FilmUP.com > Opinioni > Accattone
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


Accattone

Opinioni presenti: 6
Media Voto: Media Voto: 9 (9/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



Accattone per sempre

(10/10) Voto 10di 10

Un opera fortemente reale, sembra quasi di poter toccare annusare gli ambienti italiani del dopo-guerra, come un viaggio nel passato; Pasolini al suo primo ingresso nel mondo del cinema, uno dei pochi che capirono che il cinema non è solo spettacolo ma è un Linguaggio nuovo e potente che può raggiungere chiunque nel mondo.



Piero, 24 anni, Bologna (BO).




La storia infinita

(10/10) Voto 10di 10

Lo vedo e lo rivedo questo bianco e nero di Pasolini e ogni volta ho la sensazione di vederlo per la prima volta.Quello che colpisce,oltre l'assenza di colore, è l'assenza di calore umano,attivo,necessario per vivere.I personaggi vanno incontro a un destino inevitabile di morte,autodistruzione insito nella natura stessa della vita;il "doppio"di sè che distrugge ,per una indeterminata legge della natura,l'altro sè crogiolandosi nella sofferenza quotidiana dell'accattone che è dentro noi tutti e che puntualmente ,trattenuto a fatica, viene a galla imponendoci la parola fine di quella vita trascinata a fatica verso una miglioria che non esiste.Grande allegoria quindi ,con la musica della colonna sonora che mischia il sacro con il profano,la vita con la morte la speranza con la delusione quotidiana. Si tratta di poesia pura,non meditata,vissuta in modo crudele cosi come crudele a volte lo è la vita di tutti i giorni,senza un appiglio,una giustificazione plausibile del nostro operare,con una violenza che vorrebbe esorcizzare l'effimera caducità della vita ma che ci conduce verso il baratro:mò sì che stò bene!Pasolini aveva capito tutto della vita e di sè e non a caso lui rappresenta in toto l'Accattone ,sconfitto e distrutto da sè stesso e dai suoi istinti capaci di neutralizzare qualsiasi sentimento d'amore puro.



Fernando, 59 anni, Roma (RM).




Mo' sto bene!

(10/10) Voto 10di 10

Opera prima di un genio incompreso, omaggio profondo al cinema neorealista o ritratto impietoso della Roma periferica anni'60,"Accattone" è di sicuro il passo iniziale verso quella "rappresentazione della realtà per mezzo della realtà" tanto predicata dal "maestro" Pasolini. Considerato da molti(anche da me!) la vera gemma della filmografia del "poeta dal nome uno e trino" ,il film coinvolge fin dalle prime inquadrature ,interamente dedicate al protagonista(e al suo volto "da sconfitto" in partenza)e alla capitale(con la sua borgata, le sue catapecchie, i suoi disoccupati seduti al "baretto" in attesa di un miracolo improvviso),per il suo crudo realismo e quell'atmosfera pesante che sembra pressare per l'intera durata del film Vittorio" Accattone" e chi gli gravita intorno. Titoli di testa a parte(quelli rimarranno quasi sempre "neri su sfondo bianco"),il film risulta, dunque , in apparenza molto diverso rispetto ai "gioiellini" che il poeta-scrittore-regista bolognese ci offrirà nei quattordici anni successivi...in realtà sia a livello tecnico che contenutistico le regole della "nuova lingua" di Pasolini sono già tutte qui : i protagonisti della vicenda sono ( e saranno...a parte poche eccezioni("Salò"/"Teorema"))individui del popolo, con i loro problemi, le loro disgrazie ,le improvvise furbizie, i tentativi di sbarcare in lunario ogni giorno ;il destino è quel che è...e si può far poco per cambiarlo ;il primo piano va utilizzato spesso perchè esprime il pensiero del personaggio, la sua personalità; il doppiaggio è asincrono perchè il cinema "non" può e non deve essere naturalistico ;la frammentarietà e l'attenzione ai particolari si contrappone (per lo stesso motivo sopra descritto)alla ripresa in continuità .Insomma il cinema rappresenta la realtà ma non è la realtà...sembra dirci tra le righe questo primo capolavoro pasoliniano , così come Franco Citti non è un vero attore e Adriana Asti una vera prostituta(malgrado lo schermo e la macchina da presa sembrano dirci l'esatto contrario!)."Neorealismo si" o" Neorealismo no", quello che rimane alla fine del film è uno sconvolgimento emotivo totale, un senso di impotenza verso il destino che ci sovrasta, l'immagine di un uomo distrutto che trova nella morte la risoluzione di tutti i suoi problemi e nella parola "fine" il sollievo(se pur triste)di chi se ne è reso partecipe. "Mo' sto bene" alla fine, l'ho detto anch'io.



Barbara, 20 anni, Bologna.




Una curiosità sul film

(9/10) Voto 9di 10

E' vero Accattone rimane il film più rude e duro della produzione pasoliniana. Pochi sanno però che Pasolini al suo esordio alla regia non aveva nemmeno le basi per dirigere un film. Difatti dopo le prime due settimane di girato il produttore vide i risultati e se ne andò. Le immagini non potevano essere montate e nulla aveva un senso. Pasolini distrutto per l'accaduto vaga per le strade dicendo che si vuole buttare nel fiume. Ed è qui che fa la conoscenza di Alfredo Bini che arriva in suo soccorso accostandolo al migliore direttore della fotografia, al migliore aiuto regista..insomma a gente ottima che gli consentono di portare a termine il film. Anche questo è uno dei motivi del perchè il film è rude e crudo non solo a livello narrativo e di contenuti. Non c'è poi da discutere sulla grandezza di questo film, si potrebbero fare degli studi sopra, anche una tesi di laurea.



Amleto, 30 anni, Milano.




Accattone

(10/10) Voto 10di 10

Il film più bello, più riuscito del grande Pier Paolo Pasolini. Un film neorealista in cui la particolare semplicità lo rende unico. Come in Mamma Roma, Pasolini lo ambienta nella povera Roma del dopo guerra e ancora una volta colpisce nel segno. Ma Accattone ha qualcosa in più. Non saprei cosa ma è speciale. E' ingiusto comunque fare paragoni tra questi due capolavori in quanto si corre il rischio di sottovalutarne uno. Una stella sopra a tutti e a tutto, un capolavoro del cinema italiano, IL capolavoro del più grande artista dell'Italia del '900.



Alessio, 20 anni, roma.





Sfoglia indietro   pagina 1 di 2   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Attenti al gorilla | The Breadwinner | Robin Hood - L'origine della leggenda | Zanna Bianca (NO 3D) | Morto Stalin se ne fa un altro | Moschettieri del Re - La penultima missione | Vice - L'uomo nell'ombra (V.O.) | La douleur | Cold war (V.O.) | Suspiria (V.O.) | Il mistero della casa del tempo | Aquaman (NO 3D) | I primitivi | Non ci resta che il crimine | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità | Il Grinch (NO 3D) | Benvenuti a Marwen | Roma | Se son rose | Ralph Spacca Internet | Tre volti | Baffo & Biscotto - Missione Spaziale | Maria, Regina di Scozia (V.O.) | First Man - Il primo uomo | Un giorno all'improvviso | Nelle tue mani | Santiago, Italia | Un piccolo favore | Summer | La Befana vien di notte | Ben Is Back | Otzi e il mistero del tempo | Lazzaro Felice | Vice - L'uomo nell'ombra | Alpha - Un'amicizia forte come la vita (NO 3D) | Bumblebee (NO 3D) | Ti presento Sofia | La donna elettrica | Spider-Man: Un Nuovo Universo (NO 3D) | Una notte di 12 anni (V.O.) | Lontano da qui | Maria, Regina di Scozia | Sogno di una notte di mezza età | La donna elettrica (V.O.) | Suspiria | Tonya | Old Man & the Gun (V.O.) | Il gioco delle coppie | Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa (NO 3D) | La douleur (V.O.) | Il mio Capolavoro | Il gioco delle coppie (V.O.) | La diseducazione di Cameron Post | Il ritorno di Mary Poppins (V.O.) | Lo schiaccianoci e i quattro regni (NO 3D) | City of Lies - L'ora della verità | Non ci resta che vincere | M.i.a. - La cattiva ragazza della musica | Alla ricerca di Vivian Maier | 1938 - Quando scoprimmo di non essere più italiani | La prima pietra | 7 uomini a mollo | L'uomo che uccise Don Chisciotte | Bohemian Rhapsody | L'agenzia dei bugiardi | Spider-Man: Un Nuovo Universo | Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità (V.O.) | Glass (V.O.) | Mountain | Ricomincio da me | Roma (V.O.) | Gli uccelli | La Strega Rossella e Bastoncino | Troppa grazia | Dragon Trainer | Glass | Il gusto dell'anguria | Cold war | Le Ninfee di Monet - Un Incantesimo di Acqua e Luce | Una notte di 12 anni | La donna senza testa | Ovunque proteggimi | Shark - Il primo squalo (NO 3D) | Amici come prima | Il ritorno di Mary Poppins | Old Man & the Gun | Mia e il Leone Bianco | Suspiria (1977) | Ralph Spacca Internet (NO 3D) | Ralph Spacca Internet (V.O.) | La dolce vita | Mamma mia! Ci risiamo | Non ci resta che piangere | Il testimone invisibile | Menocchio | Bohemian Rhapsody (V.O.) | Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (NO 3D) | Gli Incredibili 2 (NO 3D) | Capri-Revolution | Dove bisogna stare | Sex Cowboys | Aquaman |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Mowgli - Il Figlio della Giungla (2019), un film di Andy Serkis con Rohan Chand, Matthew Rhys,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2018 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: