La vita invisibile di Eurídice Gusmão | Yuli - Danza e libertà | Le verità | Mademoiselle | Il mio profilo migliore | Il Piccolo Yeti | Mio fratello rincorre i dinosauri | Lou Von Salomé | Il Re Leone (NO 3D) | Le verità (2017) | Searching Eva | Dora e la città perduta | Se mi vuoi bene | Grazie a Dio | Antropocene - L'epoca umana | Maleficent - Signora del Male (NO 3D) | Oro verde - C'era una volta in Colombia | Shaun, Vita da Pecora - Il Film | Pepe Mujica, una vita suprema | Angry Birds - Il Film | Manta Ray | Manta Ray (V.O.) | Yesterday | Maleficent (NO 3D) | Toy Story 4 (NO 3D) | Martin Eden | La mafia non è più quella di una volta | Le verità (V.O.) | Apocalypse Now - Final Cut | The Informer - Tre secondi per sopravvivere | Vivere | Apocalypse Now - Final Cut (V.O.) | Hole - L'Abisso | Grazie a Dio (V.O.) | Maleficent - Signora del Male (V.O.) | Io, Leonardo | The Kill Team | C'era una volta...a Hollywood | Yuli - Danza e libertà (V.O.) | Jackie Brown | Non succede, ma se succede... | Ora e sempre riprendiamoci la vita | Ad Astra | Joker | Shaun, Vita da Pecora - Farmageddon Il Film | Appena un minuto | Aquile randagie | Effetto Domino | Rambo: Last Blood | A spasso col panda | Aladdin (NO 3D) | Il Bambino è il Maestro - Il Metodo Montessori | Brave ragazze | Il traditore | Gemini Man (NO 3D) | Jesus Rolls - Quintana è tornato (V.O.) | Gordon & Paddy | 5 è il numero perfetto | La Scomparsa di mia Madre | L'ospite | Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (NO 3D) | Tutta un'altra vita | Grandi bugie tra amici | Pokémon: Detective Pikachu (NO 3D) | L'alfabeto di Peter Greenaway | Joker (V.O.) | Tom à la ferme (V.O.) | Tuttapposto | Be happy - La mindfulness a scuola | Yesterday (V.O.) | Gemini Man (V.O.) | Psicomagia - Un'arte per guarire | It - Capitolo due | Il Sindaco del Rione Sanità | Burning - L'Amore Brucia | I migliori anni della nostra vita | Maleficent - Signora del Male |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Just Charlie - Diventa chi sei (2017), un film di Rebekah Fortune con Harry Gilby, Karen Bryson, Scot Williams.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: