FilmUP.com > Opinioni > Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità

Opinioni presenti: 2
Media Voto: Media Voto: 7 (7/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



Van Gogh, attraverso gli occhi dell'artista

(7/10) Voto 7di 10

Con il film Van Gogh, Schnabel non vuole mettere in scena una pellicola basata sulla biografia di un pittore, ormai molto divinizzato ed estremamente amato, ma desidera esaltare la grandezza della visione poetica che ciascun artista conserva dentro di sé. E Schnabel stesso, regista e pittore, lo può ben comprendere e trasmettere al suo pubblico. Van Gogh viene raccontato in uno dei suoi periodi più tormentati e bui, in un momento di ricerca estrema della luce. Ed è proprio negli attimi più oscuri che l'artista emerge. Quando Vincent arriva in Provenza trova l'inverno, un freddo intenso e un campo di girasoli appassiti. Ben presto, tuttavia, il tempo muta e l'artista scopre la natura e la luce: passeggia nei campi, si appisola all'aperto e dipinge. Dipinge veloce, in modo tormentato, lasciando strati di pittura scalfiti sulla tela. Dipinge la luce anche nella sua piccola stanza, che esplode di giallo e vivacità. La sua pittura deve essere stesa in maniera immediata, prima che il colpo di genio sparisca. Dai dialoghi con il prete, alla fine, ma prima ancora con Gauguin, amante del vermiglio, emerge il pensiero di Van Gogh, la sua visione della natura e la fedeltà ai maestri, come il povero Monet che per Gauguin è ormai superato ma non per Vincent, che liquida l'amico con un "a me piace Monet". Invece, il contrasto con il gruppo di bambini in gita o con gli abitanti paese di Arles segnalano le insicurezze del grande artista, il suo bisogno di essere accettato dalla società, la sua scarsa autostima e la necessità di avere vicini gli affetti, esplicitata dal rapporto morboso con il fratello Theo e con l'amico Paul, che ben presto fugge dal quel paese velenoso che è Arles. Nonostante le sue numerose incertezze e la sua povertà di talenti, Vincent Van Gogh ha un'unica certezza: è nato pittore e morirà tale. La sua arte è indubbia e l'artista ne è ben consapevole, eppure comprende di non essere apprezzato. Nella pellicola, tuttavia, si evidenzia l'idea che in futuro potrà essere capito ("forse Dio mi fa dipingere per quelli che nasceranno"). Questo sguardo di artista viene espresso dal regista attraverso vari espedienti: la telecamera spesso insegue il protagonista, non è ferma o fissa, oppure talvolta, verso la fine del film, nell'inquadratura pare quasi di ritrovarsi nell'occhio dell'artista, che sembra vedere solo per metà e per l'altra metà pare avere la vista offuscata da una lacrima. Benché questi accorgimenti possano apparire talvolta fastidiosi al pubblico, l'intento di Schnabel è chiaro: mostrare il mondo attraverso gli occhi di Van Gogh non soltanto a livello contenutistico, ma anche a livello fisico. E allora Schnabel, in questa sua creazione alternata da profondi silenzi, piacevoli sottofondi musicali e dialoghi che fanno pensare, forse ha commesso una pazzia. Ma si sa: se l'artista è folle colpisce, e Schnabel lo ha fatto, perché come dice il suo Van Gogh: "molti dicono che sono pazzo, ma la follia è una benedizione per l'artista".



Gloria Mora, 26 anni, Milano (Mi).




Van Gogh, attraverso gli occhi dell'artista

(7/10) Voto 7di 10

Con il film Van Gogh, Schnabel non vuole mettere in scena una pellicola basata sulla biografia di un pittore, ormai molto divinizzato ed estremamente amato, ma desidera esaltare la grandezza della visione poetica che ciascun artista conserva dentro di sé. E Schnabel stesso, regista e pittore, lo può ben comprendere e trasmettere al suo pubblico. Van Gogh viene raccontato in uno dei suoi periodi più tormentati e bui, in un momento di ricerca estrema della luce. Ed è proprio negli attimi più oscuri che l'artista emerge. Quando Vincent arriva in Provenza trova l'inverno, un freddo intenso e un campo di girasoli appassiti. Ben presto, tuttavia, il tempo muta e l'artista scopre la natura e la luce: passeggia nei campi, si appisola all'aperto e dipinge. Dipinge veloce, in modo tormentato, lasciando strati di pittura scalfiti sulla tela. Dipinge la luce anche nella sua piccola stanza, che esplode di giallo e vivacità. La sua pittura deve essere stesa in maniera immediata, prima che il colpo di genio sparisca. Dai dialoghi con il prete, alla fine, ma prima ancora con Gauguin, amante del vermiglio, emerge il pensiero di Van Gogh, la sua visione della natura e la fedeltà ai maestri, come il povero Monet che per Gauguin è ormai superato ma non per Vincent, che liquida l'amico con un "a me piace Monet". Invece, il contrasto con il gruppo di bambini in gita o con gli abitanti paese di Arles segnalano le insicurezze del grande artista, il suo bisogno di essere accettato dalla società, la sua scarsa autostima e la necessità di avere vicini gli affetti, esplicitata dal rapporto morboso con il fratello Theo e con l'amico Paul, che ben presto fugge da quel paese velenoso che è Arles. Nonostante le sue numerose incertezze e la sua povertà di talenti, Vincent Van Gogh ha un'unica certezza: è nato pittore e morirà tale. La sua arte è indubbia e l'artista ne è ben consapevole, eppure comprende di non essere apprezzato. Nella pellicola, tuttavia, si evidenzia l'idea che in futuro potrà essere capito ("forse Dio mi fa dipingere per quelli che nasceranno"). Questo sguardo di artista viene espresso dal regista attraverso vari espedienti: la telecamera spesso insegue il protagonista, non è ferma o fissa ma è traballante o, a volte, tramite l'inquadratura, pare quasi di ritrovarsi proprio nell'occhio dell'artista, il quale sembra vedere solo per metà e, per l'altra metà, pare avere la vista offuscata da una lacrima. Benché questi accorgimenti possano apparire talvolta fastidiosi al pubblico, l'intento di Schnabel è chiaro: mostrare il mondo attraverso gli occhi di Van Gogh non soltanto a livello contenutistico, ma anche a livello fisico. E allora Schnabel, in questa sua creazione alternata da profondi silenzi, piacevoli sottofondi musicali e dialoghi che fanno pensare, forse ha commesso una pazzia. Ma si sa: se l'artista è folle colpisce, e Schnabel lo ha fatto, perché come dice il suo Van Gogh: "molti dicono che sono pazzo, ma la follia è una benedizione per l'artista".



Gloria Mora, 26 anni, Milano (Mi).





Sfoglia indietro   pagina 1 di 1   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Diamantino - Il calciatore più forte del mondo | Il Corriere - The Mule | Il Re Leone (V.O.) | Peterloo (V.O.) | Quasi nemici - L'importante è avere ragione | La Donna scimmia | Rapina a Stoccolma | 1960 | Toy Story 4 (NO 3D) | Due amici | La signora della porta accanto | Aladdin (NO 3D) | Una famiglia al tappeto | Domino | Selfie | Il primo re | Old Man & the Gun | Tutti Pazzi a Tel Aviv (V.O.) | Wolf Call - Minaccia in alto mare | Dolcissime | La donna dello scrittore | Birba - Micio combinaguai | The Nest - Il nido | Cafarnao - Caos e miracoli | BlacKkKlansman | The deep | Spider-Man: Far From Home (NO 3D) | La profezia dell'armadillo | L'ospite | Charlie says | La rivincita delle sfigate | Pop Black Posta | Santiago, Italia | Il mio Capolavoro | Serenity - L'isola dell'inganno | Ma cosa ci dice il cervello | Edison - L'uomo che Illuminò il Mondo | The Quake - Il terremoto del secolo | X-Men: Dark Phoenix (NO 3D) | La tartaruga rossa | Bohemian Rhapsody | Once | L'uomo fedele | Una giusta causa | Ralph Spacca Internet (NO 3D) | La donna elettrica | Nureyev - The White Crow | Tutti Pazzi a Tel Aviv | L'uomo che comprò la luna | A Star Is Born | Men in Black: International (NO 3D) | Tesnota | Fast & Furious - Hobbs & Shaw | Arrivederci Professore | Hotel Artemis | Pets 2: Vita da animali (NO 3D) | Green book | Roma | Men in Black: International | Toy Story 4 | Avengers: Endgame (NO 3D) | Il mangiatore di pietre | Genitori quasi perfetti | Scappo a casa | Kin | Pallottole in libertà | Goldstone - Dove i mondi si scontrano | Dolor y Gloria | First Man - Il primo uomo | Annabelle 3 | L'amour flou - Come separarsi e restare amici | Cold war | Un Affare di Famiglia | Isabelle - L'ultima evocazione | Seguimi | Peterloo | Crawl - Intrappolati | Il professore e il pazzo | Tutti lo sanno | La mia vita con John F. Donovan | Il Re Leone (NO 3D) | Tutte le mie notti | Sangue nella bocca | A spasso con Willy | Submergence | Il Signor Diavolo | Bangla | Copia originale | Il Re Leone | Il traditore | Sofia | Se la strada potesse parlare | Nevermind | Il ritratto negato | Men in Black: International (V.O.) | Solo cose belle | Sir - Cenerentola a Mumbai | I fratelli Sisters | I morti non muoiono | La prima vacanza non si scorda mai |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Sonic il Film (2019), un film di Jeff Fowler con Ben Schwartz, ,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2019 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: